BIELORUSSIA

Informagiovani Italia

🌎 Viaggiare in Europa

🛵 Viaggiare in Italia

Articoli  Informagiovani

💁 Visite guidate in Italiano

🏠  Ostelli a Minsk

🏠  Ostelli in Bielorussia

 Minsk

🏠 Hotel a Minsk  

Mappa di Minsk

Mappa della Bielorussia

 Hostales en Minsk

 Auberges de Jeunesse Minsk

 Jugendherberge Minsk

 Hostels Minsk

 Hostels Belarus

 Auberges de Jeunesse Belarus

 Jugendherberge Belarus

 Hostales Belarus

 

VISITARE LA BIELORUSSIA - INFORMAZIONI E GUIDA. A lungo considerata dai viaggiatori poco più di una curiosità, questa nazione è improvvisamente emersa come una delle destinazioni europee più "esotiche". Ad alimentare questa ascesa sono i requisiti per il visto rilassati, una scena artistica e di caffetteria subdolamente buona, e la gente del posto ospitale. Mentre il dissenso politico rimane un grande problema.

Popolazione Bielorussia? - 9.430,000
Superficie della Bielorussia - 207.600 km²
Densità - 45 ab/km²

Breve ritratto della Bielorussia

La storia pesante della Bielorussia e il suo presente oppressivo non fanno per ora sperare molto bene per il paese per un futuro prossimo meno incerto. Il "cattivo umore" generale non passa inosservato ai viaggiatori. Ma le persone del posto sono gentili e amichevoli e quasi sempre disposte  all'ospitalità e ad una spontanea disponibilità ad aiutare.

Un dominio sovietico oppressivamente lungo ha lasciato le sue ferite, superato solo dalle distruzioni durante la Seconda Guerra Mondiale da parte dell'esercito tedesco nel periodo 1941-1943, quando qui persero la vita di 2,2 milioni di persone, quasi un quarto della popolazione totale. Ancora in lotta per trovare una via d'uscita dagli incubi del passato, il paese fu colpito da un nuovo disastro nella primavera del 1986: Chernobyl. Il 70% della ricaduta radioattiva contaminò la Bielorussia meridionale. Insabbiamenti, fughe caotiche e scenari di evacuazione hanno documentato il fallimento dei potenti di Minsk e Mosca. Fortunatamente, la Bielorussia è sicura per i viaggiatori da quel punto di vista. Il livello di radiazione in praticamente tutte le località e i paesaggi corrisponde al livello di radiazione naturale prima dell'incidente di Chernobyl.

Colpiti dalla storia, che ha portato il paese da un brutale dominio straniero all'altro, i bielorussi non sono entrati in un'epoca promettente nemmeno con l'indipendenza, poiché l'indipendenza del loro paese poggia su piedi d'argilla. La modernizzazione della società richiederà ancora molto tempo e i governanti sono sospettosi di qualsiasi avvicinamento alle norme della comunità internazionale.

Dove villaggi e intere città (il 90% di Minsk) sono stati spazzati via durante la Seconda Guerra Mondiale e gli edifici storici sono stati insensatamente demoliti negli anni '50 e '60, i vecchi centri storici sono diventati rari. I visitatori devono abituarsi a questo e al gran numero di nuovi, spesso monumentali memoriali e monumenti che commemorano le vittime dell'epoca di Stalin e dell'occupazione tedesca, così come alle carenze quotidiane e al fascino burbero del socialismo realmente esistente che si possono ancora trovare qua e là, sia negli incontri con i funzionari che con il personale di ristoranti e negozi.

La più grande risorsa della Bielorussia è la sua ricchezza di foreste, laghi e fiumi, la maggior parte dei quali sono riserve naturali protette. Probabilmente il più noto è il Parco Nazionale Belovezhskaya Puscha nella regione di confine tra Polonia e Bielorussia, che è stato dichiarato patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 1992. Copre 145.000 ettari, di cui 87.600 in Bielorussia e 57.400 in Polonia. Questa foresta, che in alcuni punti sembra una foresta primordiale sullo spartiacque tra il Mar Baltico e il Mar Nero, è un residuo dell'enorme area forestale che si estendeva tra il Mar Baltico e i fiumi Bug, Oder e Dnieper nel Medioevo. Nel 1919 l'ultimo uro che viveva libero fu ucciso qui. Nel 1929 iniziò la reintroduzione del bisonte, che oggi ha una popolazione di oltre 300 animali. Le foreste miste e decidue (tra cui più di 1.000 querce di 300-700 anni) ospitano una ricca fauna e flora come lince, lupi e orsi, cervi rossi e cinghiali, aquila reale e cicogna nera.

A sud del parco si trova Brest, la famosa città di frontiera, dove gli automobilisti devono spesso sopportare lunghi ingorghi e i viaggiatori in treno devono anche aspettare qualche ora perché le loro carrozze vengono convertite dallo scartamento standard a quello largo. Da vedere sono i resti della fortezza omonima, che dopo l'eroica resistenza di alcuni soldati dell'Armata Rossa fu dichiarata "fortezza dell'eroe" dal Soviet Supremo dell'URSS e trasformata in un memoriale.

Vicino alla frontiera polacca si trova Hrodna (Grodno in polacco), una grande città polacca, di tradizione cattolica sulle rive del Njeman (Memel) con un centro storico che vale la pena di vedere. Anche Navahrudak sulla strada per Minsk vanta una lunga storia. Fu la prima capitale del Granducato di Lituania ed è il luogo di nascita del poeta nazionale polacco Adam Mickiewicz. La tranquilla città è riuscita a conservare il suo paesaggio medievale. Non lontano da qui c'è un importante monumento culturale del "Secolo d'Oro" della storia bielorussa, il Castello fortificato di Mir. L'edificio, iniziato nel XV secolo nello stile del gotico bielorusso in pietra e completato con elementi stilistici del Rinascimento e del Barocco, è considerato un esempio eccezionale di costruzione di castelli dell'Europa orientale. Nel 2000 Mir è stata inclusa nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Attraverso la famiglia Radziwill, Mir era collegata alla vicina città di Nyasviz, dove la famosa famiglia nobile costruì nel 1583 uno dei più bei castelli del paese, circondato da un parco romantico.

Minsk, la città capitale nel centro della Bielorussia, fu menzionata per la prima volta in un documento nel 1067. Dopo la distruzione della seconda guerra mondiale, la città ha ricevuto un nuovo paesaggio urbano, caratterizzato da ampie piazze e parchi, ampi viali ed edifici nell'eroico stile neoclassico sovietico. Solo alcune delle vecchie cattedrali sono sopravvissute all'inferno della guerra. Anche il vecchio quartiere di Trajeskaje Predmestje, i cui vicoli tortuosi con case del XIX secolo invitano i visitatori a fare una passeggiata affascinante, è rimasto intatto. Il "Mare di Minsk", un bacino idrico, è una destinazione popolare per i bagnanti e nel nord della regione si può anche godere di una vera vacanza sulle rive del grande lago Narac di 80 km². Qui è stato creato un centro ricreativo in mezzo a magnifiche foreste. Le grandi foreste della zona di Narac e le foreste di Vilejka formano il Parco Nazionale di Narochansky (94.000 ha) con la più grande area di pineta in Bielorussia.

Più a nord, non lontano dal confine con la Lituania e la Lettonia, si trova il parco nazionale Braslavskije Ozera, ricco di laghi, un paradiso per i pescatori, gli appassionati di sport acquatici e gli escursionisti. I 70.000 ettari di parco sono un rifugio per piante e animali rari come alci e orsi bruni, linci e tassi, e i laghi (183 km²) ospitano più di 30 specie di pesci.

Polack sulla Dwina (Düna) occidentale nel nord è considerata la più antica città della Bielorussia. Si raggiunge dopo un percorso vario attraverso paesaggi di brughiere, foreste e laghi. La città era un centro della cristianità e il Monastero di Santa Jefrosinija con la Chiesa del Redentore e la Chiesa di Santa Sofia più volte ricostruita, che fu costruita come le Chiese di Santa Sofia a Novgorod e Kiev sul modello della Haghia Sophia di Istanbul, ricordano quel tempo.

Vicebsk (Vitebsk), a sud-est di Polack, è la terza città più grande della Bielorussia. Accoglie il visitatore con monotoni grattacieli prefabbricati. Alcune vecchie chiese sono state rinnovate, altre costruite ex novo secondo i vecchi modelli. La città sulla Dwina è conosciuta come il luogo di nascita del pittore Marc Chagall, come il luogo di lavoro degli artisti di fama mondiale dell'avanguardia russa di oggi, tra cui Kazimir Malevic e El Lisickij. La memoria dei grandi figli della città è coltivata su scala modesta.

Attraversata dal fiume Berezina, un'importante riserva della biosfera si trova a ovest di Vicebsk. Berezinsky fu messo sotto protezione già nel 1925 e oggi sorprende con foreste primordiali e zone umide intatte su una superficie di 80.000 ettari. Durante le escursioni, i tour fotografici e le gite in barca, gli incontri con alci, orsi, bisonti e lupi non sono rari.

Un'esperienza speciale per gli amanti della natura è la pianura di Polessje nel sud della Bielorussia. Il lento fiume Pripyat con i suoi numerosi affluenti, che spesso esondano e creano vaste paludi, attraversa questo vasto paesaggio, al centro del quale si trova il Parco Nazionale Pripyatsky. Copre 750 km² di foresta (pini, querce, faggi), 30 laghi minori e molte paludi. Soprattutto questi cambiano il loro aspetto in modo affascinante diverse volte all'anno. In inverno una lastra di ghiaccio, in primavera diventano un altopiano lacustre e in estate una lussureggiante prateria. 45 specie di mammiferi e 256 specie di uccelli sono native qui, tra cui bisonti, linci, cicogne nere e gru. Si offrono ai visitatori escursioni guidate.

Informazioni e statistiche sulla Biolorussia

Governo: Repubblica presidenziale

Divisione amministrativa: 6 provincie regionali più una municipalità di Minsk (capitale)

Capitale: Minsk

Altre città: Gomel, Mogilev, Vitebsk, Grodno

Lingua: bielorusso, russo

Gruppi etnici: bielorussi, russi, polacchi, ucraini

Religione: ortodossi 32% Cattolici 18%

Paesi confinanti: Russia, Lettonia, Lituania (Nord-est, Nord-ovest), Ucraina (sud), Polonia (Ovest)

Fiumi principali: Neman, Pripjat, Dnepr

Monti principali: morfologia generalmente piana. Cima maggiore Dzyarzhynskaya Hara (345 metri)

Laghi principali: la nazione presenta circa 11.000 laghi

Clima: da continentale a marittimo

Geografia

La Bielorussia è generalmente piana, a tratti paludosa o collinare (circa 160 metri) ma senza importanti rilievi, essendo il maggiore di questi di soli 345 metri (Dzyarzhynskaya Hara).

Circa il 34% del territorio della Bielorussia è ricoperto da foreste, mentre il resto è caratterizzato da numerosi laghi (se ne contano 11.000) e da tre fiumi principali, il Neman, il Pripyat e il Dnepr.

Le risorse naturali si possono elencare in depositi di torba e piccole quantità di petrolio e gas.

Il clima della Bielorussia è a tratti marittimo a tratti continentale, gli inverni sono freddi, le estati fresche e umide con una temperatura media di 18 °C.

Il territorio della Bielorussia è ancora in fase di bonifica dalla fuga radiotiva della centrale di Cernobyl nella vicina Ucraina.

Politica e società
 

La Respublika Belarus è indipendente dall'agosto 1991. È un membro della CSI, la Comunità degli Stati Indipendenti, un'alleanza di stati successori dell'Unione Sovietica fondata nel 1991. La repubblica presidenziale è governata da Alexandr Grigorievich Lukashenko con poteri dittatoriali dal 1994. Nel 2010, Lukashenko è stato eletto per un quarto mandato in quella che l'opposizione bielorussa e gli osservatori stranieri ritengono essere un'elezione truccata. L'OSCE non ha riconosciuto i risultati delle elezioni. La sua rielezione nell'ottobre 2015 è avvenuta in circostanze meno dubbie e ha convinto l'UE ad allentare alcune sanzioni dal 2016. Tuttavia, la Bielorussia rimane isolata in Europa a causa dei suoi evidenti deficit democratici (nessun sindacato indipendente, persecuzione dell'opposizione, eliminazione della separazione dei poteri). L'allineamento di politica estera della Bielorussia con Mosca ha comportato il suo ingresso nell'"Unione economica eurasiatica" (i membri oltre a Russia e Bielorussia sono Armenia, Kazakistan e Kirghizistan), ma ha anche sollevato preoccupazioni a Minsk per l'annessione della Crimea da parte della Russia e l'intervento in Ucraina orientale. Ciò che preoccupa molto i bielorussi è il "problema 2024". Quest'anno, la presidenza dell'autocrate russo scade, e i timori in Bielorussia sono che per assicurarsi il potere di fronte al calo di popolarità, Lukashenko potrebbe rinverdire lo stato di unione Russia-Bielorussia che ha preso di mira per decenni per rimanere al potere a capo di quell'entità. A causa delle posizioni di politica estera sempre più aggressive di Mosca, Lukashenko ha preso cautamente le distanze, a volte. Allo stesso tempo, però, la leadership russa ha fatto pressione per la creazione di una base aerea (che è stata rifiutata!) sul territorio della Bielorussia, dove la Russia ha già una stazione radar e una stazione radio navale. In ogni caso, i servizi militari e di intelligence della Bielorussia sono inseriti nei rispettivi sistemi russi e finanziariamente la Bielorussia non potrebbe sopravvivere senza prestiti di sostegno russo. Lukashenko mantiene il suo popolo ragionevolmente felice aumentando i salari e importando beni di consumo occidentali - il che naturalmente ha i suoi limiti. Nel 2018, la ONG "Freedom House" con sede a Washington ha dato alla Bielorussia un punteggio di 6 per i diritti politici e anche 6 per le libertà civili su una scala da 1 = libero a 7 = non libero. "Reporter senza frontiere" ha collocato la Bielorussia al 155° posto su 180 paesi considerati nella loro classifica della libertà di stampa 2018.
 

 

Riassunto storico della Bielorussia

La Bielorussia è stata abitata sin dall'età della pietra. La storia della nazione iniziò tuttavia solo nel periodo medievale, nel quale il territorio si ritrovò ad essere sotto il dominio dei Tartari.

I secoli successivi furono segnati dalle invasioni straniere e dal controllo politico-sociale effettuato da culture come quella ucraina, polacca e lituana, nonché successivamente russa al termine del XVIII secolo.

Nel 1919 venne fondata la Repubblica Socialista Sovietica Bielorussia e la nazione entrò a far parte dell'URSS.

Negli anni del 1930 sotto Stalin, centinaia di migliaia di bielorussi vennero uccisi; ulteriori esecuzioni vennero effettuate dai nazisti tra il 1939 e il 1945 (il territorio conteneva oltre 200 campi di concentramento).

Il dopoguerra è stato segnato dall'appartenenza della nazione al controllo sovietico di cui ne segue le sorti. Nel 1986 il disastro di Cernobyl nella vicina Ucraina ne segna le sorti future.

Nel 1991 la Bielorussia diventa uno Stato sovrano indipendente. Oggi, nonostante il criticismo politico della comunità internazionale, la società bielorussa si presenta determinata al riconoscimento dei propri diritti liberali e al riconoscimento della propria identità nazionale.

Popolazione

La Bielorussia ha una popolazione di 9,434 milioni di abitanti (all'inizio del 2019, secondo le stime della Divisione della popolazione dell'ONU), con un tasso di crescita annuale di meno 0,19%. Dal 1993, la popolazione del paese è in costante diminuzione. I bielorossi (tutti i dati si riferiscono all'ultimo censimento, che è stato nel 2009) è all'83,7% del totale, l'8,3% si identifica come etnia russa, il 3,1% come polacchi, l'1,7% come ucraini, lo 0,1% come ebrei, altre minoranze includono tatari, rom, lituani, lettoni, etc. Il numero di persone appartenenti a minoranze nazionali è in costante diminuzione.
Secondo dati del 2017, il 97% della popolazione sente di appartenere a una religione, con il 73% che si descrive come cristiano ortodosso russo, il 12% come membro della Chiesa cattolica romana (soprattutto nelle parti occidentali del paese, che erano polacche fino al 1939), e il 9% appartenente ad altre confessioni cristiane. Ci sono anche 27 comunità musulmane e circa 40 comunità ebraiche nel paese.
Il bielorusso è la lingua di stato dal 1990 e il russo dal 1995. Il bielorusso rischia di essere emarginato. La lingua è stata quasi completamente estromessa dall'uso ufficiale. Il russo ha predominato a lungo come lingua franca e lingua colloquiale. Il censimento del 2009 ha rilevato che solo il 26% dei bielorussi parla ancora il bielorusso a casa. Ma da qualche anno, la diffusione della lingua bielorussa è particolarmente incoraggiata.

Economia


Il settore economico bielorusso sta vivendo da anni una fase di stallo. Le riforme strutturali attese da tempo non sono ancora state realizzate. Gli investimenti diretti esteri rimangono molto al di sotto delle aspettative. Nel 2011, il paese ha subito una grave crisi economica e finanziaria a seguito di una spesa pubblica espansiva e di politiche monetarie e creditizie sbagliate, che è stata seguita da una crisi delle vendite nel 2013/14 dopo che la Russia, il suo principale partner commerciale, ha tagliato drasticamente la sua domanda di prodotti bielorussi e anche l'Ucraina, che è stata afflitta da disordini e combattimenti, ha comprato meno prodotti. Le difficoltà economiche della Federazione Russa stanno avendo un impatto massiccio sul settore economico bielorusso, perché circa il 50% delle esportazioni (principalmente camion e trattori) vanno in Russia e più del 50% delle importazioni provengono da lì - principalmente materie prime a basso costo. Ucraina, Cina e Germania sono gli altri partner commerciali più importanti. La Bielorussia continua ad aderire a un sistema di economia controllata centralmente - il paese è più un'economia pianificata che un'economia di mercato, con più della metà della forza lavoro impiegata in imprese statali, che generalmente assumono più personale del necessario e pagano salari reali che sono aumentati più di quanto la produttività del lavoro sia cresciuta. Il settore economico è indebolito da una bassa competitività internazionale, troppo pochi beni d'esportazione di alta qualità e una produttività del lavoro troppo bassa. Allo stesso tempo, ci sono lavoratori qualificati eccellentemente formati, una buona istruzione accademica e un'infrastruttura ragionevolmente funzionante - buoni presupposti, quindi, per rafforzare l'economia bielorussa insieme a riforme radicali e per renderla interessante per gli investitori nazionali ed esteri. Ma questi ultimi si trattengono anche perché temono l'incertezza giuridica e sono insoddisfatti del lavoro della pubblica amministrazione. La politica economica della Bielorussia non è abbastanza prevedibile per loro, e manca anche una strategia contro la corruzione dilagante.
 

Dove si trova?

 

Torna su

 

Ostelli Bielorussia   Ostelli Minsk  Hotel a Minsk

Carte Minsk   Karte von Minsk Mapa Minsks Map of Minsk

Carte Belarus   Karte von Belarus   Mapa Belarus   Map of Belarus

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon