Storia di Perugia

Ann.

Storia di Perugia

Perugia è una delle più importanti città d'arte d'Italia. Le sue origini appartengono agli italici umbri e sono datate IX secolo a.C. Nel primo documento scritto l'odierna città appare con il nome di Perusia, una delle dodici città confederate dell'Etruria. Parlando delle origini degli Umbri, Plinio il Vecchio scriveva: " il popolo umbro è uno dei più antichi in Italia, erano chiamati Ombrici dai Greci..". Gli Etruschi erano presenti in più di 300 città umbre, compresa quella che ora è Perugia.

 Il primo vero insediamento urbano dell'odierna città ha origine fra il VI e il V secolo a.C. e fu per mano dei fenici, che si insediarono nella zona e si unirono alle popolazioni umbre già presenti. Un paio di secoli dopo la città si trovò al centro di cinque importanti vie di comunicazione, e diventando sempre più importante fu circondata da mura. Nel 216 e 205 a.C assistete Roma nella seconda guerra punica. All’epoca in cui Roma era poco più di un accampamento di capanne, la Perugia etrusca era circondata da mura formate da enormi massi squadrati (ancora visibili per lunghi tratti lungo i cinque rioni storici). Lungo le mura si aprivano sette Porte, la più imponente delle quali era Porta Pulchra, nota anche come Porta d’Augusto. L'ascesa di Roma e lo sviluppo del suo impero, portarono la civiltà umbra unita ad accompagnarsi a quella etrusca nel contrastarne l'espansione. Man mano che i romani avanzavano (decisivo fu la conquista di Nequinum (Narni), centro d'importanza strategica, la sorte di Perugia diventava sempre più precaria.

Storia di PerugiaLa Battaglia di Sentinum nel 295 fu decisiva al definitivo dominio della regione. Le mura non furono sufficienti a proteggere la città dalla potenza di Roma. Perugia venne bruciata con l'eccezione dei templi di Vulcano e Giunone, la massiccia terrazza delle mura. Sembra certa almeno una sua ricostruzione (risulta infatti un inscritto in cui si afferma " Augusto sacr (um) Restituta Perusia"). La città non divenne colonia fino al 251-253 d.C., quando fu reinsediata come Vibia Augusta Perusiadall'imperatore Vibio Treboniano Gallo. I romani avviarono diverse infrastrutture nel territorio e una decisa campagna di libero scambio con gli umbri. Nel 220 a.C. venne costruita la Via Flaminia, che univa Roma con la costa Adriatica. Nel 40 a.C. a seguito delle rivolte contadine la città venne distrutta da Ottaviano, ricostruita dallo stesso e ribattezzata Perusia Augusta.

Storia di PerugiaIn epoca imperiale l’abitato si estese fuori dalle mura, ma con la caduta dell’impero romano anche Perugia testimoniò periodi bui. La progressiva decadenza lasciò via libera alle invasioni barbariche e nel 547 la città subì l'aggressione dei Goti, che utilizzarono la stessa Via Flaminia per arrivare successivamente a Roma. Gli Ostrogoti comandati da Totila devastarono la città. Vennero fermati dai bizantini che fecero della città una propria roccaforte. Sotto il dominio di Bisanzio rimase la parte della regione che collegava Roma con l'Esarcato di Ravenna e che andava a comprendere oltre Perugia anche le città di Gubbio, Orte, Narni, Cortona, tra le altre.

Durante la metà del VIII secolo Pipino il Breve sconfiggendo l'esercito longobardo fece dono al Papa di un vasto territorio emiliano e marchigiano. Anni più tardi e anche il ducato di Spoleto e l'Esarcato di Ravenna vennero donate al Pontefice (Donazione di Sutri). Il tutto era opera di Carlo Magno, che nel 774 si fece incoronare re dei Franchi e dei Longobardi. Con l'età dei Comuni già affermata da oltre un secolo, Perugia nel 1139 da vita ad una propria Assemblea cittadina. Qualche anno dopo, nel 1155 Spoleto venne rasa al suolo da Federico Barbarossa, che diventerà poi imperatore del Sacro Romano Impero. La città si sviluppò notevolmente grazie ai fiorenti commerci e si espanse tanto che fra il XIII e il XIV secolo fu necessario costruire nuove mura.

Nel XIII secolo, dietro l'impeto di un nuovo fervore religioso, la congregazione dei monaci benedettini ebbe modo di fondare numerosi monasteri, in città è la volta del Monastero di San Pietro. Nello stesso secolo ad Assisi, San Francesco e Santa Chiara crearono l'Ordine dei Francescani, mentre altri ordini sorgevano un po' ovunque. Agli inizi del XIV secolo Perugia era già un'acclamata sede universitaria, una delle più prestigiose dell'epoca. Nel 1370 cadde sotto il dominio della Santa Sede che dominò la città fino all’Unità d’Italia., malgrado il forte malcontento popolare, che sfociava spesso in aperte rivolte, e la parentesi costituita in particolare dalle Signorie di Braccio Fortebracci da Montone e successivamente dei Baglioni, che la arricchirono di importanti opere pubbliche.

Perugia mai accettò la sovranità papale: del resto nel 1282 venne scomunicata >a causa di una nuova offensiva militare contro i ghibellini che prescindeva un divieto papale. Sopra la porta del Palazzo dei Priori sorge come emblema guelfa, il leone, e Perugia rimase fedele tuttavia per la maggior parte al partito guelfo nelle lotte tra Guelfi e Ghibellini. Nel 1400 i Visconti controllano Perugia, seguiti dai Ladislao di Napoli (1408) e dai Fortebraccio da Montone (1424). Nel 1540 la città rimane sconfitta durante la cosiddetta 'Guerra del sale' scatenata a causa di una tassa imposta e viene assoggettata nuovamente alle truppe pontificie.

Il dominio pontificio venne interrotto dall'arrivo di Napoleone. Il 4 febbraio 1798, la Repubblica Tiberina venne costituita, con Perugia come capitale, e il tricolore francese come bandiera. Nel 1799, la Repubblica Tiberina si unì alla Repubblica romana. Nel 1812 e nel 1848 la città partecipò attivamente ai moti popolari contro lo Stato Pontificio. Un anno dopo e l'intera regione veniva occupata dagli austriaci in aiuto al Papa contro i francesi. Nel 1832, 1838, 1854 la città venne colpita dal terremoto. Nel settembre 1860 Perugia fu finalmente unita, insieme al resto dell'Umbria, nel Regno d'Italia. Nel XX secolo la città divenne anche per il cioccolato, il celebre Bacio perugina in particolare.

Torna su

 

 

 

Ostelli Perugia   Ostelli Italia

Carte de Pérouse     Karte von Perugia    Mapa Perugia Map of Perugia

 Carte de la Ombrie     Karte von Umbrien    Mapa Umbria     Map of Umbria

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal