Storia di Vilnius

Advertisement

Storia di Vilnius

 

Iprimi insediamenti nella zona dell'attuale Vilnius sembrano di origine mesolitica. Numerosi ritrovamenti archeologici in diverse parti della città dimostrano che la zona è stata abitata da popoli di varie culture fin dall'alto Medioevo. Inizialmente un insediamento baltico, più tardi fu abitato anche da slavi, ebrei e tedeschi. Alcuni storici identificano la città con Voruta, una capitale dimenticata del re Mindaugas.

Advertisement

La città è stata menzionata per la prima volta in fonti scritte come Vilna nel 1323 come la capitale del Granducato di Lituania nelle lettere di Gediminas. Gediminas costruì il suo castello di legno su una collina della città. La città divenne più conosciuta dopo che nel 1325 scrisse una lettera circolare di invito a tedeschi ed ebrei alle principali città della Lega Anseatica, offrendo libero accesso ai suoi domini agli uomini di ogni ordine e professione. Vilnius ottenne i diritti di città nel 1387, in seguito alla cristianizzazione della Lituania e alla costruzione della Cattedrale di Vilnius. La città inizialmente era popolata da lituani, ma presto la popolazione cominciò a crescere come artigiani e mercanti di altre nazionalità si stabilirono nella città.

Vilnius fu, come detto, capitale del ducato lituano e raggiunse il suo massimo splendore nel XVI secolo grazie al re Sigismondo II di Polonia. Una città aperta al commercio e alla cultura, che ha accolto nella sua storia polacchi, ebrei, ucraini, russi, tedeschi... Questo contribuì a una grande ricchezza economica e culturale, fino a quando la città venne conquistata dai russi a cui seguì un periodo di decadenza e un esodo della popolazione. Ritornata alla Polonia e poi nuovamente dalla Russia nel XVI secolo, fu invasa da Napoleone nel suo viaggio verso Mosca.

Invasa dai tedeschi nella prima guerra mondiale, cadde nelle mani dei bolscevichi dopo la prima guerra mondiale. Sia la Polonia che la Lituania hanno reclamarono per  se Vilnius  dopo la prima guerra mondiale. Le forze polacche occuparono la città nel 1920 e, prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, la città faceva parte del nord-est della Polonia.

Ai sensi del Patto Molotov-Ribbentrop tedesco-sovietico, Vilnius, insieme al resto della Polonia orientale, fu occupata dalle forze sovietiche alla fine di settembre 1939. Nell'ottobre dello stesso anno, l'Unione Sovietica trasferì la regione di Vilnius in Lituania. A quel tempo la popolazione della città era di 200.000 abitanti, tra cui più di 55.000 ebrei. Inoltre, tra 12.000 e 15.000 rifugiati ebrei provenienti dalla parte della Polonia occupata in Germania trovarono rifugio nella città.

Occupazione sovietica

Le forze sovietiche occuparono la Lituania nel giugno 1940 e in agosto incorporarono Vilnius, insieme al resto della Lituania, nell' Unione Sovietica. Il 22 giugno 1941, la Germania attaccò le forze sovietiche nell'Europa orientale. L'esercito tedesco occupò Vilnius il 24 giugno 1941, terzo giorno dopo l'invasione.

Il ghetto di Vilnius

Nel luglio 1941, l'amministrazione militare tedesca emanò una serie di decreti contro gli ebrei. Durante lo stesso mese, Einsatzgruppen (gruppi di uccisione mobile tedeschi), aiutati da ausiliari lituani, uccisero 5.000 ebrei nella foresta di Ponary, a 13 km da Vilnius. Nell'agosto del 1941 l'amministrazione civile tedesca assunse il controllo di Vilnius. Alla fine dello stesso mese, i tedeschi uccisero altri 3.500 ebrei a Ponary.

All'inizio del settembre 1941 i tedeschi fondarono a Vilnius due ghetti (Ghetto No. 1 e Ghetto No. 2). Gli ebrei che erano stati considerati incapaci di lavorare si concentravano nel ghetto 2. In ottobre, i distaccamenti tedeschi della Einsatzgruppe e gli ausiliari lituani distrussero il ghetto 2 e uccisero la sua popolazione a Ponary. Il famigerato carcere di Lukiszki serviva come centro di raccolta per gli ebrei che dovevano essere portati a Ponary e fucilati. Alla fine del 1941, gli Einsatzgruppen avevano ucciso quasi 40.000 ebrei in Ponary.

Gli ebrei del ghetto n. 1 furono costretti a lavorare in fabbriche o in progetti di costruzione fuori dal ghetto. Alcuni furono inviati nei campi di lavoro della regione di Vilnius. Nelle periodiche operazioni di uccisione, la maggior parte degli abitanti del ghetto furono massacrati a Ponary. Dalla primavera del 1942 alla primavera del 1943 non furono compiute altre stragi. Alla fine del settembre del 1943 i tedeschi ripresero a uccidere durante la liquidazione definitiva del ghetto 1. I bambini, gli anziani e i malati furono mandati nel campo di sterminio di Sobibor o uccisi a Ponary. Gli uomini sopravvissuti furono inviati nei campi di lavoro estoni, mentre le donne furono inviate nei campi di lavoro in Lettonia.

Resistenza al ghetto di Vilnius

Il ghetto di Vilnius ebbe un significativo movimento di resistenza ebraica. Nel 1942 venne formato un gruppo di partigiani ebrei noto come Fareynegte Partizaner Organizatsye (FPO). La resistenza creò luoghi nascosti per nascondere le armi e i preparativi per combattere i tedeschi. All'inizio del settembre 1943, quando ci si rese conto che si preparava la distruzione finale del ghetto, i membri della resistenza combatterono contro i tedeschi, che erano entrati nel ghetto per iniziare le deportazioni. Il consiglio ebraico, tuttavia, accettò di collaborare alle deportazioni degli ebrei dal ghetto, sperando di minimizzare i danni. Alcuni combattenti sfuggirono alla distruzione finale del ghetto, fuggendo attraverso le fogne per unirsi ai guerriglieri nei boschi di Rudninkai e Naroch alla periferia della città.

Durante l'occupazione tedesca a Ponary, decine di migliaia di ebrei provenienti da Vilnius e dall'area circostante furono ucini, così come prigionieri di guerra sovietici e chiunque fosse sospettato di opporsi ai tedeschi. Le forze sovietiche liberarono Vilnius nel luglio 1944.

Dopoguerra sovietico

I tedeschi furono costretti a lasciare Vilnius nel luglio 1944 a causa delle pressioni combinate dell'esercito polacco (Operazione Ostra Brama) e dell'armata rossa (Battaglia di Vilnius, 1944). Nel 1944-1947 gli oppositori del regime, compresi gli oppositori, furono catturati, interrogati nel Palazzo NKVD in Piazza  Lukiškės, giustiziati e sepolti nel parco Tuskul nai Manor.

I sovietici decisero che Vilnius sarebbe tornato a far parte della Repubblica Socialista Lituana. Dopo la fine della seconda guerra mondiale il governo sovietico, sostenuto dai comunisti lituani e dalla Repubblica popolare polacca, che chiedeva il trasferimento dei polacchi dall'URSS, decise di trasferire la popolazione polacca dalla Lituania e dalla Bielorussia.Questa decisione fu presto attuata e la maggior parte della popolazione fu espulsa in un'operazione organizzata dalle autorità comuniste sovietiche e locali. In alcuni casi il trasferimento era volontario, ma non tutte le persone disposte hanno potuto andarsene perché i polacchi che vivevano nelle zone rurali erano costretti a rimanere dove avevano vissuto.

La maggior parte degli abitanti sopravvissuti lasciarono Vilnius, il che ebbe un evidente impatto sulla comunità della città e sulle sue tradizioni; quella che prima della guerra era una città polacco-ebraica con una piccola minoranza lituana divenne quasi completamente lituana. Molti dei polacchi rimasti furono arrestati, uccisi o inviati in gulag o in parti remote dell'impero sovietico. Questi eventi, uniti alla politica di russificazione e immigrazione di polacchi, russi e bielorussi provenienti da altre repubbliche sovietiche negli anni del dopoguerra, dando origine ad una significativa minoranza russofona e ad una lenta ma costante emigrazione degli ebrei sopravvissuti in Israele, hanno avuto un'influenza critica sulla situazione demografica della città negli anni' 60. Vilnius ha conosciuto una rapida recrudescenza demografica dovuta alla migrazione interna dei lituani dalle altre parti del paese verso la capitale.

Lituania indipendente

A partire dal 1987 ci sono state massicce manifestazioni contro il dominio sovietico nel paese. Il 23 agosto 1988, più di 200.000 persone si sono riunite a Vilnius per inneggiare a una Lituania indipendente. L'11 marzo 1990, il Consiglio supremo della Repubblica Socialista Lituana annunciò la sua indipendenza dall'Unione Sovietica. I sovietici risposero il 9 gennaio 1991, inviando truppe. Il 13 gennaio, durante l'attacco dell'esercito sovietico all'edificio radiotelevisivo di Stato e alla Torre TV di Vilnius, noto come "Eventi di gennaio",14 persone sono state uccise e più di 700 sono rimaste gravemente ferite. L'Unione Sovietica riconobbe infine l'indipendenza della Lituania nell'agosto 1991, dopo il tentativo di colpo di Stato sovietico del 1991.

Negli anni successivi all'indipendenza, Vilnius si è evoluta e migliorata rapidamente, trasformandosi da enclave dominata dall'Unione Sovietica in una città europea moderna in meno di 15 anni.

Vilnius oggi

Vilnius è rapidamente diventata una città moderna. Molti dei suoi vecchi edifici sono stati ristrutturati, e un' area commerciale e finanziaria è in fase di sviluppo anche nel Nuovo Centro, nella zona a nord del fiume Neris, che aspira a diventare il principale quartiere amministrativo e commerciale della città.

Torna su

 


Ostelli Vilnius   Ostelli Lituania  Hotel Vilnius   Hotel Lituania

Carte de la Lituanie     Karte von Litauen   Mapa de Lituania  Map of Lithuania

Carte de Vilnius       Karte von Vilnius       Mapa Vilnius     Map of Vilnius

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal