Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma

Sei qui: Parma: cosa vedere  >

Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma

Il Palazzo Vescovile di Parma sorge nella centralissima Piazza del Duomo della città. Dopo l’ultima invasione barbarica, quella degli Ungari, Parma tornò a rifiorire, per cui si avvertì sempre più limitante l’antica cinta muraria tradizionalmente detta teodoriciana. Alla metà dell’XI secolo i vescovi conti posero la propria sede al di fuori delle antiche mura, ormai superate, per erigervi il Vescovado. Con Cadalo, vescovo di Parma ed antipapa filoimperiale (1045-1072), l’edificio fu eretto in forma turrita, espressione del duplice potere che egli deteneva.

Palazzo VescovileIl suo nome è tutt’oggi legato alla torre dell’angolo nord-ovest, detta appunto Torre di Cadalo, nella quale a lungo furono incarcerati i sacerdoti (come dimostrano interessanti graffiti collocabili dal XVII al XIX secolo). Su questo lato, che presenta anche un’ampia porta con grosse pietre squadrate, si trovava l’antico xenodochio del Palazzo vescovile (ospizio per i pellegrini). L’edificio, di forma quadrata, doveva avere torri angolari e misurava 54 metri per lato.

Un primo radicale rifacimento fu operato dal vescovo Bernardo II, tra il 1172 e il 1175. Nel 1232-1234 il vescovo Grazia fece ampliare l’edificio, mentre una nuova facciata veniva progettata dall’architetto Rolandino o Rolandello. Questa soluzione è quella ripristinata dal restauro effettuato tra il 1922 e il 1930, allorché si recuperarono le trifore duecentesche e gli altri segni medioevali, dopo aver eliminato la riscrittura barocca della facciata, operata intorno al 1730 sotto l’episcopato di Camillo Marazzani (1711-1760). Fu rimesso in vista pure il loggiato del piano terra, un tempo portico aperto, chiuso nel XV secolo dal vescovo Sagramoro. Elementi originari (eleganti bifore, ornamenti ad archetti e merlatura) si vedono anche sul lato nord. Il cortile interno, invece, nel corso del restauro del 1957-1959, fu riportato alla forma in chiave umanistica che gli era stata data dal vescovo Sangiorgio (1499-1509), pur mantenendo sul lato nord le colonne duecentesche.

Palazzo VescovileMolti, all’interno, gli interventi rinascimentali attuati per adattare il Vescovado a prima residenza ducale. I Farnese, infatti, dopo l’uccisione di Pier Luigi (1547) dovettero abbandonare Piacenza e fare di Parma la propria capitale; provenendo dal Lazio, essi non avevano però una sede degna del loro status, per cui Ottavio, dal 1553 al 1568 risedette in questo edificio. Affreschi gotici e resti di colonne medievali sono stati rinvenuti all’interno del palazzo, nel corso di lavori di restauro.

L’edificio ospita l’archivio vescovile ed una ricca collezione di dipinti di varie epoche, che ornavano gli ambienti curiali e che, in parte, provengono da una raccolta formatasi intorno al 1910 per costituire un museo diocesano non realizzato, progetto del quale ogni tanto si ritorna a parlare.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

Dove si trova?

Torna su

 

Ostelli Parma   Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Parma

Carte Parme Karte von Parma Mapa Parma Map of Parma

Carte Emilie Romagne    Karte von Emilia Romagna   Mapa Emilia Romaña   Map of Emilia Romagna

Carte d'Italie Karte von Italien Mapa Italia      Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal