BASILEA 2 
Advertisement

 

Sei qui: Termini Finanziari >  Basilea 2

 

Basilea 2


Basilea 2 è un accordo in base al quale una banca per ogni prestito erogato deve accantonare una parte del suo capitale.  I governatori delle banche centrali di alcuni dei paesi più industrializzati, riuniti in un comitato che ha sede a Basilea, stabiliscono la quota di capitale da accantonare. Il primo accordo di Basilea, del 1988, aveva fissato un tetto standard: l'8% della quota totale erogata. Gli accordi siglati recentemente (detti "Basilea 2", appunto) hanno deciso, invece, di rendere la quota dei capitali da accantonare proporzionale al rischio che la banca si assume nei confronti del singolo cliente, aumentando o diminuendo la percentuale di accantonamento (e perciò anche il costo del denaro che viene dato a prestito) a seconda della solidità e della dimensione dell’azienda. Per fare questo le banche fisseranno delle procedure di rating, cioè di valutazione dei requisiti dei clienti attraverso l'esame di parametri uguali per tutti, che consentono di dare un "voto" all’azienda richiedente.  L'accordo così formulato tra le banche non sembra facilitare le imprese più piccole, considerate più a rischio, a cui verrebbero concessi prestiti di denaro solo a un costo più alto - corrispondente al maggior rischio che si assumerebbero le banche- rispetto a quello destinato ad aziende di dimensioni maggiori. Gli accordi di Basilea non sono vincolanti: il Comitato di Basilea, che opera in seno alla Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), non ha alcuna autorità sovra nazionale ed i suoi pareri non hanno forza legale. L’ accordo del 1988 ha però ricevuto l'adesione volontaria dei sistemi bancari di più di 100 paesi. L'accordo "Basilea 2" verrà testato e definitivamente attivato nel 2006, ma gli istituti di credito dei paesi coinvolti, tra cui c'è anche l'Italia, lo stanno già adottando in via sperimentale.

 

Torna su

 

Google
 

 

 

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal