Cosa vedere a Basilea

Ann.

Cosa vedere a Basilea - Cosa visitare a Basilea

 

Basilea è una raffinata miscela di cultura e di sviluppo economico, una delle città maggiori e più prospere della Svizzera. Sin dal primo impatto con la città si percepisce un incredibile entusiasmo di vita, di sviluppo e di cultura. La ricchezza di questa città non è solo nel suo essere capitale industriale della Confederazione Elvetica, ma si esprime anche nella capacità della sua gente di voler creare e vivere in una città 'appetibile', quella che ogni anno vede arrivare al suo cospetto il mondo intero, alla ricerca di uno stile di vita difficilmente riscontrabile altrove.

Ann.

 

Basilea è una città antichissima, i suoi 2000 anni di storia sono stati preservati con successo e la città è così ricca e varia di cose da vedere che si rimane quasi disorientati dall'inaspettata arte, architettura e storia. Nel periodo del Rinascimento è stata una delle città più importanti dell'Europa centrale, significativo nodo di comunicazione commerciale tra l'Italia ed il nord (in particolare Germania, Olanda e Francia) nei secoli del XIV, XV e XVI. Il fiume Reno è infatti quanto di più vicino al mare la Svizzera possa desiderare di avere, navigabile lungo il suo intero corso con imbarcazioni di medie dimensioni.

 

Il centro storico di Basilea offre un mix di edifici antichi e moderni, pregevoli collezioni d'arte ed una tipica atmosfera da 'cafè culture', dove tutti noi amiamo crogiolarsi prima o poi durante la giornata. Quello che colpisce di più di Basilea è comunque il suo innato equilibrio degli opposti, che non arriva mai ad essere incoerente ma anzi pone la città in 'mezzo', al centro del mondo. Armonia tra vecchio e nuovo, tra passato e futuro, riservatezza e vivacità, vita rilassata ed energia, nord e sud Europa, nazionalismo ed europeismo. Basilea oltretutto non è una città piccola: nonostante non raggiunga i 170.000 abitanti, le persone che ogni anno la visitano sono sempre molto numerose e la città si estende comunque ben oltre i 22 chilometri quadrati. Il centro si compone di tre distretti principali, insieme ad ulteriori aree residenziali, conosciuti come la Città Vecchia (Vieille Ville), Grande Basilea (Grossbasel) e Piccola Basilea (Kleinbasel).

 

Di seguito abbiamo scelto alcune delle cose da vedere in città e nei dintorni, quelle che a nostro avviso meglio rappresentano lo spirito ed il carattere di Basilea.

 

Città Vecchia di Basilea (Vieille Ville)

 

Città Vecchia di BasileaQui tutto ebbe inizio. Il quartiere della Città Vecchia comprende un ristretto numero di colline, la più alta delle quali ospita la Cattedrale di Münster, che domina a sua volta il quartiere di Münsterberg e gran parte del panorama urbano con le sue due alte torri e l'architettura in pietra arenaria rossa. Oltre alla cattedrale, uno dei punti di riferimento più importanti è anche il Municipio (Rathaus), attorno al quale si trovano numerosi ristoranti, caffetterie ed una serie di importanti edifici d'epoca. Il quartiere di St Albans, che si affaccia a comprendere anche l'area di Grossbasel, è una delle aree più di tendenza della città: è qui che avrete modo di vivere la vera Basilea, quella della cultura e dei musei, come il Kunsthalle Basel. La strada Steinenberg (l'angolo degli spettacoli, del cinema e del teatro) è nota per la famosa manifestazione di Art Basel, che si vanta d'essere uno dei maggiori eventi d'arte contemporanea nel mondo.

Torna su

 

Piccola Basilea (Kleinbasel)

 

Piccola Basilea (Kleinbasel)Il piccolo centro sulla riva destra del fiume attira numerosi turisti soprattutto per la sua atmosfera piacevole. É una delle aree più note per lo shopping a Basilea, e si apprezza in particolare per la fiera Rosentalanlage (vicino alla stazione ferroviaria di Baden) e per il trendy centro culturale di Kaserne Basel, che comprende sale concerti, teatrali, ristoranti e strutture sportive. Nell'ex orfanotrofio della città situato nella Theodorskirchplatz si ha la possibilità di conoscere l'origine di questa parte della città, fondata nel XIII secolo, ed il suo successivo sviluppo: un mondo fatto di chiese, monasteri e conventi medievali e tradizione popolare.

Torna su

 

Grande Basilea (GrossBasel)

 

Grande Basilea (GrossBasel)La parte del centro storico di Basilea, quella situata sul lato sud-occidentale del fiume Reno è anche la parte più caratteristica della città, ricchissima di attrazioni culturali. Grossbasel è in realtà il sito originario della città imperiale ed è collegato alla vicina Kleinbasel da una serie di grandi ponti, come il Brücke Johanniter ed il Mittlere Brücke.

 

 

Torna su

 

 

Cattedrale di Basilea  (Basler Münster)

 

Cattedrale di Basilea L'edificio più imponente ed antico di Basilea risale al XI secolo, periodo nel quale fu costruita in arenaria rossa. Dopo il terremoto del 1356 subì diversi danni ma fu ricostruita in stile romanico-gotico, con le caratteristiche piastrelle giallo-verde sul tetto. Originariamente la chiesa era di credo cattolico, dal 1529 serve invece da chiesa Protestante. La collina su cui è situata la struttura è una delle aree urbane più antiche della città, era infatti già abitata in epoca tardo-celtica ed in epoca pre-romana. Le testimonianze storiche riportate alla luce dagli scavi archeologici sono numerose. All'interno, un'enorme spazio di cinque navate, si ammira il pulpito scolpito in un unico blocco di pietra che va ad integrare la facciata riccamente decorata ed il bassorilievo del XI secolo sulla navata sud. In fondo, nella navata a sinistra, è custodita la tomba di Erasmo da Rotterdam, umanista rinascimentale vissuto per diverso tempo a Basilea. A pochi passi, si noteranno anche il Sarcofago della regina Anna di Hohnheim, moglie di Rodolfo d'Asburgo. Non si perda la possibilità di ammirare uno splendido panorama sulla città e verso la Foresta Nera dalla cima di una delle torri della chiesa. Se invece preferite, concedetevi qualche minuto per passeggiare lungo le arcate del chiostro della chiesa e fare vostri alcuni momenti di serena armonia.

 

Münsterplatz

Tel: +41 61 271 21 82

Torna su

 

Portale di San Gallo (Galluspforte)

 

Portale di San Gallo (Galluspforte) Affiancato alla cattedrale, l'antico portale di San Gallo Galluspforte del  XIII secolo si distingue per la straordinaria elaborazione d'arte di tipo romanico del transetto nord. Risale al 1180 e prende il nome dal vicino altare dedicato a San Gallo. La serie di immagini rappresentano il Giudizio Universale. Il timpano sopra il portale raffigura Cristo in trono, affiancato da Pietro e Paolo, le colonne della porta raffigurano invece Luca, Marco, Giovanni e Matteo, due per lato. Il grande rosone simboleggia la ruota della fortuna. Negli ultimi anni, molte delle sculture originali sono state portate in un museo per garantirne una migliore conservazione e sono state sostituite da copie.

 

C/O Cattedrale di Basilea

Münsterplatz

Torna su


Municipio di Basilea (Rathaus Basler)

 

Municipio di Basilea (Rathaus Basler)Il grande edificio dell'antica piazza del mercato è un improvviso colpo d'occhio, una spruzzata accattivante di arenaria, con una facciata decorata dagli stemmi delle antiche corporazioni cittadine e affreschi in stile rinascimentale, il tutto abbellito da una serie di portici del Cinquecento. La struttura nel suo complesso è tardo-gotica, originariamente costruita tra il 1508 ed il 1514 e affiancata da una torre più recente caratterizzata da guglie dorate. In uno dei suoi lati esterni si nota la statua di Lucio Munazio Planco, generale e politico dell'antica Roma, a cui viene attribuita la fondazione di Basilea nel 44 a.C. Una visita guidata del Palazzo Comunale vi accompagnerà tra le antiche sale del Gran Consiglio e del Consiglio del Governo. Il palazzo si affaccia lungo la pittoresca area del Fischmarktbrunnen (Piazza del Mercato del pesce).

 

Marktplaz 9

+41 61 268 68 58

Torna su

 

Antico Ponte di Basilea Mittlerebrücke

 

Antico Ponte di Basilea Mittlerebrücke Nel centro di Basilea il punto di unione dei quartieri storici della città è il Mittlerebrücke, il più antico ponte sul fiume Reno (letteralmente tradotto in 'ponte del mezzo'). Il ponte originario venne costruito nel 1226 su iniziativa del vescovo-principe Heinrich von Thun per collegare la piccola cittadella di Kleinbasel con il nucleo originale della città. Nel 1905 il ponte originario è stato sostituito dall'attuale. Si noti l'insolita figura scolpita in una delle estremità del ponte, quella meridionale: è il Lällenkönig, un orologio raffigurante la testa di un re che fa la 'linguaccia' – così dicono alcuni – verso il quartiere di Kleinbasel ('Laell' in tedesco significa infatti 'lingua'). L'originale scultura ornava l'entrata del ponte dalla metà del XVII secolo e accoglieva tutti gli arrivi in città fino demolizione del portale nel 1839; aveva un motore ad orologeria di modo che sgranando per bene i suoi occhi potesse tirare fuori contemporaneamente anche la sua lingua. Si ritiene che questa figura rappresenti lo spirito allegro e sarcastico degli abitanti di Basilea, secondo altri tuttavia lo spiritoso 'aggeggio' pare sia stato creato per esprimere il disprezzo un tempo nutrito dagli abitanti di Grossbasel nei confronti dei vicini della 'piccola' Kleinbasel, abitata dalla classe più povera della popolazione. L'originale orologio è oggi custodito all'Historisches Museum e quello presente lungo il ponte è solo una copia.

Torna su

 

La Pfalz di Basilea

 

La Pfalz di BasileaLa vista del Reno da questa terrazza posta sul lungofiume di Basilea è veramente splendida. Si trova proprio dietro la Cattedrale, a guardare lontano lungo il corso del fiume e nella sponda opposta. Una scala porta giù al pontile della Münsterfähre (il molo d'attracco per i battelli fluviali). La parola "Pfalz" deriva dal latino Palatium cioè palazzo. La terrazza si chiama così perchè un tempo qui si trovava il palazzo del vescovo. Dall'altro lato della scalinata che porta all'attracco del traghetto della cattedrale, una piccola porta conduce al quieto chiostro della cattedrale. Qui si trovano numerose pietre tombali riccamente decorate appartenenti ai membri di famose famiglie nobili di Basilea vissute tra il XVI e il XIX secolo.

Torna su

 

Barfüsserplatz e Barfüsserkirche

 

Barfüsserplatz e BarfüsserkircheLa via frenetica di Basilea, la Barfüsserplatz, il cuore della città, così tanto ricca di negozi, si caratterizza anche per ospitare la bella chiesa di Barfüsserkirche, costruita dai francescani nel XIV secolo e sconsacrata nel XVIII. Al suo interno è oggi ospitato il Museo di Storia della civiltà del Reno (Historisches Museum).

 

La Barfüsserplatz è attraversata dai tram, cosa che la caratterizza. La Barfüsserkirche è una elegante chiesa francescana bianca, fu sconsacrata nel XVIII. L'Historisches Museum al suo interno è aperto tutti i giorni dalle 10am alle 17pm.

Torna su

 

Quartiere di St Albans-tal

 

Quartiere di St Albans-talRinomato quartiere storico di Basilea, con vecchie case a graticcio mischiate ad architettura moderna, la cartiera medievale (Basler Papiermühle), il Museo di Arte Contemporanea (Museum für Gegenwartskunst), il famoso Museo d'Arte di Basile (Kunstmuseum Basel), il tutto che si concentra nella via St Albans-tal, che deve il suo nome all'antico convento del 1083 un tempo presente. Resto solo un'ala del chiostro romanico che oggi fa parte di una abitazione privata. L'atmosfera è tipicamente medievale, una magia di antichi edifici rimasti intatti in una città moderna: mulini, antiche fortificazioni e cammini di ronda in legno (il Mühlegraben, resti delle quattrocentesche mura di cinta). Accuratamente restaurato, il quartiere è attraversato da piccoli canali, per questo in molti la chiamano "Piccola Venezia". Nel quartiere di St. Alban si trova anche il Karikatur & Cartoon Museum Basel, il Museo del Fumetto di Basilea. Se andate in discesa, arriverete al Restaurant Goldenen Sternen, che una volta era nella zona di Aeschen. Molta della sua atmosfera pittoresca, St. Alban la deve alla sua vicinanza al Reno.

Torna su

 

Chiesa di Sant Antonio di Basilea (Antoniuskirche)

 

Chiesa di Sant Antonio di Basilea (Antoniuskirche)La moderna chiesa di Sant Antonio si apprezza per la bella facciata in calcestruzzo, costruita nei primi anni trenta da Karl Moser, un architetto di Basilea. A noi piace perché in equilibrio con il resto della città. Costruita in cemento armato tra il 1925 e il 1931 sono bellissime le vetrate multicolori di Hans Stocker e Otto Staiger illuminano l'immensa navata. L'esterno della chiesa di Sant'Antonio si presenta come un complesso composto da tre parti principali: il portale , il lungo edificio e la torre campanaria. La pianta della chiesa è rettangolare 60 per 22 metri.  L'altezza del della torre su cui poggia il campanile è di 62 metri,  il campanile da solo con le sue cinque campane misure di 12 metri. In cima si trova una crocia di cemento. Particolare.

 

Kannefelderstrassa 35

Torna su

 

Cinta muraria di Basilea e Spalentor

 

Cinta muraria di Basilea e SpalentorLa porta medioevale di Spalentor , uno dei simboli più riconosciuti di Basiel, era un tempo parte delle mura della città, quasi completamente distrutte durante il XIX secolo per consentire l'espansione urbana del abitato. Le mura rimaste risalgono al XIV secolo e sono solo tre. Quella di Spalentor è stata un punto di riferimento importante e presenta un portale fedelmente ricostruito in legno di quercia. La Spalentor è una delle tre porte della città, che esistono ancora oggi. E 'considerata una delle più belle porte in Svizzera. La prima cinta muraria della città è del  1080. Intorno al 1230 le mura furano sostituite da una cerchia muraria più grande che andava a comprendere l'odierna zona dell'università. Nel 1398 è stata ultimata la costruzione di mura urbano ancora più ampie.
 

Il 27 Giugno 1859 il consiglio comunale varava l'espansione urbanistica che avrebbe creato la Basilea che conosciamo oggi. Questo atto determinata automaticamente la fine delle mura cittadine di lì a 20 anni. Le mura furono abbattute e furono distrutte quasi tutte le porte della città. Sono sopravvissita la Porta di San Giovanni, la St. Alban-Tor e la già citata Spalentor.

 

Schönbeinstrasse, Am Ausseren Ende der Spalenvorstadt

Torna su

 

 

Zoo di Basilea

 

Zoo di BasileaLo zoo di Basilea venne inaugurato nel 1874 (il più antico e il più grande della Svizzera) e si estende in uno spazio di circa 27 ettari. Ogni anno viene visitato da circa un milione e ottocento mila persone ed ospita molte specie di animali provenienti da tutto il mondo, che ne fa l'attrazione turistica più visitata del paese. La rivista Forbes recentemente lo ha classificato tra i migliori 15 zoo del mondo. Il nome ufficiale della struttura è Zoologischer Garten Basel, o Giardino Zoologico di Basilea. Qui però tutti lo chiamano affettuosamente Zolli.  Il suo ingresso principale si trova appena fuori del perimetro del centro di Basilea. Qui è nato, per la prima volta al mondo in cattività, il primo rinocerento indiano. Il programma riproduttivo ha portato inoltre alla nascita di 18 ghepardi, Okapi, ippopotami pigmei e tanti altri. Chi poi vuole scoprire il mondo sottomarino può recarsi nel Vivarium, dove lo aspetta una colorata varietà di specie marine. Degni di nota sono l'area dei leoni "Gamgoas", recentemente ristrutturata, e la nuovissima area delle scimmie. Da non perdere.

 

Binningerstrasse 40

Tel: +41 061 270 9050

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Torna su

 

 

Ostelli Basilea   Ostelli Svizzera   Hotel Basilea  Hotel Svizzera

Carte de la Suisse   Karte von  Der  Schweiz   Mapa Suiza  Map of Switzerland

Carte Basel     Karte von Basel     Mapa Basel    Map of Basel

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal