LIER

VISITARE LIER : INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

La città di Lier (in Lierre francese), nell'estate del 2017 ci ha sorpreso piacevolmente. E' un posto tranquillo e piacevole, distante solo 17 km da Anversa da visitare e usare come base per scoprire questa parte del Belgio. Anche se la Grote Markt, l'antica piazza del mercato nel centro della città, fu gravemente danneggiata durante le distruzioni della Prima Guerra Mondiale, i suoi edifici più importanti sono riusciti a sopravvivere: il palazzo del municipio del XVIII secolo (stadhuis), il campanile gotico adiacente del 1369, la Belfry, la Vleeshuis costruita nel 1418.

Migliori hotel a Lier

Check-in

calendar

Check-out

calendar

Nelle vicinanze si trovano alcune famose case delle gilde come la Bakkershuis del 1717) e la Huis d'Eycken Boom (1721). Proprio dietro il municipio si trova la cappella spagnola (Sint-Jacobskapel) del 1383, mentre ad ovest, nella Cauwenberghstraat, il Museo Stedelijk con una notevole collezione, non solo di arte olandese e fiamminga ma anche di maestri francesi e spagnoli, oltre ad ospitare mostre contemporanee. Dal Grote Markt se seguite Eikelstraat troverte poi il Begijnhof di Lier, uno dei Beghinaggi più importanti e meglio conservati dei Paesi Bassi. Uno dei più pittoreschi del Belgio. Con le sue casette basse, la sua chiesa barocca e i vicoli stretti che la fanno assomigliare a un piccola città all'interno di una città.

 

LierLier è un piccolo gioiello, una cittadina a circa 20 minuti da Anversa che, pur non essendo ancora molto conosciuta dal turismo, custodisce diversi piccoli tesori. Molto bello il suo centro storico, circondato da un canale suggestivo, ricco di edifici tipici, perfettamente conservati. Come quasi sempre accade, il cuore della città è la grande piazza centrale, la Grote Markt dall'originale forma a triangolo, la Piazza del Mercato, sulla quale si affacciano i principali edifici storici: il municipio e la Chiesa di San Gummaro (Sint-Gummaruskerk). Nella Piazza del Mercato da sempre si sono tenuti mercati, processioni, parate e visite ufficiali. Il sabato si svolge, ancora oggi, il mercato cittadino. In occasione della celebrazione dei suoi 800 anni, Lier ha rinnovato, tra il 2010 e il 2012 la struttura della Grote Markt, aggiungendoci anche le fontane che potete vedere oggi.

Lier - Grote MarktIl municipio è in stile rococò e risale al 1740. La Chiesa di San Gummaro (fondatore della città e patrono le cui reliquie vengono portate in processione una volta l'anno) è un'imponente chiesa gotica con belle vetrate e pregevoli dipinti. Il suo campanile è molto pittoresco e risale al 1369 quando fu eretto come simbolo dell'indipendenza locale; è uno dei campanili belgi dichiarati Patrimonio dell’Umanità Unesco. Purtroppo nel 1914, tre quarti degli edifici della piazza furono distrutti ma, miracolosamente, il municipio e il campanile adiacente, rimasero quasi intatti.

Lier - BeghinaggioOltre al campanile trovate a Lier anche un altro sito riconosciuto come Patrimonio Unesco dell'Umanità: il Beghinaggio (Begijnhof). Edificato a partire dal 1258 è il luogo, la comunità, dove vivevano le beghine, donne sole (vedove, orfane, non maritate), spesso benestanti, che decisero di dedicare la loro vita a Dio senza andare in clausura. Molte beghine erano vedove che temevano per la loro incolumità ma non volevano farsi suore (rinunciando ai loro beni terreni) e scelsero una sorta di sorellanza laica, accettando i voti di castità e obbedienza, ma mantenendo il possesso delle loro ricchezze. Le beghine fondarono queste comunità dei Beghinaggi progettandoli come complessi Lier - Chiesa Santa Margheruta Beghinaggiochiusi, "cittadelle della pace", dove lavorare e vivere insieme, dedicandosi alla preghiera, all’assistenza ai malati e al lavoro manuale. Nel Begijnhof di Lier, c'erano 162 case, la grande Chiesa di Santa Margherita, tanti edifici e intorno recinzioni e portoni, che si aprivano al mondo durante il giorno e si chiudevano durante la notte. I beghinaggi erano completamente autonomi, avevano orti e piccole fattorie, ricevevano donazioni, vendevano merletti e godevano anche dei contributi personali delle beghine. L'accesso monumentale al complesso mostra la statua di Santa Begga, del 1770, la patrona delle beghine. Quello di Lier è uno dei più belli e grandi beghinaggi di tutto il Belgio. Oggi è abitato da persone locali. Entrando nel beghinaggio, ci si ritrova catapultati indietro nel tempo, avvolti da un senso di tranquillità e allo stesso tempo di curiosità. L'accesso è anche su Wenzeenstraat 19.

Molti beghinaggi in Belgio hanno perso le loro caratteristiche originali, sono stati in parte smantellati o incorporati nel tessuto urbano, alcuni sono stati danneggiati nelle guerre mondiali o trasformati in case di cura, orfanotrofi, scuole. Dal 1998 i Beghinaggi Fiamminghi di Gand, Lovanio, Kortrijk, Mechelen, Bruges, Dendermonde, Turnhout, Sint-Amandsberg, Sint-Truiden, Lier appunto, Diest, Tongeren e Hoogstraten sono stati riconosciuti dall’UNESCO, Patrimonio Mondiale dell’Umanità per le loro caratteristiche di pianificazione urbana e rurale e per il fatto di rappresentare una testimonianza della tradizione culturale delle religiose indipendenti dell'Europa nord-occidentale nel Medioevo, quando queste donne intraprendenti scelsero un modo originale per vivere e aiutare gli altri.

Lier - Torre dell'Orologio - ZimmertorenDa vedere a Lier anche la torre civica, con l'originale e colorato Grologio Astronomico, e la Collegiata di San Gummaro, in stile gotico. La torre civica (Zimmertoren) è un po' il simbolo della città, faceva parte della cerchia muraria che circondava la città ed è molto caratteristica, con quel suo eccentrico orologio con i quadranti con segni zodiacali, un mappamondo e numerose statue. Salendo sulla torre si può vedere il meccanismo di funzionamento dell'orologio. L'attuale torre risale al 1930 e ha preso il posto dell'originale torre del 1300. Il suo nome deriva da Louis Zimmer, l'orologiaio locale artefice dell'orologio astronomico.

 

Lier - Torre dell'Orologio - ZimmertorenLouis Zimmer (8 settembre 1888 - 12 dicembre 1970) era l'astronomo e orologiaio del re del Belgio. Soprattutto nel 1930 costruì l'orologio giubilare (o centenario), che è mostrato sulla parte anteriore della torre Zimmer. Nel museo vicino alla torre (Zimmermuseum) oltre a molti degli altri orologi dello stesso Zimmer, si trova l'enorme orologio  costruito per l' esposizione internazionale di Bruxelles del 1935. Questo è l'orologio inviato negli Stati Uniti per l'Esposizione Universale di New York del 1939. L'asteroide Zimmer (№ 3064) (1984 BB1) , è stato nominato dopo di lui nel 1984.


Lier - CanaleAltra attrazione cittadina il canale circolare che racchiude il centro. Sul canale che circonda la città si può navigare placidamente con barche in legno che erano dei pescatori e possono ospitare una decina di persone. Attenzione agli orari e ai giorni perché non è sempre possibile fare il giro in barca. Solitamente l'orario è 14,00- 18,00. Vicino al canale trovate anche un grazioso camminamento, il Vesten, che si snoda lungo il percorso dove sorgevano un tempo le mura della città.

Per gli amanti dello sport e della natura, intorno a Lier, è possibile pedalare per oltre 50 km in mezzo alla natura e alle testimonianze storiche.

Una curiosità: passeggiando in città non potrete non notare diversi interessanti graffiti. All'interno del progetto Lier UP (Urban Upgrade) si è voluto con questi murali, ispirati alla cultura locale, fare una concessione all'evoluzione moderna di Lier.

Lier è particolarmente famosa anche per la produzione di birra. Una produzione tipica mischia birra e vino (Bier Cave). Tipico della gastronomia locale è un dolce antico: la Liers Vlaaike una piccola delizia a base di melassa e 4 spezie (cannella, noce moscata, colandolo e chiodi e di garofano) di antica tradizione, oltre 300 anni!

Per mangiare qui, vi consigliamo oltre alla Piazza del Mercato, Eikestraat e Zimmerplein.
Per arrivare a Lier, potete prendere l'autobus o il treno. La stazione (Leopoldplein 3) si trova a 1 km dalla Piazza del Mercato (Grote Markt) dalla quale partono diversi treni. Per Anversa ce ne sono ogni 20 minuti (durata del tragitto Anversa Lier, circa 25 minuti). Ci sono treni con buona frequenza anche per Diest, Lovanio, Bruxelles e Mechelen. In auto ci vogliono circa 20/25 minuti da Anversa. Potete prendere diverse strade, la N10, E19 oppure la E34.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

Ostelli Belgio    Ostelli Lier   Hotel Lier    Hotel Belgio

Carte Lier     Karte von Lier     Mapa Lier     Map of Lier

Carte de Belgique   Karte von Belgien   Mapa Bélgica   Map of Belgium