Storia di Marsiglia

Storia di Marsiglia

 

Le testimonianze preistoriche di Marsiglia di devono ai ritrovamenti nelle grotte di Cosquer, a circa 10 km dalla città, dove si possono ammirare splendidi disegni datati ben 25000 anni fa. Sicuramente la zona di Marsiglia fu occupata dai vicini Liguri, notizie storiche risalenti all’anno 620 a.c. ci raccontano dell'arrivo di una particolare razza greca proveniente dall’Asia Minore (oggi l’attuale Tuchia) marinai di Phocaea (città greca dell’Asia minore). I greci chiamarono il loro piccolo dominio Lacydon.

La leggenda narra che la costa dell'attuale Marsiglia era abitata dai Liguri Segobrigi. Il re, Nanno, stava facendo celebrare le nozze della figlia Gyptis quando arrivarono dei soldati della flotta greca. Capi della flotta erano Simos e Protis, i quali andarono a trovare il re Nanno, sul territorio del quale desideravano fondare una città, e gli chiesero la sua amicizia. Secondo il costume del tempo il re avrebbe dato la figlia in sposa ad un uomo scelto durante il festino. Oltre a tutti i pretendenti il re invitò anche i suoi ospiti greci. Si fece entrare la ragazza e suo padre le disse di offrire l'acqua a quello che sceglieva per marito. Lasciando da parte tuti gli altri, essa si volse allora verso i Greci e porse l'acqua a Protis, il quale, da ospite divenne genero. Il re Nanno regalò a Protis come dote delle terre per potervi fondare una città, Massalia, che ora è Marsiglia. Massalia, che comprendeva circa 50 ettari, fu amministrata felicemente come una repubblica, forte della posizione mercantile del porto, rinomata come centro di cultura e per il suo ordinato sistema legislativo e sociale.

Nel 144 a.c. gli abitanti di Massalia aiutarono i romani nella seconda guerra punica e circa 30 anni dopo furono costretti a chiedere aiuto agli stessi romani contro una importante tribù Ligure; tuttavia i romani andarono oltre l’aiuto richiesto e iniziarono la dominazione. La dominazione romana fu definitiva nel 49 a.c. con Giulio Cesare.

I secoli successivi videro la città sofferente in relazione ad alcune fazioni barbare, ma continuò ad essere un importante città di porto, sviluppando il commercio verso l’oriente. L’avvento dell’era cristiana segna un importante periodo per la città, e intorno al IV secolo la Chiesa rappresenta una forte autorità. Inizia la costruzione di importanti edifici religiosi come l’Abbazia di San Vittorio, una delle prime chiese costruite in occidente. Gli attacchi barbari continuarono nei secoli e Marsiglia fu spesso costretta a serragliarsi e fortificarsi nella zona collinare.

Nell’ XI secolo, la città sviluppa ulteriormente il commercio e cresce in prosperità diventando una repubblica indipendente nel 1214 sino all’avvento degli Angioini nel 1252.  Nel periodo delle sante crociate la città compete con Genova nel commercio di armi e cibo e la città sviluppa ulteriormente la sua ricchezza riuscendo a diventare proprietaria di un’area circoscritta a Gerusalemme. Nel 1423 Marsiglia fu preda della flotta Aragonese e dal 1481 fu sotto la protezione del regno francese.

La città continuò a crescere e ad espandersi oltre le mura fortificate e il porto venendo dichiarata porto franco nel 1669.  La grande e disastrosa peste del 1720 segna un brusco arresto. La peste portò disperazione e morte con lo sterminio della metà della popolazione. Nel 1792 la canzone 'Marseillaisè diventa inno nazionale francese. Alla fine del XVIII secolo la città riprese le attività commerciali grazie anche alle nuove vie commerciali verso le Americhe.

Nelle guerre imperiali la città ritrova un nuovo triste declino commerciale e urbanistico ma nel 1869 con l’apertura del canale di Suez e la nascita delle colonie francesi, la città riesce a ritrovare l’antico splendore proiettandosi di diritto nell’era moderna; inoltre importanti industrie vedono la luce come quella del sapone (sapone di Marsiglia), dell’olio e l’industria chimica.

Nel XX secolo la città partecipa alle guerre mondiali e fu quasi distrutta dai tedeschi nel 1943. Nel dopoguerra la città ha una forte ricostruzione urbanistica soprattutto nell’aerea portuale. Una forte emigrazione nord-Africana si stabilisce in Marsiglia verso la metà del secolo andando oggi a contare il 25% della popolazione totale.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su

Ostelli Marsiglia   Ostelli Francia  Hotel Marsiglia

Carte Marseille     Karte von Marseille    Mapa Marseille    Map of Marseille

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal