La Costiera amalfitana

Advertisement

La Costiera amalfitana

 

Meraviglia della natura, scenario di esemplare bellezza, paesaggio mediterraneo magico e selvaggio che ha saputo conservare il suo aspetto incontaminato pur accogliendo l’uomo, nutrendolo e cullandolo grazie alle sue risorse marine e terrestri; così si potrebbe definire un luogo suggestivo ed eccezionale come la Costiera Amalfitana, iscritta nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità Unesco dal 1997.

Advertisement

Atrani - Costiera AmalfitanaL’area del sito Unesco si estende per 11.231 ettari e coinvolge quindici comuni della provincia salernitana. Se pur parte dello stesso territorio, ciascun paese rappresenta un’entità a sé stante con usi e tradizioni proprie. La zona può essere suddivisa sostanzialmente in tre parti: due zone costiere, una principale con i comuni di Amalfi, Atrani - che rappresenta uno tra i più piccoli comuni d’Italia e deve il suo nome al toponimo "ater" ovvero "oscuro" -, Maiori e Minori; e una secondaria con Positano, Praiano, Cetara; vi è poi una zona in altura che annovera paesi come Scala - che deve il nome alla sua struttura urbana, interamente collegata da scale appunto -, Tramonti - di origine romana e famosa per l’arte, tanto antica quanto a rischio di estinzione, dell’intreccio di rami di castagni per il confezionamento di ceste e culle per bambini -, Ravello, Conca dei Marini e Furore - anche detto "il paese dipinto" per via dei murales, opera di artisti contemporanei, che ne abbelliscono i muri esterni. Questo ultimo centro deve probabilmente il nome alla parola rumore, ossia quello che il mare in tempesta causava all’interno del fiordo del paese.

Atrani - Costiera AmalfitanaUn territorio stretto tra mare e montagna - i Lattari -, da sempre amato dall’uomo che con esso è riuscito a stabilire un rapporto di rispettosa e armoniosa convivenza; le alte coste frastagliate, per lo più rocciose, si sono pian piano trasformate non solo in un rifugio sicuro dove ripararsi durante gli attacchi dei nemici turchi e goti ma anche in un luogo di fioritura dell’artigianato, della pastorizia e dell’agricoltura, soprattutto grazie all’applicazione della tecnica dei terrazzamenti.

Densamente popolata nel Medioevo, la costiera amalfitana conserva tracce umane molto antiche, ad esempio nella Grotta della Porta a Positano - oggi ritenuta la località più esclusiva della riviera -, sono stati ritrovati oggetti del paleolitico e del mesolitico, mentre a Minori, centro sorto sulle rovine dell’antica Rheginna Minor di origine romana, si trovano e sono visitabili i resti di una villa risalente al I secolo a.C.

AmalfiLa costiera vanta due perle di eccezionale bellezza, sono le cittadine di Amalfi e Ravello che custodiscono opere architettoniche e artistiche rilevanti. La prima, risalente al IV secolo d.C., divenne un centro fortificato che si proclamò Repubblica nel 958; l’autonomia politica acquisita le consentì di divenire ben presto una potenza commerciale marittima e la sua ascesa, tra IX e XII secolo, fu favorita anche dal declino della potenza marinara di Bisanzio. Fu così che Amalfi sviluppò grandi traffici commerciali sulla tratta tirrenica e con i mercati orientali vendendo prodotti del proprio territorio - come legno, ferro, armi, vino e frutti -, e acquistando in cambio spezie, profumi, perle, stoffe e gioielli da rivendere in Occidente. Proprio a seguito di questi contatti con il mondo orientale, Amalfi apprese nuove tecniche edilizie e artigiane, caratteristica è a questo proposito l’architettura in stile arabo-siciliano riscontrabile in molti edifici e soprattutto nel Duomo di Sant’Andrea Apostolo, che si erge sulla piazza principale del paese ed è caratterizzato da un alto Costiera Amalfitanascalone, da una facciata policroma e dal Chiostro del Paradiso di chiara influenza orientale. A seguito della concorrenza delle altre città marinare, Genova, Venezia e Pisa, e in seguito della conquista da parte della Spagna, la città perse il suo potere e la sua indipendenza e si avviò verso un lento declino. A ricordarne lo splendore e la bellezza che ancora oggi la caratterizza, le parole su una targa apposta nella piazza: "Il giorno del giudizio, per gli amalfitani che andranno in paradiso, sarà un giorno come tutti gli altri".

Ciò che più caratterizza la costa, oltre naturalmente agli edifici e al panorama, sono le terrazze dove si possono trovare orti e giardini coltivati ad alberi di limone e di agrumi che assieme ad alberi da frutta, vigneti, e uliveti, conferiscono al paesaggio un aspetto fresco e colorato. Difficile pensare alla costiera come ad un unico paesaggio, essa in realtà ne racchiude in sé diversi tipi: maestose montagne caratterizzate da piccoli sentieri percorsi dai muli - e per questo chiamate mulattiere-, dolci pendii, scoscendimenti sul mare, vaste zone interne votate alla pastorizia.

RavelloA quanto già esposto occorre aggiungere che in questi luoghi vi sono numerosi monumenti che meritano una visita come la Torre Saracena di Cetara; la Chiesa di San Salvatore de’ Bireto ad Atrani, dove si svolgeva l’elezione dei Dogi amalfitani; la Cattedrale e la Villa Rufolo di Ravello, già ammirata da Boccaccio e celebrata nel Decameron. Proprio Ravello, posta a 350 metri di altezza, rappresenta un balcone naturale sul mare e il paesaggio che se ne può godere lascia senza fiato: una vegetazione rigogliosa che ricopre rocce a strapiombo su un mare blu cobalto. A Conca dei Marini invece si trova invece la Grotta dello Smeraldo e il Convento di Santa Rosa, luogo in cui, secondo la tradizione, è stata inventata la sfogliatella, dolce tipico della zona apprezzato in tutto il mondo.


Ma non solo natura e architettura, la costiera è famosa anche per l’artigianato di altissimo livello come quello di Vietri sul Mare, una città di origine etrusca che vanta una tradizione antichissima nella realizzazione di ceramiche e maioliche. Oltre al Museo della Ceramica vietrese dove è possibile ammirare splendidi oggetti in porcellana, non mancano le riggiole – "mattonelle maiolicate per pavimenti e rivestimenti"  - che ricoprono strade, edifici e chiese.

Edicole votive Costiera AmalfitanaTutti i comuni sono costellati di edicole votive, ovvero piccole nicchie che custodiscono immagini sacre per la maggior parte dipinte direttamente sul muro. Queste edicole venivano realizzate a proprie spese dai devoti, i quali poi se ne prendevano anche cura. Tra quelle della costiera si distinguono per particolare bellezza e per il soggetto raffigurato i due calvari di Cristo presenti ad Atrani e a Ravello; entrambi, realizzati in legno, rappresentano l’immagine di Gesù che solitamente lascia spazio alla raffigurazione della Madonna o dei santi.

Naturalmente una visita in costiera non può prescindere una tappa al Museo della Carta di Amalfi collocato alle porte della città in un’antica cartiera del 1300. Gli amalfitani appresero l’arte di lavorare la carta a mano direttamente dagli arabi fin dall’anno 1000 e presto raggiunsero un primato nella produzione tanto che ancora oggi la carta di Amalfi è rinomata ed esportata in tutto il mondo. Nel museo è possibile assistere alle fasi di lavorazione, ovvero: i cenci, che costituiscono la materia prima, vengono ridotti in pezzi e poi in poltiglia; la pasta ottenuta viene posta nei tini in cui viene immerso un telaio con una rete metallica cosicché la rete attrae la pasta fino ad esserne ricoperta. Nell’ultima fase l’impasto viene passato tra i filtri che espellono l’acqua in eccesso, dopodiché il foglio viene messo ad asciugare.

Molti sono i personaggi che già a partire dall’Ottocento con i Gran Tour, apprezzarono e gustarono le bellezze dalla costiera. Tra questi Johann Wolfgang Goethe, Joan Mirò, Virginia Wolf, Pablo Picasso, Luigi Pirandello, Roberto Rossellini fino ad arrivare alla famiglia Kennedy. A lasciare un grande ricordo della sua presenza fu soprattutto Richard Wagner, testimonianza ne è la manifestazione che si svolge ogni anno l’estate nel comune di Ravello. L’evento, che attira turisti e appassionati da tutto il mondo, è il Festival internazionale di musica classica intitolato al compositore tedesco che tanto amò questi luoghi e che qui soggiornò.

Oltre agli appuntamenti musicali, la costiera ospita un altro evento molto suggestivo; si tratta della Regata storica delle Repubbliche Marinare, una manifestazione che si svolge la prima domenica di giugno e ha cadenza quadriennale, a sfidarsi quattro imbarcazioni, ognuna simboleggia una città e si contraddistingue per un animale preciso: Venezia con il suo leone, Genova con il grifone, Pisa con l’aquila e Amalfi con il cavallo.

Ma al finire dell’estate non corrisponde la fine degli eventi culturali, anzi. A settembre la costiera di anima con diverse manifestazioni. Nel piccolo comune di Minori si tiene infatti la rassegna Gustaminori che trasforma la città in un palcoscenico a cielo aperto. Amalfi invece stupisce e delizia i suoi visitatori con il Capodanno Bizantino che si svolge il 1° settembre; si tratta di una sfilata in costume che affonda le sue origini nella storia medievale di questi luoghi. Il 1° settembre rappresenta una data simbolica molto importante nella tradizione bizantina per due motivi: essa stava ad indicare, infatti, l’inizio dell’anno secondo il sistema di datazione ciclica quinquennale usato dai curiali; inoltre sempre in quella data si svolgeva l’elezione dei capi della Repubblica e l’incoronazione del Doge, e proprio questo ultimo avvenimento storico è quello che viene riproposto e celebrato durante la manifestazione.

Buona costiera...
 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su

 


OSTELLI Amalfi   OSTELLI Italia   Auberges de Jeunesse Italie

Carte Amalfi    Karte von Amalfi  Mapa Amalfi    Map of  Amalfi

Carte Campania       Karte von Kampanien   Mapa Campania     Map of Campania

Carte d'Italie   Karte von Italien        Mapa Italia        Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal