Congresso di Vienna

Congresso di Vienna

 

Il Congresso di Vienna fu convocato nel 1815 dalle quattro potenze europee che avevano sconfitto Napoleone. Il suo primo obiettivo fu quello di stabilire un nuovo equilibrio di potere in Europa, che avrebbe dovuto impedire un altro tipo di imperialismo di tipo napoleonico (di qualsiasi tipo) in Europa, e mantenere la pace tra le grandi potenze. Il secondo obiettivo del congresso era quello di evitare rivoluzioni politiche, come la Rivoluzione Francese, e mantenere lo status quo.

Mappa Europa uscita dal Congresso di ViennaNon c'era tuttavia accordo tra le potenze, tra la Russia e la Prussia, da un lato, e la Gran Bretagna e l'Austria dall'altro, sulle disposizioni dei confini nazionali in Europa orientale, e le tensioni portarono subito ad una minaccia di rinnovate ostilità. Il nuovo governo francese, sotto la dinastia borbonica restaurata nella persona del re Luigi XVIII, fu arruolato come un alleato dagli inglesi. La Francia fu invitata a inviare un rappresentante al Congresso di Vienna e fu, successivamente, coinvolta come la quinta grande potenza della Grande Alleanza. Un accordo infine fu raggiunto per evitare la guerra.

I confini prussiani furono ampliati verso ovest per affrontare un'altra possibile minaccia francese. Il Regno dei Paesi Bassi, che comprendeva sia l'Olanda che il Belgio, fu creato per la stessa ragione. Quando questo accordo crollò e il Belgio dichiarò la sua indipendenza, che venne poi riconosciuta, le grandi potenze avevano raggiunto i loro obiettivi con la firma di un trattato nel 1837, che garantiva la neutralità del Belgio e dell'Olanda. Questo trattato è lo stesso (disatteso più volte) che restò in vigore fino al 1914.

Congresso di ViennaIl primo degli obiettivi raggiunti grazie al Congresso è che non ci fu  un'altra guerra su scala europea per ben un secolo. Quando la Germania marciò sul Belgio nel 1914, violando così la neutralità dei Paesi Bassi, ebbe inizio la prima guerra mondiale. Ci furono però altri conflitti nel XIX secolo, come la Guerra di Crimea, le Guerre di Indipendenza Italiane, la Guerra Franco-Austriaca, la Guerra Austro-Prussiana, e la Guerra Franco-Prussiana. Ma queste furono limitate nel tempo e nella geografia, e non coinvolsero mai tutte le grandi potenze insieme. Il secondo obiettivo del Congresso, ripristinare i governi "legittimi" o tradizionali al potere ed evitare rivoluzioni politiche, o mantenere lo status quo, ebbe un successo parziale nel breve termine, ma era destinato a fallire nel lungo termine, perché si opponeva alle forze irresistibili del cambiamento storico risultanti dalla modernizzazione. Quelle forze irresistibili assunsero la forma delle doppie rivoluzioni del liberalismo e del nazionalismo.

Le due Rivoluzioni
Lo storico Eric Hobsbawm, scrive di due rivoluzioni che stavano accadendo contemporaneamente in tutto il XIX secolo. Queste erano:
1. La Rivoluzione Industriale, un mutamento fondamentale delle circostanze economiche che determinarono un profondo cambiamento politico e sociale;
2.  Le Rivoluzioni Politiche che coinvolsero uno o una combinazione di entrambi i seguenti aspetti:

  • (1) il liberalismo, cioè la spinta a raggiungere la parità di opportunità per il maggior numero di persone, che ha motivato la direzione rivoluzionaria negli inglesi, negli americani e nei francesi rivoluzionari.
     

  • (2) il nazionalismo, cioè la spinta a raggiungere l'unità nazionale nei vari stati (come l'Italia), spazzando via o tentando di farlo,  i sistemi del vecchio regime (l'Ancien Regime), basati esclusivamente sull'aristocrazia e sostituendoli con sistemi di governo basati sul sostegno di massa da parte di persone provenienti da tutte le classi della società. Il rapporto governante/ soggetto doveva essere sostituito dal rapporto governante/cittadino.

Nel 1821, le rivoluzioni nel Regno delle Due Sicilie e in Spagna furono represse con l'intervento degli eserciti eserciti austriaco e francese. Tuttavia, la rivoluzione in Grecia contro il dominio ottomano era, dopo una difficile lotta durata otto anni, riuscita a raggiungere l'indipendenza greca. Gli europei non sostennero i turchi perché erano di una diversa civiltà, non cristiana, mentre i greci furono identificati con l'eredità classica dell'Europa. A seguito di un massacro turco di 100.000 greci, le grandi potenze intervennero contro la Turchia.

La rivoluzione in Sud e Centro America contro il dominio spagnolo ebbe anch'essa successo, a causa sopratutto della letterale distanza "oceanica" e il rifiuto degli inglesi di sostenere l'intervento europeo. Senza la marina britannica, sarebbe stato azzardato tentare un intervento. Gli inglesi misero i loro interessi nazionali davanti (commercio con le nazioni di recente indipendenza) alla loro adesione al principio internazionale di intervento.

L'autonomia politica in aree polacche dell'Impero russo fu inizialmente incoraggiata dallo zar Alessandro I. Quando, nel 1830, i polacchi tentarono un esercizio della autonomia un po' più spinto, il loro movimento di indipendenza venne schiacciato dall'esercito russo.

I belgi nel Regno dei Paesi Bassi vittime della discriminazione olandese, si alzarono in una lotta per l'indipendenza nel 1829. I francesi si rifiutarono di intervenire. Nel 1837, le grandi potenze riconobbero l'indipendenza del Belgio e compirono continui tentativi d moderare l'espansione francese accettando il trattato che garantiva la neutralità dei Paesi Bassi e del Belgio.

La rivoluzione del 1830
Al rovesciamento del re Carlo X in Francia nel 1830, non si opposero le grandi potenze. Il re aveva adottato una politica reazionaria cercarono di minare cambiamenti fondamentali introdotti dalla Rivoluzione francese, vale a dire: il ripristino del dominio esclusivo dell'aristocrazia. Questo era irrealistico, e provocò l'opposizione unitaria della classe media e della classe lavoratrice.  Il re fuggì in esilio e l'Assemblea mise sul trono un nuovo monarca: re Luigi Filippo della famiglia Orleans. I lavoratori che si erano uniti alla ribellione non guadagnarono nulla da essa. L'Assemblea fu infatti dominata da elementi della classe media. La rivoluzione del 1830 non fu veramente una rivoluzione. Fu solo un colpo di Stato, che conservò il potere politico della borghesia conquistato e raggiunto a seguito della Rivoluzione francese.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su

 

Ostelli Vienna   Ostelli Austria

Carte de la Autriche    Karte von Österreich   Mapa Austria  Map of Austria

Carte de Vienne      Karte von Wien   Mapa Viena   Map of Vienna