Art Nouveau

Adv.

Sei qui: Articoli informagiovani  >

Art Nouveau - Cos'è e quando nacque

 

L'Art Nouveau è stato stile internazionale innovativo di arte moderna che divenne di moda dal 1890 circa fino alla prima guerra mondiale. Nato come reazione ai disegni del XIX secolo dominati dallo storicismo in generale e dal neoclassicismo in particolare, promulgò l'idea di arte e design come parte della vita quotidiana. D'ora in poi gli artisti non avrebbero dovuto trascurare alcun oggetto di uso quotidiano, per quanto funzionale possa essere.

Art Nouveau - Cos'è e quando nacqueQuesta estetica è stata considerata piuttosto rivoluzionaria e nuova, da qui il suo nome - Nuova Arte - o Art Nouveau. Da qui anche il fatto che è stata applicata a una moltitudine di forme diverse tra cui l'architettura, la Fine Art, l'arte applicata e l'arte decorativa. Radicata in parte nella rivoluzione industriale e nel movimento delle arti e dei mestieri (Arts and Crafts), ma anche influenzata dal Giapponismo (l'influenza che l'arte giapponese ha avuto sull'Occidente, in particolare dalle stampe Ukiyo e di artisti come Hokusai e il suo più giovane contemporaneo Hiroshige) e dai disegni celtici, l'Art Nouveau ebbe un grande impulso dall'Esposizione Universale del 1900 a Parigi. In seguito si diffuse in tutta Europa e fino agli Stati Uniti e all'Australia, con nomi locali come Jugendstil (Germania), Stile Liberty (Italia), Sezessionstil (Austria) e Tiffany style (America).

Art Nouveau - Cos'è e quando nacqueUn linguaggio altamente decorativo, l'Art Nouveau impiegava tipicamente intricati motivi curvilinei di linee asimmetriche sinuose, spesso basati su forme vegetali (a volte derivate dalle forme di arte celtica di La Tene). Motivi floreali e altri motivi ispirati alle piante sono popolari disegni Art Nouveau, così come le silhouette e le forme femminili. Utilizzando una varietà di materiali, lo stile è stato utilizzato in architettura, interior design, vetreria, gioielleria, poster art e illustrazione, così come in pittura e scultura. Il movimento è stato sostituito negli anni '20 dall'Art Déco.

Art Nouveau - decorazione florealeL'Art Nouveau è solitamente considerato una questione di "stile" piuttosto che una filosofia: ma, in realtà, le idee distintive e non solo i desideri fantasiosi ne hanno suggerito l'apparizione. Comune a tutti i creatori dell'Art Nouveau era la determinazione a spingersi oltre i confini dello storicismo - che esasperava la preoccupazione per le nozioni del passato che caratterizza la maggior parte del design ottocentesco: essi cercavano, in una nuova analisi della funzione e in un attento studio delle forme naturali, una nuova estetica.

Art Nouveau - architettura interniE' vero che gli spazi esterni dell'Art Nouveau sono pieni di fantasiosa modellistica, ma c'era, al centro e intorno al centro, una meravigliosa sequenza di opere in cui il decorativo e il funzionale si fondono in un effetto nuovo e avvincente. Art Nouveau significa molto di più di un singolo aspetto o stato d'animo: ci vengono in mente erbe alte con vento leggero, o linee vorticose di acque tempestose, o vegetazione intricata - il tutto derivante da una natura organica: un interesse in cui va inteso come derivante da un senso dell'ordine della vita perso o pervertito in mezzo allo stress industriale urbano.

Definizione, Caratteristiche dell'Art Nouveau

Non esiste un'unica definizione o significato dell'Art Nouveau. Ma i fattori distintivi sono i seguenti:

  • La filosofia dell'Art Nouveau era a favore dell'applicazione del design artistico agli oggetti di uso quotidiano, per mettere a disposizione di tutti le cose belle. Nessun oggetto era troppo utilitaristico per essere "abbellito". 

  • L'Art Nouveau non prevedeva, in linea di principio, una separazione tra l'arte fine (pittura e scultura) e le arti applicate o decorative (ceramica, mobili e altri oggetti pratici).

  • Nei contenuti, lo stile era una reazione ad un mondo dell'arte dominato dalla precisa geometria delle forme neoclassiche. Cercava un nuovo linguaggio grafico, il più lontano possibile dai modelli storici e classici utilizzati dalle accademie d'arte.

  • L'Art Nouveau rimane una sorta di termine ombrello che abbraccia una varietà di interpretazioni stilistiche: alcuni artisti hanno utilizzato nuovi materiali a basso costo e metodi di produzione di massa, mentre altri hanno utilizzato materiali più costosi e apprezzato l'alta artigianalità.

Tipi di disegni e modelli

Art Nouveau - Gaudì BarcellonaIn linea con la filosofia dell'Art Nouveau, secondo la quale l'arte deve diventare parte della vita di tutti i giorni, vengono utilizzati motivi decorativi piatti che possono essere utilizzati in tutte le forme d'arte. Elementi decorativi tipici includono motivi di foglie e viticci, forme organiche intrecciate, per lo più di forma curva, anche se i disegni ad angolo retto erano prevalenti anche in Scozia e in Austria. L'arte realizzata in questo stile raffigurava tipicamente uccelli sontuosi, fiori, insetti e altre figure zoomorfe, così come i capelli e i corpi sinuosi delle belle donne. Per i progetti architettonici Art Nouveau, si possono vedere esempi nelle forme dell'architetto spagnolo Antoni Gaudi (1852-1926), e negli ingressi stilistici della metropolitana parigina di Hector Guimard (1867-1942).

Storia dell'Art Nouveau

Il termine "Art Nouveau" deriva dal nome della galleria d'arte parigina, chiamata "La Maison de l'Art Nouveau", di proprietà del collezionista d'avanguardia Siegfried Bing (1838-1905), che esponeva opere create in stile Art Nouveau. La reputazione e la fama della galleria fu notevolmente rafforzata dalle installazioni di mobili moderni, arazzi e oggetti d'arte all'Esposizione Universale del 1900, da cui il nome della galleria divenne quasi sinonimo di stile.

Contemporaneamente, in Belgio lo stile fu promosso da Les Vingt e La Libre Esthetique, mentre in Germania lo stile fu divulgato e promosso da una rivista chiamata Jugend: Münchner illustrierte Wochenschrift für Kunst und Leben (Giovane: il settimanale illustrato d'arte e stile di vita di Monaco di Baviera), ecco perché l'Art Nouveau in tedesco - insieme a quella olandese, dei paesi baltici e dei paesi nordici - è stata da allora conosciuta come "Jugendstil" (stile giovane). In Austria, l'Art Nouveau è stata divulgata per la prima volta dagli artisti della Secessione di Vienna, portando all'adozione del nome "Sezessionstil". Infatti, i secessionisti viennesi, come Joseph Maria Olbrich (1867-1908), influenzarono l'arte e l'architettura in tutta l'Austria-Ungheria. In Germania, dopo la Secessione di Monaco (1892) e la Secessione di Berlino (1898), molti dei suoi principali professionisti si riunirono nuovamente nel 1907 come membri del Deutscher Werkbund (Federazione tedesca del lavoro).

Furono usati altri nomi temporanei che riflettevano la novità dello stile, o i suoi disegni curvilinei a nastro. In Francia, ad esempio, era noto anche come "le style moderne" o "le style nouille" in Spagna, "arte joven" (arte giovane); in Italia "arte nuova" e nei Paesi Bassi "Nieuwe kunst". Lo stile prende il nome anche da alcuni dei suoi esponenti o promotori. Ad esempio, gli ingressi della metropolitana parigina di Hector Guimard hanno portato al nome temporaneo di "Style Metro" in America il movimento è stato chiamato "stile Tiffany" a causa del suo legame con il vetraio e gioielliere Louis Comfort Tiffany.

Evoluzione dell'Art Nouveau

Le origini dell'Art Nouveau non sono chiare, anche se la maggior parte degli storici dell'arte concordano sul fatto che le sue radici affondano nel movimento inglese Arts and Crafts Movement, sostenuto dal medievalista William Morris, così come nella prospettiva piatta e nei colori forti delle xilografie giapponesi. Questo idioma è rafforzato dall'ondata di "Giapponismo" che tra gli anni ottanta e novanta del XIX secolo, e dagli stili di pittura decorativa di Sintetismo (Gauguin) e Cloisonnismo (Bernard, Anquetin) sviluppati alla scuola di Pont-Aven in Bretagna nella pittura post impressionista.

In quanto movimento, l'Art Nouveau condivideva alcune caratteristiche con il Romanticismo, i Preraffaelliti, i Simbolisti, il Movimento delle Arti e dei Mestieri, anche se ognuno di essi differisce in modi diversi. Ad esempio, a differenza della pittura simbolista, l'Art Nouveau ha un aspetto visivo distintivo; e, a differenza del movimento artigianale Arts & Crafts Movement, gli artisti dell'Art Nouveau impiegano facilmente nuovi materiali e non voltano le spalle alle superfici prodotte in serie o lavorate.

Sono state inoltre create connessioni tra i professionisti dello Jugendstil e gli artisti di stile celtico, in particolare nel campo dei modelli astratti. Anche l'Unità nella varietà di Christopher Dresser (1859) - un trattato di botanica per artisti - ha avuto una certa influenza. Ma è Arthur Heygate Mackmurdo (1851-1942), che si ispirò a John Ruskin, scrittore e teorico dell'arte per il quale ogni motivo ornamentale deve essere ispirato dalla natura, una natura fortemente stilizzata.

Mackmurdo viene spesso identificato come il primo designer della "Nuova Arte". In effetti, il primo esempio di Art Nouveau è la varietà di motivi floreali ritmici usati da Mackmurdo nella sua copertina del libro per le chiese cittadine di Sir Christopher Wren (1883). I suoi edifici, i mobili, la grafica e i tessuti derivano sicuramente, anche se non esclusivamente, dal mondo naturale, trasmettono un forte senso dei materiali e sono strutturalmente elementari. Mackmurdo accettò buona parte del coinvolgimento di Ruskin nelle condizioni sociali ed economiche dell'arte e alla fine si rivolse alla composizione di trattati politici. Qualunque sia la sua origine esatta, l'Art Nouveau trasse enormi benefici dall'esposizione a mostre internazionali come l'Esposizione Universale di Parigi (1900) e l'Esposizione Internazionale d'Arte Decorativa Moderna di Torino (1902), oltre a singoli punti vendita come Liberty & Co di Londra e "Maison de l'Art Nouveau" di Siegfried Bing.

Lo stile si considera terminato nell'opera di Charles Rennie Mackintosh (1868-1928), figura chiave della Glasgow School of Painting (1880-1915). Pittore, architetto e designer, inizialmente attratto dalla libertà creativa dell'Art Nouveau e dal suo incoraggiamento alla fantasia, di cui utilizzò tuttavia un trattamento più fresco. Gli elementi essenziali del suo passaggio possono essere rintracciati in un unico luogo, k'edificio della Glasgow School of Art. Un sistema di forme curvilinee ripetute nell'edificio principale (1897-9) lascia il posto alle linee verticali e orizzontali rette nella biblioteca (1907-9): il nuovo ordine passa ad un nuovo ordine. Da quel momento in poi, la necessità e il desiderio di economia di mezzi, il desiderio di sfruttare una facile replicazione meccanica, diventano dominanti. Sia l'architettura che le arti applicate creano un'etica e un'estetica basata su nozioni di utilità più meschine. Se capitate a Glasgow, visitate questi luoghi, sono davvero emblematici.

Applicazioni dell'Art Nouveau

I disegni Art Nouveau erano più comuni in vetreria, gioielli e altri oggetti decorativi come la ceramica. Ma lo stile è stato applicato anche ai tessuti, all'argento per la casa, agli utensili domestici, ai portasigarette, ai mobili e all'illuminazione, così come al disegno, alla cartellonistica, alla pittura e all'illustrazione di libri. La progettazione teatrale di scenografie e costumi era un altro settore in cui il nuovo stile fiorì. I migliori esempi sono i disegni creati da Leon Bakst (1866-1924) e Alexander Benois (1870-1960) per Diaghilev e i Balletti Russi. L'Art Nouveau ebbe una forte applicazione anche nel campo dell'architettura e dell'interior design. In quest'area esemplificava un approccio più umanistico e meno funzionalista all'ambiente urbano. Le iperbole e le parabole delle finestre, degli archi e delle porte erano tipiche, così come le forme vegetali per le modanature. Gli interior designer dell'Art Nouveau aggiornarono alcuni degli elementi più astratti dello stile rococò, come le decorazioni a fiamma o a conchiglia, e hanno anche utilizzato forme organiche altamente stilizzate, ampliando il repertorio 'naturale' per includere alghe, erbe e insetti. I progetti architettonici in stile Art Nouveau hanno fatto ampio uso di ferro a vista e di grandi pezzi di vetro irregolari.

Vetro decorativo e gioielli in stile Art Nouveau

In entrambe le aree del vetro decorativo e dei gioielli, l'Art Nouveau trova un'espressione straordinaria, come dimostrano le opere di Louis Comfort Tiffany a New York, Charles Rennie Mackintosh a Glasgow e Emile Galle e i fratelli Daum a Nancy, in Francia. I gioielli del periodo Art Nouveau vedono nuovi livelli di virtuosismo nella smaltatura e l'introduzione di nuovi materiali come il vetro stampato, il corno e l'avorio. La crescita dell'interesse per l'arte giapponese (una moda conosciuta come Giapponismo), insieme ad un maggiore rispetto per le abilità giapponesi nella lavorazione dei metalli, stimolò anche nuovi temi e approcci all'ornamento. Di conseguenza, i gioiellieri smettono di considerarsi semplici artigiani che hanno il compito di incastonare pietre preziose come i diamanti e cominciano a considerarsi artisti-designer. Nasce un nuovo tipo di gioielli Art Nouveau che dipende meno dal contenuto di gemme e più dal lavoro di disegno. I gioiellieri di Parigi e di Bruxelles erano in prima linea nel movimento Art Nouveau e fu in queste città che ottenne il maggior successo. In America, Louis Comfort Tiffany (1848-92) fu un avventuroso creatore di oggetti di lusso, soprattutto in vetro, spesso utilizzando il bagliore della seta a pallini di iridescenza metallica e ispirandosi ai fiori e alle piume. L'azienda di Tiffany ebbe un enorme successo e i suoi prodotti furono molto imitati.

Architettura Art Nouveau

L'architettura Art Nouveau è stato uno dei grandi impulsi culturali onnipresenti, che si sono manifestati virtualmente in tutta Europa e Scandinavia, e anche in America.  Una tensione molto vigorosa si sviluppa in Belgio, dove Henri van de Velde (1863-1937) elimina le convenzioni dell'arte e dell'architettura a favore di uno stile floreale piuttosto rigido (la sua casa di Uccle, 1895), mentre Victor Horta (1861-1947) sembra aver superato il regolamento attraverso un labirinto di fatti botanici (l'Hotel Tassel, 1892-3, e la Maison du Peuple, 1896-9 a Bruxelles). Horta fu ampiamente ammirato per la sua disponibilità a riconsiderare i problemi progettuali di base e per la fluidità dei suoi adattamenti dei principi organici. Per la casa di Tassel, l'artista apre il centro in una sorta di giardino d'inverno in cui i supporti in ghisa a vista sono essi stessi piante stilizzate. E per Maison du Peuple, costruita attorno a una sinuosa struttura in ferro, ogni elemento decorativo nasce dal contenimento delle sollecitazioni.

In Francia, l'architettura ottocentesca in stile Art Nouveau ha il sigillo di approvazione dello Stato quando i progetti di Guimard per le stazioni della metropolitana di Parigi vengono accettati, e sopra le metropolitane (1898-1900) germogliano elaborate composizioni di ferro e vetro che ricordano grandi germogli di fagioli e baccelli. Hector Guimard (1867-1942) aveva apprezzato il lavoro di Horta a Bruxelles e sperava di estendere la sua radicale rottura del comportamento architettonico previsto. Ma i risultati più spettacolari della decisione di ripensare il progetto da zero, per così dire, si trovano in Spagna. Antoni Gaudí (1852-1926) concepì per Barcellona una serie di stravaganze architettoniche, apparentemente pervase da pensieri della natura nelle sue manifestazioni meno attraenti. Il Palacio Guell (1885-9) ha già il riflusso e il flusso, l'asimmetria ritmica dei suoi sforzi maturi, ma è relativamente urbano. La Casa Mila (1905-07) è un insieme tumultuoso di pietra forata e ferro torciglione, con una pianta che ignora del tutto l'angolo retto. E la Basilica della Sagrada Familia (1884, incompiuta) entusiasma il visitatore, con le sue quattro torri come mostri in decomposizione: assomiglia, nel complesso, a un orto in preda a qualche virus feroce e che muta liberamente. Nel frattempo, in America, i giganteschi blocchi di uffici di Louis Sullivan (1856-1924) - il Wainwright Building, St Louis (1890), il Guaranty Building, Buffalo (1894), il Carson, Pirie & Scott Store, Chicago (1899-1904) - rivelano nelle loro facciate, nei loro interni a nido d'ape e nelle strisce e pannelli che dividono le celle un tripudio di ornamenti vegetali.

I progetti architettonici Art Nouveau si sono diffusi in molte parti dell'Europa centrale e orientale, tra cui la Lettonia (Riga), la Repubblica Ceca (Praga), la Polonia (Cracovia), la Slovenia (Lubiana) e l'Italia. Tra i principali architetti e designer dell'Art Nouveau vi furono l'ungherese Odon Lechner (1845-1914), il francese Hector Guimard (1867-1942), lo spagnolo Antoni Gaudi (1852-1926), il belga Victor Horta (1861-1947), i viennesi Otto Wagner (1841-1918) e Joseph Maria Olbrich (1867-1908), gli italiani Ernesto Basile, Raimondo d'Aronco, Giuseppe Sommaruga, Pietro Fenoglio, solo per citarne alcuni. Più lontano, esempi di edifici in stile Art Nouveau si possono vedere in Sud America (Montevideo di Uraguay) e in Australia.



Artisti famosi dell'Art Nouveau

I due maggiori artisti grafici del movimento Art Nouveau furono il litografo francese Jules Cheret (1836-1932), la cui invenzione della "cromolitografia a tre pietre" rese possibile l'arte del manifesto Art Nouveau, e il litografo e designer ceco Alphonse Mucha (1860-1939), i cui celebri manifesti incarnano il linguaggio Art Nouveau. Emile Galle di Francia e Louis Comfort Tiffany degli Stati Uniti erano famosi per i loro coloratissimi oggetti in vetro Art Nouveau, così come gli artisti inglesi Aubrey Beardsley e Walter Crane per i loro meravigliosi disegni Art Nouveau. Altri artisti famosi coinvolti nella "nuova arte" furono: il designer francese di gioielli Rene Lalique, il pittore viennese Gustav Klimt, il designer teatrale e artista polacco del vetro colorato Stanislaw Wyspianski, e l'architetto e designer scozzese Charles Rennie Mackintosh (1868-1928), direttore della Glasgow School of Art.

Eredità e influenza dell'Art Nouveau

Mentre l'Art Nouveau promuoveva un'adozione più diffusa del design "bello", non riduceva il valore della macchina o della produzione di massa (come faceva il Movimento Arti e Mestieri), ma sfruttava invece molte innovazioni tecnologiche della fine del XIX secolo. Anche così, durante la prima guerra mondiale, soccombeva ai processi di progettazione più snelli che cominciavano ad essere disponibili.

Forse la sua maggiore influenza fu sui sostenitori del design integrato del XX secolo, come la scuola tedesca di design Bauhaus e il movimento olandese di design De Stijl; e l'arte grafica, come l'illustrazione e il poster-design.

Oggi, l'Art Nouveau è considerata un importante ponte tra neoclassicismo e modernismo e alcuni dei suoi monumenti sono iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, in particolare il centro storico di Riga, in Lettonia, con oltre 750 edifici in stile Art Nouveau.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

Torna su

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal