Alcaicería - Granada

Advertisement

Sei qui: Cosa vedere a Granada > Alcaicería

Alcaicería - Granada

Appena a sud della Capilla Real, la Alcaicería, era la sede del Gran Bazar di Granada, in particolare il mercato della sete arabe, di spezie e altre merci preziose nel periodo musulmana della città. Ma quello che si vede oggi è il frutto di un restauro avvenuto dopo l'incendio del XIX secolo, ed è pieno di negozi turistici. Le strade del mercato della Alcaicería e di Zacatín, insieme alle vie limitrofe, costituiscono l'antico quartiere arabo ed ebreo della capitale.

Advertisement

In questa zona della città, nei pressi della Cattedrale, si possono acquistare oggetti di ceramica, di stile tradizionale o ultramoderno, così come oggetti di argento e di alpacca, tessuti tradizionali delle montagna dell'Alpujarra o tappeti di lana, oltre ai famosi oggetti di "taracea", lavori di intarsio con incrostazioni di avorio e osso a motivi geometrici.

Alcaicería - GranadaAlcaicería fu un nome utilizzato in tutta Spagna moresca e parti del Medio Oriente per indicare il Bazar. Il Bazar fu una delle poche tradizioni moresche a sopravvivere alla conquista cristiana. I bazar esistevano non solo a Granada ma in tutto il regno cristiano. Il nome Alcaicería, a sorpresa, ha origini romane: l'arabo al-Kaysar-ia significa "il posto di Cesare", per ringraziare l'imperatore bizantino Giustiniano, dopo aver concesso agli arabi il diritto esclusivo di produrre e vendere seta nel VI secolo. Da allora in poi, tutti i bazar arabi sono stati nominati nello stesso modo.
La Alcaicería originale di Granada fu costruita nel XV secolo, e sopravvisse fino al XIX secolo, quando un incendio purtroppo lo distrusse. La ricostruita zona di Alcaicería era meno della metà della sua dimensione originale. A differenza della Alcaicería attuale, l'originale era la patria di più di 200 negozi in uno strano labirinto di strade e vicoli. Ogni negozio era molto piccola e aveva una porta di colore rosso ocra, che era inclinata verso l'alto per aprire (molto simile a una porta del garage). Le strade del Alcaiceria erano sigillate da cancelli di ferro, per impedire alle guardie e ai nobili di entrare a cavallo, e venivano chiuse durante la notte per proteggere le merci e i preziosi manufatti. Oggigiorno alla Alcaicería si trovano bancarelle di souvenir, artigianato arabo, come ad esempio il Fajalauza (ceramiche tradizionali dipinte locali), la taracea (intarsio in legno, in elementi come scrivanie e scacchiere), e il tipico prodotto granadino delle farolas (lampade in vetro colorato). Si possono vedere una versione moderna delle farolas in tutto il centro città; versioni bianche sono utilizzate come lampioni, e si trovano come decorazione nelle teterias (sale da tè), nei negozi e nei bar. Altre bancarelle offrono anche abbigliamento etnico (un residuo della tela originale di vendita del mercato e sete), ninnoli e cimeli di souvenir. Le tracce della antica tradizione del mercato si possono trovare in giro nella Plaza Bib-Rambla dove alcune bancarelle vendono erbe e spezie marocchine, frutta e sete. Fare attenzione quando si cammina intorno a questa zona, molto popolare tra i borseggiatori e o donne gitane che si offrono di raccontarvi il vostro futuro o leggervi il palmo della mano.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Dove si trova?

 

Torna su

 

 


Ostelli Granada  Ostelli Spagna   Hotel Granada   Hotel Spagna

 Carte de Granada    Karte von Granada    Mapa Granada   Map of Granada

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal