Btp
Adv.

Sei qui: Termini Finanziari >  Btp

 

Btp

BTP è l'acronimo di Buoni del Tesoro Poliennali. Si tratta di titoli emessi dallo Stato di durata medio lunga (hanno una scadenza da 3 a 30 anni). I Btp insieme agli altri titoli di stato vengono emessi per pagare i costi che lo stato sostiene per il suo mantenimento insieme alle tasse. In particolare i Btp sono titoli ricercati dagli investitori che desiderano avere dei rendimenti pagati ogni semestre, infatti sono titoli a tasso fisso, con cedola semestrale. I btp possono essere comprati nel mercato primario, cioè direttamente dal Ministero delle Finanze, o nel mercato secondario, dove si possono acquistare o vendere attraverso intermediari o attraverso cittadini privati. In caso di utilizzo di intermediari bisogna calcolare un costo di transazione.

Il tasso di interesse del Btp viene definito e comunicato all'atto della emissione dello stesso. All'atto del pagamento delle cedole, l'importo viene tassato del 6,50 per cento, se il titolo è stato emesso tra il 21 settembre 1986 e il 31 agosto 1987, del 12,5 per cento se è stato emesso dopo. Solo le cedole dei BTP emessi prima del 21 Settembre 1986 sono esentasse. Chi possiede il titolo il giorno della scadenza dovrà pagare il 12,50 % sulla differenza tra il prezzo pagato all'origine e il valore rimborsato pari a 100. 

 

  

 

 

 

 

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal