Musei a Padova

Advertisement

Musei a Padova

Museo Antoniano
Padova Piazza del Santo
Tel. 0498225656

Si è concluso nel 1995 un lungo percorso evolutivo che interessa il Museo Antoniano, sorto nel 1895. Il capillare lavoro di catalogazione delle opere ha permesso di riaprire la struttura esponendo al pubblico il meglio di una raccolta condotta su due versanti: le testimonianze della venerazione di Sant'Antonio nel corso dei secoli e le tante opere che avevano perso la loro collocazione originaria come dipinti, sculture, paramenti e suppellettili sacre. I locali utilizzati per l'esposizione sono situati nel chiostro detto dell'Infermeria, nella cui sala superiore è situata gran parte degli oggetti esposti.
Molte sono le opere realizzate per la Basilica ed il Convento del Santo, altrettanti gli oggetti derivanti da lasciti o acquisti sia dei religiosi che dei devoti. Poco conosciuto e di estremo interesse il settore espositivo dell'oreficeria. Preziose opere di argenteria, in gran parte veneta, e alcune presenze di scuola tedesca rappresentano il cuore di questa sezione.

Oratorio S. Rocco

Padova, Via Santa Lucia, 20
Tel. 0498753981

Risale al 1746 l'acquisizione di un fabbricato adibito alle riunioni del capitolo da parte della Confraternita di S. Rocco. Nel 1525 ebbe inizio la costruzione dell'attuale edificio dell'oratorio costituito sostanzialmente da due grandi aule sovrapposte. Una scala interna mette in comunicazione con l'aula superiore, un tempo affrescata, mentre nella parte inferiore venne posta sull'altare nel 1697 la pala con Madonna e Santi di Alessandro Maganza.
La decorazione pittorica illustra la storia di San Rocco e si svolge sulle quattro pareti dell'Oratorio. Diversi i maestri coinvolti: Domenico Campagnola (1500-1564), Girolamo Tessari (1480-1561), Gualtiero Padovano e Stefano Dall'Arzere.
La storia dell'Oratorio di San Rocco vede il passaggio nel 1925 al Comune di Padova, che si assunse l'onere dei restauri. Venti metri quadri di affresco vennero puliti e ricollocati nel 1950.

Museo del Marinaio d'Italia

Padova Prato della Valle, 70
Tel. 0498070191
Visite su prenotazione

Piccolo Museo storico-didattico sorto nel 1922 presso l'allora U.M.I. (Unione Marinara Italiana) come scuola di formazione per i giovani che intendevano intraprendere la vita sul mare, il Museo del Marinaio si è andato arrichendo nel tempo. Oggi contiene una grande quantità di oggetti (armi, modellini, siluri, proiettili, copricapi, sciabole, strumenti nautici, ecc.) ed è visitato da molte scolaresche.


Museo delle Macchine "Enrico Bernardi"

Università di Padova
Padova,via Venezia 1
Tel. 0498276775
Visite su prenotazione o in orario 9,00 - 12,30
esclusa la domenica. Ingresso gratuito.

Un'identità ben definita e una lunga notorietà caratterizzano il Museo delle Macchine "Enrico Bernardi", presente tra le collezioni della Facoltà di Ingegneria. Dopo la morte dell'illustre studioso nel 1919, un Comitato fu incaricato di elaborare un progetto che ne mettesse in luce le straordinarie doti. Gli eredi misero a disposizione dell'Istituto di Macchine dell'Università un'ampia donazione di cimeli, strumenti e costruzioni originali di Bernardi.
In seguito ad alcuni spostamenti il museo è approdatoal nuovo Dipartimento di Ingegneria Meccanica istituito nel 1987. Citiamo solo alcuni esemplari di grande valore: una vettura a tre ruote del 1894, motori monocilindrici del 1887-1889, un triciclo con motore a benzina del 1893 ed un motore atmosferico a gas risalente al periodo 1878-1884.

Museo di Mineralogia e Petrologia

Universita' di Padova
Padova - Corso Garibaldi, 37
Tel. 0498272033
Ingresso gratuito

Collezione sistematica, collezione di giacimenti minerari, collezione genetica, collezione Gasser e collezioni tematiche, rappresentano l'ossatura del Museo di Mineralogia e Petrologia dell'Università di Padova, uno dei più importanti del Veneto sotto il profilo scientifico e storico. Parte delle collezioni risale ai primi del '700 e si dee al celebre medico lucchese Antonio Vallisnieri il nucleo del patrimonio più antico dell'esposizione.
degli anni '20 l'acquisizione della preziosa collezione mineralogica Gasser. La collezione genetica è la più imponente del museo, divisa tenendo conto dell'ambiente di formazione: sedimentario, metamorfico e magmatico. La collezione mineraria raccoglie invece alcuni fra i più importanti depositi metalliferi e di minerali industriali coltivati in Italia. Infine nel settore tematico vanno citate le collezioni cristallografica e delle gemme.

Orto Botanico

Universita' di Padova
Padova - Via Orto Botanico, 15
Tel. 049656614

 

un museo vivente, unico per storia ed attualità, gioiello dell'Università patavina fin dalla metà del '500. Questa struttura, che unisce all'esposizione un lunga esperienza didattica e scientifica, propone piante inserite nel loro habitat ricostruito nelle linee essenziali. Un grande tronco subfossile risalente al 750 a.C. è presente all'interno dell'Arboretum. L'orto raccoglie anche specie in estinzione del nostro territorio che vengono studiate per garantirne la sopravvivenza. Per fini didattici le migliaia di piante presenti sono tutte cartellinate.
Particolarmente interessanti anche i settori delle piante medicinali e delle piante insettivore che rappresentano una delle raccolte più complete d'Europa.
Sono raccolte insieme anche alcune piante velenose debitamente indicate per consentire al visitatore di conoscerle ed evitarle.


Musei civici agli Eremitani e Cappella degli Scrovegni
Padova, Piazza Eremitani 8
Tel. 0498204550 - Fax 0498204566

Il Museo agli Eremitani sorge negli antichi chiostri di quello che fu il convento dei frati. Dopo i lavori di restauro, durati molti anni, oggi vi è esposta molta parte delle ricche collezioni museali derivanti per la maggior parte dal Vecchio Museo del Santo. Il suo complesso comprende il Museo Archeologico, il Museo Bottacin e il Museo d'Arte Medievale e Moderna, ai quali va aggiunta la splendida Cappella degli Scrovegni, nella vicina area dell'Arena Romana.Il primo nucleo del Museo Archeologico risale al lascito dell'abate Giuseppe Furlanetto (1825), arricchito da altre donazioni.
Importanti gli 88 pezzi della "Tomba dei vasi borchiati" (700 a.C.) e la notevole sezione romana. Il Museo Bottacin vede la sua nascita tra il 1865 e il 1870, grazie al lascito di Nicola Bottacin; 50.000 tra monete, medaglie e sigilli lo rendono una delle collezioni numismatiche più importanti del mondo.
Il Museo d'Arte Medievale e Moderna si è formato a partire dalla fine del '700 e offre una panoramica della pittura veneta tra il '300 ed il '900 oltre a importanti opere di Giotto, Veneziano, Squarcione, Bellini, Giorgione, Tiziano e Tiepolo.
La Cappella degli Scrovegni, infine, rappresenta una delle opere più alte del genio di Giotto. La decorazione murale interna gli fu commissionata tra il 1303 e il1305 dal ricco signore padovano Enrico Scrovegni che la volle al fianco del suo palazzo poi demolito. Gli affreschi narrano episodi della vita di Maria e del Cristo.

Museo della Terza Armata
Via Altinate, 59
Tel. 0498203430
Per visite collettive è opportuna la prenotazione


Ha sede nel centro cittadino il Museo della Terza Armata, ospitato nel palazzo Camerini di via Altinate. Una ricca documentazione, anche fotografica, e un serie di reperti e cimeli risalenti alla prima guerra mondiale derivano dall'area di responsabilità dell'Armata: il carso ed il Basso Piave. Da citare cimeli del Duca d'Aosta e la collezione di armi.

 

 

Museo al Liviano

Padova - Piazza Capitaniato, 7
Tel. 0498274574
Ingresso gratuito

Il Museo Universitario del Liviano risulta articolato in tre sezioni: la sala Mantova Benavides (nucleo originario), le salette didattiche e la gipsoteca. L'origine della collezione risale alla donazione che Antonio Vallisnieri figlio decise di fare all'Università nel 1733 mettendo a disposizione sculture e vasi antichi raccolti dal padre, oltre a reperti scientifici e reperti naturalistici. Nel 1807 la parte naturalistica fu staccata da quella archeologica che da allora ebbe vita autonoma. Sino alla costruzione del Liviano (1937-39) il museo ebbe varie sedi, tra cui la Sala dei Giganti.
Dell'attuale esposizione vanno segnalate alcune sculture antiche greche, ellenistiche e romane (sala mantova Benavides), materiali egizi, ciprioti, greci e romani (salette didattiche) e 80 calchi in gesso di sculture e rilievi greci (gipsoteca). Nella gipsoteca è anche conservato un lacerto pavimentale rinvenuto durante gli scavi per le fondamento del Liviano nel 1936.

 

Torna su

 

Ostelli Padova   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie

Carte de Padoue     Karte von Padua     Mapa Padova Map of Padua

 Carte de Venetie Karte von Venetien Mapa Veneto     Map of Veneto

Carte d'Italie   Karte von Italien        Mapa Italia        Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal