LE DONNE A CRETA

CRETA DELLE DONNE 

Nella Creta minoica, anche se esistevano urbanizzazione e stratificazione sociale, la bellicosità era assente, e la condizione della donna nel corso del tempo non ha subito peggioramenti. Al contrario, la ridistribuzione dei ruoli che accompagna un cambiamento tecnologico sembra abbia rafforzato, e non indebolito, la posizione della donna. Poiché qui non esisteva un fondamentale mutamento sociale e ideologico, i nuovi ruoli richiesti dai progressi tecnologici non hanno portato a quel tipo di discontinuità storica che riscontriamo altrove.

Nelle società della Mesopotamia meridionale sin dal 3500 a.C. circa si riscontra una rigida stratificazione sociale e una costante bellicosità, e allo stesso tempo un deterioramento della condizione della donna. L'antropologa culturale Rohrlich-Leavitt scrive che le donne "erano i soggetti principali, quelli più frenquentemente ritratti nell'arte e nell'artigianato. E appaiono soprattutto nella sfera pubblica".

Creta donneMa, per quanto riguarda il rapporto tra società e ideologia, il fatto forse più significativo è che l'arte cretese, soprattutto nel periodo minoico più antico, è lo specchio di una società in cui potere non significa dominio, distruzione e oppressione. Per dirla con le parole di Jacquetta Hawkes, una delle poche donne che si è occupata di Creta, "l'idea di un monarca guerriero che trionfa umiliando e uccidendo il nemico" è completamente assente. "A Creta, dove sovrani venerati disponevano di ricchezza e potere e vivevano in splendidi palazzi, non c'è traccia di queste manifestazioni di orgoglio maschile e di crudeltà incosciente". Non ci sono statue o rilievi che ritraggano chi sedeva sul trono di Cnosso o di qualsiasi altro palazzo. A parte gli affreschi della Dea, o forse di una regina-sacerdotessa, al centro di una processione recante doni, oppure il rilievo dipinto talvolta identificato come "giovane principe", che mostra un giovane dai lunghi capelli, disarmato, nudo fino alla cinta, incoronato con piume di pavone, che cammina tra fiori e farfalle, a parte questo, sembra non ci siano ritratti reali di nessun tipo, fino in epoca più tarda. L'assenza d'idealizzazioni del potere distruttivo e della violenza maschile nell'arte cretese va di pari passo col fatto che in questa società la pace, sia interna che oltre confine, durò per millecinquecento anni, in un'epoca di guerre incessanti.

In realtà, non è ancora stata rinvenuta alcuna rappresentazione di un re o di una divinità maschile dominante.

Altrettanto singolare e significativa, è la mancanza nell'arte della Creta minoica di scene grandiose di battaglia o di caccia. La Hawkes commenta a questo proposito "che esse sono manifestazioni di un onnipotente sovrano maschile, così diffuse a quel tempo e a quello stadio dello sviluppo culturale, e che è uno dei motivi che fanno supporre che sui troni minoici sedessero delle regine".

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su

 

 

Ostelli Creta    Ostelli Grecia   Hotel Creta

Carte Crete     Karte von Kreta    Mapa Creta     Map of Crete

Carte de la Grèce    Karte von Griechenland     Mapa Grecia    Map of Greece

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal