website
statistics
/
 

Skadarlija - Quartiere Bohemienne di Belgrado

Skadarlija - Quartiere Bohemienne di Belgrado

 

Un luogo da vedere assolutamente a Belgrado è Skadarlija, quartiere dei bohemien serbi (e anche francesi, inglesi e persino americani), da cui prende vita un intero quartiere dai caratteristici vicoli acciottolati di stampo  ottocentesco, ribattezzata "la Montmartre di Belgrado".  L'edificio in stile rinascimentale ai numeri 53-55 della via Skadarlija ospita una galleria d'arte; il blocco di case che si trovano ai numeri 46-48-50 rappresenta il primo esempio di costruzioni in stile "non balcanico" essendo gli stessi di foggia rinascimentale.

 

Le origini del piccolo quartiere di Skadarlija, composto dalla via Skadarska (Skadarska Ulica) e da alcuni vicoli laterali come la Zetska Ulica, risalgono ai primi dell’Ottocento quando gitani, serbi e turchi si incontravano nelle bettole e nei locali a basso costo per consumare alcolici e concludere le serate, il più delle volte, fra risse e urla. Si trattava di un posto poco raccomandabile.  Tutta la zona era indicato come "quartiere gitano" fino al 1872, quando la strada prese il nome dalla città di Scutari (Scutari in Albania.) Skadarska ulica, serbo per "via di Scutari", è ancora il nome ufficiale.

 

Col tempo le cose cambiarono e il suo costo accessibile avrebbe attirato artisti e intellettuali di talento (studenti, scrittori, attori, giornalisti, poeti, etc.) da ogni parte della città. In questo processo, furono importanti la posizione centrale del quartiere, oltre che ai bassi prezzi degli affitti, la vicinanza al Teatro Nazionale, polo culturale della città. Intorno alla metà dell’Ottocento tutto era cambiato a Skadarlija: non più serate caotiche e rissose, ma luogo di incontri artistici e culturali. Le vecchie e malfamate taverne (le cosiddette kafane) avevano lasciavano il posto a locali sempre più simili ai caffè letterari che guardavo a Vienna e all'Europa centrale.

 

Passeggiando per le stradine acciottolate di Skadarlija, si incontrano negozietti di souvenir e piccoli panifici/rosticerie (pekare). Al numero 34 di Skadarska Ulica si trova la casa e la statua in bronzo di  Jura Jakšić uno dei più importanti letterati del romanticismo serbo, ora adibita a museo in sua memoria. La sua abitazione ospita tuttora le cosiddette Serate Skadarlija (Skadarlijske Ve?eri) in cui poeti e scrittori si incontrano e confrontato. Un altro luogo importante è la casa dello scrittore e pittore serbo Jura Jakšić (1832 - 1878), che, restaurata nel 1968 è oggi un centro di ritrovo per artisti, e spazio per eventi culturali. I turisti che vogliono alloggiare a Skadarlija trovano l'hotel "Le petit Piaf" edificato in una delle antiche dimore della strada. Da non dimenticare che in questo quartiere si possono gustare piatti tipici della cucina serba, bere caffè, birra e liquori nazionali, ma è anche possibile assaggiare ricette più internazionali, vista la vasta scelta. Quasi ogni locale, la sera, è animato da musica dal vivo dove il repertorio più gettonato è quello relativo alla musica tradizionale. Il ristorante con musica dal vivo più conosciuto è il Tri šešira.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su


Ostelli Belgrado  Ostelli Serbia   Hotel Belgrado    Hotel Serbia

  Carte Belgrade    Karte von Belgrad    Mapa Belgrado   Map of Belgrade

  Carte Serbie  Karte von Serbien Mapa Serbia    Map of Serbia

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal