PLOVDIV

VISITARE PLOVDIV : INFORMAZIONI PICCOLA GUIDA

 

Plovdiv è considerata la capitale culturale della Bulgaria. Città universitaria, antica e moderna, piena di storia e di cose da vedere e da raccontare. Sarà per questo e per molto altro che è definita la Firenze Bulgara. Con le sue gallerie d'arte, le strade lastricate e i caffè frequentati da artisti, si potrebbe anche definire la Parigi del Balcani. Un luogo in costante ristrutturazione dopo la fine dell'era sovietica, che ha dato i natali, tra gli altri, allo scrittore, musicista, cantante, attore e regista di spettacoli teatrali e lirici Moni Ovadia.

 

Plovdiv è città dall'architettura ricca e varia, dall'alta qualità della vita, dagli eventi culturali di grande valore, circondata da bellezze  naturali. Tutto questo ne fa non solo una delle maggiori attrazioni turistiche della Bulgaria, ma un'idea di viaggio diversa, meno battuti dai soliti giri turistici, ma di sicuro e certo interesse.  La città è situata nella vallata della fiume Maritsa, a circa 130 km sud-est dalla capitale della Bulgaria Sofia. Dopo quest'ultima è la seconda città in ordine di grandezza della Bulgaria con una popolazione di circa 350.000 abitanti. La sua posizione geografica si situa nella parte meridionale del paese, lungo la strada che mette in comunicazione l'Europa occidentale con Istanbul. Le prime notizie su Plovdiv riguardano la fondazione nel 340 a.C. ad opera di Filippo II di Macedonia, da cui chiamata il nome di Philippopolis. In età romana fu il capoluogo della provincia di Tracia col nome Trimontium.

Plovdiv, avrete capito da quello che si è detto, è un incrocio variopinto di stili, epoche e tradizioni diverse. Salendo la scalinata dell'anfiteatro romano marmoreo (in cui in estate si può assistere a spettacoli teatrali e concerti) si arriva nel cuore della città, la parte vecchia, una sorta di emblema del Rinascimento bulgaro. Le alte mura nascondono i cortili interni, le magnifiche case hanno delle facciate dipinte e i balconi con colonne di legno vanno a formare una volta sulle stradine tortuose. La Plovdiv antica si sviluppa su tre alture, il Džambaz tepe (colle dell'acrobata), il Taksim tepe (colle della cisterna) e il Nebet tepe (colle della vedetta), mentre su altri tre colli a est della ulica Aleksandrovska, tra i quali il Sahat tepe (colle dell'orologio), grande area verde cittadina, sorgono i quartieri moderni. La ulica Aleksandrovska è la strada dei cinema e dei teatri, su di essa affacciano l'Opera, il Dramatičen Teatăr e la Dăržavna Hudožestvena Galerija, che espone opere di artisti bulgari dal XIX secolo ai nostri giorni.

 

Nella piazza, la principale della città vecchia, termina la ulica Aleksandrovska. Da essa sono visibili i resti della arena romano (II-III secolo), riportato solo parzialmente alla luce poiché la parte meridionale si trova sotto la ulica. Di fianco allo stadio, sulla ploštad 19-ti Noemvri, sorge l'imponente Džumaija džamija, la moschea del mercato edificata nei secoli XV-XVI. Sulla facciata si trova una meridiana, mentre il minareto, con motivi geometrici formati da mattoni sporgenti, si eleva all'angolo nordorientale, opposto rispetto al fronte. All'interno, dove al centro zampilla una fontana, prevalgono decorazioni floreali in giallo e blu; il mihrab presenta un affresco trompe-l'oeil.
ULICA MAKSIM GORKI Parte da ploštad 19-ti Noemvri e sale tra il Džambaz tepe e il Taksim tepe fino a raggiungere il Museo Etnografico. Percorrendola s'incontrano la cattedrale di Sveta Bogorodica (Cattedrale della Vergine), del 1844 tranne il neoclassico campanile (XX secolo), che contiene icone della scuola di Samokov, l'Apteka Hippokrat, una farmacia edificata in legno nel XIX secolo, la Postojanna Ekspozicija e la Naroden Hudožnik Zlatju Bojadžiev, dove in una casa del 1879 sono ospitate le opere donate alla sua città natale da Bojadžiev, e l'Ikonna Galerija, che espone icone dei secoli XV-XIX, in particolare di artisti della Rinascimento bulgaro (Rinanscenza). La galleria, che all'epoca della Rinascenza era adibita a scuola, fa parte del complesso religioso di Sveti Konstantin i Elena (1832), a sua volta ricco di icone, tra le quali una, rarissima, ricoperta in argento che raffigura i santi cui la chiesa è dedicata (XIV secolo).
Museo etnografico PlovdivETNOGRAFSKI MUZEJ Dal 1950 ha sede nella casa di Argir Kojumdžoglu (1847), ex abitazione di un mercante turco che ben rappresenta l'architettura tipica di Plovdiv. La facciata tripartita ha la parte centrale convessa e un fregio dipinto sul frontone; la divisione in tre parti della facciata è sottolineata da motivi floreali. All'interno ci sono splendidi soffitti in legno intagliato, come quello del salone centrale al primo piano. Le raccolte del museo documentano le attività tradizionali della vecchia Plovdiv, ad esempio la distillazione dell'olio di rosa e la preparazione dello yogurt, o sono state impiegate per ricostruire ambienti tipici, popolari e borghesi, delle abitazioni cittadine. Sono esposti anche costumi popolari, prodotti artigianali, come tappeti e coperte in stile Čiprovci, koziak e koza (particolari tessuti). Infine una sezione è dedicata alle feste popolari ed espone costumi, maschere e strumenti musicali. Oltre il museo si trova il Nebet tepe con resti di mura della Trimontium romana, dal quale si gode di uno splendido panorama sulla città.

PlovdivULICA CANKO LAVRENOV La Hisar Kapija, una porta merlata del V-VI secolo, da' accesso alla via, lungo la quale sorgono interessanti edifici tipici. La Kăšta Georgiadi (1848), costruita da mastro Georgi, architetto della sede del Museo Etnografico della quale riprende la struttura, ospita il Muzej na Văzraždaneto i Nacionalno-osvoboditelnite Borbi, che documenta il Risorgimento bulgaro in tutti i suoi aspetti (ad esempio anche letterario). Seguono la Kăšta Nedkovič (1863), nota per gli sfarzosi interni, alcuni dei quali conservano gli arredi originali, e la graziosa Kăšta Černozemski. Al termine della via sorge la chiesa lignea di Sveta Nedelja (1832), il cui campanile è inglobato nelle mura romane. All'interno, in cattivo stato di conservazione, si trova una pregevole iconostasi in legno intagliato, opera di artisti della scuola di Debăr. Dalla ulica Canko Lavrenov si stacca una delle vie più caratteristiche di Plovdiv, la ulica Kiril Nektariev, dove è la Kăšta Georgi Dančov (dal nome del pittore della Rinascenza), che prosegue nella ulica Knjaz Ceretelev con la casa (Kăšta na Georgi Mavridi) abitata dallo scrittore A. de Lamartine nel 1833. Sul Taksim tepe si trovano resti romani e il teke Mevlihane, eremitaggio di monaci dervisci.

Minareto a PlovdivTEATRO E FORO ROMANO Il teatro romano è stato rinvenuto casualmente durante lavori di consolidamento sul Džambaz tepe (1978) e in pochi anni reso in grado di ospitare i primi spettacoli che ormai si tengono regolarmente. Si tratta di una struttura marmorea, costruita sotto l'imperatore Traiano tra il 114 e il 117, con cavea formata da 14 gradinate. I resti della scena e del proscenio testimoniano la presenza di una ricca decorazione. Dietro il teatro si trova la basilica si Sveta Marina (1854) con campanile isolato in legno del 1870. All'interno sono da ammirare l'iconostasi e il trono episcopale lignei della scuola di Debăr e le icone di Stanislav Dospevski. Proseguendo sulla boulevard Georgi Dimitrov s'incontra l'edificio Barocco di San Luigi dei Francesi, chiesa cattolica di Plovdiv, e quindi il foro romano (III secolo). Di forma quadrata, era il centro economico e politico di Trimontium. Era delimitato da un portico a colonne e sul lato settentrionale sorgevano gli edifici più importanti; a est, sud e ovest era occupato da magazzini. Di fianco al foro si stende il Park Svobodata (parco Libertà), dal quale si stacca la Ulica Aleksandrovska.

A Plovdiv si tiene ogni anno nel mese di febbraio una Fiera Pubblica edicata alla viticoltura e all'enologia (VINARIA) (International Fair Plovdiv 37, Tzar Boris III Obedinitel Blvd 4003, Plovdiv Tel.  +359 (0)32 902 000 Fax. +359 (0)32 902 432). Secondo ricerche storiche e archeologiche il territorio che attualmente è occupato dalla Bulgaria può essere la prima regione geografica dove la vite è stata piantata e dove per la prima volta è stato prodotto il vino. Questa stessa area può vantare la paternità del primo decreto di protezione della vite nel 2 secolo a.C come della prime leggi proibizioniste implementate nella storia dal bulgaro Chan Krum durante il suo regni dall'802 all' 814 a.C. Le cantine di vini possono essere state un'invenzione dei monaci bulgari i quali hanno tramandato la cultura di conservare vino in sotterranei freschi situati nel sottosuolo a profondità piuttosto elevate. La tradizione nel fare il vino è durata fino al Medioevo fino a che non arrivarono gli Ottomani a regnare in Bulgari. Dalla liberazione del giogo degli Ottomani la produzione di vino cominciò a diffondersi nuovamente. I progressi economici dopo la Liberazione prepararono le fondamenta alla viticultura bulgara. Durante il periodo della Cortina di Ferro la produzione di vino si consolidò,venne monopolizzata e si trasformò in industria di stato. L'obiettivo di mercato, comunque, era limitato al blocco orientale nell'ambito della UEP (Unione Economica di Associazioni) dei paesi comunisti e lo standard rimase basso. Col Vinprom negli anni 80 lo stato possedeva le aziende vinicole che s'aprivano pian pano al Panorama di Plovdivmercato occidentale. Sino ad allora e specialmente dopo la caduta del governo bulgaro comunista il vino incrementò la sua popolarità e si face la propria nicchia nei mercati occidentale e mondiale. Anche in Bulgaria è scoppiata la moda dell'enogastronomia. Tra le varie proposte turistiche vi è quella della visita alle cantine della costa del Mar Nero, tra queste la Chernomorsko Zlato, a Pomorie, e la Dimiat, a Varna. Per poco più di 10 euro si può partecipare ad una visita guidata nelle cantine, con assaggio delle migliori produzioni ed incontro con un sommelier ed un enologo. A luglio la città di Potorie diventa capitale del vino con stand dove è possibile assaggiare gratuitamente le produzioni locali.

Potete soggiornare al seguente Hotel a Plovdiv  Minotel Rodopi 12 Kouklensko shousse blvd. 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Plovdiv  Ostelli Bulgaria   Hotel Plovdiv    Hotel Bulgaria

  Carte de Plovdiv   Karte von Plovdiv Mapa Plovdiv   Map of Plovdiv

Carte de la Bulgarie    Karte von Bulgarien    Mapa Bulgaria     Map of Bulgaria