Il Processo di Norimberga - 20 Novembre 1945

Il Processo di Norimberga - 20 Novembre 1945

 

Il 20 novembre 1945, pochi mesi dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, ebbe inizio uno dei processi penali più noti di sempre, passato alla storia come Processo di Norimberga, in cui 23 dei maggiori gerarchi nazisti nell'aula 600 del Palazzo di Giustizia di Norimberga tra cui Hermann Goering, Albert Speer e Hans Frank, salirono sul banco degli imputati per rispondere di una serie di orrori commessi dalla Germania e dal regime nazista durante la guerra.


Furono questi processi andati avanti fino all'ottobre del 1946, più della morte stessa di Hitler e del lancio della bomba atomica, a segnare la fine del vecchio ordine e l'inizio del nuovo. Gli imputati coinvolti che avevano terrorizzato il mondo furono umiliati, condannati e, infine, messi a morte. Ancora più importante di tutto, i dettagli dei loro crimini sono stati clinicamente esposti all'opinione pubblica mondiale.

 

L'iniziativa principale per la creazione di un Tribunale Militare Internazionale di Norimberga per processare i leader tedeschi era stato americano. Norimberga infatti si trovava in quella che era la zona della Germania amministrata dagli Stati Uniti. Inoltre il personale giuridico e militare americano era di gran lunga il più numeroso tra quelli provenienti da altri paesi.

 

Il processo partiva con una grossa contraddizione di fondo, difficile fin dal primo momento da dissipare. Il concetto di crimine di guerra è, infatti, sia una contraddizione o una sorta di tautologia. In un certo senso, quasi ogni atto violento di una guerra che non sia puramente difensivo è criminale: perché dovrebbe essere più criminale gettare un bambino in un forno a gas che fargli cadere una bomba sulla sua testa?

 

 Processo di Norimberga

 

Ma c'erano altri punti controversi di natura filosofico-giuridica, come la definizione di 'delitto' che doveva comportare il giudizio di un giudice "spassionato"; l'essenza della guerra, quando si eccede dall'obbligo militare di eseguire un ordine?, la partigianeria, la distinzione tra senso di colpa 'criminale' e altri tipi di colpevolezza. 'Crimine' è una parola che si è sempre scagliata contro i nemici, ma raramente è stata applicata alla propria parte o ai propri alleati.


Processo di NorimbergaFino alla Seconda Guerra Mondiale, il crimine di guerra esisteva solo in teoria e non fu quasi mai contestato. La frase sulla bocca di tutti era "La guerra è guerra", che esemplificava una deroga completa a ogni diritto esistente in periodo di pace. L'invenzione del reato specifico, non solo di commettere atrocità in guerra, ma di fare guerra aggressiva, immotivata, in primo luogo, fu giustificato - in seguito alla sconfitta di Hitler - in parte in termini di una serie di accordi internazionali a partire con la Convenzione dell'Aia del 1899, e in parte per il fatto che gli attacchi nazisti e le loro conseguenze costituito qualcosa di eccezionalmente nuovo.

Processo di NorimbergaTuttavia, la vera spiegazione per il processo di Norimberga fu la natura della vittoria alleata. Perché nella Seconda Guerra Mondiale, che non finì fino a quando la Germania si arrese senza condizioni, quasi tutti i leader sopravvissuti del potere sconfitto caddero nelle mani dei vincitori, che dovevano decidere cosa fare con loro. Per un certo periodo, i britannici pensarono all'invio dei nazisti (come Napoleone) a Sant'Elena o qualche altra isola sperduta, o semplicemente di fucilare le figure chiave del nazismo. Gli americani erano meno sicuri su come procedere, e i russi condividevano questa incertezza: Stalin aveva un debole per processi farsa, visto il valore di propaganda che poteva avere un circo giuridico che sarebbe sanzionato dall'Occidente.


Il risultato di un compromesso tra le potenze vincitrici (Stati Uniti, Unione Sovietica, Gran Bretagna e Francia), fu Tribunale internazionale, istituito con tutta la pompa e la dignità di legge. Alla fine questo luogo fu uno dei pochi dove non era scesa ancora la cortina di ferro della Guerra Fredda che aveva già fatto ripiombare l'Europa e il mondo, in una nebbia di paura di un'altra guerra distruttrice dopo quella terminata pochi mesi prima.

Processo di NorimbergaIl precedente di Norimberga non è uno che è stato seguito nei successivi conflitti, più piccoli, che seguirono al 1945. Questo in parte perché le questioni furono meno chiare e pericoli di imbarazzo politico erano maggiori. Più importante del suo esempio, tuttavia, è stata la rivelazione, agghiacciante catturato in prosa di Taylor, della ordinarietà noioso dell'elite nazista, quando spogliato dei mezzi di violenza. Hess era probabilmente pazzo. Ma pochi degli altri erano personalmente notevole - o molto diverso, in superficie, dai soldati, funzionari pubblici e politici che, attraverso fortuna e determinazione, hanno scalato la cima dell'albero in qualsiasi paese.

 

Processo di NorimbergaIl precedente di Norimberga non è uno che è stato seguito nei successivi conflitti, più piccoli, che seguirono al 1945. Questo in parte perché le questioni furono meno chiare e pericoli di imbarazzo politico maggiori. Di questo storico processo restò indelebile nell'opinione pubblica l'ordinarietà agghiacciate, banale e noiosa dell'elite nazista, quando questa era spogliata dai mezzi di violenza con cui aveva seminato morte in Europa. Rudolph Hess, a lungo il "delfino" di Hitler, era probabilmente pazzo. Gli altri erano semplicemente zelanti, anonimi e insignificanti burocrati. La "Banalità del Male", come la chiamò Hannah Arendt.

 

Fu eloquente la dichiarazione di apertura del giudice Jackson: "I torti che cerchiamo di condannare e punire sono stati così calcolati, così maligni, e così devastanti, che la civiltà non può tollerare che vengano ignorati, perché non può sopravvivere se venissero ripetuti". Eppure, guardando le fotografie degli imputati, scarabocchiare note o addormentarsi, come quello fosse un noioso passatempo e non il più importante processo della storia, è difficile trovare una ragione per credere che questa "banalità" non si sarebbe potuta ripetere e che quegli individui abbietti sarebbero stati gli ultimi della loro specie. Banalità del male ne vediamo ancora tutti i giorni.

 

In generale per Processo di Norimberga s'intende una serie di procedimenti (13 in totale) posti in atto dalle forze alleate dopo la Seconda Guerra Mondiale, tra il 1945 e il 1949, a carico di alti funzionari e in generale di membri di spicco del mondo politico, militare ed economico della Germania nazista.

Istituito allo scopo di portare davanti alla giustizia i criminali di guerra nazisti, i pianificatori dell'Olocausto e di altri crimini di guerra, si svolse nella città di Norimberga, in Germania, da sempre considerata la culla cerimoniale del partito nazista – e per questo scelta come simbolo della fine del partito stesso.

Le imputazioni furono quelle di crimini contro la pace e contro l'umanità e più precisamente quelle di partecipazione e creazione alla realizzazione di un crimine contro la pace – la pianificazione, l'avvio e la conduzione di guerre di aggressione e altri crimini contro la pace - crimini di guerra - crimini contro l'umanità

Al primo processo furono incriminati 24 persone e 6 organizzazioni naziste (tra cui la Gestapo, la polizia segreta di Stato), di seguito:

. Martin Bromann (ruolo: segretario del partito nazista), condannato a morte in contumacia

. Karl Dönitz (ruolo: grandammiraglio e presidente del Reich per 23 giorni alla fine del mandato di Hitler), non fu accusato di crimini contro l'umanità, e secondo gli storici non prese parte all'Olocausto. Venne quindi imputato per crimini contro le leggi di guerra e crimini contro la pace, per i quali fu condannato a 10 anni di carcere.

. Hans Frank (ruolo: governatore generale), colpevole e condannato a morte

. Wilhelm Frick (ruolo: ministro dell'Interno), fu condannato a morte anche per essere stato responsabile delle Leggi razziali di Norimberga.

. Hans Fritzsche (ruolo: commentatore radiofonico), fu responsabile del notiziario del Ministero della Propaganda nazista e fu accusato (probabilmente al posto di Joseph Goebbels, ministro della propaganda del Terzo Reich, morto suicida) di cospirazione al fine di commettere crimini contro la pace. Fu infine assolto.

. Walther Funk (ruolo: ministro dell'Economia), colpevole, condannato all'ergastolo.

. Hermann Göring (ruolo: comandante in capo della Luftwaffe, poi rimosso dallo stesso Hitler per aver tentato un colpo di Stato), colpevole, condannato a morte (si suicidò la notte prima della esecuzione)

. Rudolf Hess (ruolo: segretario del partito fino al 1941 e successore designato di Hitler), colpevole, ergastolo.

. Alfred Jodl (ruolo: Capo dello Staff dell'OKW), colpevole e condannato a morte (fu assolto postumo da una corte tedesca nel 1953)

. Ernst Kaltenbrunner (ruolo: capo del RSHA" - "ufficio centrale per la sicurezza del Reich", Responsabile degli Einsatzgruppen e dei campi di concentramento), colpevole e condannato a morte

. Wilhelm Keitel (ruolo: capo dell'OKW), colpevole e condannato a morte

. Gustav Krupp von Bohlen und Halbach (ruolo: industriale tedesco), non processato per motivi di salute

. Robert Ley (ruolo: capo del DAF, Fronte Tedesco dei Lavoratori), si suicidò prima dell'inizio del processo

. Konstantin von Neurath (ruolo: ministro degli Esteri ), in disaccordo con Hitler si dimise dai suoi incarichi; fu condannato a 15 anni

. Erich Raeder (ruolo: grandammiraglio), ergastolo

. Franz von Papen (ruolo: ambasciatore tedesco in Turchia), assolto (nel 1947, all'età di 68 anni, verrà in seguito riconosciuto colpevole per due imputazioni e condannato a 8 anni di lavori forzati: pur non avendo partecipato ai crimini nazisti, non contradisse gli alti funzionari del Terzo Reich)

. Joachim von Ribbentrop (ruolo: ministro degli Esteri), personaggio di spicco tra gli accusati, fu giudicato colpevole di: cospirazione contro la pace, atti di aggressione, crimini contro la pace, crimini contro l'umanità e violazione della Convenzione di Ginevra. Condannato a morte per aver preso parte all'avvio della guerra e aver consentito l'Olocausto.

. Alfred Rosenberg (ruolo: ideologo del partito nazista e delle teorie razziste), colpevole di tutti e quattro i capi d'accusa (cospirazione, infrazione del trattato di Versailles, attuazione dell'aggressione, crimini di guerra e crimini contro l'umanità), fu condannato a morte

. Fritz Sauckel (ruolo: parte del programma di sfruttamento del lavoro dei prigionieri), accusato di crimini contro la pace, pianificazione di guerre d'aggressione e crimini contro l'umanità, fu condannato a morte.

. Hjalmar Schacht (ruolo: presidente banca del Reich prima della guerra e poi ministro dell'Economia dal 1935 al 1937), accusato di crimini contro la pace e di aver finanziato l'ascesa del movimento nazista, non fu mai provata la sua colpevolezza e venne dichiarato non colpevole.

. Baldur von Schirach (ruolo: capo della Gioventù hitleriana), presentò alcune prove a discarico mostrando la sua opposizione ai campi di sterminio; venne riconosciuto colpevole di crimini contro l'umanità e condannato a 20 di carcere.

. Arthur Seyss-Inquart (ruolo: commissario del Reich in Olanda), colpevole per i capi d'accusa di guerra di aggressione, crimini di guerra e crimini contro l'umanità, e venne condannato all'impiccagione.

. Albert Speer (ruolo: ministro degli armamenti e architetto personale di Hitler), accusato di aver utilizzato manodopera in condizioni di schiavitù, fu l'unico ad assumersi completa responsabilità morale per lo sterminio degli ebrei. Fu condannato (in maniera controversa) a 20 anni di carcere. Pubblicò successivamente diversi libri, tra i quali due best seller, Memorie del Terzo Reich e Diari segreti di Spandau.

. Julius Streicher (ruolo: leader del Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori ed editore del settimanale antisemita Der Stürmer), accusato d'istigazione dell'odio razziale nei confronti della popolazione ebraica, fu condannato a morte.

Adolf Hitler non fu mai portato in giudizio. Secondo le testimonianze dei tempi, nella primavera del 1945 il leader supremo della Germania nazista commise suicidio (alcune ricerche oggi ritengono tuttavia l'avvenimento piuttosto controverso, e c'è chi sostiene che infatti che Hitler riuscì a fuggire in Sud America, dove morì all'età di 95 anni).

Al primo processo, seguirono altri 12 procedimenti supplementari, che si completarono nell'aprile del 1949. A differenza del primo che fu condotto davanti ad tribunale internazionale e che decise il destino dei maggiori leader nazisti, i successivi si presentarono davanti alla corte militare (probabilmente anche per l'accrescersi delle differenze di studio congiunte tra le quattro potenze alleate). Ne furono parte i procedimenti contro i medici nazisti per aver operato esperimenti sui prigionieri di guerra; avvocati e giudici nazisti, accusati di aver favorito il piano nazista per la purezza della razza attraverso l'attuazione delle leggi eugenetiche del Terzo Reich; industriali tedeschi accusati di aver trattato i lavoratori come schiavi nei paesi occupati; ufficiali dell'esercito di alto rango accusati di atrocità contro i prigionieri di guerra; ufficiali delle SS accusati di violenza contro i detenuti dei campi di concentramento.

Il Processo di Norimberga è considerato il precedente più influente e pietra miliare per la creazione dell'attuale Corte penale internazionale (International Criminal Court ICC – Cour pénale internationale CPI), istituita nel 2002 e con sede a L'Aja, le cui competenze riguardano istanze di genocidio e altri crimini contro umanità. Ancor prima, i risultati di Norimberga hanno portato alla istituzione della Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio (1948), della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (1948), della Convenzione di Ginevra sui leggi e gli usi della guerra (1949), al Processo di Tokyo con il Tribunale Militare Internazionale per i crimini di guerra giapponesi (1946-48), nel 1961 al processo del leader nazista Adolf Eichmann (1906-1962), all'istituzione del Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia (1993) e del Tribunale penale internazionale per il Rwanda (1994).

 

Torna su

 

 

Ostelli Norimberga   Ostelli Germania  Hotel Germania   Hotel Nuremberg

Carte d'Allemagne  Karte von Deutschland  Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte Nuremberg Karte von Nürnberg Mapa Núremberg   Map of Nuremberg