Palau Guell

Sei qui: Cosa vedere a Barcellona >

Palau Guell

"L'inferriata del portone principale del Palau Guell, groviglio di rettili in ferro battuto, potrebbe essere considerata l'atto di nascita dell'Art Nouveau", questo secondo l'architetto e saggista italiano Paolo Portoghesi, il padre del neomodernismo italiano.

Il Palazzo Guell (Palau Guell in catalano) a Barcellona è stato disegnato dall'architetto Antoni Gaudí: fa parte, come tutte le sue opere, del movimento del modernismo catalano ed è stato dichiarato dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. Si trova in calle Nou de la Rambla, vicino al porto e al lungomare. E' stato costruito tra il 1885 e il 1890 su incarico di Eusebi Guell, un industriale che ammirava molto l'artista e finanziò diverse sue opere, tra cui anche il celebre Parc Guëll. Fu il primo incarico importante per Gaudì, che si avvalse dell'aiuto del suo collaboratore Berenguer.

 

Palau Guell - BarcellonaQuesta opera appartiene al periodo orientalista dell'architetto catalano (più o meno tra il 1883 e il 1888), in cui realizza una serie di opere traendo ispirazione dall'arte del vicino e del lontano oriente (India, Persia, Giappone), così come dall'arte islamica spagnola e fa largo utilizzo di piastrelle di ceramica, archi di catenaria e altri elementi. Sul tetto ci sono 20 camini, che Gaudì considerava elementi decorativi più che funzionali: da qua inizia a lavorare su un modo di disegnare i caminetti che si porterà dietro anche nelle sue opere successive, per arrivare all'apice con creazioni spettacolari nella Casa Milà.

Il palazzo ha una pianta rettangolare di 18x22 metri, ed un edificio attiguo a sud-ovest di 6x20. I muri delle facciate sono di pietra naturale, così come i pilastri. L'edificio si divide in diversi piani con funzioni differenti e un ingresso enorme: nel seminterrato c'erano le stalle, al piano terra l'ingresso, la portineria e varie aree di servizio, il soppalco era per l'area amministrativa, il piano principale per quella sociale, il secondo piano per quella privata (camere da letto, bagni), il terzo quella di servizio, con cucina e lavanderia e infine il tetto.

Architettura di Barcellona - Palau GuellGaudì ha disegnato sia gli interni che gli esterni con ricche decorazioni in stile mudejar (stile spagnolo che univa elementi cristiani ed arabi), tra cui soffitti a cassettoni in legno e ferro. Inoltre, ha curato personalmente nel dettaglio aspetti come l'illuminazione, la ventilazione e l'isolamento acustico dall'esterno.

Per quanto riguarda la facciata, dato che la strada davanti al palazzo non è molto larga, risulta difficile farla entrare tutta nel proprio campo visivo, poiché è di proporzioni monumentali. E' divisa in tre livelli: il primo corrisponde al seminterrato e al piano terra, è fatto di pietra tagliata e levigata e comprende le porte di accesso, che hanno la forma di archi parabolici, mentre sulla destra si trova l'entrata di servizio e una serie di finestre protette da una rete di ferro. Le due porte presentano nella parte superiore delle griglie in ferro battuto che rappresentano due serpenti che con la coda formano la lettera G di Guell. In mezzo alle due porte si trova invece un reticolo in ferro ornato con lo scudo della Catalogna e un casco con un drago alato. Al secondo livello c'è il piano principale, sostenuto da 21 staffe e fatto di pietra levigata. Il terzo livello, infine, corrisponde al secondo e terzo piano del palazzo, ed è coperto di pietra lavorata: al secondo piano si trovano 5 finestre affiancate da due balconi, mentre al terzo una fila di piccole finestre ed è coronato da una balaustra con merlature.

Palau Guell - BarcellonaL'entrata ha dimensioni gigantesche, dato che era pensata in modo che i visitatori potessero accedervi direttamente a cavallo o in carrozza. Poi i cavalli venivano portati nelle stalle nel seminterrato (soluzione del tutto innovativa per l'epoca), a cui si accedeva attraverso un'ingegnosa rampa elicoidale.

La facciata posteriore si affaccia sul patio ed è divisa in due ordini: quello inferiore corrisponde al piano principale, dove si trova un cortile a cui si accede attraverso la sala da pranzo; presenta una tribuna con persiane di legno e rivestita di piastrelle azzurre e nere, con due finestre in metallo sui lati e ai fianchi due piccole porte di accesso alla terrazza, oltre ad una passatella che comunica con il l'edificio annesso. Il livello superiore è separato da questo da una fascia di pietra che sporge dal muro. Sopra la facciata troviamo una sporgenza in pietra con una ringhiera in ferro.

Architettura di Barcellona - Palau Guell InternoL'interno dell'edificio è stato concepito per armonizzare la vita pubblica e quella privata, l'area destinata alla famiglia e quella ai servizi. Per questo, l'ingresso al piano terra si collega direttamente con le varie parti dell'edificio: al centro troviamo la scala principale, in fondo lo spazio per le carrozze e l'accesso al seminterrato, a est la portineria e ad ovest la scala di servizio. Seguendo la scala principale si arriva al primo mezzanino, dove a destra si trova l'ufficio del signor Guell, la biblioteca e le stanze per l'amministrazione e l'archivio, mentre a sinistra si trova un atrio e una sala per il riposo. Da questo atrio parte la scala d'onore che dà accesso a piano principale, organizzato intorno a un grande salone centrale di 80 metri quadrati e alto come tre piani (quasi 18 metri). Questo salone è il nucleo centrale dell'edificio ed è circondato dalle stanze principali: ha una copertura fatta con una doppia cupola con profilo a parabola all'interno e conica all'esterno, soluzione tipica dell'arte bizantina. Questa cupola poggia su archi parabolici identici ed è perforata con piccole finestre circolari che lasciano entrare la luce naturale, ed ha un rivestimento di lastre di alabastro rosso a forma esagonale. Questo salone è riccamente decorato, con mobilio ed opere d'arte di grande valore, tra cui varie pitture ad olio del pittore catalano Aleix Clapés: Santa Isabella regina di Ungheria che dona la sua corona ad una persona povera, Famiglia contadina pregando ai piedi di una croce termale, e Bambine che giocano.

Tra il mobilio, spicca un divano di alabastro e broccato disegnato da Gaudì stesso. Da non perdere a lato del salone la cappella decorata con dipinti dei dodici apostoli, sempre opera di Clapés. Dal lato est del salone parte una scalinata che porta al soppalco del piano principale, dove normalmente stavano i musicisti durante le feste organizzate da Guell. Da qui un'altra scala dà accesso al secondo piano, in cui tra le varie stanze spicca quella centrale, decorata da un ciclo di pitture (opera del pittore Alexandre de Riquer) dedicate a Santa Isabella di Ungheria, in omaggio alla moglie di Guell, Isabel Lopez Bru. Tra il mobilio di questo piano è da notare una chaise lingue in stile Secondo Impero Francese, che si trova nella camera principale ed era normalmente usata dalla moglie di Guell: anche questa è stata disegnata da Gaudì. Infine al terzo piano le stanze di servizio e la scala per arrivare al tetto.

Architettura di Barcellona - Palau GuellIl tetto è enorme: 481metri quadri, su quattro livelli. Il più grande è in corrispondenza del nucleo centrale dell'edificio ed ospita 14 camini, quattro lunette a forma di conchiglie, i lucernari e la lanterna in corrispondenza della cupola centrale. Il secondo livello del tetto è in corrispondenza dell'edificio annesso ed ha 6 camini, il terzo è sopra la scala di servizio ed il quarto sopra la cassa dell'organo, che fu perso durante la guerra civile e poi ricostruito in tempi recenti.

I camini hanno una funzione decorativa importante che tornerà in molte altre opere di Gaudì: 14 sono costruiti con mattoni mentre 6 sono con pietra a vista. Ricoperti di ceramica, vetro, marmo e porcellana, presentano disegni vari, tutti con colori molto vivi. Quasi tutti hanno forma tronco-conica o tronco-piramidale, con capitelli di forma conica o sferica.

Spicca inoltre l'alta guglia a forma di lanterna che funge da copertura esterna della cupola del salone principale, coperta anch'essa di ceramica e sormontata da un parafulmine di ferro con raffigurazioni della rosa dei venti, una mazza e una croce greca. E' a forma conica ed alta 16 metri, con 8 finestre che illuminano l'interno del salone, mentre sopra ancora dodici aperture a forma di rombo permettono la ventilazione degli interni.

Palau Guell

Nou de la Rambla, 3-5
Telefono: +34 933 179 974 www.palauguell.cat
Metro: Liceu (L3) Bus Turistic: Colom - Museu Marítim

Orari di apertura
aprile-settembre : 10-20,00
ottobre-Marzo: 10-17,30
Lunedi chiuso.
Chiuso a 25. e 26. Dice. 1. Jan e 6-13 gennaio
Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura.

Prezzo dei biglietti
Pieno: € 12,00
Ridotto: € 8,00

Consigli per la visita del Palau Güell
Pianificare circa 1,5 ore per la visita. Dopo aver acquistato i biglietti al botteghino, talvolta può accadere che si deve attendere qualche minuto, perché solo un certo numero di persone è permesso di essere ammessi allo stesso tempo.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Barcellona   Ostelli Spagna     Hotel Barcellona  Hotel Spagna

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

Carte de Barcelone   Karte von  Barcelona   Mapa Barcelona   Map of Barcelona