Arena di Verona

Advertisement

Sei qui: Verona: cosa vedere >

Arena di Verona

 

L'Arena di Verona è la terza più grande arena romana d'Italia (dopo il Colosseo e l'Arena di Capua). Costruita nel I secolo, può contenere fino a 25.000 spettatori. Dal 1913 è stata la sede di un prestigioso festival lirico e si è trasformata in un ambiente ideale per altri spettacoli teatrali. Nel pomeriggio, il sole splende sul palco, quindi è un buon momento per dare uno sguardo all'interno del teatro. Anche se parte delle sedute è formato da file di sedie arancioni e rosse, è facile immaginare come doveva essere l'aspetto originario dell'anfiteatro.

Advertisement

Arena di VeronaSul lato orientale di Piazza Bra, circondata da un vallo di quasi quasi due metri sotto l'attuale livello della strada e della piazza, si alza l’anfiteatro romano detto comunemente Arena. E' il più celebre monumento della città, ancora vivo per la decisa volontà dei veronesi di renderlo, nel volgere dei secoli, sede di spettacoli che vanno dai giochi gladiatori, ai tornei, all’opera lirica. L'anfiteatro venne costruito nel I secolo, sopra un rialzò di terreno al di fuori della cinta delle mura, ma inserito nella rete viaria della città romana.
 

All’epoca dell’imperatore Gallieno l'Arena fu compresa nel nuovo cerchio di mura. Il paramento esterno era tutto in pietra rosa, bianca e gialla, tratta dai monti della Valpolicella e portata ai piedi del rialzo per la facile via fluviale dell'Adige.

 

L'anello esterno, formato da settantadue arcate, è andato quasi completamente distrutto: rimane solo l'Ala, suggestivo e imponente frammento alto trenta metri, che sovrasta le case vicine. Ad ordini architettonici sovrapposti, esso si coronava di una loggia chiusa all'esterno e divisa da colonnine all’interno; costituiva un grande belvedere sulla città, protetta dal velario sostenuto da altissime antenne piantate su mensole esterne.

 

La parte esterna (altezza m 17) — oggi visibile — è la seconda cinta dell'Arena a doppia fila di arcate sovrapposte. Pur destinata a rimanere nascosta dietro il monumentale paramento della prima cinta, questo evidenzia la perfezione tecnica dell'architettura romana nell'uso della pietra, del conglomerato cementizio e nel laterizio. Era costituita da 72 arcate dette covoli, oggi chiusi da transenne di ferro, ma fino al Settecento usate come botteghe, fucine, abitazioni. La seconda e la terza cinta sono unite da volte a botte, e formano le gallerie interne che attraverso i vomitori sboccano nella cavea. Dopo il terremoto del 1117, crollata la cinta esterna e gran parte delle gradinate, l'Arena divenne cava di pietra per edifici pubblici e privati. Nel primo secolo del dominio veneziano essa era semisepolta sotto strati di materiali d'inondazione e di scarico. I restauri ebbero inizio nel 1580.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Verona   Ostelli  Italia  Hotel a Verona

Carte de Verone     Karte von Verona     Mapa Verona Map of Verona

 Carte de Venetie Karte von Venetien Mapa Veneto     Map of Veneto

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal