Alfons Mucha

Adv.

Vita di Alfons Mucha - Biografia e opere

 

Uno dei grandi pionieri della cartellonistica, l'artista e pittore ceco Alphonse Mucha (o Alfons) divenne famoso per il suo manifesto a grandezza naturale del 1894 per Sarah Bernhardt nel ruolo di Gismonda. Questo manifesto riccamente strutturato portò a un contratto di 6 anni e fu la base del successo di Mucha come progettista archetipo dell'Art Nouveau, che infuse all'arte decorativa una nuova estetica.

 

Vita di Alfons Mucha - Biografia e opereI "panneaux décoratifs" di Alphonse Marie Mucha, come divenne noto per i suoi trascorsi francesi, sono diventati da subito dei pezzi da collezione. D'altra parte a Parigi, già all'indomani della seconda guerra mondiale, si riconoscevano i segni di un revival dell'Art Nouveau e all'inizio degli Anni Sessanta le bottegucce sulla Rive Gauche cominciavano a specializzarsi nella vendita degli oggetti d'arte della Belle Epoque. Nell'epoca dei posters d'autore, come quelli di Chóret o di Toulouse-Lautrec Mucha seppe creare uno stile completamente nuovo, "le style Mucha" che influenzò l'abbigliamento, i colori, l'arredamento d'interni e perfino gli ingressi del Mètro, tanto da far prendere come elemento di decorazione a Hector Guimard, architetto di questi ingressi, il gambo e non il fiore. Eppure, per lui come per molti altri, fu l'oscura macchinazione del caso a fargli cambiare la vita per sempre, a dargli la celebrità e nel contempo a cambiare in parte in nostro immaginario quotidiano nell'arte, nella pubblicità, nell'architettura e nell'oggettistica quando, la notte di Natale del 1894, si trovò a disegnare in gran fretta nell'Imprimerie Lemercier una nuova locandina per la Gismonda di Sardou, che doveva andare in scena al Théàtre de la Renaissance la notte di San Silvestro, interpretata dalla diva parigina Sarah Bernhardt, colei che lei che Victor Hugo amava chiamare "la voce d’oro".

 

"Non avevo abiti. Così mi arrangiai con un frac preso a nolo per dieci franchi. Visto che nessuno dei pantaloni m’andava bene, mi sono deciso a metterne uno dei miei, accettabili se non li si guardava da vicino. Così vestito, e abbandonata l’idea dell’anatra arrosto, mi sono seduto in un angolo della sala con un quaderno per bozze e un pugno di matite".

 

Sara BernhardLo stampatore Brunhoff, sollecitato da Sarah Bernhard a creare un nuovo manifesto per lo spettacolo Gismonda prima della fine dell’anno non ha illustratori a disposizione. L’unico disponibile durante le feste è il giovane Mucha, che fino ad allora non aveva realizzato cose di questo tipo. Il giovane Alfons, che qui si faceva già chiamare Alphonse alla francese, si mise al lavoro, notte e giorno e prima della fine dell’anno, qualcosa di rivoluzionario tappezzò i muri di Parigi. L'immagine della Bernhardt vestita di una tunica cesellata d'oro, con una ghirlanda di fiori posata su una cascata di capelli rossi, e un ramo di lauro portato con delicatezza.

 

È qualcosa di mai visto, uno stile completamente diverso dal passato, un "arte nuova": ori, spirali, cesellature, colori pastello, tutti dettagli che diventeranno presto il marchio di fabbrica dell’artista, "le style Mucha" appunto.

 

Sara BernhardDa quel giorno per sei anni, la Bernhardt lo impegnò con un contratto esclusivo a realizzare per lei scene, costumi e locandine. Per l'artista senza un soldo, che viveva in un piccolo studio sopra un ristorante dove era solito andare a credito, si spalancarono le porte della bella società parigina, in quel periodo rimasto indimenticabile pochi anni prima della tragedia della Prima Guerra Mondiale conosciuto come "Belle Époque".

 

Per Mucha da qui in poi videro la luce cartelloni divenuti poi famosissimi per opere quali Médée, La Samaritaine, La Dame aux camélias, La Tosca, Lorenzaccio, per citare soltanto le più riprodotte. "Tu mi chiedi di presentarti il pubblico di Parigi. Bene, mio caro amico, segui il mio consiglio: esponi i tuoi lavori, parleranno per te, conosco bene il mio caro pubblico parigino. La delicatezza dei tuoi disegni, l'originalità delle composizioni, i teneri colori dei manifesti e dei pannelli, tutto ciò li affascinerà e dopo la mostra io predico la fama per te". 

 

Così Sarah Bernhardt scriveva all'amicò "Alphonse! nel 1897, alla vigilia della sua prima personale al Salon des Cent che, secondo le profezie, gli valse poi la nomina a Cavaliere della Legion d'onore. Il successo popolare gli veniva dall'attrattiva dei soggetti; era conosciuto come l'artista supremo delle donne e dei fiori. Deliziosa, giovane, di una sensualità apparentemente virginale, "la donna Mucha" distende il corpo in una serie di pose eleganti, voluttuose, disegnate per enfatizzare le curve naturali della figura femminile, curve che trovano eco e sviluppo nella complessa, lussureggiante acconciatura, che i critici contemporanei di Mucha definirono un vero marchio di fabbrica, descrivendola con termini come "vermicelli" o "macaroni".

 

Ma Mucha, a differenza di Gauguin e Lautrec con i quali frequentava la Cremerie di Madame Charlotte, non si concedeva lunghe bevute o corse dietro alle donne: l'enfant prodige che sapeva disegnare prima ancora che camminare e parlare, continuava a lavorare tutto il giorno. Sulle storie romantiche di queste giornate parigine (durate 20 anni) riuscì a mantenere un assoluto riserbo, dal quale affiora solo un nome misterioso: Berthe de Lalande. Quando all'inizio degli Anni Settanta furono nuovamente scoperte le fotografie di Mucha, Aaron Scharf, indiscussa autorità nel campo delle relazioni fra arte e fotografia, definì quella fra Mucha fotografo e Mucha disegnatore una relazione di simbiosi: le fotografie, materia prima espressiva per disegni e pannelli, ritornavano espresse nelle opere stesse. I contorni accentuati, l'ossessione di curve e cerchi, l'orrore dello spazio vuoto che gli faceva bilanciare linea con linea fino ad arrivare ad un intrico di arabeschi, i simboli occulti come quello dell'occhio aperto, lo stile, l'intero lavoro di Mucha ebbe precursori e imitatori, ma la sua particolare combinazione dei segni, l'istintivo disporsi dell'ornamento dello spazio, I capelli distesi a formare una componente decorativa essenziale, rimasero per sempre inimitabili.

 

Oltre alle litografie per manifesti, la sua produzione comprese copertine di libri, illustrazioni, calendari, francobolli, imballaggi, tessuti, gioielli e vetrate, il tutto eseguito in un linguaggio riccamente decorato noto come "Le Style Mucha".

Questo stile influenzò un'intera generazione di pittori e grafici: nella mente di molti, infatti, il suo lavoro incarna il movimento Art Nouveau. Una mostra della sua litografia, tenutasi a Parigi, viaggio in altre città europee prima di raggiungere New York. Il successo di Mucha come cartellonista finanziò i suoi viaggi e studi in America prima di tornare nei suoi luoghi d'origine dove realizza Epopea slava (1909-28), una serie di 20 monumentali murales che delineano la storia della sua nazione. Fervente patriota, Mucha assistette anche alla nascita giovane nazione cecoslovacca con il disegno grafico delle sue banconote e dei suoi francobolli.

Giovinezza

Alfons Maria Mucha nacque il 24 Luglio 1860 in una rigida famiglia cattolica nella città di Ivancice, in Moravia, allora parte dell'Impero Austro-Ungarico, ora parte della Repubblica Ceca. All'età di 15 anni il suo talento per il canto venne sostituita dalla passione per il disegno disegno. A 17 anni si iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Praga, ma venne respinto. Non motivato, continuò con i suoi corsi di disegno, e due anni dopo ottenne un lavoro a Vienna dipingendo scenografie per il teatro. Fu così che iniziò a sviluppare per la prima volta i suoi ricchi disegni decorativi. Dopo avere perso il lavoro, Mucha tornò in Moravia adattandosi a dipingere ritratti per sbarcare il lunario. Qui fece la conoscenza del conte Karl Khuen-Belassi, che gli commissionò di decorare il Castello di Hrusovany Emmahof con una serie di pitture murali. Khuen-Belassi fu così colpito dal lavoro del giovane Mucha che accettò di pagare per la formazione dell'artista presso l'Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera.

Poster

Nel 1887, dopo aver completato gli studi a Monaco di Baviera, Mucha si trasferì quindi a Parigi, la Mecca degli aspiranti artisti, dove proseguì gli studi artistici all'Accademia Julian e all'Accademia Colarossi. Il suo principale interesse accademico era la pittura storica, ma anche il movimento simbolista. Inoltre, per mantenersi, iniziò a disegnare illustrazioni per libri e riviste. Nel 1892 disegnò il suo primo manifesto pubblicitario, settore che trovò ancora più redditizio per mantenersi degnamente.

Due anni dopo arrivò la sua fortunata pausa: poco prima del Natale 1894, si recò in una tipografia dove apprese che una nuova opera teatrale (Gismonda di Victorien Sardou) che apriva la nuova stagione, con Sarah Bernhardt nel ruolo di protagonista, aveva urgente bisogno di un nuovo poster pubblicitario. L'artista accettò immediatamente di realizzare un manifesto cromolitografato entro 14 giorni, e il 1° gennaio 1895 il manifesto apparve regolarmente per le strade della città.

Fino ad allora, i manifesti consistevano in genere in un'abbondante quantità di testo accompagnato da alcune illustrazioni monocromatiche o bicolori. Al contrario, il manifesto Gismonda di Mucha (1894) utilizzava un nuovo formato verticale e comprendeva molto meno testo, ma una ricca varietà di colori e dettagli decorativi. Fu una sensazione di una notte e rese Mucha immediatamente famoso. Sarah Bernhardt, allora l'attrice più famosa della città, era così felice che stipulò un contratto esclusivo di 6 anni con l'artista 34enne. Tra le molte opere che ha creato per lei, di furono: Lorenzaccio (1896), La Traviata di Giuseppe Verdi (1896), La Samaritana (1897), Medea (1898), Tosca (1899) di Giacomo Puccini e Amleto (1899). Inoltre, realizzò molte delle scenografie teatrali, scenografie e costumi al Teatro del Rinascimento, dove la Bernhardt lavorava.

Art Nouveau

Mucha produsse un gran numero di manifesti, dipinti, pubblicità e illustrazioni di libri, così come disegni d'arte applicata come imballaggi, ceramiche, gioielli, tessuti e carte da parati in quello che la critica inizialmente definì "lo stile Mucha", ma che in seguito divenne noto come Art Nouveau. I disegni di Mucha erano caratterizzati da motivi/modelli lussureggianti, spesso con belle donne (senza la sensualità morbosa tipica dell'epoca) in abiti in stile neoclassico, e aureole di fiori lussureggianti, dipinti in colori pastello pallidi. Nel 1896, disegnò le sue prime stampe a tiratura limitata di grandi dimensioni (panneaux decoratifs), solitamente eseguite su seta o carta rigida e incorniciate ornamentalmente per essere appese alle pareti o ai paraventi. I soggetti erano fortemente influenzati dalle serigrafie orientali e al "Giapponismo". I suoi più famosi panneaux decoratifs furono: Le stagioni (1896), I fiori (1898), Le arti (1898), I mesi (1899), Pietre preziose (1900) e Stelle (1901).

Altri progetti

Nel 1897, Mucha tenne la sua prima mostra personale alla Galerie La Bodiniere. Nel corso dello stesso anno, al Salon de Cent viene allestita una seconda, più ampia mostra della sua arte grafica. Il Salon des Cent era una mostra d'arte commerciale a Parigi, con sede al 31 di Rue Bonaparte, che vendeva al pubblico manifesti a colori, stampe e riproduzioni di opere d'arte a prezzi ragionevoli. Molti dei manifesti che pubblicizzano le mostre del Salon des Cent sono diventati essi stessi oggetti da collezione. Mucha girò in seguito l'Europa prima di finire a New York. Contemporaneamente realizzò altri importanti manifesti pubblicitari, tra cui quelli per Bières de la Meuse (1897), Job Cigarette papers (1898), Benedictine (1898), Moet & Chandon (1899). Nello stesso periodo, l'artista iniziò a collaborare con il celebre gioielliere parigino Georges Fouquet per una serie di collane, orecchini e altri gioielli in stile Art Nouveau. L'Esposizione Universale di Parigi del 1900 contribuì a promuovere lo "stile Mucha" a livello internazionale. Oltre ad esporre esemplari del suo lavoro, l'artista decorò anche il padiglione della Bosnia-Erzegovina e collaborò alla progettazione del padiglione austriaco. Ebbe anche molto successo come ritrattista che come docente, sia in Europa che in America dove fece di quattro viaggi transatlantici tra il 1903 e il 1922.

Allontanamento dall'Art Nouveau

Nel 1902, con il declino dell'Art Nouveau, Mucha ritornò nella sua Moravia e a Praga, dove iniziò a pensare di creare una serie di opere patriottiche, mostrando la storia del popolo slavo in uno stile grandioso e neoclassico. In un certo senso questo, per alcuni, era il vero Alfons Mucha - la stessa persona che era arrivata a Parigi nel 1887 con la passione per la pittura storica classica e di alta mentalità. Per questo motivo, iniziò il compito di raccogliere fondi per finanziare il progetto. Nel 1906, a Praga, sposò Maria Chytilova, un'amica di Parigi con la quale viaggerà molto più tardi negli Stati Uniti. Fu in America che Mucha incontrò il milionario Charles Richard Crane, che accettò di sponsorizzare il suo progetto slavo, per il quale cominciò a lavorare nel 1909.

L'epopea slava

L'Epopea Slava di Mucha (1909-28, Castello Moravsky Krumlov), consiste di venti massicci murales raffiguranti la storia del popolo ceco e di altri popoli slavi. All'artista occorsero quasi 20 anni per completare questa monumentale opera, un consumo così intenso di tempo ed energia che fece quasi sparire Mucha dalla scena artistica anche se questa era considerata dallo stesso il culmine dell'opera della sua vita, e al suo completamento nel 1928 la donò alla città di Praga.

Purtroppo, i dipinti incontrarono una risposta non entusiasta da parte del pubblico, in parte a causa delle distrazioni della prima guerra mondiale, e probabilmente anche a causa del cambiamento dei gusti. E mentre il pubblico americano era più attento a questa evoluzione stilistica da parte di Mucha, il successo delle precedenti opere nello stile Art Nouveau di Mucha non fu mai più replicato. Le autorità ceche nutrirono così poco interesse per queste opere finali dell'artista che ci vollero  25 anni prima di essere fossero mostrate in pubblico. E solo negli ultimi anni Praga ha istituito un museo Mucha.

Quando le truppe tedesche invasero la Cecoslovacchia nella primavera del 1939, Mucha - come patriota e figura eminente della causa slava - fu tra le prime persone ad essere radunate dalla Gestapo di Himmler. Durante il suo interrogatorio, l'artista 78enne si ammalò di polmonite e, anche se alla fine fu rilasciato, non si riprese mai del tutto. Morì a Praga il 14 luglio 1939, a causa di un'infezione polmonare alla soglia del suo settantanovesimo compleanno.

L'arte dei manifesti di Alfons Mucha può essere oggi ammirata in alcuni dei migliori musei d'arte in Francia e nella Repubblica Ceca, tra cui da non perdere se ne avete la possibilità, il Museo Mucha di Praga.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

 

Torna su

 

 

Ostelli Praga   Ostelli Repubblica Ceca   Hotel Praga   Hotel Repubblica Ceca

Carte de Prague  Karte von Prag Mapa Praga   Map of Prague

Carte de la  republique tchèque     Karte Tschechisches Republic     Mapa República Checa   Map of the Czech Republic

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal