Per favore, disabilità il tuo adblock per visualizzare questa pagina

DORTMUND

VISITARE DORTMUND: INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

Dortmund, la città più importante della grande regione industriale della Ruhr, nel Land della Renania Vestfalia, un tempo nota per essere un importante centro nella produzione dell'acciaio e del carbone e per le sue birrerie, si è trasformata in una moderna città sede di aziende all'avanguardia tecnologica e di aziende operanti nel settore dei servizi.

La storia di Dortmund inizia oltre 1100 anni fa. Nei primi documenti ufficiali in cui si fa riferimento alla città, Dortmund compare tra l'880 e l'885 con il nome di Throtmanni, mentre nel 1152 era designata con il nome di Tremonia, che probabilmente aveva origine da "tres" o "tria" (tre) e "moenia" (muro) a indicare probabilmente la città delle tre mura. A partire dal XII secolo Dortmund divenne un importante centro commerciale e a partire dal XIII secolo entrò a far parte della potente Lega Anseatica. Nella storia di Dortmund questo fu uno dei due periodi di maggior splendore. Il secondo fu tra il XIX e il XX secolo, quando nel pieno dell'epoca dell'industriale le sue industrie minerarie e le acciaierie garantirono un periodo di prosperità.

Castello BodelschwinghNel corso della seconda guerra mondiale Dortmund subì pesanti bombardamenti che causarono ingentissimi danni alla città e durante i quali vennero distrutte circa il 66% delle abitazioni e il 98% degli edifici del centro storico. Dortmund è oggi una città dai forti contrasti culturali, in cui si possono ammirare gioielli medioevali come la Reinoldikirche e la Marienkirche insieme a grattacieli ed edifici moderni che ne caratterizzano il profilo.

Una visita di Dortmund non può che iniziare dal suo centro storico, visitabile tranquillamente a piedi. Una delle principali attrazioni è la Reinoldikirche, la chiesa dedicata a San Rinaldo, il patrono della città. Secondo la leggenda, San Rinaldo fu il primogenito di una sorella di Carlo Magno e in gioventù si dedicò alle armi. Decise in seguito di rinunciare alle proprie ricchezze per diventare monaco e, per espiare le proprie colpe per aver partecipato alla guerra prestò gratuitamente la propria opera nella costruzione del Duomo di Colonia. Attiratosi le ire dei colleghi invidiosi, venne ucciso con un martello nel 960 e il suo corpo venne gettato nel Reno. Il suo corpo venne ritrovato da una donna cieca, che toccandolo riacquistò miracolosamente la vista. Il carro contenente il corpo del Santo percorse l'intera strada fino a Dortmund fermandosi proprio davanti al coro della chiesa.

La chiesa di San Rinaldo sorge nello stesso luogo in cui nel X secolo sorgeva una chiesa preesistente. La chiesa attuale venne costruita tra il 1250 e il 1270 ed è in stile romanico a tre navate, con un coro gotico. La chiesa di San Rinaldo sorge dove un tempo passava la strada storica che collegava Colonia a Brema. La torre della chiesa venne completata nel 1454 e con la sua altezza di 112 metri all'epoca venne soprannominata "il miracolo della Vestfalia". La guglia poligonale venne aggiunta nel 1520 e, una volta completata, l'altezza della torre venne ulteriormente aumentata di sette metri. All'interno della chiesa sono conservati ancora oggi numerosi oggetti liturgici e di arte sacra che sono riusciti a sopravvivere alle vicissitudini patite dalla chiesa nel corso dei secoli. Una di queste è la scultura che rappresenta San Rinaldo, un'imponente opera del XIV secolo che ritrae San Rinaldo in versione guerriera, mentre brandisce la spada e impugna uno scudo. Sul lato opposto dell'ingresso del coro si trova un'altra statua, un'opera del XV secolo che ritrae Carlo Magno. L'opera di maggior pregio della chiesa è la pala dell'altare maggiore del 1420. Si tratta di una pala proveniente probabilmente da Bruxelles o dalle Fiandre e di cui non si conosce l'autore. La pala rappresenta scene della vita di Gesù e di Maria. Nella parte centrale è rappresentata la crocifissione di Gesù mentre ai lati sono rappresentati i soldati e la disperazione di Maria.

Proprio di fronte alla chiesa di San Rinaldo sorge la Marienkirche. Si tratta di una chiesa romanica, la più vecchia delle quattro chiese situate nel centro storico di Dortmund. La prima pietra della Marienkirche venne posata nel 1170. Nel 1350 la chiesa venne modificata in stile gotico: le absidi romaniche vennero eliminate e le finestre ampliate e trasformate secondo lo stile gotico, con il caratteristico arco a sesto acuto che sostituiva l'arco a tutto sesto.

La chiesa conserva numerose opere d'arte, come la fonte battesimale del 1200 o la scultura che rappresenta la Vergine Maria, opera del XV secolo. Assolutamente splendida la pala d'altare decorata dall'artista di Dortmund Conrad von Soest. La pala ha dipinti sia sulla parte anteriore che posteriore che rappresentano scene della vita di Maria. Tre sono i colori predominanti della pala: l'oro, che rappresenta la luce, il blu che rappresenta il cielo e la verità e il rosso che rappresenta il sangue, il fuoco e l'amore.

L'opera d'arte forse più famosa della chiesa è l'altare Berswordt, opera del 1390 intitolata al suo donatore. Si tratta di un trittico nella cui parte anteriore è illustrata la Passione di Cristo e nella parte anteriore l'Annunciazione.

Nel centro di Dortmund si trova anche l'antico Municipio, costruito nel 1899 in stile neo rinascimentale. Come molti altri edifici di Dortmund, il Municipio è stato pesantemente danneggiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Nella facciata sono esposti gli stemmi di otto città anseatiche e vi si sono ospitate due figure allegoriche. Quella a sinistra rappresenta il periodo sanguinoso dell'epoca medioevale, mentre quella a destra rappresenta l'era industriale.

Passeggiando nel centro cittadino, oggi per lo più zona pedonale, si possono ammirare diverse piazze. La più famosa è certamente la "Alte Markt" la piazza dell'antico mercato, in cui si trovano ancora oggi il quartier generale della fabbrica di birra "Privatbrauerei Dortmunder Kronen", un'azienda che vanta oltre 500 anni di storia e la farmacia Adler, la più antica farmacia della Renania Vestfalia, le cui prime notizie risalgono addirittura al 1322. Nella cantina della farmacia si trova il museo della farmacia, in cui, su una superficie di 100 metri quadri, si possono apprezzare l'antico laboratorio e la stanza delle erbe.

La "Hansaplatz", che sorge vicina alla piazza dell'antico mercato, ospita per tre volte alla settimana il mercato ed è il palcoscenico privilegiato per celebrazioni e manifestazioni. La piazza è tuttavia famosa soprattutto per il grande albero di Natale che viene ospitato nel periodo dei mercatini natalizi. Si tratta di un albero enorme, che si compone di 1700 piccoli abeti, che raggiungono un'altezza totale di 45 metri, illuminato da oltre 40 mila lampadine. Nel periodo natalizio la piazza viene visitata ogni anno da più di due milioni di visitatori.

La città di Dortmund offre un'ampia offerta museale in grado di soddisfare gli interessi più disparati. La forte connotazione industriale che la città ha avuto per decenni si riflette ad esempio in musei come la cokeria Hansa, che ha cessato la sua attività nel dicembre 1992. La visita inizia nella torre dello stabilimento, per proseguire poi nel cuore del centro di produzione, in cui avveniva il processo di trasformazione del carbone in coke a temperature che superavano i 1000° C.

Il Museo Industriale LWL fa parte della strada europea dell'eredità industriale (ERIH), un itinerario che comprende oltre 1000 siti che hanno contraddistinto la storia industriale europea. Il sito dove oggi è ospitato il museo industriale un tempo era una miniera di carbone, fatto che a prima vista si fa quasi fatica a credere. L'edificio si presenta infatti con una sontuosa facciata in mattoni rossi, ornata da torri merlate e timpani, con scale decorate e vi si accede attraverso un imponente viale di tigli e platani. Le diverse sezioni del museo illustrano la difficili condizioni di lavoro in cui operavano i minatori. Assolutamente straordinaria è la sala dei macchinari, alla quale si accedeva attraverso un elegante portale in stile art nouveau e nella quale si possono ammirare gli imponenti macchinari che venivano utilizzati, mentre su una parete si possono osservare i diversi attrezzi che venivano impiegati dai minatori. Nel museo si possono inoltre vedere la zona dove all'inizio del turno i minatori ricevevano un marchio con il proprio numero personale, marchio che doveva essere riconsegnato alla fine del turno. Questa procedura serviva sia come misura per il calcolo dei salari ma anche come misura di sicurezza, dato che nel caso in cui alla fine del turno mancasse un minatore dovevano iniziare subito le ricerche. Molto interessante la sezione dedicata alle lampade usate dai minatori, strumento di vitale importanza in quanto erano spesso l'unica fonte di luce di cui potevano disporre e che inoltre fornivano indicazioni in merito alla purezza dell'aria, segnalando l'eventuale presenza di metano, pericoloso per la sua esplosività.

Il museo Ostwall, dedicato all'arte moderna e contemporanea è ospitato nell'edificio "U". Il "Dortmunder U", come è conosciuto in lingua tedesca, venne costruito oltre 80 anni fa come magazzino e camera di fermentazione del birrificio Union, all'epoca uno dei più importanti birrifici di tutta Europa. La "U" di Union, opera di Ernst Neufert alta nove metri, venne aggiunta sul tetto nel 1968 e da allora è divenuta il simbolo luminoso della città, visibile anche da distante da tutti e quattro i punti cardinali.

Il Museo Ostwall ospita sculture, dipinti, oggetti e fotografie a partire dal XX secolo fino ai giorni nostri.

La storia della città e il suo patrimonio sono invece l'oggetto del museo Adlerturm e del museo per l'arte e la cultura storica. Il museo Adler ospita un'esposizione sulla storia di Dortmund in epoca medioevale. Oltre ad un modello della città medioevale, sono visibili alcuni scavi, armi storiche e oggetti di uso quotidiano. Il museo è ospitato in quella che è la ricostruzione di una torre delle mura medioevali della città.

Il museo per l'arte e la cultura storica è ospitato in un edificio in Art Déco progettato nel 1924 dall'architetto Hugo Steinbach per la cassa di risparmio cittadina. Il museo è preesistente all'edificio che lo ospita, dato che venne creato nel 1883, primo museo municipale della Ruhr. Il museo ospita reperti archeologici, folcloristici, oggetti che si rifanno alla storia locale, offrendo al visitatore un'opportunità unica per conoscere di più sulla storia e sulla cultura urbana.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

Torna su

 

Ostelli Dortmund    Ostelli Germania  Hotel Dortmund


Carte d'Allemagne      Karte von Deutschland     Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte Dortmund     Karte von Dortmund  Mapa Dortmund   Map of Dortmund