Storia di Varsavia

Advertisement

Storia di Varsavia

 

La capitale medievale della Polonia è stata la città meridionale di Cracovia, Varsavia, divenne la capitale del paese dal 1596, crescendo da allora fino a diventarne la più grande città, il più grosso centro urbano e commerciale della nazione. Completamente distrutta dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, Varsavia è riuscita a risollevarsi dalle proprie ceneri. Oggi, quasi ogni edificio  risale al dopoguerra, ma è stato fedelmente ricostruito come l'originale. 

Advertisement

Le prime tracce di insediamento nella zona di Varsavia risalgono al X secolo. Le prime strutture della città vera e propria non arrivano però che a partire dal XIV secolo, quando i duchi di Mazovia costruiscono una fortezza nel luogo in cui il Palazzo Reale si trova oggi, dando vita al primo nucleo della città. Lo sviluppo successivo fu simile a quello di molte altre città medioevali polacche, che includevano una piazza centrale principale, vicino alla chiesa e le mura difensive che circondavano tutto il perimetro dell'abitato. Dal 1413 Varsavia divenne la sede dei duchi di Masovia, da quel momento la città vive un periodo di forte sviluppo che vede anche emergere la Nowe Miasto, la città nuova, lungo le pareti settentrionali della Città Vecchia. Nel 1526 l'ultimo duca di Mazovia morì senza un erede, mettendo così a Varsavia insieme con il resto di Mazovia sotto il dominio diretto del re di Polonia a Cracovia .

Nel 1569 Varsavia divenne la sede del Sejm, una sorta di parlamento polacco, grazie alla sua posizione centrale nella nuova unione tra la Polonia e la Lituania. Quattro anni più tardi la città divenne la sede delle elezioni reali, anche se il re risiedeva ancora a Cracovia. Un episodio della storia cambio definitivamente le cose, infatti, nel 1596 dopo un incendio nella residenza del re Sigismondo III Waa a Cracovia, la capitale venne spostata a Varsavia, era destino. Durante l'invasione svedese 1655-1660 della Polonia, Varsavia subì gravi danni fisici e culturali e culturali. Il XVIII secolo fu un periodo di sviluppo costante della città con la costruzione di molte chiese, palazzi e monasteri e la vita culturale fiorì, soprattutto durante il regno dell'ultimo re polacco Stanislao Augusto Poniatowski.

Nel 1795 la Polonia fu divisa e spartita tra i tre imperi confinanti: la Prussia, la Russia e l'impero asburgico. Varsavia si ritrovò ad essere sotto il dominio prussiano e il suo ruolo fu ridotto a quello di una piccola città di provincia. Tuttavia nel 1807 divenne di nuovo capitale quando Napoleone creò il Ducato di Varsavia. Fu un periodo difficile e duro. Con il crollo della Francia napoleonica, Varsavia passò sotto il dominio dell'Impero Russo. Nonostante l'occupazione zarista, Varsavia proseguì nel suo sviluppo con un aumento costante della popolazione. Nel 1900 la città aveva 700.000 abitanti.

Nel 1918 la Polonia riacquistò la sua indipendenza e Varsavia divenne la capitale della Seconda Repubblica di Polonia. Quando la Seconda Guerra Mondiale scoppiò e il paese fu invaso dalle truppe tedesche nel 1939, la capitale si difese eroicamente fino al 27 settembre 1939. Durante i cinque anni che seguirono di occupazione nazista della città la popolazione viveva nel terrore. I cittadini ebrei furono costretti a vivere in un ghetto murato. Da lì furono inviati alle camere a gas di Auschwitz e altri campi di sterminio. Quando i tedeschi decisero di radere al suolo il ghetto di Varsavia nella primavera del 1943 gli ebrei si ribellarono dando vita a una battaglia eroica e purtroppo impari dove trovavano la morte migliaia di combattenti e civili ebrei e non. Il ghetto fu completamente distrutto.

Il 1 Agosto 1944 scoppiò la rivolta in tutta la città. Fin dall'inizio i combattenti polacchi erano destinati a soccombere a causa della mancanza di aiuto dall'esterno. Dopo 63 giorni di resistenza eroica la rivolta di Varsavia fu brutalmente repressa. Questo fu il più grande atto di ribellione nell'Europa occupata dai nazisti e ha dato il suo contribuito alla rapida fine della guerra. Più di 200.000 polacchi, soldati e civili morirono negli scontri. Dopo la soppressione della rivolta tutti gli abitanti rimasti furono espulsi dalla città e i tedeschi fecero saltare in aria gli edifici ancora in piedi della capitale. Nel mese di agosto 1944 Varsavia non esisteva più.

Varsavia fu finalmente liberato il 17 Gennaio 1945; in tutto 800.000 dei suoi abitanti erano morti durante la guerra. I superstiti tornarono alla loro città quasi subito cominciando a ricostruirla. Varsavia divenne nuovamente la capitale della Polonia, ma ancora una volta il suo destino era determinato da una potenza straniera, l'Unione Sovietica, che ne fece un suo stato satellite, insieme a tutto l'est europeo. Il paese da quel momento in poi fu governato da un regime comunista, anti democratico e totalitario. Nel 1981 i governanti comunisti dovettero fare affidamento sull'esercito per difendere il loro potere contro il movimento sindacale Solidarnosc di Lech Walesa, annunciando la legge marziale il 13 dicembre. Con l'economia fatiscente e le trasformazioni in corso in Unione Sovietica, i comunisti finalmente hanno permesso le elezioni libere nel 1989. Questo è stato l'epilogo del partito comunista in Polonia.

Il diritto nuovo governo cominciò subito ampie riforme democratiche ed economiche, e per Varsavia, è stato l'inizio di un grande boom economico che va avanti ancora oggi. Con 1,6 milioni di abitanti, Varsavia sta cercando di raggiungere e di competere dignitosamente con le grandi capitali occidentali. Nonostante i molti problemi, la città è in costante fermento.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

 

 

 

Ostelli Varsavia   Ostelli Polonia  Hotel Varsavia   Hotel Polonia

 Carte de la Pologne     Karte von Polen Mapa de Polonia  Map of Poland

Carte de Varsovie   Karte von Warschau    Mapa de Varsovia  Map of Warsaw

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal