GRANDI FILOSOFI 

 

Grandi filosofi 

 

Vi introduciamo ai filosofi indicandoli in ordine cronologico, dai più antichi ai più moderni.

Vi parleremo brevemente di Talete, Anassimandro, Pitagora, Eraclito, Parmenide, Empedocle (tutti pre-socratici), Socrate, Platone, Aristotele, Epicuro, Ipazia, San Tommaso d’Aquino, Cartesio, Spinoza, Locke, Hume, Kant, Hegel, Karl Marx, Nietzsche, Husserl, Dewey, Wittgenstein, Sartre e de Beauvoir.

 

La storia della filosofia occidentale comincia nella Grecia antica dove nelle città stato ferveva un grande interesse per le scienze. In un mondo che si pensava governato dalle azioni degli Dei, i filosofi si distinsero cercando di spiegare la realtà in modo scientifico. 

Certo leggendo le idee e curiosando nella vita di questi antichi filosofi essi non suscitano un nostro reale interesse poiché le loro idee ci appaiono strane se non fuori di testa. Pensate però che si tratta di uomini che si allontanarono dalla religione per cercare la scienza, rischiando la propria vita per cercare di fornire spiegazioni razionali della realtà e dell'universo in un tempo molto lontano, molto prima di Cristo.

 

Filosofi pre-socratici: Talete, Anassimandro, Pitagora, Eraclito, Parmenide, Empedocle

 

TaleteTalete (624 - 546 a.C.) fu il primo a essere definito saggio; era un astronomo (tanto che pensate riuscì a prevedere un'eclisse solare 600 anni prima di Cristo) e un esperto su tutto ciò che riguardava l'acqua. Studiando l'acqua si chiese se essa ai vari stadi, liquido, solido e sotto forma di vapore, potesse spiegare i cambiamenti della realtà circostante. Talete concluse che l'acqua fosse il principio primo dell'universo e che il mondo galleggiasse come un tronco immerso nel mare.

 

Anassimandro (610 - 546 a.C.) concordava con Talete sul fatto che esistesse un principio che univa tutto l'universo. Tale principio fu da lui rintracciato in una sostanza che chiamava infinito, qualcosa che oltrepassava l'universo fisico. Anassimandro riteneva che il mondo avesse la forma di un cilindro e che fosse circondato da questa sostanza infinita. Arrivò a disegnare una mappa del mondo. Divenne famoso per la sua teoria che affermava che gli uomini discendevano dei pesci. Fu lui ad inventare la meridiana.

 

PitagoraPitagora (571 -496 a.C.), comunemente ricordato per il famoso teorema sul triangolo, fu un filosofo ossessionato dalla matematica che elaborò la teoria sull'armonia dell'universo. Una cosa curiosa, e che costò la vita al filosofo, fu la proibizione che dovevano seguire i suoi discepoli riguardante il mangiare i fagioli (per la loro forma simile al principio della vita umana). Dicevamo che tale proibizione gli causò una morte prematura in quanto un giorno, inseguito da una folla inferocita, Pitagora di fronte a un campo di fagioli preferì fermarsi piuttosto che calpestarli e così venne ucciso...

 

Eraclito (536 - 470 a.C.) studiava i cambiamenti del mondo, anche quelli repentini. Eraclito cercava di trovare il principio dell'universo, rintracciandolo nel fuoco, sostenendo che questo ha un aspetto che rimane costante nel tempo anche se in grado di cambiare ogni cosa che tocca. Il filosofo concepiva il mondo come un qualcosa in costante stato di creazione e distruzione, sostenendo l'esistenza di un equilibrio cosmico in grado di spiegare ogni cosa. Interessanti le sue teorie secondo cui senza il male non ci sarebbe stato alcun mezzo di paragone per misurare il bene.

 

Parmenide (501 - 492 a.C.) pensava che la realtà si potesse comprendere solo attraverso il pensiero e non con i sensi.  Il filosofo  qual era il primo posto da cui proveniva il mondo e decise che il mondo era esistito da sempre perché nulla non può cambiare improvvisamente in qualcosa. Viceversa sosteneva che il mondo è eterno perché qualcosa non può cambiare improvvisamente in nulla.

 

EmpedocleEmpedocle (490 430 a.C.) era un filosofo proveniente dalla Sicilia che sosteneva che alla base del mondo non esistesse un solo principio a fondamento della realtà bensì 4 elementi fondamentali fuoco, aria, terra, acqua. Secondo Empedocle tutto ciò che cambia si modifica per il rimescolarsi e il combinarsi di questi quattro elementi. Elaborò sia una teoria sull'evoluzione che sosteneva che sopravviveva sono più forte, sia una teoria sulle forze fondamentali della natura, amore e odio. Secondo quest'ultima l'amore lega le cose mentre l'odio le divide. Si tuffò nell'Etna per dimostrare che era un Dio e ovviamente morì carbonizzato. 

 

Socrate il filosofo

 

 

Socrate (469 - 399 a.C.)

 

 

 

I Cinici, con il celebre Diogene che per dare un esempio di vita semplice virtuosa si mise a vivere dentro a una botte, come un cane. 

Gli Stoici il cui padre può rintracciarsi in Zenone considerati come i primi deterministi. 

Gli Epicurei il cui fondatore Epicuro valutava il piacere come fuga dal dolore e la felicità come la gioia che scaturiva dalle piccole cose della vita. 


Idealisti: Platone, Ipazia, Berkeley e Hegel
Materialisti: Aristotele, Karl Marx
Scolastici: Sant'Agostino, Sant’Anselmo, San Tommaso D’Aquino
Razionalisti: Parmenide, Cartesio, Spinoza
Empiristi: Locke, Hume, Kant, Popper
Pragmatisti: Peirce, William James, John Dewey
Fenomenologi: Husserl 

Esistenzialisti: Jean Paul Sartre
filosofi post moderniFilosofe femministe: Simon de Beauvoir metà del 1900, Mary Wollstonecraft (1759 - 1797), Luce Irigaray
Post moderni: Eraclito, Nietzsche, Ludwig Wittgenstein, Thomas Kuhn, Michel Foucault, Jacques Derrida

 

 

 

Leggi anche

 

Il programma Erasmus

Obiettivi e informazioni sul famoso programma di mobilità per studenti, studiare all'estero vuol dire crescere più in fretta


L'educazione in Italia

Educazione in università, conservatori ed accademie


L'educazione in Europa

Educazione universitaria in Europa

Google