Dintorni di Chamonix

Informagiovani Italia

🌎Viaggiare in Europa

🛵 Viaggiare in Italia

Articoli  Informagiovani

💁 Visite guidate in Italiano

🏠 Ostelli a Chamonix 

🏠 Ostelli in Francia

  Mappa di Chamonix

🏠 Hotel a Chamonix 

🏠 Hotel in Francia   

 Informazioni sulla Francia

 Mappa della Francia

 Mappa delle Regioni Francesi

 Jugendherberge Chamonix

 Hostales Chamonix

 Hostels Chamonix

 Auberges de Jeunesse Chamonix

 Hostels France

 Hostales en Francia

 Auberges de Jeunesse France

Jugendherberge Frankreich

 

Dintorni di Chamonix

Dopo essersi dedicati a Chamonix si possono visitarne i suoi dintorni. Località che rimangono impresse nella memoria per la loro bellezza, per la loro ricchezza naturale e culturale. Andando a visitare i dintorni di Chamonix si avrà il piacere di scoprire interessanti e stupende località.

 

 

Saint Gervais Les Bains

A poco più di una ventina di chilometri da Chamonix si trova Saint Gervais Les Bains una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa venti minuti. È un suggestivo villaggio alpino che si trova in una splendida posizione con una stupenda vista sul magnifico Monte Bianco. Saint Gervais è una graziosa cittadina con una attraente chiesa e molti seducenti hotel in stile alpino e numerose case che presentano elementi architettonici tipici della regione. Ha numerose funivie che conducono ai molteplici rifugi da dove poter intraprendere sentieri escursionistici ed effettuare varie arrampicate. Durante la stagione invernale vi sono diverse piste sulle quali è possibile praticare tutte le specialità sciistiche. Il suo " carosello" si sviluppa per quasi sessanta chilometri permettendo quindi di raggiungere con gli sci i villaggi che circondano questa bella località in mezzo alle Alpi. Il paese è anche un importante punto di partenza per gli alpinisti che sperano di raggiungere la vetta del Monte Bianco. È da qui che parte la celebre Voie Reale che è considerato l’accesso più diretto per raggiungere la cima della montagna più alta d’Europa con i suoi quasi cinquemila metri di altezza. Agli appassionati di alpinismo Saint Gervais offre una " quattro giorni" di salita da poter effettuare con una esperta guida. Durante la stagione estiva è anche possibile svolgere tutta una serie di sport acquatici come per esempio kayak e rafting. È anche possibile compiere una romantica escursione in mongolfiera o una adrenalinica discesa in parapendio. Per gli appassionati di pattinaggio è anche disponibile durante la stagione estiva una pista coperta. La località è anche celebre per le sue terme che sono, per le cure dermatologiche, la seconda stazione termale della Francia e per le sue acque particolarmente adatte per i problemi respiratori è una delle più importanti d’Europa. Saint Gervais offre anche la possibilità per gli amanti del brivido del gioco di potersi divertirsi nel suo Casinò, una struttura di 700 metri quadrati dove si possono trovare tutti i passatempi voluti. Da Saint Gervais parte anche un noto sentiero chiamato il sentiero Barocco che conduce il visitatore nell’effettuare un percorso che consentirà di ammirare uno stile dominante nella zona visitando le bellezze conservate nei villaggi vicini.

Torna su

Sixt - Fer -a- Cheval

A poco più di una sessantina di chilometri da Chamonix si trova Saint Gervais Les Bains una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. È un piccolo villaggio, o forse sarebbe più corretto dire un gruppo di frazioni, in una tranquilla e remota area delle Alpi ad est del dipartimento dell’Alta Savoia. Sixt - Fer -a- Cheval è classificato uno tra i più bei villaggi di Francia per i suoi numerosi eccezionali gioielli paesaggistici. Il villaggio è stato chiamato semplicemente Sixt fino a 25 anni fa, quando è stato aggiunto Fer-à-Cheval. Il paese in gran parte rientra nell’area naturale protetta denominata Riserva Naturale di Sixt-Passy che è la più grande riserva naturale nel dipartimento dell’Alta Savoia, all’interno della quale vi è straordinaria varietà di flora e di fauna, nonché spettacoli scenici unici per il loro genere. Fra queste meraviglie vi è il Cirque du Fer à Cheval, un luogo straordinario dove la natura esprime tutta la sua potenza e la sua meraviglia, con incantevoli cascate e vette che raggiungono i tremila metri. La Cascade du Rouget è la più grande delle cascate come sono anche molto pittoresche la Cascade de la Pleureuse e la Cascade de la Sauffa. Da fare anche una passeggiata lungo le Gole des Tines che è eccezionalmente bella ed è molto tranquilla. Sixt – Fer – à - Cheval fa parte del comprensorio sciistico del Grand Massif ben noto agli amanti delle discipline invernali, uno dei più grandi comprensori sciistici delle Alpi. Per quanto concerne l’aspetto architettonico il villaggio offre numerosi spunti di interesse dati dalle sue molteplici fontane e varie cappelle come la Fay eretta nel XVII secolo mentre la sua facciata occidentale ha subito un restauro nel XIX secolo.

Torna su

Sallanches

A poco più di una ventina di chilometri da Chamonix si trova Sallanches una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa trenta minuti. Il panorama della città è dominato dalla visuale imponente del Monte Bianco. Sallanches ha due importanti monumenti storici: il ponte di Saint-Martin, e la chiesa collegiale di Saint-Jacques. La Chiesa Collegiale è stata costruita in stile Barocco nel XVII secolo sul sito di una chiesa più antica. Al suo interno si possono ammirare numerosi affreschi realizzati nel XIX secolo da artisti italiani, e un tabernacolo medievale. La meridiana della chiesa è stata aggiunta a metà del diciannovesimo secolo. L’edificazione del ponte è invece molto più antica e risalirebbe quasi certamente ai primi del 1300. Oggi è esclusivamente riservato al passaggio dei pedoni e da qui si può ammirare uno spettacolo affascinante che abbraccia tutte le montagne circostanti la città. Vi sono anche varie piccole chiese e diverse cappelle. Di particolare interesse è una casa padronale del XIV secolo mentre non può essere perduta la visita alla nota cascata di Forclaz.

Torna su

Megeve

A poco più di una trentina di chilometri da Chamonix si trova Megeve una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa trenta minuti. È sicuramente uno delle località più chic della regione, fondata come stazione sciistica agli inizi del XX secolo dalla famiglia Rothschild. Ma Megeve non è esclusivamente una delle più belle località sciistiche in tutto il mondo. Ha un incantevole centro e numerose case che sono delle vere e proprie bomboniere. La piazza principale è dominata dalla sua Chiesa, che risale al XIV secolo, realizzata in chiaro in stile tardo gotico. Molte delle case che si possono incontrare passeggiando nel suo centro storico sono di origine medievale e dalla piazza principale ci si può aggirare tra i vicoli affascinanti e imbattersi in antichi lavatoi e fontane come ad esempio in Rue d’Arly. Megeve ha anche un patrimonio architettonico risalente al XX secolo. Non per nulla alla crescita della località ha partecipato il famoso architetto Henry Jacques Le Meme, conosciuto come l’inventore dello stile che viene chiamato chalet, stile che ha definito la crescita della stazione sciistica. Edifici come La Croix des Perchets del 1928, Le Grizzly del 1932 e il Cairn del 1941 sono ora classificati edifici storici. Tra le molteplici attrattive offerta da Megeve vi è anche il Sentiero del Calvario che è una passeggiata su per le pendici del Mont d’Arbois, che attraversa 15 cappelle e oratori. Queste cappelle indicano le stazioni della Via Crucis, la strada che Gesù ha percorso prima di essere crocifisso. Le cappelle e oratori sono stati costruiti tra il 1840 e il 1878. Ogni cappella è diversa e prende in prestito una gamma di stili vari. Lungo il percorso si possono ammirare numerosi affreschi realizzati con la tecnica a trompe – l’oeil, cioè inganna l’occhio, tecnica attraverso la quale l’artista fornisce l’illusione di osservare in maniera tridimensionale oggetti che in realtà sono bidimensionali. La passeggiata termina alla Croce di San Michele. La principale attrattiva di Megeve rimane ovviamente la sua invidiabile posizione e le sue piste da sci. In tutto dispone di più di 200 piste che coprono più di 400 chilometri, e più di 100 seggiovie e altri mezzi per raggiungerle, offre quindi la possibilità di fare stupende discese sia per i neofiti sia per gli appassionati capaci di affrontare le discese sulle piste nere. Megève è in grado di poter soddisfare i propri ospiti in ogni stagione dell’anno e garantisce la possibilità di svolgere numerose attività sportive sia durante la stagione estiva sia in quella invernale. Dal golf al parapendio, dalle gite in mongolfiera all’alpinismo sussiste solo l’imbarazzo della scelta. In principio Megeve era un tranquillo villaggio principalmente dedito all’agricoltura. Ma dal 1900 ha iniziato a divenire una meta di cura nei mesi estivi. Fu un giornalista del Club Alpino francese ad intravedere le potenzialità di Megeve per soddisfare il turismo invernale. L’Hotel Mont Blanc per primo installò il riscaldamento e la stagione sciistica iniziò in questa maniera. Ben presto la località divenne frequentata anche dai maestri di sci e i turisti cominciarono ad arrivare a Megeve. Nel 1916 la baronessa de Rothschild, disincantata con la famosa località montana svizzera di St Moritz, decise di costruire una stazione sciistica francese di pari prestigio. La scelta cadde su Megeve. Fu costruito il Palace Hotel Mont d’Arbois che venne inaugurato nel 1921. Molte delle infrastrutture furono progettate da Francois Parodi, campione di sci e figlio di una importante famiglia di albergatori svizzeri. Vennero anche realizzate la pista di pattinaggio, una di bob e una pista per poter svolgere la disciplina sportiva del curling. Nell’inverno del 1923 - 1924 il re Alberto I del Belgio e la regina Elisabetta furono ospiti del Palace Hotel Mont d’Arbois. La fama e la gloria di Megeve era quindi stata sancita. Di conseguenza incominciò ad essere sempre più frequentata da personaggi del jet set come per esempio la famiglia Lacoste, la principessa di Borbone Parma. La sua notorietà crebbe e furono realizzati nuovi intrattenimenti e luoghi che divennero mete celebri come nel 1938 il Le Cintra. Anche Parigi incominciò a frequentare Megeve. Marcel Pagnol, Tino Rossi, Michele Morgan e Edith Piaf sono stati assidui frequentatori. Fra le celebrità vanno anche ricordate Josephine Baker, Juliette Greco, il re Farouk, e Rita Hayworth, Georges Pompidou, solo per citarne qualcuna. Nel 1952 il film Les Liasions Dangereuses, Le relazioni pericolose, con Gerard Philippe e Jeanne Moreau venne girato presso l’Hotel Mont Blanc e nel film Sciarada, Audrey Hepburn incontra Cary Grant presso la stazione sciistica di Megève. Con una attenta e intelligente azione di marketing Megeve continua ancora oggi ad essere un stazione sciistica molto famosa.

Torna su

Avoriaz

A poco più di una ottantina di chilometri da Chamonix si trova Avoriaz una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. È molto vicino al confine con la Svizzera e rientra nel famoso comprensorio sciistico Portes du Soleil. La località di Avoriaz è di per sé un luogo molto suggestivo situato a 1800 metri, dove si può circolare esclusivamente a piedi. Oltre ad avere un panorama naturale fra i migliori della regione, offre anche notevoli spunti di interesse di architettura urbana. Infatti, Avoriaz non ha sviluppato né uno stile alpino né ha permesso la devastante colata di cemento. Gli edifici sono stati progettati e realizzati per e con il paesaggio creando quindi un tutt’uno alquanto particolare. Per esempio le tegole degli edifici di Avoriaz sono di cedro rosso, e la maggior parte degli edifici è rivestita in legno e sono stati evitati, nella realizzazione degli edifici, angoli retti quanto fosse più possibile fare. Al suo interno si circola esclusivamente con slitte e carrozze una caratteristica che le attribuisce una peculiarità unica. Avoriaz essendo parte del celebre circuito Portes du Soleil offre una infinita e ampia scelta nel praticare l’attività sciistica grazie anche alle sue infinite piste.

Torna su

Albertville

A poco più di una sessantina di chilometri da Chamonix si trova Albertville una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. Oltre per la meravigliosa natura che la circonda Albertville è famosa per aver ospitato le Olimpiadi invernali del 1992. Albertville venne realizzata nel 1836 dal re Carlo Alberto di Savoia, che unì la città medievale di Conflans, che ha edifici risalenti al XIV secolo, con la città di L’Hopital. La località è classificata come una città di arte e di storia. Il suo centro si sviluppa intorno al Palce de l’Europe. Questa piazza è una insolita struttura moderna in stile neo-classico delimitata da vari caffè e numerosi negozi e dall’originale Palazzo di Giustizia. Vicino a questa piazza si trova la Rue Gambette che è la strada che conduce alla chiesa di Albertville. La Chiesa di San Giovanni Battista è una interessante struttura neo – gotica, mentre è risalente al XIX secolo l’Hotel Geny. Da visitare la Casa dei Giochi Olimpici che si trova nel vecchio Palazzo di Giustizia. Al suo interno vi sono varie interessanti testimonianze dell’evento sportivo. Sopra Albertville, a un paio di chilometri, si erge Conflans. Si tratta di un pittoresco villaggio e nella sua piazza centrale principale vi sono numerosi negozi e caffè. Conflans offre alcuni interessanti edifici medievali e caratteristici edifici come quello realizzato in mattoni rossi di Chateau - Rouge e la Maison Rouge. Vi sono anche interessanti edifici risalenti al Diciassettesimo e Diciottesimo secolo. Lo Chateau Rouge ospita il Museo di Arte e Storia mentre la piccola Chiesa di Saint – Grat è del XVIII secolo. Percorrendo la via panoramica si potrà ammirare la Sarrasson una massiccia torre di pietra che testimonia la presenza di una antica fortezza. Oltre a godere di un tranquillo parco lungo questa via si potranno anche ammirare squarci particolarmente toccanti su tutta l’aera circostante.

Torna su

Annecy

Castello di AnnecyA poco più di una ottantina di chilometri da Chamonix si trova Annecy una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. Posizionata strategicamente tra Italia, Svizzera e Francia, Annecy è una delle città più famose delle Alpi, ed è in un ambiente affascinante circondata da boschi e montagne dolcemente adagiata sul lago che porta il suo nome. Oltre ad essere una bella città è anche la sede di una serie di luoghi e monumenti importanti. Il Palais de l’Ile, chiamata anche la vecchia prigione, venne costruita nel XII secolo. Al suo interno si possono visitare le antiche celle delle carceri e vedere una mostra sulla architettura e il patrimonio. È il simbolo della città ed è tra i monumenti più fotografati di tutta la Francia. Lo Château di Annecy, il Castello di Annecy, era la casa dei Conti di Ginevra. Durante il XVI secolo l’ingresso della fortezza venne maggiormente rafforzato. La parte più antica del castello è la Tour de la Reine che fu costruita nel XIII secolo. A partire dal XVII secolo fino al 1940 venne trasformato in una caserma. Oggi ospita un museo con mostre di arte e di storia della regione. La Cattedrale di Saint-Pierre costruita nel XVI secolo e fu la cattedrale di Francesco di Sales, che studiò alla Università di Padova e che venne da papa Alessandro VII proclamato santo nel 1665. Inoltre è considerato uno dei dottori della Chiesa. Al suo interno vi sono numerose opere d’arte ed elementi barocchi del XIX secolo. Appena fuori della cattedrale si torva l’Hotel Lambert. Il Palazzo Vescovile venne edificato nel XVIII secolo. Dal Pont de la Republique si ha una vista splendida sul Thiou, uno dei fiumi più brevi in ​​Europa. Infatti, scorre per poco più di tre chilometri. Porte Sainte - Claire è una delle porte della città ed è nei pressi della Casa Gallo, un edificio che ha una facciata del XVIII secolo. Tra le molteplici attrattive della elegante cittadina vi è anche la Chiesa di Saint-Maurice che ha un fiammeggiante stile gotico del XV secolo. Al suo interno vi sono alcuni dipinti molto interessanti che vanno dal Quindicesimo al Sedicesimo secolo. Nella Basilique de la Visitation realizzata nel XX secolo si trovano le tomba di Francesco di Sales e di Giovanna di Chantal. Invece lungo il Quai Napoleone III si trovano i Jardins de l’Europe che risalgono al 1863. Da attraversare il delizioso Pont des Amours. Il ponte degli innamorati, struttura in ferro, venne costruito nel 1907. Da fare anche la bella passeggiata lungo il bordo del lago fino al Palazzo Imperiale...Continua a leggere su Annecy.

Torna su

Abondance

A poco più di una ottantina di chilometri da Chamonix si trova Abondance una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. È un interessante villaggio alpino con le caratteristiche case in legno dai tetti spioventi che si trova a circa 1000 metri di altezza. Il paese che si estende lungo le rive di un ruscello di montagna è circondato da splendide vette come il Mont de Grance alto 2432 metri, il Monte Jorat alto 1830 metri e il Pic de la Corne alto 2084. Abondance è famoso per la sua Abbazia risalente al XII secolo. L’edificio venne edificato in stile gotico di montagna e all’interno sono conservati vari tesori artistici, tra cui affreschi del XV secolo e dipinti trompe de l’oeuil del XIX secolo. I chiostri sono particolarmente belli con i loro archi che si affacciano su un piccolo giardino e con gli archi sulla parete interna dipinti con affreschi davvero incantevoli del XV secolo. Questa tecnica che è comune in Italia è invece assai rara in Francia. Di un certo interesse la visita alla Maison du Val d’Abondance che racconta la vita del villaggio e delle tradizioni legate al bestiame e alla produzione del formaggio. All’interno vi è anche una raccolta di attrezzi utilizzati per fare il formaggio e una mostra di campanacci.

Torna su

Les Arcs

A poco più di una ottantina di chilometri da Chamonix si trova Les Arcs una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. È un comprensorio sciistico molto popolare nelle Alpi francesi, situato in uno splendido scenario montano nel dipartimento della Savoia. Les Arcs offre una vasta gamma di piste ed è uno dei comprensori sciistici più estesi e popolari delle Alpi. Ci sono più di 50 impianti di risalita e oltre 100 discese e una ampia scelta anche per quanto riguarda le altitudini che vanno dagli 800 metri fino agli 3800 metri. Si possono effettuare tutte le discipline sportive tipiche invernali e in più è anche possibile fare lo speed riding che combina lo sci con il parapendio. La località presenta vari edifici che per la loro architettura ricordano lo stile di Le Corbusier. Infatti, Les Arcs è ufficialmente indicato come un importante patrimonio del XX secolo per la sua architettura moderna. Per poter esplorare le varie stupende montagne che circondano il villaggio oltre che poter fare meravigliose escursioni a piedi vi sono varie funivie che sono in funzione tutto l’anno.

Torna su

Ginevra

A poco più di una ottantina di chilometri da Chamonix si trova Ginevra una località che utilizzando una autovettura è raggiungibile quindi in circa sessanta minuti. Situata lungo le rive dell’omonimo lago ai piedi delle Alpi, Ginevra brilla come una delle più belle città d’Europa. Sede europea delle Nazioni Unite, è una delle città più verdi d’Europa, con più di 20 parchi nel centro della città. Il suo famoso lungolago è il fulcro della città e offre infinite opportunità di svago e relax e il celebre Jet d’Eau, getto d’acqua, che sale fino a 140 metri è uno dei simboli di questa elegante città svizzera. Le Bains des Paquis che si trova sulla sponda occidentale è il favorito dai cittadini di Ginevra dalla sua apertura avvenuta nel 1932. Ancora oggi le sue zone di balneazione sono molto esclusive. Chi domina la sponda orientale del lago è l’orologio gigante, il Fiore nel Giardino Inglese, che è un omaggio alla industria orologiera di Ginevra, una realizzazione che è riuscita ad armonizzare l’ingegno svizzero con i doni floreali della natura. Il quadrante è composto da circa 6.500 fiori. L’Isola Rousseau è una romantica isola che prende il nome dal filosofo ginevrino Jean-Jacques Rousseau e offre una vista mozzafiato sul paesaggio urbano circostante. Il Batiment des Forces Motrices costruito nel 1886, è stata la prima centrale idroelettrica di Ginevra. Oggi questo imponente edificio è stato trasformato in un Teatro che si affaccia sul fiume Rodano. La Cattedrale di San Pietro sovrasta la città vecchia, ed è la più antica e il più imponente tesoro architettonico di Ginevra. La costruzione della Cattedrale iniziò nel 1160 e ci vollero oltre 400 anni per completare l’opera. Il piano interrato della chiesa ospita il Museo Archeologico nel quale sono conservati tutti i reperti ritrovati negli scavi effettuati e alcuni di essi sono risalenti al 350 d.C. L’antico centro storico di Ginevra è un labirinto di strade a ciottoli, vicoli e vari monumenti storici. La Bourg-de-Four che è la più antica piazza di Ginevra sorge su antico mercato romano. Altro edificio storico risalente al XV secolo è il celebre l’Hotel De Ville che è ancora la sede del governo a Ginevra. Il palazzo è stato testimone di vari eventi importanti come ad esempio la prima convocazione della Convenzione di Ginevra nel 1864 e la fondazione della Lega delle Nazioni nel 1920. La Chiesa Russa quasi inaspettata squarcia il cielo con le sue fiammeggianti cupole dorate e le guglie auree, offrendo un contrasto unico con l’architettura prevalentemente francese e medievale che domina il resto della città. La chiesa fu completata nel 1866 da espatriati russi che vivevano a Ginevra. Il Muro dei Riformatori si trova nel bellissimo Parco Bastions ricorda i grandi eventi e le figure della Riforma protestante. Il Conservatorio di Musica, il Teatro Grand Opera, il Museo Rath e la vicina Sala della Vittoria Concerto, sono solo alcune delle altre meraviglie che offre Ginevra. La visita alla sede europea delle Nazioni Unite è fattibile esclusivamente tramite visite guidate...Continua a leggere su Ginevra.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

Ostelli Chamonix Ostelli Francia   Hotel Chamonix

Carte Chamonix  Karte von Chamonix Mapa Chamonix Map of Chamonix

Carte de France  Karte von Frankreich   Mapa Francia   Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon