WITTGENSTEIN - BIOGRAFIA

Sei qui: Biografie > Personaggi illustri di Vienna  >

Wittgenstein (1889- 1951)

 

"Siamo addormentati. La nostra vita è un sogno. Ma ci svegliammo, qualche volta, solo il tanto per sapere cosa stiamo sognando" Ludwig Wittgenstein

 

Personaggio brillante, affascinante, ma anche arrogante e rude, Ludwig Wittgenstein fu una persona coraggiosa che elaborò una scuola di pensiero complessa.  Nato a Vienna nel periodo di Freud era figlio di un ricco magnate dell'acciaio. Si laureò ingegnere e  inventò addirittura un propulsore. Successivamente si dedicò alla filosofia. Celebri le sue lezioni all'università dove parlava seduto su una sedia sdraio. Lavorava in un ufficio completamente spoglio con una cassaforte dove custodiva i suoi lavori.

 

Visse per due anni in Norvegia, in una minuscola casa come un eremita, dove approfondì lo studio della logica. Rifiutò la nomina come ufficiale e combatté invece come soldato semplice nella Prima guerra mondiale, ottenendo anche medaglie al valore.  Pensate che finì di scrivere la sua principale opera filosofica mentre era prigioniero di guerra...

 

WITTGENSTEINLudwig Wittgenstein fu uno dei più influenti filosofi del XX secolo, che ispirò due grandi movimenti filosofici di quel secolo - il positivismo logico e filosofia del linguaggio ordinario. Anche se nato a delle famiglie più ricche di Vienna, andando contro il volere del padre, che lo voleva a dirigere gli affari di famiglia fu profondamente influenzato dalla filosofia. Fortemente influenzato da filosofi famosi come Bertrand Russell e Gottlob Frege, Wittgenstein applicò la logica moderna alla metafisica, fornendo una nuova definizione delle relazioni tra mondo, linguaggio e pensiero, spiegando in tal modo la natura della filosofia. Era una persona molto sensibile e nervosa che spesso era infastidito e disturbato dallr cose che lo circondavano. Ancora oggi continua a influenzare gli attuali pensieri filosofici in molti settori come la logica e il linguaggio, la percezione e l'intenzione, l'etica e la religione, l'estetica e la cultura.
 

La famiglia
Il bisnonno paterno di Wittgenstein, Moses Meier era un agente immobiliare ebreo che viveva a Wittgenstein (in Germania) con la moglie Brendel Simon. Presero il cognome Wittgenstein per un decreto emanato da Napoleone nel 1808. Suo figlio, Hermann Christian Wittgenstein sposò Fanny Figdor. Ebbero 11 figli e a tutti loro fu proibito di sposarsi con altri ebrei. Karl, uno dei loro figli sposò Leopoldine Kalmus e fu uno degli uomini più ricchi di Vienna, con una fortuna nel businness del ferro e dell'acciaio.

Infanzia & Vita Personale
Wittgenstein nacque quindi in una ricca famiglia a Vienna, come il figlio minore di Karl e di sua moglie, Leopoldine Kalmus, il 26 aprile 1889.  Aveva otto fratelli - quattro sorelle e quattro fratelli. La famiglia era nel cuore della cultura austriaca, tutti i bambini furono abituati fin da giovanissimi a un ambiente culturale intenso. Il padre di Ludwig, voleva che i suoi figli continuassero a gestire la sua industria dopo di lui. Wittgenstein e i suoi fratelli non andarono a scuola poichè il padre non voleva che i suoi figli potessero acquisire cattive abitudini di altri bambini. Tutti furono educati a casa. Pare che tutti risentissero molto della poca libertà. Il padre di Wittgenstein era un duro perfezionista che mancava totalmente di empatia. Dei suoi quattro fratelli, tre si suicidarono.  Suo fratello maggiore, Hans soffriva di autismo, ma aveva un grande gusto per la musica. Morì nel 1902, in circostanze misteriose. Un altro fratello Rudolf (Rudi) morì l'anno dopo. Nel 1918 un altro fratello di Ludwig, Kurt si suicidò.

Istruzione
La morte dei due figli fece si che Karl divenne meno rigido e severo e  permise a Paul e Ludwig Wittgenstein di frequentare la scuola. Tuttavia Ludwig non passò l'esame di ammissione condotta dal ginnasio accademico a Wiener Neustadt. In seguito Wittgenstein riuscì a qualificarsi per la prova di ammissione per Realschule (scuola reale) di Linz, nel 1903, a indirizzo tecnico. Trascorse tre anni e rimase con il Dr. Srigl, un isegnante del locale liceo e la sua famiglia, che gli diede il soprannome di, Luki. Anche se ebbero permesso di frequentare la scuola, sia Wittgenstein che suo fratello erano assenti molto spesso. Wittgenstein fu vittima di bullismo da parte di altri ragazzi della scuola, era preso di mira per il suo modo di verstirsi elegantemente, per il suo essere asociale, per il suo modo insolito per il posto di parlare un purissimo alto tedesco. Wittgenstein insisteva sul fatto che gli altri ragazzi dovevano dargli del lei. Tutti ormai sanno che Wittgenstein e Adolf Hitler erano coetanei a scuola. Anni fa uscì una teoria, un po' suggestiva secondo la quale Ludwig fosse stato l'elemento scatenante dell'antisemitismo di Hitler. Una tesi che fece discutere molto in un libro di Kimberley Cornish, dal titolo The Jew of Linz (L'ebreo di Linz). Vedere l'articolo dedicato, Hitler a Wittgenstein a Linz

Fu durante i suoi giorni alla Realschule, che Wittgenstein ammise di aver perso la fede in dio. Tuttavia,condivideva l'idea della confessione che praticò quasi come rimedio spirituale per tutta la vita. Si era confessato molte volte con i suoi amici e la famiglia, soprattutto con la sua sorella maggiore Hermine. Discusse circa la perdita della fede con un'altra sorella Gretl e lei gli consigliò di leggere di "Il mondo come volontà e rappresentazione" di Arthur Schopenhauer, che è un'altra versione della filosofia di Immanuel Kant. Wittgenstein fu colpito con questo punto di vista e lo seguì fino a quando cominciò a studiare il filosofo Gottlob Frege, padre della logica matematica e la logica stessa. Fu durante queste periodo che il filosofo viennese Otto Weininger pubblicò il suo libro "Geschlecht und Charakter" (Sesso e carattere), che divenne un grande successo. Questo, combinato con il suo suicidio, fece di Otto Weininger un eroe culturale che Wittgenstein cominciò a ammirare.

Ulteriori studi
Wittgenstein si trasferì alla Technische Hochschule (Scuola di Alta Tecnologia), di Berlino per seguire il corso di ingegneria meccanica nel 1906 che completò in tre semestri ottenendo un diploma. Rimase con la famiglia di un professerore dell'istituto Jolles. Influenzato dall'interesse aeronautico, Wittgenstein proseguì alla Victoria University di Manchester nel 1908 per per seguire un dottorato. Era appassionato di aeronautica e voleva imparare pilotare e progettare e  aerei. Studiò il comportamento degli aquiloni nell'alta atmosfera. Condusse esperimenti in un sito di osservazione meteorologica vicino a Glossop una cittadine del Derbyshire, in Inghilterra, dove visse insieme a un certo Rimmer. Ottenne una borsa di studio di ricerca della Victoria University di Manchester nel 1908 Con l'aiuto della sua ricerca, sviluppato con successo un progetto di un'elica con piccoli motori a reazione e brevettò la stessa nel 1911.

Sviluppò un interesse verso la matematica dopo aver letto Bertrand Russell "I Principi della Matematica". Un altro libro, "Grundgesetze der Arithmetik", vol. 1 (1893) e vol. 2 (1903), scritto da Gottlob Frege sviluppò ulteriormente il suo interesse per la materia che gli fece gradualmente perdere interesse per l'aeronautica. Andò quini all'Università di Jena per incontrare il Frege, prendendo pezzi di filosofie scritti da lui. Visitò Frege diverse volte e discusse con lui circa la logica e la matematica.

Anche se Wittgenstein voleva andare a Jena, entrò all'Università di Cambridge, seguendo il consiglio dello stesso Frege. Qui frequento le lezioni di le lezioni Bertrand Russell che venne impressionato favorevolmente da  Wittgenstein, che entrò nel Cambridge Moral Sciences Club, un forum di discussione formato da una confraternità di studenti di filosofia. Consegnò il suo primo articolo, il 29 novembre dello stesso anno, presentando la filosofia come "tutte quelle proposizioni primitive che sono assunte come vere senza prova dalle varie scienze." Questa presentazione impressionante lo ha aiutò a dominare il club di filosofia e da lì andò avanti fino al 1930. Da quell'anno dovette smettere di frequentare le discussioni, in quanto vi era un ampio disaccordo conil suo ruolo dominante, che non dava ad altri la possibilità di esprimersi.

Durante le due guerre mondiali
 

Allo scoppio della prima guerra mondiale, Wittgenstein partì immediatamente volontario per l'esercito austro-ungarico , pur potendo beneficiare di un'esenzione medica. Servì prima su una nave e poi in un laboratorio di artiglieria 'a diverse miglia dall'azione'. Fu ferito in un'esplosione accidentale, e ricoverato in ospedale a Cracovia. Nel marzo 1916, fu assegnato ad una unità di combattimento in prima linea sul fronte russo, nell'ambito del 7° Armata austriaca, dove la sua unità fu coinvolta in alcuni dei combattimenti più pesanti, la difesa contro l'offensiva di Brusilov . Wittgenstein diresse il fuoco della propria artiglieria da un posto di osservazione nella terra di nessuno, uno degli incarichi più pericolosi in assoluto, perché preso di mira dai cecchini nemici. In azione contro le truppe britanniche, fu decorato con il Merito Militare, e fu elogiato dall'esercito per "Il suo comportamento eccezionalmente coraggioso, la calma, il sangue freddo, e l'eroismo", che" ha vinto l'ammirazione totale delle truppe ". Nel gennaio 1917, fu inviato come membro di un reggimento di artiglieria sul fronte russo, dove vinse numerose medaglie al valore. Nel 1918, fu promosso a tenente e inviato sl fronte italiano. Per la sua parte l'offensiva austriaca finale del giugno 1918, fu raccomandato per la Medaglia d'Oro al Valore, una delle più alte onorificenze nell'esercito austriaco.

Durante la guerra, teneva quaderni in cui spesso scrisse riflessioni filosofiche accanto a osservazioni personali, tra cui il suo disprezzo per il carattere degli altri soldati. Scoprì il libro di Lev Tolstoj del 1896 Il Vangelo in breve in una libreria di Tarnów, e da quel momento lo porto sempre con se, arrivando a consigliarlo a chiunque fosse in difficoltà, al punto diventò noto ai suoi commilitoni come "l'uomo con i vangeli". Nel 1916 Wittgenstein lesse I fratelli Karamazov di Dostoevskij scosì spesso che sapeva tutti i passaggi a memoria. Russell disse che tornato dalla guerra un uomo cambiato, uno con un atteggiamento profondamente mistico e ascetico.


Durante il 1918, Wittgenstein pres una pausa dalle attività militari e andò nella sua casa estiva a Vienna, e si impegnò nella realizzazione del 'Tractatus'. Purtroppo, affrontò i peggiori giorni della sua vita durante questa vacanza. Le disavventure iniziarono con la morte di suo zio Paul, seguito dalle informazioni che gli editori avevano deciso di non pubblicare il suo lavoro. A questo si aggiunse la sua profonda disperazione, per il suicidio del suo terzo fratello Kurt. Infine seppe della morte del suo amico Pinsent in un incidente aereo. In questo periodo pensò lui stesso di togliersi la vita, era in procinto di commettere suicidio. Tuttavia, entrato a far dei servizi militari fu catturato e mandato in prigione vicino a Trento. Dopo il suo rilascio nel 1919, fisicamente e mentalmente esausto Ludwig tornò a Vienna. Decise di diventare un insegnante di scuola elementare. Fu durante questo periodo che diviso la sua ricchezza tra i suoi fratelli.

Carriera di insegnamento
Wittgenstein cominciò a insegnare nel 1920 in una scuola a Trattenbach come insegnante di scuola elementare. Risultava tuttavia difficile per lui andare d'accordo con gli altri membri dello staff della scuola. Il suo comportamento era troppo in quel piccolo villaggio fatto. Insegnava con grande entusiasmo e offriva aiuto fino a tarda notte agli studenti. Ma il suo carattero e i suoi modi di fare lo resero molto impopolare tra gli abitanti del villaggio.

Nel 1922, Wittgenstein e Paul Kegan furono d'accordo nel pubblicare un'edizione bilingue del 'Tractatus', con l'introduzione di Bertrand Russell che ne spiegava l'importanza. Frank Ramsay fece la traduzione in inglese. Il 'Tractatus', spiegava il rapporto tra il linguaggio e il mondo. Wittgenstein si trasferì in una scuola secondaria a Hassbach nel 1922. Viveva in una piccola stanza con mobili di base e rifiutò di accettare qualsiasi aiuto dalla famiglia.

L'Incidente Haidbauer
L'incidente nella scuola di Otterthal nel 1924 mise fine alla carriera di insegnante di Wittgenstein. Avendo l'abitudine di punire gli studenti, Wittgenstein diede una punizione a Josef Haidbauer, un bambino con un solo genitore allevato da sua madre. Wittgenstein lo colpì 2-3 volte sulla testa, cosa che causò un collasso al ragazzo. Wittgenstein lasciò la scuola dopo questo incidente e decise di porre fine alla sua carriera di insegnante. L'incidente fu riferito alla polizia, e Wittgenstein fu chiamato a comparire in tribunale a Gloggnitz il 17 maggio 1926. Il giudice ordinò una perizia psichiatrica su Wittgenstein. L'esito del caso non fu mai pubblicato e qualcuno sostiene che la famiglia di Wittgenstein potrebbe avere avuto un ruole in questo. Haidbauer non fu l'unico allievo di Wittgenstein fu accusato di aver colpito. Dieci anni dopo, mentre lavorava a Cambridge, tornò in quei villaggi dove aveva insegnato a chiedere perdono ai ragazzi.


Per farlo distrare dall'incidente Haidbauer, Wittgenstein venne chiamato dalla sorella per aiutarla con la progettazione della nuova casa di città a Vienna, la Haus Wittgenstein. Ludwig conosceva l'architetto Paul Engelmann dai suoi giorni nell'esercito.

Ritorno a Cambridge
Wittgenstein tornò a Cambridge nel 1929. Offrì il 'Tractatus' come sua tesi per il dottorato e il suo lavoro colpì molto Bertrand Russell. Ciò contribuì  a far nominare Wittgenstein docente e ricercatore presso il Trinity College.

Wittgenstein andò ancora una volta in Norvegia, tra il 1936 e il 1937 per lavorare su ricerche filosofiche. Fu subito dopo questo periodo, nel marzo del 1938 che la Germania annesse l'Austria nel cosiddetto Anschluss (che letteralmente significa annessione) con Wittgenstein che a quel punto divenne cittadino tedesco ed era soggetto alle leggi razziali di Noriberga del 1935 secondo le quali era da considerarsi ebreo, poichè tre dei suoi nonni erano nati come ebrei. Le leggi di Norimberga classificavano le persone come ebree (Volljuden) se avevano tre o quattro nonni ebrei, e come il sangue misto (Mischling/meticcio) se ne avevano uno o due. Significava tra l'altro, che i Wittgenstein avrebbero subito una drastica diminuzione della loro libertà, non avrebbero potuto sposarsi, avere rapporti sessuali, intatterenere rapporti di lavoro con non ebrei. Ludwig trovava intollerabile ritrovarsi a essere un cittadino tedesco e cominciò a interessarsi sulla possibilità di ottenere la cittadinanza britannica o irlandese, con l'aiuto di Milton Keynes. Ma la sitazione lo preoccupò molto visto il pericolo a cui i suoi fratelli, Hermine, Helene e Paul,  che ancora risiedevano in Austria, correvano. Wittgenstein pensè di partire per l'Austria, ma fu dissuaso dai suoi amici. Se la sua famiglia fosse stata dichiarata ebrea, il loro destino sarebbe stato segnato (di 600 ebrei di Linz solo 26 sopravvissero). La loro unica speranza fu quella di essere classificati come Mischling, il cui trattamento era meno severo rispetto a quello degli ebrei. Questa riclassificazione era conosciuta come "Befreiung" ed era molto difficile da ottenere, richiedendo l'approvazione finale di Hitler in persona. Per dare un'idea di questa diffivolta nel 1939 ci furono 2100 richieste per ottnere la Befreiung, e solo 12 furono concesse da Hitler.

 

Margarethe "Gretl" Stonborough-Wittgenstein (la sorella di Ludwig diventata cittadina america per matrimonio) famosa per essere stata ritratta in un celebre quadro di Gustav Klimt cominciò a negoziare con le autorità naziste circa lo status raziale della sua famiglia con l'appiglio legale che suo bisnonne Hermann, sarebbe stato il figlio illegittimo di un "ariano".  Dato che la Banca Centrale Tedesca era interessata a mettere le mani sulla grande quantita di valuta straniera e di oro in mano ai Wittgenstein, la cosa fu usata come merce di scambio. Paul, che intanto si era rifugiato in Svizzera e da lì negli Stati Uniti nel luglio nel 1938  non era d'accordo con questi negoziati. Nel 1939, Ludwig Wittgenstein, che era ormai considerato un genio della filosofia fu scelto per la cattedra di quella materia a Cambridge. Anche grazie a questo riuscì ad ottenere la cittadinanza brittanica di lì a poco e nel luglio del 1939 si recò a Vienna per aiutare Gretl e il resto della sua famiglia, visitò Berlino per un giorno per incontrare un dirigente della Banca Centrale Tedesca. Dopo questo incontro si recò a New York per convincere Paul (la cui accettazione era fondamentale) ad accettare i negoziati. Il Befreiung fu concesso nell'agosto del 1939. Una settimana prima dello scoppio della guerra, la Germania nazista si impossessò di 1.7 tonnellate di oro appertanute ai Wittgenstein.

Fu Hitler, pochi giorni prima dell'invasione della Polonia, a concedere il Befreiung per i fratelli Wittgenstein. Dopo la guerra, Paul che era un famoso pianista famosissimo per il fatto che suonava con il solo braccio sinistro, che commissionò diversi lavori a importanti compositori (come il  Concerto per pianoforte per la mano sinistra di Maurice Ravel) si esibì più volte a Vienna, ma non ebbe più contatti con le i suoi fratelli Ludwig o Gretl, e nemmeno con Hermine che vi stava morendo.


Ultimo periodo

Durante la seconda guerra mondiale lasciò Cambridge e si offrì come portiere e ome facchino al Guy's Hospital di Londra e come assistente di laboratorio a di un'altro ospedale, il Royal Victoria Infirmary Newcastle upon Tyne. Questo lavoro gli fu organizzato dal suo amico John Ryle,  fratello del filosofo Gilbert Ryle , che all'epoca lavorava presso l'ospedale. Dopo la guerra, Wittgenstein tornò a insegnare a Cambridge, ma trovò l'insegnamento un peso crescente: non gli era mai piaciuta l'atmosfera intellettuale a Cambridge, e di fatto incoraggiò molti dei suoi allievi (tra cui Skinner) a trovare lavoro al di fuori della filosofia accademica.

 

Nel 1947, si dimise dalla carica di professore a Cambridge, al fine di concentrarsi maggiormente sulle sue opere di filosofia.

 

Trascorse gli ultimi due anni della sua vita lavorativa tra Vienna, gli Stati Uniti, Oxford e Cambridge. Lavorò continuamente sul nuovo materiale, ispirato dalle conversazioni che aveva avuto con il suo amico ed ex allievo Norman Malcolm durante una lunga vacanza a casa dei Malcolm negli Stati Uniti. Wittgenstein iniziò a lavorare su un'altra serie di osservazioni ispirate alle sue conversazioni e continuò a lavorare fino a due giorni prima della sua morte. Wittgenstein morì di cancro alla prostata che si era diffuso al midollo osseo, a casa del suo medico a Cambridge il 27 Aprile 1951. Le sue ultime parole furono: "Dite loro che ho avuto una vita meravigliosa"


Opere
"Una collezione di manoscritti di Ludwig Wittgenstein è detenuto da Trinity College" di Cambridge.
"Logisch-Philosophische Abhandlung, Annalen der Naturphilosophie", 14 (1921)
"Tractatus logico-philosophicus", (1922)
"Philosophische Untersuchungen", (1953)
"Ricerche filosofiche", (1953)
"Bemerkungen über die Grundlagen der Mathematik", (1956)


Una raccolta di opere di Wittgenstein sulla filosofia della logica e della matematica tra il 1937 -1944.
"Osservazioni sui fondamenti della matematica", (1978)
"Bemerkungen über die Philosophie der Psychologie", (1980)
"Osservazioni sulla filosofia della psicologia", voll. 1 e 2, (1980)
"Il blu e marrone Books", (1958)
Note di Wittgenstein a studenti Cambridge in 1933-1935.
"Philosophische Bemerkungen", (1964)
"Osservazioni filosofiche", (1975)
"Grammatica filosofica", (1978)
"Bemerkungen über die Farben", (1977)

 

Leggi anche:


Vuoi essere migliore? Pensa

Migliorare se stessi significa aumentare/raggiungere la felicità? Come imparare ad essere migliore?  Felicità e conoscenza sono intimamente legate?

 

I Libri Che Salvano La Vita...

Rubrica sul mondo del libro, della scrittura, della favola rivolta ai giovani di ogni età!


 

 

 

 

 

Torna su