Guerra dei Trent'anni e 15 aspetti interessanti che forse non conosci

Sei qui: Articoli informagiovani  >

Guerra dei Trent'anni e 15 aspetti interessanti che forse non conosci

 

La Guerra dei Trent'anni andata in scena dal 1618 al 1648 è il primo grande conflitto dei tempi moderni, uno dei maggiori traumi mai vissuti principalmente dalle popolazioni di lingua tedesca. E' stato un conflitto cruento e devastante che si è combattuto prevalentemente nell'Europa centrale e nella Germania del sud, con due milioni di morti tra i combattenti e ancor più tra i civili, almeno cinque milioni di vittime per una popolazione che allora contava un totale di 15-20 milioni di abitanti nel Sacro Romano Impero.

Una guerra di religione, combattuta tra cristiani di fede cattolica e protestanti, ma non solo. Le conseguenze di questo conflitto ebbero anche una notevole rilevanza anche sull'economia e sul pensiero economico dei decenni e dei secoli a seguire.

Prima Fase 1618-1620, fine del Regno di Boemia

Guerra dei Trent'anniQuesta guerra, ricca di atrocità e massacri di ogni genere, ebbe inizio nel 1618 con un'oscura disputa tra i protestanti di Boemia e Mattia, imperatore cattolico di Germania e re di Boemia. Così, la Dieta di Praga negò al nuovo imperatore tedesco il titolo di re di Boemia e propose la corona all'elettore Palatino Federico, un principe tedesco di fede calvinista.

La cosidetta seconda Defenestrazione di Praga fu un evento centrale nella storia europea poiché fu l'inizio della Guerra dei Trent'Anni, nel 1618. L'aristocrazia boema era in rivolta a seguito dell'elezione di Ferdinando II, Duca di Stiria e sovrano cattolico del Sacro Romano Impero, che comprendeva la Boemia. Al Castello di Hradčany, a Praga il 23 maggio 1618, alcuni rappresentanti dell'aristocrazia boema presero due governatori imperiali e uno scrivano e li lanciarono letteralmente fuori dalle finestre del castello; i malcapitati atterrarono su del letame e nessuno di loro si ferì gravemente. La guerra che segui per causa di questo incidente fu una delle più devastanti e sanguinose nella storia dell'umanità

La nobiltà boema si era sollevata contro gli abusi della dinastia degli Asburgo che regnava nella regione. Erano in gioco non solo libertà religiosa, ma anche e soprattutto i privilegi degli aristocratici, soprattutto per quanto riguardava i loro vantaggi economici. In seguito alla repressione, tutta l’aristocrazia boema non cattolica venne espropriata dei propri beni e cacciata, mentre molti suoi esponenti vennero semplicemente eliminati.

La Lega dei principi cattolici, guidata da Massimiliano I di Baviera, non tollerò l'ingerenza di un calvinista vicino agli olandesi.I suoi mercenari, guidati dal conte Johann Tserclaes, conte di Tilly, schiacciarono i protestanti nella Battaglia della Montagna Bianca l'8 novembre 1620. La Boemia perse così la sua autonomia e divenne dominio personale degli Asburgo di Vienna.

Una delle caratteristiche più nefaste della Guerra dei Trent’anni fu la brutalità perpetrata nei confronti della popolazione civile (soprattutto la popolazione rurale) dagli eserciti mercenari di entrambi gli schieramenti. I contadini erano fortunati quando i soldati nemici stabilivano il loro quartiere generale presso di loro. In questo caso, i mercenari attingevano ai proventi della terra, altrimenti destinati al signore feudale di turno. Si trattava di una sorta di tassa di guerra, onerosa ma sopportabile, perché i signori della guerra avevano interesse che la loro fonte di imposte, ossia le fattorie, non venissero distrutte. Il generale imperiale Albrecht von Wallenstein (1583-1634) praticò con successo questa forma di economia di guerra.

La situazione cambiava in modo drammatico quando gli eserciti attraversavano le terre senza stabilirvisi stabilmente, perché in quel caso facevano "terra buciata", distruggendo tutto quello su cui passavano, depredando i contadini sterminandoli, qualora non vi fosse più nulla da depredare.


Internazionalizzazione del conflitto (1620-1635)

Il re Filippo IV d'Asburgo di Spagna usò gli eventi come pretesto per riprendere la guerra contro i suoi vecchi possedimenti nelle Province Unite (gli attuali Paesi Bassi).

- l'intervento danese:
I protestanti tedeschi preoccupati si rivolsero nel 1625 al re luterano Cristiano IV di Danimarca, che concluse immediatamente un'alleanza con l'Inghilterra anglicana e le Province Unite calviniste contro la Spagna.

La guerra riprese seriamente quando l'imperatore cattolico reclutò un nuovo signore della guerra, il ceco Alberto di Wallenstein. Dopo che il re di Danimarca venne sconfitto si arrivò alla firma la Pace di Lubecca il 6 giugno 1629 con l'imperatore Ferdinando II, con l'esercito danese che si ritira dalla guerra.

- l'intervento svedese:
Il re svedese Gustavo II Adolfo Vasa (detto il Grande) anch'egli protestante dopo la sconfitta danese, decise che era giunto il momento di prendere l'iniziativa e scendere in guerra per impedire che l'imperatore cattolico prendesse di mira il Baltico e la sfera di influenza svedese. Sbarcato in Pomerania, schiacciò l'esercito della Lega Cattolica, comandato da de Tilly, a Breitenfeld, vicino a Lipsia, il 17 settembre 1631.

Gustavo Adolfo, considerato il salvatore del protestantesimo in Germania, fu anche uno dei condottieri più brutali, mettendo deliberatamente a ferro e fuoco la Baviera, per vendicare i saccheggi perpetrati nei territori protestanti e per distruggere la base economica del principe elettore Massimiliano I. Nel corso della guerra si formarono bande di soldataglia, che proliferano nell'incertezza della guerra, erranti e dedite al saccheggio indiscriminato.

La Francia di Luigi XIII e Richelieu entrò discretamente nel gioco e gli versò dei sussidi per permettergli di mantenere le sue truppe. Gustavo II conquistò la Baviera e la Renania e stabilì il suo quartier generale Francoforte. Era anche soprannominato il "Leone del Nord".

A Lützen, il 6 novembre 1632, alla testa di 175.000 uomini, di cui solo 30.000 svedesi (e finlandesi), schiacciò l'altro leader cattolico, Alberto di Wallenstein, ma fu ferito a morte alla fine della battaglia. La sua epopea finì lì, ma gli svedesi continuarono le ostilità con efficaci e brutali grandi signori della guerra e sua figlia di sei anni, Christine, gli succede sul trono svedese.

Wallenstein, che cominciò a fare ombra all'imperatore del Sacro Romano Impero, fu assassinato il 25 febbraio 1634. Dopo la sconfitta degli svedesi, l'imperatore era di nuovo sul punto di porre fine al conflitto. Venne firmata la Pace di Praga con i protestanti il 30 maggio 1635, che riportò la Germania alla Pace di Augusta di 80 anni prima.

La Francia rilanciò la guerra (1635-1648)

Fu allora che Richelieu e il re di Francia Luigi XIII decisero di entrare apertamente in guerra, nonostante la Francia sia cattolica, insieme ai protestanti, per impedire l'accerchiamento del loro regno da parte dei possedimenti asburgici.

La dichiarazione di guerra dalla Francia alla Spagna rilanciò il conflitto per altri tredici anni con altre distruzioni e atrocità, soprattutto nei territori di lingua tedesca. L'epilogo fu la pubblicazione della Pace di Westfalia, sotto l'egida di Francia e Svezia, il 24 ottobre 1648, che lasciarono una Germania  semidistrutta e divisa in più di 350 principati indipendenti.

Eredità economica della Guerra dei Trent'anni

Dal punto di vista economico la Guerra dei Trent'anni portò nei territori tedeschi, oltre alle distruzioni descritte, oltre a un calo demografico del 40% (in alcune zone del 75%), la peggiore inflazione mai registrata nella sua storia, che verrà superata solo dall’iperinflazione del 1923. Furono necessari più di 100 anni per riparare, in parte, i danni della guerra. Per alcuni studiosi fu dopo la Guerra dei Trent'anni che fu posto il seme da cui si formò il "Modello Economico Tedesco", così diverso da altri modelli continentali di stati nazionali già formati come quello francese e quello britannico. Francia e Inghilterra divennero potenze globali e avviarono riforme sociali ed economiche che portarono mezzo secolo dopo alla Rivoluzione Industriale che in Germania sarebbe arrivata in ritardo.

La guerra portò anche a conseguenze per il pensiero economico più ampio. L'economia devastata dalla guerra portò negli stati tedeschi alla nascita di una forma di economia chiamata "cameralismo". Da una parte gli economisti inglesi si interessavano alla natura del denaro e degli interessi, dall'altra i cameralisti progettavano le politiche economiche con l'intento predominante di riempire le casse dello Stato e di organizzare nel modo più efficiente possibile la burocrazia statale, aspirando anche a incoraggiare la crescita demografica, a promuovere l’agricoltura e ad avere sempre un avanzo della bilancia commerciale.

In seguito, l'economista austriaco Joseph Schumpeter descrisse in questo modo l’eredità del cameralismo: "Per nessun popolo, come per quello tedesco, lo Stato e i suoi organi erano oggetto di inesauribile interesse. Non solo i tedeschi pensano molto di più allo Stato, ma il concetto di Stato include per loro anche i principi regnanti in Germania e il loro apparato burocratico".

Ecco 15 fatti interessanti sulla Guerra dei 30 anni che utile sapere non conoscevi:

 

1. La Guerra dei Trent'anni iniziò con una scena ormai tristemente nota alla storia: l'espulsione, o "defenestrazione", dei funzionari asburgici dalla finestra del Castello di Praga il 18 maggio 1618. All'inizio, questo atto di ribellione protestante della Boemia contro i loro governanti cattolici, rimase una semplice questione locale. Ma quando un esercito di ribelli boemi marciò su Vienna e, con l'aiuto di potenze esterne, depose il re Ferdinando della Casa d'Asburgo, divenne ovvio che si trattava di qualcosa di più di una semplice scaramuccia provinciale. Sicuramente, appena 18 mesi dopo la defenestrazione, la corona boema fu offerta a uno dei peggiori nemici degli Asburgo, Federico V, Elettore Palatino, forse il più importante sovrano tedesco protestante dell'epoca. Con questo atto di sfida, la guerra era garantita. I combattimenti si estesero e alla fine degli anni 1620 si erano cristallizzate due grandi coalizioni, con gli Asburgo di Spagna e Austria che combattevano la crescente influenza della Francia, la tenacia della Repubblica Olandese e la sorprendente potenza militare rappresentata dalla Svezia. Con così tanto in gioco, nessuno poteva permettersi di tirarsi indietro, e nessuno lo fece, per 30 lunghi anni.

 

2. In realtà furono diverse guerre in una. È più facile vedere la guerra divisa in diverse fasi. La rivoluzione boema finì nel 1624, ma ormai la guerra si era allargata. Nel 1625, la Danimarca marciò nei territori del Sacro Romano Impero e i suoi alleati spagnoli. Cinque anni dopo, anche gli svedesi si unirono alla coalizione anti-asburgica. La Francia entrò in guerra nel 1635 per contrastare i suoi rivali cattolici in Spagna. Man mano che ognuna di queste potenze interveniva, nuovi obiettivi dei contendenti venivano alla ribalta, e nuovi argomenti per continuare o terminare le ostilità prendevano piede. Ognuna di queste fasi della guerra fu punteggiata da personaggi affascinanti, lotte disperate, battaglie feroci e intrighi senza fine.

3. La Guerra dei 30 anni non fu una guerra religiosa. La maggior parte dei libri di testo di storia, se menzionano la Guerra dei 30 anni, la inseriscono nella categoria di una delle tante "guerre di religione" che hanno afflitto l'Europa dopo la riforma protestante e la controriforma cattolica. Questa guerra sanguinosa fu per lo più tutta una questione di potere e denaro.

4. Prendete la Francia per esempio, uno stato cattolico dove il re Luigi XIII e il suo ministro degli esteri, il potente cardinale Richelieu, si trovarono stretti tra due grandi rivali cattolici - la Spagna e l'Austria - che erano anche governati dalla stessa famiglia: gli Asburgo. La Francia, proprio per questo, è nonostante il suo essere cattolica finì per allearsi con le cosiddette fazioni protestanti a scopo puramente strategico, anche se massacrò migliaia di protestanti francesi (ugonotti) in nome del cattolicesimo (ma questa è un'altra storia).

5. Il Sacro Romano Impero era molto più forte di quanto molti si rendano conto. Non solo questo conglomerato decentralizzato di piccoli stati sopravvisse alla brutale guerra dei 30 anni, ma durò fino al 1806, quasi 160 anni dopo la fine della guerra dei 30 anni e fu abolito solo durante il periodo napoleonico.

 

6. Mercenari! Il nazionalismo semplicemente non era importante in questo periodo, le persone non si sentivano parte di una nazione. Il denaro e il potere regnavano, poiché la gente non era ancora disposta a morire per un paese solo perché vi era nata. Re, papi, principi, aristocratici e potenti vari e altri aspiranti leader militari dipendevano dal potere del denaro per combattere le loro guerre. Questo rendeva le battaglie su larga scala più difficili da combattere, ma significava anche che si poteva mantenere meno la disciplina quando le città cadevano sotto gli eserciti invasori che si abbandonavano ai saccheggi. Le persone che soffrirono di più nella Guerra dei 30 anni non furono infatti gli aristocratici che furono impiccati quando le loro città o i loro eserciti furono catturati, ma la gente che dovette sopportare le tattiche di saccheggio di soldati a cui non importava nulla della gloria o della nazione.

 

7. Nonostante il fatto che fosse, allora come oggi, scarsamente popolata, una volta la Svezia era una grande potenza militare. Non era ancora il tempo degli eserciti di massa, e un piccolo ma efficiente esercito poteva fare la differenza anche contro potenze all'apparenza più grandi e importanti. Oggi la Svezia è l'esempio mondiale di neutralità, moderazione, libero mercato e reti di sicurezza sociale, ma grazie alla decisione del re Gustavo Adolfo di invadere i territori del Sacro Romano Impero (apparentemente dalla parte degli stati minori protestanti), l'Europa precipitò in un'altra terribile guerra.

8. La Guerra dei 30 anni fu una "guerra globale" in scala minore. Uno dei modi migliori per illustrare questo è indicare l'esempio di un principe transilvano, Gabriel Bethlen, che invitò l'impero ottomano islamico nelle sue terre in modo che i generali di Istanbul potessero avere un migliore accesso alle terre polacche. In cambio di tale generosità, gli ottomani riconobbero la sovranità della Transilvania e concessero al nuovo stato uno sconto quando si trattò di pagare il tributo annuale al sultano. Inoltre le potenze europee si combatterono anche nelle loro colonie sparse in mezzo mondo.

9. Forse la seconda peggiore regione al mondo ad essere colpita dalla Guerra dei 30 anni fu l'isola di Sri Lanka, che ebbe centinaia di templi e biblioteche buddiste e indù distrutti da truppe portoghesi e olandesi in guerra. Anche migliaia di persone furono massacrate. Gli olandesi e i portoghesi si erano alleati a regni rivali sull'isola, e quando iniziarono le ostilità in Europa, le rivalità "indiane orientali" divamparono e furono essenzialmente date il via libera dalla Guerra dei 30 anni.

10. La battaglia di Lützen, combattuta nel novembre del 1632, fu forse la più sanguinosa di tutto l'orribile conflitto. Combattuta tra la Svezia e alcuni dei suoi alleati basati nel nord del Sacro Romano Impero, e l'esercito legittimo del Sacro Romano Impero, fu uno scontro dove migliaia di uomini persero la vita, compreso l'amato re di Svezia, Gustavo Adolfo, la cui armatura fu rubata dal suo corpo morto e portata a Vienna per essere esposta come trofeo (la Svezia riavrà l'armatura nel 1920.) Nonostante la perdita del suo re, la battaglia fu considerata una vittoria svedese e dei suoi alleati.

11. La Guerra dei 30 anni pose le basi per la Pace di Westfalia, che contribuì immensamente al mondo come lo conosciamo oggi. La Repubblica Olandese fu riconosciuta indipendente dalla corona spagnola per la prima volta, e la maggior parte degli studiosi considera questo e altri come la base dello stato-nazione come lo intendiamo oggi. Prima della Pace di Westfalia, la sovranità veniva guadagnata o persa con il denaro e il potere. La Pace di Westfalia mostrò agli statisti come ottenere la sovranità per le loro patrie attraverso la diplomazia e un'accorta negoziazione.

12. La Guerra dei 30 anni ha essenzialmente fatto cominciare alla Repubblica Olandese la sua età dell'oro (1650-1700). Mentre la maggior parte dell'Europa era in rovina, le sue popolazioni devastate e le sue politiche impoverite, gli olandesi erano finalmente liberi dal dominio spagnolo - de facto e de jure - approffittando pienamente di questa opportunità.


13. I campi di battaglia della Guerra dei Trent'anni ospitarono una strana miscela di armi e tattiche, sia vecchie che nuove. La fanteria ammassata in quadrati di picche sostenuti dalla cavalleria pesante si incontrava con formazioni di moschettieri, le cui armi da fuoco, sebbene all'avanguardia per l'epoca, erano così ingombranti che dovevano essere fissate a un chiodo nel terreno prima di sparare. Era come l'acciaio del guerriero rinascimentale unito alle esercitazioni di fanteria di massa con la polvere da sparo del XVIII secolo. Soprattutto, però, era caotico, rumoroso e molto sanguinoso. I comandanti fecero del loro meglio per fare proprie le nuove innovazioni del campo di battaglia, ma molti trovarono più sicuro impegnarsi nella caratteristica più comune della guerra del XVII secolo: l'assedio. In effetti, le battaglie campali erano relativamente rare; gli scontri più decisivi della Guerra dei Trent'anni si possono contare sulle dita di una mano. Tuttavia, non dovremmo dimenticare l'immensa sfida che i comandanti dovevano affrontare quando cercavano di bilanciare fanteria, artiglieria e cavalleria in una forza armata coerente. Pochi individui si dimostrarono all'altezza della sfida, forse il più famoso di questi uomini fu appunto Gustavo Adolfo, re di Svezia.

 

14. Milioni di persone morirono a causa della guerra, di carestia e di malattie. Il numero preciso di morti della Guerra dei Trent'anni probabilmente non si saprà mai, ma la dimensione delle stime delle perdite sia militari che civili è sbalorditiva e non sarebbe stata superata fino ai conflitti del XX secolo. Si ritiene che almeno otto milioni di persone siano morte, mentre diverse parti della Germania videro una diminuzione della popolazione fino al 50%. Il Sacco di Magdeburgo nella primavera del 1631, per esempio, vide la popolazione della città ridotta da 40.000 a soli 5.000 abitanti e non si riprese mai completamente. In effetti, la tragedia di Magdeburgo cattura un fatto chiave della Guerra dei Trent'anni che è spesso dimenticato: i civili erano al centro della guerra, e di conseguenza furono di gran lunga i più colpiti. Man mano che gli eserciti si ingrandivano e si abbattevano sulle campagne, invariabilmente devastavano il fragile sistema agricolo da cui dipendeva la popolazione tedesca. Il cibo, per alcuni civili, divenne così scarso che molti si ridussero a mangiare erba o corteccia d'albero per sopravvivere. Gli eserciti in marcia non lasciarono solo la carestia nella loro scia, anche la peste viaggiò nelle loro file. Quando i soldati introdussero le malattie nelle popolazioni affamate e indebolite, il risultato fu una strage su una scala che non si vedeva in Europa da secoli. La fame e le malattie si rivelarono le armi più devastanti a disposizione degli eserciti dell'epoca. Come sarebbe stato il caso nel XX secolo, durante la Guerra dei Trent'anni furono i civili, presi nel mezzo e lasciati a cavarsela da soli, a pagare il prezzo più alto.

 

15. Ci vollero anni per negoziare la fine delle ostilità. All'inizio, entrambe le parti sarebbero state inorridite all'idea che i combattimenti si sarebbero trascinati per 30 lunghi anni. La combinazione apocalittica di carestia, malattia e migrazione di massa rese molte parti della Germania città fantasma per generazioni. Come risultato di questa distruzione, molti tedeschi sollecitarono le parti interessate a fare la pace. Nel 1635, infatti, la guerra sarebbe potuta finire, se la Francia non fosse intervenuta apertamente contro Austria e Spagna. Ma quando la potenza francese cominciò a farsi sentire, le richieste di porre fine alle ostilità divennero più forti; dal 1643 si parlò di una conferenza di pace. Quando le trattative di pace iniziarono, si trascinarono fino al 1648. Tutte le forze in campo credevano che avrebbero potuto dettare i termini della pace solo dopo la vittoria sul campo di battaglia. La guerra volse a favore dei francesi e degli svedesi, e gli Asburgo, esausti, possono essere considerati i "perdenti" del conflitto. D'altra parte, però, l'imperatore Ferdinando e i suoi successori avevano messo in piedi uno stato centralizzato che, col tempo, sarebbe diventato l'impero austriaco che si sarebbe protratto fino alla fine della Prima Guerra Mondiale.
 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

Torna su

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon

//