Cosa vedere a Roses

Advertisement

Cosa vedere a Roses - Cosa visitare a Roses 

 

In un paio di giorni è possibile visitare i maggiori siti architettonici e culturali di Roses, praticare una serie di attività ed escursioni, andare per shopping, rilassarsi in spiaggia ed apprezzare l'ottima cucina mediterranea della Costa Brava.  Tutta la storia di Roses si spiega in funzione della sua importanza militare in relazione con il mare. Nel medioevo si sviluppò come feudo dei conti di Empuries. Era il porto in cui ormeggiava la flotta della contea ed era stata uno dei perni dell'espansione catalana del mediterraneo. In seguito fu uno dei bastioni di difesa della frontiera con la Francia, in particolar modo dopo che quest'ultima incorporò la regione del Rossiglione.

Advertisement

Tra le cose da non perdere a Roses ci sono:

Ciutadella di Roses

La Ciutadella di Roses si trova accanto alla baia dello stesso nome. Si tratta di una potente fortezza militare che comprende, all'interno, i più antichi insediamenti di Roses, dal periodo greco ai periodi successivi. Si tratta di una meravigliosa lezione di storia e di visita unica. Nel 1961, le mura sono state dichiarate, sito di importanza storico-artistica. Al  suo interno si trova inoltre il monastero romanico-lombardo dell'XI secolo, insieme con la città romana (dal II secolo a.C al VI secolo d.C) e Rhodas, il quartiere Greco (IV e III secolo a.C). Sono inoltre incorporati una serie di edifici visigoti, una necropoli paleocristiana, e un certo numero di edifici militari che risalgono al XVI secolo.

Le origini della cittadella risalgono al IV secolo a.C, quando i Greci di Massalia (l'attuale Marsiglia) vi fondarono una base commerciale e di difesa dagli iberici. Quando l'abitato si  sviluppato nel corso del secolo successivo, furono monete coniate con l'iscrizione POΔHTΩN con il busto della dea Aretusa sul davanti e una rosa sul retro. Dopo aver occupato la zona circostante agli inizi del II secolo durante le guerre puniche, i Romani saccheggiarono la città sotto il comando di Marco Porcio Catone nel fine del III secolo.

La colonia romana che successivamente si vi stabilì durò quasi fino alla fine dell'Impero Romano. Durante la seconda metà del I secolo d.C, a Roses venne attribuito lo status di città. Un tempio di Minerva fu completato all'interno delle mura, mentre il tempio di Venere fu costruito tra le montagne vicine. Nel VII secolo, i visigoti costruirono una fortezza su una delle vette del Puig Rom rimasta in uso fino ai primi anni VIII secolo. Dopo un breve periodo di occupazione da parte degli arabi, Roses passò sotto la contea di Empurias governata dai Franchi fino all'abolizione del sistema feudale nel IX secolo. Fondata dai monaci benedettini nel 960, il Monastero di Santa Maria divenne ben presto un importante abbazia con i propri diritti di pesca.

Come Roses acquisiva importanza sia come centro commerciale, sia come sito strategico, ebbe sempre più bisogno di essere difeso dagli attacchi dei pirati musulmani e dai francesi che combattevano il Regno d'Aragona. Dopo che francesi avevano occupato e raso al suolo Roses, Ruggero di Lauria al comando della flotta aragonese sconfisse la flotta francese nella baia, liberando la città nel 1285. Ulteriori fortificazioni vennero costruite nel 1402 per proteggere la città dagli attacchi dei pirati da mare o via terra dalle invasioni francesi.

Fu con la creazione dell'Impero asburgico sotto Carlo V che il porto di Roses divenne un centro vitale di comunicazione tra i settori ispanici e italiani dell'impero. Nel 1552, l'imperatore ordinò la costruzione della Cittadella di Roses come centro di difesa per l'intero golfo omonimo. A seguito di una epidemia nel 1588, i monaci abbandonarono il Monastero di Roses, che nel 1592 fu unito per ordine papale con quello di Santa Maria de Amer. Nel 1792, coloro che ancora vivono nel monastero lo abbandonato e l'anno successivo fu distrutto dalle truppe di Napoleone.

La fortezza è quindi un'opera rinascimentale della fine XVI secolo (con aggiunte e rafforzamenti nei due secoli successivi) a forma di stella pentagonale, con bastioni triangolari di rinforzo alle loro punte, fatto di pareti inclinate e due porte principali.

La visita guidata si concentra su 17 ettari del sito. Inoltre il museo offre un quadro ancora più chiaro del passato della città e della zona.

Complesso megalitico di Roses

Complesso megalitico RosesQuesto complesso risale al periodo tra il 3000 e il 2700 a.C , ed è un bene culturale di interesse nazionale. Si trova sulla strada per Montjoi. Si compone di numerosi dolmen, ciste e menhir - il più grande Dolmen si compone di sette blocchi massicci che sono posti in verticale, e in effetti, questo è uno dei più grandi monumenti preistorici della Catalogna.

 

Ci sono visite guidate a disposizione per imparare tutto su questo complesso megalitico.

Castello Visigoto

Il castrum visigoto è situato su una delle vette di Puig Rom, la collina che corona la città di Roses. ?'stato scoperto nel 1946. Si tratta di una collina fortificata con due torri che si trovano su entrambi i lati. La datazione degli oggetti ritrovati negli scavi fanno ritenere che la vita nel castello sia durata dalla seconda metà del VII secolo fino al alla prima metà del VIII secolo .

Con la disintegrazione dell'Impero Romano d'Occidente, verso l'inizio del V secolo, ci fu una penetrazione di Alani nel Ampurdán (Empordan in catalano). I visigoti erano a quel tempo al servizio di Roma, e, pertanto, furono chiamati a contenere gli Alani. Nel 415 si recò in Spagna Ataulfo al servizio dell'impero portando con se a Goti e Visigoti. Tuttavia, dopo avere contenuto gli Alani, Ataulfo venne assassinato a Barcellona a causa di faide interne dal suo stesso popolo e problemi con Roma a causa del suo matrimonio con Gallia Placidia. Da quel momento iniziò il relativamente breve periodo di dominazione visigota sulla Spagna.


Castello della Trinità

 

Il Castello della Trinità, costruito a forma di una stella a cinque punte nel 1544, come fortezza d'artiglieria per volere dell'imperatore Carlo V, completava la cittadella. Una volta aveva una guarnigione di 200 uomini con tre terrazze per le batterie di cannoni, obici e mortai ad altezze diverse per difendere il porto di Roses e la costa. La forma a stella, con angoli spigolosi pronunciati aveva lo scopo di limitare i danni dei proiettili nemici. L'edificio resta uno straordinario esempio di fortezza costiera. Se volete conoscere la storia singolare di questo castello, basta chiedere ulteriori informazioni dei tanti tour guidati.

 

Faro di Roses

 

Sotto il Castello della Trinità trovate il faro di Roses, uno dei simboli cittadini, costruito nel 1864, progettato per orientare la navigazione costiera e per aiutare in caso di incursioni dei pirati. La base del fare è pietra di speciale interesse geologico. Costruito in stile neoclassico, lo troverete a Point Poncella, che guida l'ingresso nel porto. Se si è fuori a piedi, serve come riferimento ideale. Dal faro potete allontanarvi da Roses, proseguendo lungo il bellissimo sentiero costiero, che lambisce il mare e giunge nella deliziosa spiaggia di Caneylles.

Centro storico di Roses


Passeggiate per le strade irregolari del centro storico di Roses, dove potrete vedere esempi di architettura modernista, la Chiesa di Santa Maria, un sacco di piccoli negozi e ristoranti, tutto questo in strade parallele al mare. Cè una vera atmosfera mediterranea nell'aria. Recatevi nella piazza principale, dedicata alla memoria storica della Guerra Civile spagnola. Il nome della piazza è Plaça de la Pau, troverete tanti tavolini all'aperto dove bere in allegria.. Inclusa in questa zona è una scultura dell'artista Ció Abelli, che rappresenta la natura irrazionale della guerra, e il valore della nostra vita. Mentre trascorrete del tempo in questa piazza, potrebbe interessarvi sapere che tra il 1937-1938 qui si trovava un rifugio antiaereo. Passeggiate sulla Rambla cittadina, una bella strada larga recentemente rinnovata (2015) dove i bambini giocano nei giardinetti laterali e i grandi passeggiano al fresco. Il centro è attaccato al lungomare, veramente stupendo, con la spiaggia larga, la passeggiata punteggiata dalle palme, i baretti che si affacciano verso il mare.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 


 

Torna su

 

Ostelli Roses   Ostelli Spagna    Hotel Roses  Hotel Spagna

Carte de Roses Karte von Roses     Mapa Roses    Map of Roses

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal