website
statistics
 

Pinacoteca Stuard a Parma

Sei qui: Parma: cosa vedere  >

Pinacoteca Stuard a Parma

Tra i musei significativi di Parma, ma talvolta trascurati dal visitatore, dobbiamo ricordare la Pinacoteca Stuard (via Cavestro, n. 14), con una raccolta di opere davvero importante. La Pinacoteca Stuard è Ospitata dal 2002 in un'ala dell'antico Monastero Benedettino di San Paolo (lo stesso dove si trova Camera di San Paolo a Parma e con affreschi di Araldi e Correggio, di cui abbiamo già parlato) si è formata grazie a lascito effettuato alla Congregazione dei frati di San Filippo Neri, che ne è ancora oggi proprietaria.

Venne istituita grazie alle opere lasciate in eredità da Giuseppe Stuard (1791-1834), possidente fondiario e amministratore della congregazione, al momento della morte.

Pinacoteca StuardNella pinacoteca parmense troviamo dipinti, cimeli, arazzi e testimonianze che documentano la storia della città di Parma e della famiglia Stuard, assieme a reperti archeologici medievali rinvenuti durante i lavori di restauro dell'edificio. La collezione di altissima qualità si compone di circa trecento opere pittoriche e grafiche disposte in 22 sale. Molto significativa è in particolare l'arte toscana dei secoli XIV e XV: vi sono rappresentati infatti artisti come Bernardo Daddi, Bicci di Lorenzo, Paolo di Giovanni Fei, Nicolò di Tommaso e Pietro di Giovanni d'Ambrogio. Una tavoletta raffigurante Cristo portacroce è attribuita all'ambito di Paolo Uccello.

Pinacoteca StuardOltre a queste sono presenti opere di artisti quali Giovanni Lanfranco, Jacopo Palma il Giovane, Guido Reni, Guercino, Bartolomeo Schedoni, Sebastiano Ricci ed altri, dal XVI al XX secolo. Tra le opere si segnala un disegno a penna raffigurante un levriero, forse eseguito dal Parmigianino per Fontanellato. Tra gli artisti stranieri figurano presenti con le loro opere si segnalano Brueghel, Zurbaran, Zoffany. Successive all'istituzione del museo le acquisizioni di due nature morte del Grechetto, un paesaggio di Bernardo Bellotto, un Ecce Homo di Guercino, una Vergine di Schedoni nonché la sezione ottocentesca con quadri di Carmignani, Pasini, Affanni, Baratta, Ximenes e De Stroebel.

La prima sala della pinacoteca si apre sul sacello di San Paolo (fine VI secolo.), la struttura più antica del vicino complesso monastico. La cella, ex torre difensiva, poi campanaria, è coperta da una cupola emisferica. Il museo comprende anche un ambiente dove sono esposti reperti archeologici pre-medievali e medievali rinvenuti durante i lavori di restauro dell'edificio.

Pinacoteca Stuard

Borgo del Parmigianino, 2, 43121 Parma

Telefono: 0521 508184


Orari: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì 10–17:30
sabato e domenica 10:30–18:30
martedì chiuso

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

Dove si trova?

Torna su

 

Ostelli Parma   Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Parma

Carte Parme Karte von Parma Mapa Parma Map of Parma

Carte Emilie Romagne    Karte von Emilia Romagna   Mapa Emilia Romaña   Map of Emilia Romagna

Carte d'Italie Karte von Italien Mapa Italia      Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal