Storia di Caceres

Advertisement

Storia di Caceres

Ci sono tracce e reperti che dimostrano che Caceres fu abitata fin nel periodo neolitico. Le testimonianze in questo senso sono abbondanti, come pe esempio quelle ritrovate nelle Grotte di Conejar e delle Cave di Maltravieso. Nei tempi antichi la città fu occupata dai Vettoni, una popolazione celtica. La fondazione e il nome attribuito a Cáceres dai colonizzatori romani è stato un argomento dibattuto per molto tempo. Nel 1675 si menzionava ancora una lapide in cui l'iscrizione di Norba Caesarina.

Advertisement

La stessa iscrizione fu trovata nel 1794 , presso la porta di Mérida , in un pezzo di architrave. Ora è quindi assodato che la città venne, Norbensis Caesarina, fondata nel 25 a.C. dal console romano Lucio Cornelio Balbo, con il solito metodo usato nelle colonie romane, che assegnò le terre ai veterani (operazione detta centuriazione).

Una grande parte delle mura romane di Caceres sono ancora conservate e esiste ancora una porta romana intatta, nota come l'Arco di Cristo. La città subì come tutto l'Impero Romano, gli attacchi durante le invasioni barbariche, e si risollevò leggermente durante la dominazione visigota . Conquistata dagli arabi, che la chiamarono Cazires, fu usata come base per attaccare i regni cristiani . Come in molte altre zone della Spagna, l'alternanza di potere tra arabi e cristiani fu una costante per molti secoli. La dominazione musulmana di Caceres durò fino al XII secolo, quando Gerardo Sempavor il Senza Paura nel 1166 riuscì a conquistarla alla causa cristiana. Venne ripersa subito dopo e riconquistata da Ferdinando II di León nel 1169. Era in ogni caso troppo importante per gli Almoravidi per la sua posizione strategica e Abu Ya'qub la riconquistò nel 1173 .

Fu dante questo periodo che Caceres , nota ora come Hinz Qazris, e con la successiva dominazione della dinastia degli Almohadi, che si svilupparono gli elementi di quello che oggi si ammira in città . Così dopo le mure romane furono costruite le torri di Bujaco, di Yerba, e del Horno e la cisterna a Veletas Palace. Dopo altri 50 anni Alfonso IX di León riconquistò la città per i cristiani , il 23 aprile 1229, il giorno di San Jorge (San Giorgio).

Durante il Medio Evo venne piano piano alla luce la città monumentale che possiamo ammirare oggi. La città si sviluppò attorno le parrocchie di Santa Maria e San Matte . A ovest della città, la popolazione ebraica si stabilì intorno alla Sinagoga . Dalla fine del XIII secolo, le famiglie aristocratiche, soprattutto dalla Galizia e Castiglia e Leon iniziarono ad arrivare e costruire le loro case e i loro palazzi .

Nella guerra di successione della corona di Castiglia, la zona circostante della città molto. Infatti non sostenere la causa di Isabella di Castiglia, produsse il fatto che la regina distrusse quasi tutte le merlature dei palazzi delle nobili famiglie. L'unico edificio che sopravvisse alla vendetta reale fu la Torre de las Cigüeñas (Ovando Palace) , grazie al sostegno che il suo proprietario, il capitano Diego de Cáceres, diede alla regina .

Alla fine del XVIII secolo, fu istituita il tribunale della Real Audiencia de Extremadura. Nel 1833 che la città divenne la capitale della provincia , “rubando? a Plasencia di questo privilegio. Da allora in poi , la popolazione e l'economia crebbe esponenzialmente (grazie ai vantaggi economici delle miniere fosfato di Aldea Moret) e la città lanciò un ambizioso piano di espansione al di fuori delle mura (come per esempio il Paseo de Canovas).

La guerra civile spagnola e il periodo successivo fermarono questo processo di espansione fino al 1986, quando la città è stata dichiarata patrimonio culturale dell'umanità dall'Unesco. Oggi, Caceres è una città con una importante università (dove vanno molti studenti Erasmus, anche italiani), sede di molte organizzazioni ufficiali della regione autonoma ed è la seconda città più popolata della provincia di Extremadura, con più di 84.300 abitanti, la maggior parte dei quali lavora nel settore industriale .

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su

Ostelli Caceres   Ostelli Spagna   Hotel Spagna  Hotel Caceres

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain


Carte Caceres  Karte von Caceres     Mapa Caceres  Map of Caceres

 

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal