website
statistics

Storia di Lugano

Storia di Lugano

 

Lugano si trova tra il Lago di Como e il Lago Maggiore, sul lato svizzero del moderno confine con l'Italia, a sud delle Alpi. Situata sulla sponda settentrionale del Lago di Lugano, questa città Svizzera di lingua italiana si trova a circa sessanta chilometri a nord di Milano. Il lago su cui si trova Lugano, è stato formato dai ghiacciai della regione subalpina; il lago è in realtà solo 2/3 svizzero e 1/3 italiano. Il lago stesso appare dall'alto più che altro come un fiume, in quanto serpeggia nella regione come un fiume.

 

L'area è stata occupata fin dall'età della pietra.  I resti fossili hanno infatti dimostrato che Lugano si trovava sotto il livello del mare. Le testimonianze dell'età della pietra comprendono fossili e vari resti talvolta trovati nei siti di scavo. Genti che vivevano in palafitte abitavano la zona, come testimoniano i vari scavi effettuati in diversi siti in tutta Lugano dove sono stati rinvenuti resti dell'Era Paleotica.

 

L'area fu territorio etrusco tra il V e il II secolo a.C., strettamente confinante con la tribù dei Lepontii e dei Raeti in Ticino. I Romani si insediarono nel corso del I secolo a.C. e la regione cadde in mano ai Longobardi nel VI secolo d.C. Durante gran parte della sua esistenza medievale, Lugano si è alternata tra la proprietà di Como e quella del ducato di Milano. Nel corso del XV secolo godette di una certa autonomia sotto i suoi stessi conti, prima di essere nuovamente inghiottita da Milano e infine essere assorbita dalla confederazione Svizzera.

Il nome Lugano sembra derivare dalla sua posizione in riva all'omonimo lago, anche se questo è tutt'altro che certo. Il termine protoceltico 'luko' significa lago, ma il nome potrebbe anche avere origine da 'Lugu' (il dio Lugos, Lugh, e altre grafie), o 'louko' ('bianco'). L'uso di 'Lugh' sarebbe la seconda possibilità più forte dopo 'lago'. Tuttavia, i Celti, potrebbero avere usato come nome  gioco di parole: sia sul dio che sulla parola lago. Il nome usa una 'g' invece di una 'k', ma entrambe le lettere sono piuttosto intercambiabili. Il nome in latino è "lacus", "un lago". Sembra che sia stato usato dai Romani nello stesso modo in cui i Galli usavano la parola 'nemos' per un boschetto sacro designato. Pertanto, il significato di 'legno' può essere proposto come un'estensione del suo significato originale. Quel significato originale potrebbe essere stato forse 'luce' (in latino è 'lux lucis'), con la stessa radice usata nel nome del dio Lug.

 

Lo sviluppo urbano di Lugano è iniziato probabilmente proprio intorno al 1800, quando la forma medievale delle città divenne via via obsoleta e le mura crollarono letteralmente. La dinamica sociale cambiò, il che portò anche a un cambiamento nella visione che la città aveva di se stessa. Verso la fine del XVIII secolo la città si trasforma in un polo turistico, con lo sviluppo degli alberghi e la nascita di un'industria turistica.

Oggi Lugano si rivolge ai viaggiatori alla ricerca di una vacanza attiva in inverno e di una vacanza rilassante in qualsiasi momento dell'anno. La sua posizione unica accanto all'Italia la rende una facile fuga per un breve soggiorno.

 

Cronologia storica

 

724 - 1297

In documenti la cui autenticità è contestata, il re longobardo Liutprando cede varie proprietà a Lugano alla Chiesa di San Carpoforo a Como. La zona viene chiamata Laco Luanasco almeno fino alla metà del IX secolo, mentre nell'874 il paese stesso si chiama Luano. Il nome moderno di Lugano entra in uso nel 1189. La città rimane sotto il dominio della famiglia Rusca a Como, che si trova approssimativamente a metà strada tra Lugano e Milano, proprio ai piedi del lago di Como.

1297 - 1302

Lugano viene sottratta al vescovado di Como e diventa proprietà del signore di Milano, Matteo Visconti. La lotta per il potere in Italia tra i guelfi papisti, che a Roma sono guidati dalla famiglia Orsini, e i loro avversari, i ghibellini a favore dell'imperatore guidati dai Colonna, è intensa in questo periodo. Influenza anche la lotta per il potere tra Como e Milano.

1302 - 1411

Como riprende il controllo di Lugano, anche se la prima è sotto il controllo dei Visconti dal 1335, sostituendo la famiglia Rusca, un tempo dominante.

1411 - 1416

Lugano è di nuovo sotto l'amministrazione del ducato di Milano.

1416 - 1434

Como riconquista Lugano per la seconda e ultima volta. Nel 1417 la città si assicura importanti libertà con una serie di statuti che si rifanno a quelli di Como. Questo rende Lugano effettivamente indipendente.

1434 - 1501

Il duca di Milano si assicura Lugano in modo permanente, ma ora i conti di Lugano si assicurano il controllo regionale. La famiglia Rusca espropriata viene compensata con la proprietà di Locarno.


1434 - 1467

Pur operando all'interno del ducato di Milano, la contea ebbe i suoi governanti locali nel corso del XV secolo.

1434 - 1447

Il ponte sul fiume Tresa, a circa nove chilometri a sud-ovest di Lugano, è citato nei documenti fin dal IX secolo. Su entrambi i lati del ponte si trovano i villaggi di Lavena e Ponte Tresa (entrambi originariamente abitati dai Liguri e dai Celti e che portano nomi celtici). In tempi più recenti, questa zona è stata contesa tra Como e Milano, in un'incessante rivalità.


1447 - 1467

Francesco Sforza, che sposa la figlia illegittima di Filippo Visconti, l'ultimo duca di Milano prende il potere del Ducato di Milano, e si proclama nuovo duca il 25 marzo 1450.

1467 - 1513

Pur operando all'interno del ducato di Milano, la contea ha continuato a godere di una serie di governanti locali durante la metà e la fine del XV secolo.

1499 - 1501

I francesi invadono Lugano, ponendo fine a un periodo di ribellioni e rivolte contro i duchi di Milano. Introducono anche una nuova dinamica nelle perpetue lotte tra Como e Milano, con il coinvolgimento della Confederazione Svizzera, mentre la Francia occupa la stessa Milano e spodesta lo stesso duca.

1501 - 1503

Dopo la morte di Ludovico il Moro, la contea passa temporaneamente in Svizzera.

1503 - 1513

Lugano è occupata dal ducato di Milano per un altro decennio.

1513-1798

Lugano viene occupata nuovamente dagli svizzeri, questa volta in modo permanente. Tra il 1513-1798 rientra nel distretto di Bellinzona, ma nel 1583 perde i villaggi di Lavena e Ponte Tresa a favore di Milano. In seguito all'invasione francese della Svizzera nel 1798 sotto Napoleone Bonaparte, la città viene trasferita nel Cantone di Lugano all'interno della Repubblica Elvetica tra il 1798 e il 1803. Nel 1803 il Cantone di Lugano viene ribattezzato Ticino.

 

Nel 1746 i fratelli Agnelli aprirono a Lugano la prima tipografia e libreria. Nel 1748 iniziarono a pubblicare il giornale Nuovo di diverse corti e paesi e nel 1797 ne cambiarono il nome in Gazzetta di Lugano. Il giornale era ampiamente letto nell'Italia settentrionale e centrale. Appoggiò la causa dei successivi giansenisti contro i gesuiti e fu quindi bandito nel 1768 nel territorio dello Stato Pontificio. Era aperto ai temi della riforma illuminata e della guerra rivoluzionaria americana. Fu il primo giornale in lingua italiana a pubblicare un estratto della Dichiarazione d'indipendenza del 1776. Dopo la morte di Gian Battista Agnelli nel 1788, che ne era stato il direttore per più di 40 anni, Giuseppe Lodovico Maria Vanelli prese in mano il giornale. Sotto di lui sostenne le idee rivoluzionarie provenienti dalla Francia, che suscitò le proteste del governo austriaco in Lombardia. La pubblicazione della rivista cessò bruscamente dopo l'edizione numero 17 del 29 aprile 1799, in seguito ai disordini antifrancesi di Lugano durante i quali la tipografia Agnelli fu saccheggiata e Vanelli fucilato.

 

Dal 1800 in poi
 

Dopo il 1803 fu creato il Comune di Lugano. Uno dei compiti primari del nuovo governo della città era quello di determinare la divisione dei beni e dell'autorità tra il patriziato e il nuovo comune politico. Due accordi tra le due organizzazioni, nel 1804 e nel 1810, diedero inizio a questo processo. Nella seconda metà del XIX secolo, il comune ricevette varie proprietà e diritti dal patriziato. Francesco Capra, il prefetto durante la Repubblica Elvetica, divenne il primo sindaco di Lugano dal 1803 al 1813. Con la costituzione cantonale del 1814, Lugano, Bellinzona e Locarno sono divenute capoluoghi del Cantone. Ognuna di esse fungeva da capitale in un periodo di rotazione di sei anni.

 

Nel XIX secolo il governo della città era dominato dal Partito Liberale. Nel 1900, poco più della metà dei seggi nel consiglio comunale (all'epoca 50 membri in totale, ma 60 membri dal 2004) erano occupati da liberali. La maggior parte dei restanti seggi era detenuta da conservatori o da socialisti.

Il governo della città aveva inizialmente undici membri, ma nel 1908 il loro numero si ridusse a cinque e nel 2004 è salito a sette. Per la maggior parte del XX secolo, i liberali detennero la maggioranza assoluta anche qui. Il resto delle cariche esecutive comunali erano occupate dai conservatori, dai socialisti (1944-48, 1976-80 e dal 2000) e dalla Lega ticinese (dal 1992).

Intorno al 1830 cominciarono a sorgere a Lugano nuovi edifici civili e governativi. La città cominciò ad espandersi anche sulle colline circostanti, lungo il Cassarate, e verso Molino Nuovo, Paradiso e Castagnola. Nel 1843-44 il municipio fu costruito sul luogo del Palazzo Vescovile (costruito nel 1346). Ospitò il governo cantonale nel 1845-51 e di nuovo nel 1863-69. Dal 1890 ospita il governo della città.

 

Il lungolago venne costruito a tappe: la prima parte risale agli anni Settanta del XIX secolo, la seconda al primo decennio del XX secolo. Nei primi decenni del XIX secolo furono costruite le strade che collegano Lugano con Bellinzona (1808-12), Ponte Tresa (1808-20) e Chiasso (1810-16). Nel 1848 iniziò ad operare il primo battello a vapore sul Lago di Lugano, con servizio regolare e di linea dal 1856.

 

La costruzione della sopraelevata di Melide tra Melide e Bissone nel 1844-47 favorì lo sviluppo della linea Chiasso-Bellinzona-Lugano-Gottardo a scapito della direttrice nord-sud lungo il Lago Maggiore. Questa tendenza allo sviluppo si rafforzò ulteriormente nel 1882 con il completamento della linea ferroviaria del Gottardo. La stazione ferroviaria di Lugano fu costruita nel 1874-77, trasformando la città in uno dei principali collegamenti tra il nord Italia e l'Europa centrale e settentrionale, che portò allo sviluppo del turismo e in generale aiutò il settore dei servizi.

 

Lugano moderna

Dalla metà del XIX secolo al 1970 la città ha registrato una crescita costante della popolazione, soprattutto tra il 1880 e il 1910, quando gli abitanti sono più che raddoppiata. Questo aumento fu dovuto in parte ai cittadini stranieri che si stabilirono a Lugano (nel 1870 18,7% della popolazione, 1910 43,6%) e alle persone provenienti da altre aree linguistiche della Svizzera (1870 1,4% della popolazione, 1910 6,9%). Negli ultimi tre decenni del XX secolo la popolazione è leggermente diminuita, nonostante la fusione, avvenuta nel 1972, dei comuni di Castagnola e Brè-Aldesago. Ciò rifletteva la tendenza a spostarsi dalla città verso le comunità suburbane[21].

Tuttavia, nel 2004 sono stati incorporati nel comune i comuni di Breganzona, Cureggia, Davesco-Soragno, Gandria, Pambio-Noranco, Pazzallo, Pregassona e Viganello. Nel 2008 sono stati seguiti da Barbengo, Carabbia e Villa Luganese. Ciò ha comportato, tra l'altro, il raddoppio della popolazione, che nel 2006 è stata di 52.059 abitanti, di cui oltre un terzo stranieri. Nel 2013 sono stati incorporati i comuni di Bogno, Cadro, Carona, Certara, Certara, Cimadera, Sonvico e Val Colla.

Dopo la seconda guerra mondiale, e in particolare negli anni Sessanta e Settanta, grazie all'abbondante afflusso di capitali dall'Italia, Lugano è stata la prima città ospitante dell'Eurovision Song Contest del 1956. Lugano conobbe un periodo di crescita esponenziale dell'attività bancaria che la portò a posizionarsi come terza piazza finanziaria della Svizzera, con oltre 100 istituti bancari presenti in città. Commercio, turismo e finanza sono i pilastri dell'economia locale. Nel 2000, nove decimi dei lavoratori erano impiegati nel settore dei servizi, di cui tre quarti sono pendolari, tra cui molti frontalieri (13% della popolazione attiva).

Nel 1975 è stato costruito il Centro Congressi, seguito nel 1978 dal nuovo Ospedale Comunale. Nel 1963 la città acquistò il terreno per l'aeroporto di Lugano-Agno e i primi voli di linea furono effettuati nel 1980. All'inizio del XXI secolo iniziarono i progetti della Grande Lugano, tra cui: il tunnel automobilistico Vedeggio-Cassarate, iniziato nel 2005, che collega l'autostrada A2 con il quartiere di Cornaredo, la creazione di un nuovo Kulturpol sul sito dell'ex Palazzo del Grand Hôtel e un centro congressi ed esposizioni nella zona di Campo Marzio.


 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su

 

Ostelli a Lugano  Ostelli Svizzera  Hotel Lugano  Hotel Svizzera

Carte Lugano      Karte von Lugano  Mapa Lugano  Map of Lugano

Carte de la Suisse   Karte von  Der  Schweiz   Mapa Suiza  Map of Switzerland

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal