Cosa vedere a Praga - Le 30 cose da non perdere

Cosa vedere a Praga - Da vedere a Praga

 

  1. Castello di Praga

  2. Cattedrale di San Vito

  3. Antico Palazzo Reale

  4. Antico cimitero Ebraico

  5. Ponte Carlo

  6. Torre Zizkov

  7. Casa Danzante

  8. Vicolo d'Oro

  9. Basilica di San Giorgio

  10. Basilica di San Giacomo

  1. Cappella di Betlemme

  2. Casa della Madre Nera di Dio

  3. Antico Municipio

  4. Chiesa di San Nicola di Malá Strana

  5. Chiesa di Nostra Signora Vittoriosa

  6. Convento di Santa Agnese

  7. Convento di San Giorgio

  8. Casa del Municipio

  9. Tempio di Týn

  10. Porta delle Polveri

  1. Casa Natale di Franz Kafka

  2. Museo di Franz Kafka

  3. Nuovo Cimitero ebraico

  4. Laterna Magika

  5. Nerudova

  6. Viale Nazionale

  7. Chiesa del Loreto

  8. Quartiere di Novy Svet

  9. Monastero Klementinum

  10. Villa Bělek

 

Praga č una squisita magia a poche ore di volo e poco lontana dal nostro mondo. Una cittŕ che non si puň non visitare almeno una volta nella vita, ricchissima di attrazioni turistiche, che si riflettono sulla superficie del fiume Moldava da piů di dieci secoli. Il centro medievaledella cittŕ č uscito quasi indenne dalla Seconda guerra mondiale, e si apprezza per quella sua splendida miscela di palazzi barocchi, strade acciottolate, viali imperiali, cortili murati, cattedrali, innumerevoli chiese dalle alte guglie e altrettante caffetterie e birrerie.

 

Il tutto all'ombra di un imponente Castello, che guarda verso est mentre il sole tramonta alle sue spalle. Praga č anche una cittŕ moderna e dinamica, piena di energia, musica, arte e cultura, gastronomia ed eventi, tanto speciali da soddisfare anche la sete del piů esigente viaggiatore.

La sua posizione, nel cuore dell'Europa, alla confluenza delle rotte commerciali, degli interessi politici e delle influenze culturali, non ha mai assicurato alla cittŕ una storia tranquilla; al contrario, ne ha sicuramente garantito una piuttosto movimentata. Quanto ci sia da vedere a Praga, lo scoprirete solo leggendo la breve lista che segue: siete in una delle cittŕ piů affascinanti e belle d'Europa, meta turistica tra le piů popolari di questa parte del continente, insieme a Budapest e Cracovia.

 

Se volete essere tra i milioni di viaggiatori che la visitano ogni anno, portatevi dietro qualche piccola esperienza tutta vostra. Solo cosě avrete modo di capire cosa intendeva dire il grande compositore Richard Wagner nel 1856 " ...l'antico splendore e la bellezza di Praga, una cittŕ che non conosce paragoni, ha lasciato un'impronta nella mia immaginazione che non tramonterŕ mai".

Torna su

 

 

Antico Palazzo Reale (Stary Kralovsky palac)

(all'interno del Castello Reale)

Hradčanské náměstí,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Malostranská / tram 12, 22

Praga

Antico Palazzo Reale Fino al XVI secolo l'antico Palazzo Reale servě da sede ufficiale dei principi e re boemi, divenne poi famoso per essere stato il luogo della celebre Defenestrazioni di Praga (vedi apposito articolo) nel 1618, nell'esatto luogo della Cancelleria. All'interno č ospitata anche la monumentale Sala di Vladislao in stile tardo gotico (oggi luogo di elezione del presidente della Repubblica), riconoscibile dalla grande dimensione (tanto grande da ospitare addirittura dei giochi a cavallo) e caratterizzata dalle alte volte del soffitto. Sono da non perdere anche i Giardini Reali, che oltre al delicato disegno floreale, offrono una vista eccellente della riva orientale del fiume.

Il Palazzo Reale di Praga, in cui si puň leggere un intero periodo della storia dell'architettura, sorge sul lato orientale del terzo cortile del Castello di Praga. Si trova nel punto esatto dove in precedenza (IX secolo) si apriva una corte principesca. In seguito fu innalzato nell'XI secolo un palazzo romanico, rimaneggiato nel 1135 nell'ambito di una piů vasta opera di ristrutturazione del complesso. A partire dalla dalla metŕ del secolo XIII Otakar II (Ottocaro in italiano) lo fece ampliare notevolmente. Altri lavori seguirono durante l'impero di Carlo IV  alla fine del XV secolo.

 

Ladisao Jagellone (Ladislato II di Boemia) commissionň a Benedikt Ried le ultime modifiche di rilievo. Fino al termine del XVI secolo il palazzo svolse la funzione di residenza reale, sotto gli Asburgo la corte fu spostata a ovest e le stanze del palazzo furono trasformate in magazzini e uffici. Sotto l'odierna Vladislavsky Sál, al pianterreno e nei sotterranei, si trovano ancora i resti dell'edificio romanico, sulle quali Otakar II, Carlo IV e Venceslao IV fecero costruire nuovi settori. Il secondo piano, completamente rifatto e ampliatoal tempo di Ladisao Jagellone, ospita la Sala Ladislao, che rappresenta uno splendido esempio di raffinatezza tra gli ambienti profani del palazzo e ne costituisce il fulcro.

 

 

Torna su

 

Vicolo d'Oro (Zlatá ulička)

(all'interno del Castello Reale)

Hradčanské náměstí,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Malostranská / tram 12, 22

Praga

Vicolo d'OroIl vicolo d'oro di Praga č l'antica strada un tempo abitata dai servi del castello e dagli orafi artigiani durante il medioevo. Le abitazioni, rimaste ancora ben conservate, sono molto piccole e semplici, alcune abbellite e decorate da sgargianti colori, ma tutte intrise ancora oggi di grande mistero. Secondo le antiche leggende, le case altro non erano che dimora di laboriosi alchimisti intenti ad elaborare formule magiche ed esoterismi vari. Non dei semplici orafi quindi. In effetti, lo stesso re Rodolfo II era conosciuto per essere un appassionato delle arti magiche. Tra il 1916 e il 1917 vi abitň anche Frantz Kafka (al n. 22). Oggi, gli interni delle case sono stati trasformati in negozi di souvenir e piccole caffetterie.

Torna su

 

Basilica di San Giorgio di Praga (Bazilika Sv. Jiří)

(all'interno del Castello Reale)

Piazza Jirske náměstí,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Malostranská / tram 12, 22

Praga

Basilica di San Giorgio di Praga L'edificio piů antico del Castello di Praga, la Basilica di San Giorgio, venne edificato da Vratislao I di Boemia nel 920 ed č dedicato a San Giorgio. L'Abbazia benedettina venne aggiunta qualche tempo dopo. La colorata facciata barocca č stata aggiunta nel tardo XVII secolo, mentre l'interno (romanico, austero e monumentale) č anche luogo di sepoltura del primo santo del paese, la principessa Ludmilla, che fu vedova nel IX secolo del principe sovrano Borivoj. La Basilica serve oggi da popolare sala per concerti di musica classica. Il Convento di San Giorgio (Klášter sv. Jirí Na Hradě Prazském) ospita una esposizione della tradizionale arte ceca, ed č decorato in stile gotico e Barocco boemo. All'interno sono presenti opere come le Nove Tavole del Maestro di Brod e quelle dell'Altare del Maestro Trebon, considerato il maggiore pittore boemo dell'etŕ medievale.

Torna su


 

Basilica di San Giacomo Basilica di San Giacomo (Bazilika sv. Jakub)
Mala Stupartska 635,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Náměstí Republiky / tram 5, 14, 26.

Praga

La Basilica di San Giacomo di Praga č in particolare c onosciuta per la sua eccezi onale acustica. Fattene esperienza durante i concerti d'organo. All'interno sono presenti ben 21 altari, alcuni pregevoli affreschi, e un avambraccio umano imbalsamato (accanto alla porta). Secondo una delle tante leggende di Praga , l'arto apparteneva ad un ladro di gioielli che fece irruzione nella chiesa nel XV secolo; nella fuga, venne afferrato al braccio dalla statua della Madonna rimanendovi prigioniero. Si racconta che per liberarlo dalla presa fu necessario staccargli il braccio.

Torna su

 

Cappella di Betlemme (Betlémská kaple)
Betlémské náměstí 4,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Národní třída o Staroměstská / tram 6, 9, 18, 22.

Praga

Cappella di Betlemme Siete nel luogo in cui nel XV secolo, il teologo protestante Jan Hus sollevň le ire della gerarchia ecclesiastica con i suoi sermoni contro la fede cattolica. Fu per questo mandato al rogo come eretico nel 1415, per poi diventare un martire della causa nazionale protestante. La leggenda dice che prima d'essere bruciato egli ebbe modo di esprimere un desiderio, " che la storia potesse essere gentile con la Cappella di Betlemme". La sua richiesta venne esaudita solo molti secoli dopo, quando venne restaurata sorprendentemente dal regime Sovietico comunista, che in Jan Hus vide un rivoluzionario della classe operaia contro le forze dell'imperialismo. Le funzioni religiose vennero riprese dopo la caduta del regime.

Torna su

 

Casa della Madre Nera di Dio (Dům u Černé Matky Boží)

Ovocný trh 19

Staré Město ( Cittŕ Vecchia)

Zona: Prague 1

Trasporti: Metro Náměstí Republiky/tram 5, 8, 14

Praga

Casa della Madre Nera di Dio Josef Gočár costruě questa casa tra il 1911 e il 1912, come primo esempio di architettura cubista di Praga, rimanendo a tutt'oggi probabilmente anche il piů celebre. Anche in assenza dei dettagli storici dei palazzi in stile Barocco che lo circondano, l'edificio mantiene l'atmosfera del quartiere. Il nome deriva dalla scultura in pietra che originariamente ornava uno dei due edifici barocchi presenti sullo stesso lotto. All'interno ospita una collezione di opere uniche, concentrate sul periodo febbrile del cubismo (1910-1919), con una serie coinvolgente di dipinti di Emil Filla, Bohumil Kubista, Vincenc Benea, Josef Čapek, Antonín Procházka, Václav Spala e Jan Zrzavý.

Torna su

 

Antico Municipio (Staromestská radnice) e Orologio astronomico (orloj)

Staromestske Namesti,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Staroměstská / tram 17, 18

Praga

Antico Municipio Edificato nel 1338, il Municipio della Cittŕ Vecchia era in origine parte di un complesso di case adiacenti. Solo circa la metŕ di queste č oggi ancora in piedi, con la presente costruzione in stile gotico e rinascimentale accuratamente restaurata dopo la devastazione della Seconda guerra mondiale. Il seminterrato del XII secolo divenne quartiere generale della Resistenza durante la Rivolta di Praga del 1945. Il ticchettio dell'orologio astronomico posizionato in una parte dell'edificio, attira la curiosa folla dal lontano 1490, ogni giorno, di ora in ora. Dalle 8.00 del mattino alle 20.00 della sera, emergono in movimento dalle caditoie 12 figure in legno rappresentanti i 12 Apostoli; al di sotto, altre figure ancora oggi perfettamente conservate si animano allo scoccare dell'ora: lo scheletro rappresenta la morte, il turco la lussuria, il personaggio che tiene uno specchio in mano raffigura la vanitŕ ed infine il viandante con la borsa sta ad indicare l'avarizia. L'orologio venne progettato da matematici ed emeriti professori di astronomia dell'Universitŕ di Praga. Il quadrante funziona secondo il principio meccanico dell'astrolabio, mostrando non solo il tempo attuale, ma anche la posizione del sole, della luna e dello zodiaco, la durata della notte astronomica, il tempo secondo l'antica tradizione boema ed altri dati. Un incredibile spettacolo della meccanica. Secondo la leggenda, dopo che l'orologio venne ristrutturato alla fine del XV secolo, il mastro orologiaio Hanus, fu accecato dietro ordine del Consiglio comunale, di modo che non potesse piů ripetere l'ottimo lavoro altrove. Per vendetta egli si gettň all'interno del meccanismo dell'orologio, morendo. Da allora l'orologio rimase fuori uso per quasi un secolo.

Torna su

 

Chiesa di San Nicola di Malá Strana Chiesa di San Nicola di Malá Strana (Kostel sv. Mikuláše)

(Quartiere piccolo)

Malostranské náměstí
Zona: Praga 1
Trasporti Metro Malostranská / tram 12, 22.

Praga

Originariamente commissionata dai Gesuiti, la chiesa di San Nicola del Quartiere Piccolo ( Malá Strana)č un capolavoro del Barocco Boemo. Ha visto tre generazioni di architetti, diverse crisi finanziarie e la demolizione di gran parte del quartiere prima d'essere completata definitivamente nel 1755. L'attuale struttura č opera prevalentemente di Christoph Dientzenhofere di suo figlio Kilian Ignaz(in particolare la facciata e gli interni).

Torna su

 

Chiesa di Nostra Signora Vittoriosa e Santo Bambino di Praga ( Jezulatka Klášter Pražského)

Karmelitská 9,

Zona: Praga 1

Malá Stana

Trasporti: metro Malostranská (linea A) e 12, 20, 22, 23 per Hellichova

PraChiesa di Nostra Signora Vittoriosa e Santo Bambino di Pragaga

Chiesa seicentesca, in stile Barocco, conosciuta nella comunitŕ cattolica internazionale per ospitare una preziosa statua di cera di Gesů bambino, antica di oltre quattro secoli. Secondo la tradizione, il Santo Bambino venne presentato ai carmelitani da Polissena di Lobkowicz nel 1628 ed č venerato come una reliquia molto preziosa dai cittadini, per aver protetto lungo i secoli la cittŕ. Secondo la tradizione, le suore vestono ancora oggi la statua con un guardaroba di 70 costumi, seguendo il ritmo del calendario religioso.

Torna su

 

Convento di Santa Agnese (Klášter sv. Anežky České)

U milosrdných 17,

Zona: Prague 1

Trasporti: Metro Náměstí Republiky/tram 5, 8, 14 .

Praga

Convento di Santa AgneseIl Convento č composto da un insieme di edifici gotici e chiese risalenti al XIII secolo, nascosto in un angolo del quartiere di Stare Mesto. Una volta era la casa delle Clarisse, il cui ordine venne stabilito nel 1234 da Sant'Agnese di Boemia, sorella di Venceslao I. La santa venne canonizzata da Giovanni Paolo II durante la sua visita a Praga nel 1990. Dal 2000 č sede di parte della Galleria Nazionale ed espone una collezione dedicata all'arte gotica e boema dal 1200 al 1550. Si ricorda che durante il periodo regnante di Carlo IV (1346-1378), Praga fu una delle capitali artistiche piů importanti d'Europa ed uno dei suoi piů grandi artisti fu il Maestro di Trebon (anonimo pittore boemo conosciuto anche con il nome di Maestro di Wittingau) All'interno č possibile ammirare la sua pala d'altare con la Resurrezione di Cristo e la Madonna di Roudnice, ospitate nella sezione della Galleria Nazionale (Národni Galerie)

Torna su

Convento di San Giorgio Convento di San Giorgio (Klášter svatého Jiří)

Jiřské náměstí 33,
Zona: Praga 1

Trasporti: Metro Malostranská e il Castello Vecchio passi / tram 18, 22.

Praga

Dedicato alla tradizionale arte ceca, il convento del castello č particolarmente ricco in stile gotico e Barocco boemo, cosě come in ritratti dei santi patroni. I dipinti piů famosi della collezione sono quelli della Pala del Maestro di Hohenfurth (conosciuto anche come Maestro del Ciclo di Vyššě Brod) e del Maestro Teodorico.

Torna su

 

Casa del Municipio (Obecni Dum)
Nam. Republiky 5

(Strada Reale)

Zona: Praga 1

Trasporti: Metro Náměstí Republiky

Praga

Casa del Municipio La Casa del Municipio di Praga (da non confondere con l'antico municipio della torre dell'Orologio) venne costruita tra >il 1906 e il 1912, sulle fondamenta di quello che era il Palazzo della Corte Reale, in uso dai re boemi dal 1383 al 1483. Si tratta di uno dei piů grandi capolavori architettonici del cosiddetto revival nazionale ceco. L'interno č in stile Art Nouveau, progettato e decorato con impeccabile attenzione. Il mosaico in stile secessionista (opera di Karel Spillar) sopra l'entrata dell'edificio si confonde tra le sculture rappresentanti l'oppressione e la rinascita del popolo ceco, mentre altre sculture disposte lungo la parte superiore della facciata rappresentano la storia e le arti. La scritta " Salve a voi Praga! Coraggiosa e maliziosa per aver resistito a tutte le tempeste nel corso dei secoli" č dello scrittore ceco Svatopluk Cech (1846-1908). Ai piani alti sono disposte diverse sale: la Sala Smetana (la piů grande sala concerti di Praga), la ottagonale Primatorský sál (sala del sindaco), disegnata da Aldons Mucha e decorata con vari affreschi della mitologia ceca.

Torna su


Tempio di Týn (Kostel paní Marie pred Týnem)

Staroměstské náměstí

Zona: Praga 1

Trasporti: Staroměstská

Praga

Tempio di Týn Le grandi torri della chies a di Santa Maria di Týn, doppie e nere, caratterizzano la piazza della Cittŕ Vecchia. La chiesa prende il nome dal "Týn", la lunga recinzione che nel XIII secolo segnava il confine del mercato centrale, e al suo completamento, nel 1380, diventň sede principale del movimento protestante Hussitadel XV secolo (nonostante il nucleo originario della Riforma protestante cecač considerata la piccola cappella di Betlemme, nella Cittŕ Vecchia, la stessa dove predicava Jan Hus). Sebbene gotica all'esterno, l'interno della chiesa č decorato in stile Barocco. Si ammiri in particolare il portale nord " ulička Týnská" sormontato da una grande decorazione del Trecento, raffigurante la Crocifissione, scolpita dalla bottega artigianale dell'architetto Peter Parler. All'interno, due delle caratteristiche piů interessanti sono l'enorme altare rococň sulla parete nord e la tomba di Tycho Brahe >(in italiano conosciuto anche come Ticone) che fu un astronomo danese durante il regno di Rodolfo II.

Torna su

 

Porta delle Polveri Porta delle Polveri (Prasná brána)

Námestí Republiky,

verso la via Celetná

Staré Mesto

Zona: Praga 1

Trasporti: Metro linea B per Námestí Republiky

Praga

La Porta o torre delle polveri era un tempo parte del sistema di fortificazioni della Staré Mesto (Cittŕ Vecchia). Venne costruita nel 1475 per servire la parte orientale della cittŕ, verso la cittŕ di Kutna Hora . La torre segna l'inizio della Strada Reale, al lato opposto al Castello, la via che serviva il percorso medievale dei monarchi boemi nel giorno dell'incoronazione nella Cattedrale di San Vito. La struttura fu gravemente danneggiata durante l'invasione prussiana di Praga nel 1737. All'inizio del XX secolo č stata anche il luogo di incontro di Franz Kafka con lo scrittore Max Brod.

Torna su

 

Casa Natale di Franz KafkaCasa Natale di Franz Kafka

Náměstí Franze Kafky 3

Area: Staré Město

Trasporti: metro Staroměstská

Praga

Kafka nacque a Praga il 3 luglio 1883, in quella che allora era la via U Radnice 5, non lontano dalla chiesa di San Nicola. Viene definito come uno dei piů grani scrittori del XX secolo ed il termine "kafkiano"č diventato di uso comune per descrivere le influenze da lui lasciate. I suoi genitori erano di origine ebraica e di lingua tedesca e Praga nel periodo era una cittŕ dell'Impero austro-ungarico. Tra le sue opere piů famose si citano La metamorfosi, Il Castello, America, Il Processo.

Torna su

 

Museo di Franz Kafka Museo di Franz Kafka

Cihelná 2b

Area: Hergetova Cíhelná

Trasporti: bus 12, 20, 22, 23

Praga

Il museo si occupa della vita e dell'opera del piů famoso personaggio di Praga. Intitolato 'Cittŕ di K', l'esposizione esplora il rapporto intimo tra lo scrittore e la cittŕ attraverso lettere originali, fotografie, citazioni, giornali d'epoca e pubblicazioni, video e installazioni sonore.

Torna su

 

Nuovo Cimitero ebraico Nuovo Cimitero ebraico (Nový zidovský hrbitov)

Izraelská 1 Vinohrady

Area: Židovské hřbitovy

Trasporti: Želivského

Praga

Franz Kafka č sepolto in questo cimitero, aperto alla chiusura del vecchio cimitero ebraico. Per trovare la tomba di Kafka č necessario seguire il viale principale ad est, girare a destra al corridoio 21, poi a sinistra verso la fine del blocco. Si noti che in segno di rispetto gli uomini devono coprirsi il capo per poter entrare (lo yarmulkes, il copricapo, č disponibili al cancello d'entrata).

 

Laterna Magika (Divadlo bez Zábradlí)
Narodni Trida 40

Zona: Praha 1

Trasporti: metro Národní trída

PragaLaterna Magika

Questo č lo stage teatrale da dove Václav Havel, scrittore, drammaturgo e politico ceco, diede il via con il suo gruppo di artisti ed intellettuali al pacifico 'ribaltamento' del governo alla fine del 1989, la cosiddetta Rivoluzione di Velluto. Le dimissioni del Politburo, alla fine di novembre del 1989 portarono a grandi celebrazioni e in seguito, alla scelta dello stesso Havel a presidente della Cecoslovacchia e nel 1993 a primo presidente della Repubblica Ceca. Il locale non conserva piů l'atmosfera dei giorni gloriosi ma l'attivitŕ teatrale continua ogni sera ad raccogliere numerosi appassionati.

Torna su

 

Nerudova Nerudova

Area: Malá Strana

Trasporti: 12, 20, 22, 23 per Malostranské náměstí

Praga

La principale arteria di Malá Strana si tuffa in una ripida discesa dal castello verso la Malostranské náměstí. Oggi la via č caratterizzata da ristoranti e negozi turistici, ma č ancora possibile ammirare gli edifici dalle facciate in stile Barocco e rinascimentali. Casanova e Mozart abitarono al numero n. 33, nel Palazzo Bretfeldský, mentre lo scrittore ceco Jan Neruda (dal lui la strada prende il nome) ha vissuto al n. 47.

Torna su

 

Viale Nazionale (Národní Třída)

Area: tra la Cittŕ Vecchia (Staré Město) e la Cittŕ Nuova (Nové Město)

Praga

Viale Nazionale La strada collega il ponte di Most legii con Jungmannovo náměstí, che in epoca medievale erano parte delle mura fortificate. La Národní Třída č la via dello shopping a Praga, con una fila imponente di negozi e grandi costruzioni pubbliche. Vi troviamo in particolare il Teatro Nazionale (simbolo del revival neo-rinascimentale della nazione ceca ed uno degli edifici piů imponenti di Praga) sul fiume Moldava. Di fronte al Jungmannovo náměstí, situato all'estremitŕ orientale, troviamo un palazzo in stile veneziano conosciuto come Palazzo Adria (un tempo era l'ingresso agli uffici della compagnia di assicurazione Adriatica, da cui il nome dell'edificio). Troviamo anche il Teatro Adria, che diede i natali alla Laterna Magika e fu luogo d'incontro nei giorni esaltanti della Rivoluzione di Velluto. Lungo la strada, al n. 7 si ammiri anche la facciata in stile Art Nouveau (di Osvald Polívka) del Palazzo Viola, ex sede della compagnia di assicurazione Co Praga. La costruzione della porta accanto, una ex casa editrice, č anch'essa un design Polívka. Di fronte al teatro troviamo il palazzo di Slavia Kavarna, noto per i suoi interni in stile Art Deco e la splendida vista sul fiume.

Torna su

 

Chiesa del Loreto ( Loreta)

Loretánské nám. 7

Hradcany

Zona: Praga 1

Reasporti: Tram 22 o 23 da Malostranskáů

Praga

Chiesa del LoretoIl Loreta (dalla cittŕ di Loreto, in Italia) č una complesso religioso sede di pellegrinaggio cattolico di cui sono anche parte un chiostro, una chiesa e per l'appunto il santuario della Madonna (che secondo la leggenda sarebbe quello originario di Nazareth). Si narra che la dimora della Vergine Maria sia stata portata dalla Palestina dagli angeli nel XIII secolo. Dopo che i cattolici romani sconfissero i boemi protestanti nel 1620, la fazione di Loreto venne scelta come sede per una rinata disciplina cattolica della Boemia.

Torna su

 

Quartiere di Novy Svet
Hradčany

Trasporti: 22, da 23 a Brusnice

Praga

Quartiere di Novy Svet Un angolo particolare di Praga, lo abbiamo scoperto per caso e ce ne siamo innamorati. Nel XVI secolo, le case vennero costruite per il personale del castello in un enclave di stradine acciottolate lungo il pendio nord del Loreto. Oggi, queste stesse case sono state restaurate e dipinte in colori pastello, rendendo il quartiere un'ottima alternativa all'affollato Vicolo d'Oro. Al n.1 della Kapucinska visse l'astronomo danese Tycho Brahe, mentre al n. 5 Černínská risiede il regista Jan Svankmajer.

Torna su

 

Monastero Klementinum

Karlova e Mariánské náměstí

Trasporti: metro Staroměstská

Monastero Klementinum Quando l'imperatore asburgico Ferdinando I invitň i gesuiti a Praga nel 1 556 per aumentare il potere del cattolicesimo in Boemia, venne scelta come sede la Chiesa di S. Salvatore (kostel Nejsvětějšího Spasitele), che diventň fiore all'occhiello della Controriforma a Praga. Successivamente, venne acquistato gran parte del quartiere adiacente e i gesuiti iniziarono a costruire un grande monastero, il Klementinum, nel 1653. Al momento del suo completamento, un secolo piů tardi la costruzione risultava essere il piů grande edificio della cittŕ dopo il Castello. Oggi il Klementinum č un vasto complesso di belle sale barocche e rococň, dimora della Biblioteca Nazionale ceca e della Torre Astronomica.

Torna su

 

Monastero Klementinum Villa Bělek (Bílkova vila)
Mickiewiczowa 1,
Zona: Praga 1
Trasporti: Metro Hradčanská / tram 18, 22.

Praga

Giů per la collina, sul lato opposto al Castello di Praga, a nord, si intravede un edificio dalle strane sembianze, probabilmente anche l'unico al mondo progettato per assomigliare ad un campo di grano. Venne costruito in stile Art Nouveau/Simbolismo ceco nel 1911-12 dallo scultore František Bílek, come sua casa-studio, e contiene ancora molto delle sue opere e del suo lavoro.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo č proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi č piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

 

Ostelli Praga   Ostelli Repubblica Ceca   Hotel Praga   Hotel Repubblica Ceca

Carte de Prague  Karte von Prag Mapa Praga   Map of Prague

Carte de la  republique tchčque   Karte Tschechisches Republic   Mapa República Checa   Map of the Czech Republic