La lettura per i bambini  

Informagiovani Italia

   L'educazione in Italia

   L'educazione in Europa

   Lavorare in Italia

   Lavorare in Europa

   Articoli  Informagiovani

   Mestieri e Professioni

   Mettersi in Proprio

   Idee imprenditoriali

 Mettere su casa

Energia pulita Energia Pulita

  Stili di vita

   Giovani arte e cultura

Viaggiare in Europa

Viaggi Italia   Viaggiare in Italia

 Ostelli in Europa

 Ostelli in Italia

Hotel in Italia

 

Sei qui: Articoli informagiovani >

 

La lettura per i bambini, leggere per crescere

 

 

La lettura come contributo alla crescita di ognuno di noi, è questo il tema che vogliamo affrontare in questo articolo. Questo pezzo lo vogliamo dedicare, in particolar modo ai bambini, affinché riescano a comprendere l’importanza della lettura, ad amarla a considerarla un tesoro da scoprire. Leggere dovrebbe essere per ogni bambino un piacere, una fonte di idee, riflessioni e pensieri, uno svago al quale ricorrere quasi giornalmente, ma, purtroppo spesso non è così.

 

 

Perché devo leggere?

Non basta già quello che faccio a scuola?

A cosa mi serve leggere altri libri?

 

Bambini e libriSono alcune delle domande più diffuse tra i bambini. Alla domanda " Perché non leggi?" spesso rispondono " a me non piace leggere", secondo noi questa risposta dovrebbe far riflettere, e molto. Perché alcuni dei nostri bambini non leggono più? Forse perché è cambiato il modo stesso di impostare la lettura come metodo educativo? Forse i genitori hanno dimenticato, o non hanno a loro volta scoperto, il ruolo fondamentale del libro nella formazione di una persona? Eh si perché anche per i piccoli, per i grandicelli e per gli adolescenti, il libro è vita vissuta, storia, morale, ammonimento, ispirazione, liberazione. Quante cose s'imparano dalle fiabe prima e dai romanzi

poi! Quante paure si ridimensionano se spiegata dalla voce rassicurante di mamma e papà... quante emozioni trovano conferma nelle pagine che scorrono...

 

Bambini e libriSpesso la lettura è vista solo come un elemento scolastico obbligato; leggere sembra a qualcuno anacronistico, tra Playstation, Nintendo e cartoni animati di ogni genere. La scena di un bambino che ha in mano un libro diventa sempre più rara, mentre sempre più diffusa è quella di un bambino che gioca a qualche videogame. Proprio qui vogliamo porre la nostra attenzione, su come siano cambiati i modi e i passatempi dell’infanzia e di come questi passatempi influenzano e continueranno ad influenzare la vita di ogni bambino.

 

Leggere è uno strumento in più che possiamo regalare ai nostri figli per meglio interpretare il mondo e le sfide che li attendono.

L'illustrazione in rosso a destra e in basso a sinistra è tratta dal sito Fatatrac.com della omonima e fantastica casa editrice per bambini.

 

Cosa succede con la lettura? Cosa significa leggere? Molte cose...

 

Bambini e lettureLeggere è aprire la mente, con la lettura ciascuna mente, ciascun pensiero diventa più ampio, ricco, ogni persona diviene più ricettiva. Questo avviene perché siamo noi a trasformare le parole, i caratteri in immagini, in scene che saranno sempre differenti l’una dall’altra. Il gioco è fantasia e la lettura e la fantasia camminano di pari passo, e non possono esistere l’una senza l’altra, perché la lettura ha come elementi fondamentali proprio la fantasia e l’immaginazione. Cosa significa quello che sto dicendo? Meglio fare un esempio più concreto: sto leggendo un romanzo che descrive una sala da ballo, con tante dame all’interno. Io immagino le pareti della sala rosa salmone, con grandi lampadari pendenti e luccicanti, mentre i vestiti delle dame che stanno danzando sono tutti bianchi e rosa. Un’altra persona, invece, può immaginare le pareti rosse, con piccoli lampadari e le dame vestite di tutti i Bambini e libricolori, una terza persona, può ancora pensare le pareti azzurre come il cielo, e i vestiti delle ballerine gialli come il sole. Cosa significa questo? Quello che queste tre persone hanno letto non è sempre la stessa cosa? Non sono le stesse parole? Lo stesso libro? E’ proprio questo il bello della lettura, quello che abbiamo letto è esattamente lo stesso identico libro, la stessa identica descrizione, la stessa sala da ballo e sono le stesse ballerine. Allora perché per me le ballerine sono bianche, per un’altra colorate e per un’altra gialle? Perché ognuno di noi immagina queste belle danzatrici come vuole, perché quella scena non è uguale in nessuna delle nostre menti.

 

E allora perché quando guardiamo la scena di un film la pareti sono sempre le stesse, uguali per tutti, così come i vestiti delle dame? Perché nei film le vediamo tutti allo stesso modo? Ed è proprio qui che entra in gioco quella che prima chiamavamo fantasia, perché nei film la nostra fantasia e la nostra immaginazione sono messe un po’ da parte, non ci servono, perché abbiamo già l’immagine pronta solo per essere vista, perché se quel vestito è rosso rimarrà per sempre rosso. Sta proprio qui la differenza tra l’immaginazione e se vogliamo la realtà. Quando si legge un libro, la cosa più bella è creare le scene nella propria mente, quasi come se noi fossimo i registi di questo film. Mentre le parole scorrono noi immaginiamo quello che succede, il narratore racconta, noi leggiamo e sogniamo.

 

Pensiamo a come potrà essere un personaggio, o un altro, a come potrà andare a finire, se finirà realmente così o se ci sarà qualche sorpresa e mentre noi facciamo automaticamente tutte queste azioni, non ci accorgiamo, che in realtà quello che stiamo facendo non è nient’altro che allenare la nostra mente.

 

Libri ragazzeLeggere è immedesimarsi, vivere le storie come se fossero un po' nostre, leggere è cercare di capire, interpretare, prevedere, andare oltre.

Leggere ai nostri bambini prima, incoraggiarli poi a leggere da soli ogni giorno, significa regalare loro tante possibilità in più e una varietà di colori con cui dipingere le sfumature del loro mondo, presente e futuro. "Chi legge ha il mondo in tasca" per dirla con la casa editrice Fatatrac.

 

Certo i bambini non dovrebbero essere forzati, al limite se incontrate resistenza, cercate di premiarli per ogni libro letto e raccontato; dovrebbe però bastare semplicemente l'esempio, dedicatevi insieme a loro alla lettura, scegliete anche voi un libro e mettetevi insieme all'opera. Fate assaggiare ai vostri figli i meravigliosi mondi e le incredibili avventure, i grandi sentimenti e gli insidiosi pericoli, che si celano tra le pagine, non potranno resistere.

 

Allenateli a leggere. La nostra mente, le facoltà intellettive sono un po’ come i muscoli del corpo, vanno sempre allenati per essere in forma. Pensate al primo giorno di palestra dopo quattro mesi che non ci siete andati, anche solo cinque minuti di corsa vi fanno venire un gran dolore alle gambe. Pensate, invece, di correre cinque minuti al giorno tutti i giorni, dopo i primi dieci giorni quei cinque minuti passeranno subito, senza il minimo sforzo. Con la lettura funziona proprio così. Spesso non iniziamo a leggere un libro perché ci sembra un’impresa troppo ardua, non riusciamo neanche ad aprirlo, neanche a sfogliare le prime pagine, e spesso, rimandiamo quest’azione all’infinito. Ma poi, iniziamo a leggere, una pagina, due, tre, e ci troviamo immersi in un nuovo mondo, lontano da casa nostra, dal nostro divano, dalla nostra camera. Leggere è vivere tante vite. Così, domani, riprendere un libro tra le mani, ci sembrerà un’impresa sempre più facile, e dedicare mezz’oretta al giorno alla lettura, sarà solo un piacere e un divertimento.

 

Un bambino oggi ha mille (troppe) cose da fare, tra la scuola che occupa gran parte del suo tempo, sport praticati, corsi seguiti, rimangono ben poche ore libere, e considerato che ogni persona ha bisogno di qualche momento di riposo, ci rendiamo conto che il tempo da dedicare alla lettura è ridotto al minimo, ma quel minimo basta, possiamo farcelo bastare. Non dobbiamo pensare alla lettura come ad un grande sforzo mentale di ore, dobbiamo, invece, riuscire a capire che si può leggere anche per 15-20 minuti al giorno, purché sia un esercizio continuo e ripetuto quasi ogni Bambini e videogamegiorno. La lettura, va vista, come una distrazione, un piacere e va preferita alle numerose distrazioni di ultima generazione. Noi crediamo che l’utilizzo degli strumenti informatici ed elettronici sia molto importante per la crescita di una persona, e ci rivolgiamo, in particolar modo al computer, senza di esso, oggi, niente è più possibile, ma così come tutte le altre cose, anche il computer, soprattutto per i bambini, va usato in maniera attenta e responsabile. Internet è oggi una fonte di conoscenza ed arricchimento culturale, ma può trasformarsi in una macchina pericolosa per i bambini, e proprio per questo va usato con cautela e cognizione. Ciò che dovremo capire tutti è che l’esagerazione porta sempre un danno, far stare un bambino troppe ore davanti alla tv o davanti ad un videogioco, avrà su di lui effetti negativi duraturi. La televisione va vista, perché spesso è educativa e divertente, ma va vista con delle limitazioni di tempo, così come il tempo passato davanti ai videogiochi deve essere limitato. Quello che dobbiamo cercare di offrire ai nostri bambini è una formazione completa, formazione che comprenda lo sport, il divertimento, lo svago offerto da tv o altro, e la lettura, perché senza di essa, crediamo che i bambini non riusciranno mai a diventare adulti completi, ma soprattutto non riusciranno pienamente ad assaporare i vari aspetti della vita, le varie sfumature di ogni esperienza.

 

I libri sono amici che ci arricchiscono, se non abbiamo amici e siamo soli tutto è più difficile da affrontare. La lettura educa, leggere è un modo per sviluppare la propria intelligenza, nonché la propria cultura. Ogni libro che leggiamo, è un mattone che dovrà servire alla costruzione di un grande palazzo, chissà quanti mattoni ci vorranno per tutto ciò, ce ne vorranno proprio tanti, ma il bello dei mattoni è che resteranno sempre lì, a sostenere quel grande palazzo. I libri che noi leggiamo sono proprio così, restano lì, diventano nostri, e lo diventano per sempre, perché ogni libro, ogni lettura, sarà qualcosa di noi, e avrà qualcosa di noi, qualcosa di distintivo. Ogni lettura in più servirà a farci conoscere, a farci distinguere dagli altri, ci farà affermare un giorno di essere diversi, di essere diventati migliori proprio grazie alle tante e varie letture che abbiamo fatto.

 

Ognuno di noi porterà con sé e dentro di sé una storia, e sta a noi arricchire questa storia con ciò che amiamo di più, con ciò che riteniamo più importante, con ciò che ci farà distinguere, con ciò che porterà la nostra storia ad essere la più bella, la più avvincente, la più affascinante, vedete, noi crediamo che potremo rendere importante quella storia solo se ne abbiamo lette e continueremo a leggerne tante altre.

 

Articolo della redazione di Informagiovani-Italia.com
 

Se volete aggiungere commenti, articoli o quant'altro scrivete all'indirizzo:

info  @   informagiovani-italia.com (antispam: togliete gli spazi prima e dopo la chiocciolina)

Torna su