Cosa vedere a Vilnius

Advertisement
Cosa vedere a Vilnius - 15 mete interessanti da non perdere

 

Vilnius, la capitale della Lituania è una delle mete turistiche più gettonate dagli italiani. La città è giovane ed offre numerosi divertimenti, per ogni età. Possiede numerose cose da vedere. Il suo centro storico, sontuosamente in stile barocco, è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Di seguito troverete alcuni suggerimenti sui luoghi della città, assolutamente da visitare. Vilnius è una città compatta; possibile raggiungere a piedi quasi ogni luogo di interesse.

Advertisement

 

Chiesa di Sant’Anna (Indirizzo : Maironio Gatve 8)

Cosa vedere a VilniusLa chiesa dedicata a Sant’Anna è una delle costruzioni più significative della capitale lituana, in stile neogotico, venne costruita nel 1394, grazie all’insistenza della principessa Anna, la moglie di Vytautas il Grande che voleva offrire un luogo di preghiera ai cattolici presenti sul territorio o a quelli di passaggio. La costruzione con i mattoni è successiva e risale al 1495 e il 1500 grazie al granduca Alexander. La facciata è formata da mattoni di 33 forme diverse e su di essa vi sono tre torri, tipicamente gotiche, il frontone e le cime degli archi sono molto allungati, secondo lo stile Flamboyant. Un incendio la danneggiò notevolmente e venne ricostruita nel 1582, assumendo la forma, che ancora oggi ammiriamo. Tutti i turisti rimangono folgorati dalla particolare bellezza di questa chiesa e ne rimase colpito anche Napoleone, di passaggio dalla città durante la campagna del 1812; la leggenda, infatti narra che l’imperatore disse di volerla portare a Parigi con sé a Parigi, tenendola sul palmo della propria mano. Essa è situata nel centro storico di Vilnius, molto vicina al fiume Vilna, che da il nome alla città.

Torna su

La Cattedrale (Indirizzo: Šventaragio g.)

Cosa vedere a VilniusQuesta cattedrale, rappresenta il cuore pulsante della religiosità della città, posta al centro della capitale è anche sede vescovile, ed è dedicata ai Santi Stanislao e Vladislao. La sua edificazione risale al lontano 1251, e venne costruita, molto probabilmente, nello stesso posto, nel quale sorgeva un tempio pagano, per testimoniare la conversione del Re verso la religione cristiana. Numerose sono state le modifiche e le ricostruzioni, che nel corso degli anni sono state operate sulla chiesa. L’ingresso alla cattedrale è gratuito, la struttura è fondata su tre navate, sulle cui basi ci sono grandi colonne ed al suo interno si trova una basilica, risalente al 1623 – 1626, dedicata a San Casimiro, la madonna dei Sapiega, circondata d’oro, effigie responsabile di molti miracoli, un pulpito risalente al settecento e numerosi dipinti, tra i quali il più antico affresco della nazione, risalente al XIV secolo, ma ciò che maggiormente colpisce di questa costruzione, sono le sue catacombe, anch’esse visitabili, grazie alle guide presenti all’interno. Qui riposano molti nomi illustri, che hanno segnato la storia della Lituania, come Vytautas il Grande, il cuore di Re Vladislovas Vaza, la regina Elisabetta d’Austria, il re Alexander di Polonia. A fianco alla cattedrale potrete ammirare la Torre di Gedimino, una costruzione di ben 57 metri, con al cui interno un museo.

Torna su

Museo del KGB (Indirizzo: Auku str. 2A)

Museo del KGBCosa significa subire per anni le torture ed i soprusi di un regime? Cosa hanno provato tutte quelle persone vittime del genocidio? Forse noi non lo potremo mai sapere, però per quanto possibile, lo potremo rivivere in questo museo, aperto a Vilnius nel 1992, l’anno successivo alla liberazione dall’occupazione Sovietica. All’interno del museo, posto su tre livelli, è possibile vedere, oltre ai documenti, relativi sia alla protesta anti-nazista, che a quella anti-sovietica, anche la prigione del Kgb, dove vennero imprigionati, a partire dal 1940, tutti i dissidenti del regime. Ci sono le stanze dedicate agli interrogatori, le celle e le stanze nelle quali si praticavano le più atroci torture. Questo museo sorge al centro della città, nello stesso luogo, nel quale nel 1989 partì quella che noi ricordiamo come la Catena Baltica, un’enorme catena umana, che aveva un unico obiettivo, liberare la nazione dal regime dell’URSS.

Torna su

Gedimino Pilis (Indirizzo : Senamiestis)

Gedimino PilisPosta dietro alla Cattedrale, la Torre di Gediminio è uno dei simboli della Lituania. Essa si trova su di una piccola altura, e consente di godere di una splendida vista, su tutta la città. La torre ha la forma di un ottagono ed è ricoperta da decori e da mattoni rossi, al suo interno è presente anche un museo. E' facilmente raggiungibile dal centro storico di Vilnius. Sede del Granduca Gediminas nel 1400, quella che vediamo oggi è l'ultima torre rimasta del castello. Chi sceglie di visitare il Castello di Gediminas è ricompensato con una vista cristallina sulla città.

Torna su

Sinagoga corale e quartiere ebraico

Sinagoga corale e quartiere ebraicoLa città di Vilnius era conosciuta come la "Gerusalemme Nord", per il numero molto alto della comunità ebraica locale e per la forza culturale che quest'ultima esercitava in tutto il mondo ebraica del nord est dell'Europa. Tuttavia, arrivò la seconda guerra mondiale e con essa i campi di concentramento, il genocidio e la fine del popolo ebraico in Lituania. Al momento non c'è molto da vedere a Vilnius di quello che era il quartiere ebraico, ma ci sono alcuni angoli che possono ancora essere visitati ricordando la storia degli ebrei della città e sono:

  • Sinagoga Corallo

  • Casa di Gaón Elijahu Ben Shlomo Zalman

  • Judenrat

  • Strade Zydu e Gaono

Torna su

Museo di Arti Applicate (Indirizzo : 3A Arsenalo g.)

Cosa vedere a VilniusQuesto museo è stato restaurato nel 1986, ma il suo edificio risale al XVI secolo. Ospita diverse mostre, ma soprattutto numerosi cimeli ed opere d’arte. Le ceramiche, l’ambra ed i gioielli sono protagonisti delle esposizioni. Molte sono le opere a carattere sacro o religioso e qui è conservato anche un frammento delle antiche mura, che circondavano la città.

Torna su

Il quartiere Užupis

Il quartiere UžupisQuesto è il quartiere più eccentrico e contraddittorio della città. In questa strada, dal tipico stile bohemien, molti artisti si incontrano per esporre e parlare delle proprie opere e delle proprie idee. Questo, però, è pure il quartiere della Repubblica di Užupis, che il 1 aprile 1997 ha proclamato la propria indipendenza con un francobollo, un passaporto e la propria costituzione, che include che i cani e gatti hanno il diritto di comportarsi a loro piacimento. Hanno anche un proprio esercito, formato da 12 artisti del quartiere. Precedentemente Užupis era uno dei quartieri più pericolosi di Vilnius, sede di prostitute e tossicodipendenti, Uzupis è stato rivitalizzato negli anni' 90, quando vi si trasferirono bohémien e artisti. Ora, quando i visitatori fanno una visita a Uzupis, troveranno strade vivaci, piccoli negozi d'arte, caffè carini e ristoranti di tendenza.

Questo quartiere è stato paragonato a Montmartre non solo per la sua atmosfera bohémien, le sue strade con una certa aria hippie, gallerie d'arte all'avanguardia, i laboratori di artisti e i caffè. Una visita a Vilnius non sarebbe completa senza la partecipazione a due consuetudini locali.

Torna su

Università di Vilnius

Il quartiere UžupisUno dei posti da vedere a Vilnius che sorprende è l'università. Fondata nel XVI secolo, fu chiusa dai russi nel 1832, tornando ad essere centro di studi nel 1919 e rimanendo tale fino ad oggi. Si possono visitare 13 patii, ognuno con le proprie caratteristiche e la propria storia. Il più impressionante di loro è il Cortile Grande, a cui si aprono le porte della Chiesa di San Giovanni. Da questo cortile, le cui pareti sono decorate con dipinti, si accede al patio dell'Osservatorio Astronomico, probabilmente il più singolare del complesso universitario.

Torna su

Porta dell’Alba (Indirizzo : Aušros Vartų 12)

Porta dell’AlbaNel XVI secolo questa era la porta principale della città, chiunque voleva accedervi doveva pagare un pedaggio, con una pietra o una roccia, un piccolo pegno, per una grande opera, infatti il pagamento serviva alla costruzione delle strade. Nel 1671 venne costruita una cappella, propria sopra l’arco della porta e al suo interno venne posta l’effigie miracolosa della Vergine Maria. Ancora oggi, la devozione verso la Madonna è tangibile, infatti, numerosissime persone, ogni giorno, continuano ad inginocchiarsi per strada, di fronte all’immagine miracolosa. Dal punto in cui si vede la Vergine, girando a sinistra, ci sono delle scale, e da li si possono ammirare alcuni affreschi, in stile neoclassico, realizzati intorno al 1829 per decorare il luogo.

Torna su

 

Una passeggiata per le strade di Vilnius

Una passeggiata per le strade di VilniusAl contrario delle nostre grandi città, la capitale lituana non è per niente caotica, anzi, è molto tranquilla e può essere visitata in bicicletta o a piedi (consigliato sopratutto nella bella stagione). Partendo dal municipio, infatti, si può godere di una bella passeggiata, lungo le strade e le stradine, che da li si snodano, fermandosi, ogni tanto in qualche piccolo negozio di artigianato o bijoux e in qualche caffè, per bere una bibita calda.

Torna su

Gedimino Prospektas

Una passeggiata per le strade di VilniusIl Gedimino Prospektas è il viale più elegante della città e i suoi 1750 metri di lunghezza permette ai visitatori di raggiungere dalla Cattedrale la Chiesa ortodossa dell'Apparizione della Beata Vergine. Su questo viale si trovano alcune cose da vedere a Vilnius, come le Tre Muse che sorgono enigmatiche che coronano l'ingresso al Teatro Nazionale di Lituania o il centro commerciale Gedimino 9 situato in un antico edificio storico della città.

Torna su

I mercati di Vilnius

I mercati di VilniusNumerosi sono i mercati, che si snodano lungo la capitale lituana, essi sono aperti la mattina presto e, la maggior parte, chiude nel primo pomeriggio. Per qualsiasi cosa si voglia comprare, è necessario contrattare il prezzo. Molti sono i prodotti tipici venduti in queste bancarelle, dove si può pure mangiare, spendendo poco. Il mercato più grande è il Gariunu Turgus, si trova nella zona sud della città, un po’ lontano dal centro, a Basanavicius gatve, invece troviamo il Mercato dei Fiori, che rimane aperto per l’intera giornata, anche di notte, mentre vicino alla stazione c’è il mercato di Hales Turgus.

Torna su

Assaggiare i Cepelinai

I mercati di VilniusI Cepelinai sono il piatto tipico di Vilnius, essi vengono realizzati con le patate bollite, impastate come polpette al cui interno ci va un ripieno di carne macinata, e vengono serviti con una salsa particolare a base di cipolle, lardo e panna acida, tipica della zona. Questo piatto lo potrete assaggiare in uno dei numerosi ristoranti della Old Town, città vecchia. Il migliore ristorante, secondo i turisti? Indubbiamente " Senoji Trobele" posto sulla Naugarduko str. 36

Torna su

Museo dell'Ambra

Museo dell'Ambra a VilniusIl museo dell'Ambra di Vilnius è sicuramente una delle maggiori attrazioni della città, attento custode dei tesori naturali del territorio. Gemme così antiche, 50 milioni di anni, da dimenticarsi del tempo. Gioielli capaci di donare eterna bellezza a chi li indossa. Così è stato nei secoli in tutta Europa e nel mondo, come insegnano le testimonianze arrivate a noi dall'uso dell'ambra baltica anche tra gli antichi Etruschi del centro Italia...Continua a leggere sul Museo dell'Ambra.

 

Torna su

 


Ostelli Vilnius   Ostelli Lituania  Hotel Vilnius   Hotel Lituania

Carte de la Lituanie     Karte von Litauen   Mapa de Lituania  Map of Lithuania

Carte de Vilnius       Karte von Vilnius       Mapa Vilnius     Map of Vilnius

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal