PLATONE

Sei qui: Grandi filosofi >

Platone (Atene, 428/427 a.C. – Atene, 348/347 a.C.)

 

Platone credeva in un mondo invisibile dove esistevano modelli perfetti di tutte le cose esistenti. Sosteneva che ogni cosa materiale fosse plasmata avendo come modello un'idea perfetta e immutabile. Tali idee e venivano chiamate forme. Le forme di concetti astratti come coraggio e giustizia rappresentavano secondo lui gli ideali a cui le persone dovevano ambire. In pratica e esisteva secondo Platone un ideale di giustizia perfetto da raggiungere.

 alla domanda, esiste un mondo perfetto, Platone tentò di rispondere creando la prima università, dove gli insegnamenti del filosofo erano volti ad educare, a far conoscere alle persone un mondo di idee perfette da raggiungere.

 

Platone fu traumatizzato dalla morte di Socrate e decise di mettere i pensieri dell'amico filosofo e maestro per iscritto. Per non permettere che i pensieri di Socrate fossero dimenticati le trascrisse in forma di dialogo. I Dialoghi platonici ebbero all'epoca un enorme successo anche perché Platone risultò un ottimo scrittore. In essi spesso Socrate compare come personaggio principale e si può dedurre parzialmente che quello che Socrate sostiene sia realtà quello che pensava Platone.

Nel Simposio si parla invece di una discussione tra diverse persone sulla natura dell'amore. Uno dei partecipanti al simposio, che è semplicemente un banchetto a base di vino, è a punto Socrate il quale afferma che l'amore non è qualcosa di fisico bensì quando una persona di cerca sia la verità che il bene. Si parla di amore platonico, come ben sappiamo, quando il rapporto coinvolge la mente non il corpo.

 

Platone trattando di conoscenza la concepì come il ricordo di un'esperienza anteriore vissuta dall'anima dell’uomo che ha attraversato diversi esistenze.

 

Nella Repubblica in fine Platone analizzò la società ideale. Secondo il filosofo esistevano diversi tipi di persone: quelle non particolarmente intelligenti, con un'anima di bronzo, destinate a diventare contadini o artigiani, quelli con un'anima d'argento, che possiedono alcuni talenti e possono diventare importanti all'interno della società, adatti a mantenere l'ordine e a proteggere lo Stato sono chiamati soldati, e infine quelli con l'anima d'oro che possiedono intelligenza ed educazione necessarie per diventare filosofi e governare, chiamati i reggitori. Secondo Platone i filosofi erano i capi migliori perché agivano in modo razionale. La stabilità dello Stato si sarebbe raggiunta secondo Platone solo con i filosofi al potere.

 

Fortunatamente Platone pensava che donne e uomini avessero uguali capacità di governare anche se sosteneva che gli uomini tendessero a farlo meglio. Certo per i suoi tempi si trattava comunque di una visione rivoluzionaria…

 

Leggi anche:


Vuoi essere migliore? Pensa

Migliorare se stessi significa aumentare/raggiungere la felicità? Come imparare ad essere migliore?  Felicità e conoscenza sono intimamente legate?

 

I Libri Che Salvano La Vita...

Rubrica sul mondo del libro, della scrittura, della favola rivolta ai giovani di ogni età!

 

 

 

Torna su

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal