COME INIZIARE UN ALLEVAMENTO DI LUMACHE

Advertisement

Sei qui :  Idee imprenditoriali > Come iniziare un allevamente di lumache

 

Come iniziare un allevamento di Lumache

La storia

 

Dai kiwi fino agli struzzi e alle lumache. Per Claudio Merlo, 46 anni, titolare dell'Elicicola Osachese, in provincia di Torino, essere un innovatore è sempre stata una parola d'ordine. Subentrato nella conduzione dell'azienda agricola paterna dedita soprattutto alla produzione di frutta, per diversificare la sua attività, è stato uno dei primi, in Italia, a coltivare kiwi. Nel 1995 ha avvertito l'esigenza di dedicarsi a qualcosa di ancora diverso. "Subito ho pensato agli struzzi - afferma Claudio.

Advertisement

Ma dopo tre anni di ricerca, scoperto che, all'epoca, non esisteva ancora un mattatoio, ho preferito l'elicicoltura". Così, oggi, oltre a coltivare kiwi, pere e pesche, ha anche un allevamento di lumache della specie Helix Pomatia, molto apprezzata dagli intenditori. "La richiesta c'è - afferma l'imprenditore pinerolese. La produzione nazionale, di qualità più elevata rispetto alla straniera, soddisfa soltanto il 20% del consumo interno. Vendo vasetti di lumache al naturale e in paté direttamente al consumatore finale, ai ristoranti e in occasione delle sagre con una buona soddisfazione anche dal punto di vista economico. Ma credo che allevare lumache possa essere soltanto un'attività integrativa, nonostante l'impegno che comporta". Innanzitutto, per avviare un allevamento della superficie di circa 4.000 metri quadrati, occorre sostenere un investimento di 10/12.000 €uro. Poi bisogna tenere presente che, ogni lumaca, produce circa 40 uova all'anno, con un tasso di mortalità del 50%. E le chiocciole, che nel frattempo vanno nutrite con vegetazione fresca e selezionata (cavolo, broccolo, ravizzone, colza, bietole, radicchi etc.), sono pronte per essere vendute soltanto due anni dopo la nascita. A ciò si aggiunga che, per roditori, gazze e cornacchie, sono una fonte di nutrimento davvero prelibata. Insomma, un allevamento può garantire una produttività per ogni 1.000 metri quadrati di 1 quintale di carne all'anno da rivendere al consumatore finale a circa 8 euro al chilo. Una cifra alla quale occorre sottrarre gli ammortamenti, le sementi e i costi di mantenimento dell'allevamento.

Chi sono i personaggi

Claudio è una persona molto attenta e aperta alle novità. Svolge il suo lavoro con passione ed è pronto a mettere in discussione il modo in cui lo esercita. Aggiorna frequentemente le proprie competenze che lo portano non solo a leggere riviste specializzate. Ma anche a recarsi all'estero, per esempio in Francia, per conoscere nuove tecniche di allevamento. E a partecipare a fiere e mostre specializzate.

I motivi di successo

Vendita direttamente al consumatore finale. Già pronte per l'uso, invasettate e confezionate, le lumache di Claudio possono essere vendute direttamente al consumatore finale, senza quindi il passaggio da intermediari commerciali e con ricavi sensibilmente più elevati.
· Qualità del prodotto. Le lumache di Claudio vengono nutrite con verdure coltivate direttamente in azienda e senza l'uso di sostanze chimiche. Hanno quindi ottime qualità organolettiche. A ciò si aggiunga che, a breve, Claudio riceverà la certificazione biologica.
· Buone capacità commerciali. Nel corso degli anni, Claudio ha saputo crearsi una buona rete commerciale. Oggi è inserito nelle guide dello Slow Food, un fatto che porta molti clienti nella sua azienda, e può contare su un buon numero di clienti ristoratori specializzati nella preparazione di piatti a base di lumache che apprezzano la sua produzione.

I consigli dell'esperto

"I primi allevamenti di chiocciole nel nostro Paese si sono sviluppati al principio degli anni Ottanta - afferma Licio Padovani, esperto del settore. Fin da allora, chi si dedica a questa attività la considera solo una fonte di reddito integrativa, anche se per molti anni è stata presentata come un'iniziativa in grado di garantire buoni profitti a fronte di un impegno gestionale limitato. In realtà, come la stragrande maggioranza di quelle che si inseriscono nell'ambito agricolo, anche l'elicicoltura presenta rischi, dovuti soprattutto all'elevato tasso di mortalità delle chiocciole la cui portata non è da sottovalutare. E soprattutto richiede conoscenze approfondite sulle tecniche di allevamento che devono essere aggiornate con costanza. Guai, quindi, ad improvvisarsi in questa attività".

I siti da visitare

lumache.org/default.asp è un sito dell'Elicicola Osaschese dove è possibile trovare informazioni utili sulle chiocciole e sul loro allevamento.

agricolturaoggi.com è un sito interamente dedicato all'agricoltura di grande interesse per tutti coloro che operano in questo ambito, elicicoltori compresi.

helixconsulting.com  Helix Consulting intende ottimizzare e rendere maggiormente funzionale il sistema di allevamento a ciclo biologico completo, attraverso l'erogazione di interventi di formazione, informazione, consulenza e sostegno agli operatori elicicoli.

Vedi altre idee imprenditoriali

 

 

Torna su

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal