Ghetto Ebraico di Girona

Sei qui: Cosa vedere a Girona >

Ghetto Ebraico di Girona

Siamo in uno dei luoghi più caratteristici di Girona: El Call Jueu (antico Ghetto Ebraico di Girona). Una fitta rete di stradine medievali concentrate in una zona della città ricca di storia e cultura. Anche il mistero accompagna l'itinerario del visitatore, lo trasporta indietro nel tempo attraverso edifici, strade e vicoli, intricati di una serie labirintica di strade e conformazione urbana. Una delle più significative testimonianze di questa zona di Girona è la via Carrer de Sant Llorenc, pittoresca e suggestiva; un tempo qui si potevano ascoltare i passi della Torah contenuti nel Mezuzah, l'antico oggetto rituale della religione ebraica.

Quartiere ebraico GironaLe origini del Quartiere Ebraico di Girona sono medievali, si formano intorno al XII secolo, periodo nel quale le comunità ebraiche usavano unirsi in un'unica zona urbana della città, abitandola, per via dell'intolleranza manifestata dalla chiesa cattolica nei loro confronti. Agli ebrei infatti non era permesso vivere al di fuori della propria comunità (da qui la parola ghetto) e soprattutto fare commercio al di fuori della propria zona. Insieme a quello di Barcellona, il ghetto di Girona è stato uno dei più grandi di tutta la Spagna, cresciuto nei secoli fino a quando nel 1492 in piena Inquisizione, con l'Editto di Alhambra, i re cattolici Isabella di Castiglia e Ferdinando II di Aragona, decretarono la completa espulsione degli ebrei dalla regno di Spagna (l'editto in particolare prevedeva la conversione obbligatoria degli ebrei al cattolicesimo pena l'espulsione).

Si inizi la visita a questa parte del centro storico attraversando uno dei ponti sul fiume Onyar, ammirando le case costruite a ridosso del fiume e tra la via Ballesteries ed entrando quindi nell'antica area del quartiere. Ebraico. Si apprezzino in particolare le visite durante i mesi estivi, quando tutta la città si arricchisce di numerosi eventi e manifestazioni culturali: si prediliga il Patio de la Estrella, presso il Bonastruc ça Porta Centre, per i piccoli concerti di musica tradizionale ebraica, spagnola o medievale. Non si manchi ad ogni modo di visitare il quartiere durante il Giorno della Cultura ebraica, nella prima settimana di settembre.

Presso il Bonastruc ça Porta Centre è anche situato il Museo della Storia ebraica di Girona (Museu d'Història dels Jueus de Girona), dedicato al filosofo cabalista vissuto a Girona nel XIII secolo. Il museo è esattamente situato presso il Bonastruc ça Porta Centre (in Carrer de la Força 8) ed offre un interessante spaccato di storia e cultura europea; va oltre i propri confini culturali e racconta di uno spaccato storico e sociale comune a tutta l'Europa. Al suo interno si ammirano collezioni di interesse storico ma anche artistico, ci sono le lapidi del cimitero ebraico di Montjuïc di Girona, ci sono rappresentazioni dei personaggi più eminenti della Catalogna ebraica, come Rabbi Moshe Ben Nachman (anche noto come Ramban e Bonastruc ça Porta), che ha dato il nome a questo centro culturale e che fu grande filosofo, rabbino e anche medico (a tutt'oggi è considerato il più importante intellettuale ebreo catalano vissuto nel Medioevo). Il centro Bonastruc è situato a sua volta all'interno di un edificio storico, una delle tre sinagoghe di El Call Jueu.

Area: centro storico

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

 

Ostelli Girona   Ostelli Spagna   Hotel Girona   Hotel Spagna

Carte Girona    Karte von Girona   Mapa Girona   Map of Girona

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal