ARTICOLI INFORMAGIOVANI

Informagiovani Italia

Comuni d'Italia

L'educazione in Italia

L'educazione in Europa

Lavorare in Italia

Lavorare in Europa

Comuni Italiani

Buona amministrazione comuni

Articoli  Informagiovani

Mestieri e Professioni

Mettersi in Proprio

Idee imprenditoriali

Mettere su casa

Energia pulita Energia Pulita

Giovani arte e cultura

Stili di vita

Informa Bambini

Pronto soccorso bambini

Giovani e Salute

Viaggiare in Europa

Viaggi Italia  Viaggiare in Italia

Hotel in Italia  

Ostelli in Italia

Ostelli in Europa

No al bullismo

 

 

sei qui: Articoli informagiovani > Lavorare nel Regno Unito come medici

 

Lavorare nel Regno Unito   "L'Inghilterra vuole più medici"  

  

A PAVIA L'EQUIPE PREPOSTA ALLE ASSUNZIONI PER

UN SEMINARIO INFORMATIVO PER I MEDICI  INTERESSATI

 

L'Inghilterra sta effettuando il più grande cambiamento dei propri servizi sanitari dall'introduzione dei suoi servizi sanitari nazionali avvenuta nel 1948.  Per realizzare questi progetti ambiziosi, il piano NHS (Servizio Sanitario Britannico) prevede l'assunzione di 9500 medici entro  l'anno 2004. 

L'NHS deve attingere a personale medico dall'estero, che presti la sua opera specialistica o generica nel Regno Unito come medici ospedalieri specialisti (Consultants) e come i medici di famiglia (General Practitioners - GP).

 

Le specializzazioni con il maggior numero di posti disponibili sono:

  • Medicina Generale
  • Psichiatria
  • Istopatologia
  • Radiologia Clinica
  • Anestesia
  • Chirurgia Ortopedica
  • Oftalmologia
  • Medicina Interna Generale

L'NHS è un buon datore di lavoro che offre condizioni d'impiego molto attraenti .

Tutti i medici assunti per lavorare in Inghilterra potranno godere dei benefici del programma di avviamento al lavoro, che prevede un corso per introdurre i nuovi medici alla vita della famiglia e

Il candidato ideale, interessato a lavorare nel regno Unito, dovrebbe conoscere la lingua Inglese a  livello "intermediate"

livello "intermediate"

Il programma di supporto per i medici offre loro un trimestre di avviamento al lavoro, guida e sostegno per aiutare il medico interessato a prendere confidenza con l'esercizio medico e la vita nel Regno Unito.  Se nel corso di questo periodo si evidenziano diversità nella pratica clinica italiana ed inglese che rendono difficile per il medico ad esercitare in un campo medico particolare, allora si interverrà fornendo l'ulteriore formazione necessaria.

 

Questo programma si occupa della ricerca di un'abitazione, degli effetti personali in arrivo in Inghilterra e, se necessario, aiuta ad individuare la disponibilità di posti nelle scuole per i figli. 

I medici ed i relativi familiari potranno continuare a godere del programma anche nei 12 mesi successivi al loro arrivo nel Regno Unito.

 

L'équipe del NHS (Servizio Sanitario Britannico) preposta alle assunzioni sarà presente, grazie al contributo della rete dei servizi europei per l'Impiego EURES Italiana, tramite il Consigliere EURES Laura Robustini Provincia di Milano al Seminario regionale, che si terrà a Pavia, in Università, il 4 e 5 Ottobre p.v., per i medici interessati a conoscere le possibilità di lavoro nel Regno  Unito.

L'iniziativa vede la partecipazione dell'Assessorato al Lavoro della Provincia di Milano e dell'Assessorato  alle P.O. della Provincia di Pavia, nonché  dell'Università di Pavia e dell'Ordine dei Medici della Provincia di Pavia.

Tale progetto dell'NHS (Servizio Sanitario Britannico) viene realizzato in Italia dall'Ambasciata Britannica a Roma, d'intesa con il Ministero della Salute, il Ministero del Lavoro e la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Italiani, che aderiscono e promuovono l'iniziativa anche attraverso la rete EURES in Italia e nel Regno Unito.

Per informazioni rivolgersi al Consigliere EURES Laura Robustini e-mail: laura.robustini@tiscalinet.it tel. 02/78796563 o alle Assistenti Eures Provincia di Milano Patrizia Tartaglia e-mail: p.tartaglia@provincia.milano.it tel. 02/78796563, Rosaria Petrillo e-mail: r.petrillo@provincia.milano.it  tel. 02/78796416 e all'Assistente Eures Provincia di Pavia Aurora Scalora e-mail: aurora_scalora@libero.it tel. 0382/598794

Vedere anche il seguente sito per ulteriori informazioni:

http://www.londraweb.com/lavoro%20lavorare%20a%20londra.htm

Dal sito del ministero del lavoro abbiamo tratto il seguente articolo che parla dello stesso problema:

Lavorare nel Regno Unito "L'Inghilterra vuole più medici"    

Sintesi dell'articolo del Dott. Steve Atherton (Consulente Medico sulle Assunzioni Internazionali)

Il Servizio Sanitario Britannico (NHS) fornisce assistenza sanitaria completa a coloro che vogliono lavorare come medici in Inghilterra, l'iniziativa è finanziata interamente dal Governo Britannico.

L'Inghilterra sta effettuando il più grande cambiamento dei propri servizi sanitari dall'introduzione dei suoi servizi sanitari nazionali avvenuta nel 1948.  Nel 2000, il Governo ha pubblicato una sua panoramica per il futuro, il Piano per l'NHS, in cui annunciava un massiccio incremento dei finanziamenti a favore dell'NHS, con l'intenzione di ridurre i tempi di attesa per le cure, migliorare i servizi ed offrire ai pazienti una maggiore scelta su dove e come venire curati.

Per realizzare questi progetti ambiziosi, il piano NHS prometteva altri 9500 medici entro  marzo 2004.  Nonostante il numero di studenti che frequenta la Scuola Medica sia aumentato, ci vorranno ancora diversi anni prima che questi si specializzino e diventino medici di famiglia. Nel frattempo, non ci sono medici sufficienti nei corsi di specializzazione per soddisfare gli obiettivi del marzo 2004.

Quindi l'NHS deve attingere a personale medico dall'estero, che presti la sua opera specialistica o generica nel Regno Unito come medici ospedalieri specialisti (Consultants) e come i medici di famiglia (General Practitioners - GP).

La necessità di medici si rivolge a varie specializzazioni in tutto il territorio Britannico.

Le specializzazioni con il maggior numero di posti disponibili sono:

  • Medicina Generale

  • Psichiatria

  • Istopatologia

  • Radiologia Clinica

  • Anestesia

  • Chirurgia Ortopedica

  • Oftalmologia

  • Medicina Interna Generale

L'NHS è un buon datore di lavoro che offre condizioni d'impiego molto attraenti che prevedono:

 
  • Retribuzioni e condizioni nazionali, vale a dire stesse retribuzioni e condizioni in ogni parte dell'Inghilterra

  • 6 settimane all'anno di ferie, più le festività pubbliche e fino a 40 giorni di congedo per studio ogni 3 anni

  • Per i "Consultant", le retribuzioni vanno da un minimo di €80.000 ad un massimo di €105.000 in un quinquennio.  Ci sono possibilità per guadagnare di più

  • Per i "General Practitioner", la retribuzione media nel 2001 è stata di €99.000

  • Sistemi pensionistici attraenti ed affidabili

  • Diritto ad esercitare privatamente senza perdere la propria retribuzione dell'NHS

  • Contratti di lavoro permanenti, ma si possono negoziare contratti a tempo determinato

Nel Regno Unito il medico, dopo aver ultimato la propria specializzazione ospedaliera, fa richiesta per diventare un "consultat" ospedaliero e, dato che esiste soltanto un livello di "consultant", esercita il proprio lavoro in modo autonomo.

Il "consultant" lavora con un'équipe formata da medici tirocinanti, personale infermieristico e terapisti (ad es., fisioterapisti, ecc.) ed è a capo dell' "équipe".

L'impostazione terapeutica e della pratica clinica avviene previo accordo all'interno dell'équipe.

Ci sono molte analogie fra il Regno Unito e l'Italia nell'esercizio della medicina di famiglia.

I medici, quando hanno la qualifica di "General Practitioner", richiedono di essere assegnati ad uno studio medico generico dove operano assieme ad altri GP, a personale infermieristico di comunità, ad infermieri specializzati e terapisti per offrire assistenza sanitaria globale ad una comunità locale. 

Numerosi studi medici di questo tipo si riuniscono per formare un "Primary Care Trust"( PCT) (Unità Sanitaria di Base).  Il PCT gestisce l'offerta di servizi di medicina familiare in una particolare comunità ed autorizza assistenza secondaria presso l'ospedale locale.

Mentre i GP in Inghilterra sono lavoratori autonomi oppure sono retribuiti dal PCT, loro datore di lavoro.  Di norma i GP autonomi hanno un contratto per fornire una serie di servizi con il PCT.

Tutti i medici assunti per lavorare in Inghilterra potranno godere dei benefici del nostro programma di avviamento al lavoro, che prevede un corso per introdurre i nuovi medici alla vita della famiglia e all'esercizio medico nel Regno Unito, nonché alla specifica specializzazione del medico interessato.

Il candidato ideale, interessato a lavorare nel regno Unito, dovrebbe conoscere la lingua Inglese a  livello "intermediate".

In caso di necessità, verranno impartite lezioni di lingua per migliorare il livello di conoscenza.

Il programma di supporto per i medici offre loro un trimestre di avviamento al lavoro, guida e sostegno per aiutare il medico interessato a prendere confidenza con l'esercizio medico e la vita nel Regno Unito.  Se nel corso di questo periodo si evidenziano diversità nella pratica clinica italiana ed inglese che rendono difficile per il medico ad esercitare in un campo medico particolare, allora si interverrà fornendo l'ulteriore formazione necessaria.

(Un valido esempio di questa situazione si è avuto quando sono stati assunti GP spagnoli.

Infatti in Spagna i GP non si occupano di assistenza sanitaria infantile contrariamente a quanto avviene in Inghilterra, quindi è stato necessario fornire ai GP spagnoli un insegnamento complementare. 

I medici potranno usufruire anche del programma NHS di trasferimento a favore dei medici che si spostano a lavorare nel Regno Unito. Tale programma si occupa della ricerca di un'abitazione, degli effetti personali in arrivo in Inghilterra e, se necessario, aiuta ad individuare la disponibilità di posti nelle scuole per i figli. 

I medici ed i relativi familiari potranno continuare a godere del programma anche nei 12 mesi successivi al loro arrivo nel Regno Unito.

Tale progetto dell'NHS (Servizio Sanitario Britannico) viene realizzato in Italia dall'Ambasciata Britannica a Roma, d'intesa con il Ministero della Salute, il Ministero del Lavoro e la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Italiani, che aderiscono e promuovono l'iniziativa anche attraverso la rete EURES in Italia e nel Regno Unito

L'équipe del NHS (Servizio Sanitario Britannico) preposta alle assunzioni organizzerà, grazie al contributo della rete EURES Italiana, Seminari regionali, che si terranno a Pavia il 4 e 5 Ottobre p.v., a Roma il 6 Ottobre p.v. e a Palermo  e l'8 Ottobre p.v. per i medici interessati a conoscere le possibilità di lavoro nel Regno  Unito.

Inoltre se non potrete partecipare a un Seminario,  potrete comunque manifestare il vostro interesse al progetto e potrete partecipare ad un  successivo Seminario. 

Vi consigliamo di visitare i nostri siti e di inviare il Vs. CV all'indirizzo di posta elettronica sotto indicato per poter partecipare ai vari seminari regionali:

 

E- mail del NHS, dove inviare il Vs. CV:  nhsinternationalrecruitment@tmp.com