Choco Story - Il Museo del Cioccolato di Bruges

Informagiovani Italia

🌎 Viaggiare in Europa

🛵  Viaggiare in Italia

ūüíĀ Visite guidate in Italiano

Articoli  Informagiovani

  Brujas

🏠 Ostelli a Bruges 

🏠 Ostelli in Belgio

Mappa di Bruges

🏠 Hotel a Bruges 

🏠 Hotel in Belgio

Forum Informagiovani

 Informazioni sul Belgio

Mappa del Belgio

 Hostels Bruges

 Jugendherberge Br√ľgge

 Hostales Brujas

 Auberges de Jeunesse Bruges

 Auberges de Jeunesse Belgique

 Hostales en B√©lgica

 Jugendherberge Belgien

 Hostels Belgium

 

Sei qui: Cosa vedere a Bruges >

Il Museo del Cioccolato di Bruges 

Choco-Story il Museo del Cioccolato (Wijnzakstraat 2, Sint-Jansplein): questo museo √® una tappa obbligata per gli appassionati del cioccolato; si descrive la preparazione e la trasformazione del cacao in cioccolato e la sua storia. Questo edificio era originariamente una tarverna del XV secolo. In seguito ospitava una panetteria e, pi√Ļ recentemente, un negozio di produzione di mobili. La a storia del cacao e del cioccolato √® iniziata quasi 4000 anni fa. Le fave di cacao erano addiritura un'importante moneta di scambio presso i Maya e gli Aztechi.

Museo del CioccolatoSono pochi gli alimenti che possono vantare una storia ricca ed affascinante come il cacao e il cioccolato. Come il caff√®, anche la fava di cacao proviene dalle culture precolombiane dell'America Latina. Quando Hern√†n Cort√©s import√≤ per la prima volta il cacao in Europa, e impar√≤ ad utilizzarlo per preparare la bevanda al cioccolato, scaten√≤ reazioni contrastanti: per alcuni era divina, per altri un'eresia. Anche oggi, intorno al cacao e al cioccolato aleggia un'aura di mistero, lussuria e piacere. Un po' di storia ci aiuter√† a capire perch√©.

Choco-Story è stata aperta da Eddie Van Belle e suo figlio, Cedric. I due sono anche i proprietari di Belcolade, una piccola frabbrica di cioccolato a conduzione familiare, che produce prelibatezze che i cuochi e buongustai vengono a visitare da tutto il mondo. I visitatori del museo possono osservare tutta la fase della preparazione del cioccolato stato fatto. Una sezione del museo è dedicata ai benefici per la salute di cioccolato.

Choco-Story racconta la storia della trasformazione del cacao in cioccolato.

All'interno del museo del cioccolato di Bruges:

  • Si osserva la vita mistica dei Maya e gli Aztechi, che vedevano la loro bevanda al cioccolato come bevanda degli dei.

  • Si scopre come gli spagnoli si imbatterono durante la loro conquista dell'america in questa bevanda , che in un primo momento trovarono sgradevole, ma poi dissetante.

  • Si segue il successo che la bevanda al cioccolato dolce trov√≤ nelle corti reali di Spagna, Francia e successivamente in tutta Europa.

Si impara a capire il processo di produzione del cioccolato e i segreti in particolare del belga molto apprezzato in tutto il mondo.

Breve cronologia della storia del cioccolato

600 a.C: secondo le tracce del cacao che si sono trovate in vasi di terracotta, i Maya di Colha (nel nord di quello che oggi è il Belize, America centrale) beveva cioccolato con un sacco di schiuma;

Epoca precolombiana: Maya e Aztechi mescolano il cacao in acqua calda con vari ingredienti (acqua, amido di mais, peperoni, miele ...), in proporzioni diverse a seconda della bevanda desiderata;

1519: Hernan Cortés sbarca sulla costa di quello che oggi è il Messico. I conquistadores scoprono la bevanda di cacao;

1527: Hernan Cortés torna in Spagna e riporta la famosa ricetta della cioccolata calda adattata al gusto dei coloni della Nuova Spagna, nonché gli utensili per prepararla;

1615: Anna d'Austria, Infanta di Spagna, sposa Luigi XIII e rapidamente condivide la sua passione per la cioccolata calda alla corte di Francia del XVII e XVIII secolo. La nobiltà europea e l'aristocrazia adorano cioccolata calda;

1.660: il matrimonio di Luigi XIV a Maria Teresa d'Asburgo (da non confondere con l'imperatrice Maria Teresa), aumenta la passione per il cioccolato dei cortigiani;

1725: Luigi XV sposa Marie Leszcynska. Quest'ultima ama la cioccolata calda, così come i favoriti, che lo utilizzano per le sue qualità afrodisiache;

XVIII secolo: in Inghilterra, il cioccolato è mescolato con il latte e non con l'acqua;

1825: invenzione del sgrassaggio di cacao Van Houten in Olanda;

1828: Van Houten produce un brevetto per il primo cioccolato in polvere;

1904: Poulain lancia il suo famoso colore arancione cioccolato scatola di polvere;

1914: il lancio in Francia di Banania, cioccolato aromatizzato con farina di banana  che scalder√† le truppe francesi in trincea

1961: lancio in Francia, dopo la Stati Uniti, di Nesquick di Nestl√©, aromatizzato con cannella, che oggi √® la bevanda al cioccolato in polvere pi√Ļ venduta al mondo.

fine del XX secolo: la cioccolata calda è di moda di nuovo.

Evoluzione di la barra di cioccolato

La storia della barra di cioccolato inizia molto pi√Ļ tardi che quella della bevanda al cioccolato;

1674: il negozio London Coffee Mill e Tobasco offre per la prima volta "in stile spagnolo con rotoli di cioccolato" che da mangiare;

1830: sviluppo delle tecniche di stampaggio. Viene fondata a Losanna (Svizzera), la Charles-Amédée Kohler che mescola cioccolato con nocciole per la prima volta;

1847: produzione della prima tavoletta di ciococlato in Inghilterra dà vita al cioccolato fondente;

1875: grazie all'invenzione del latte condensato dello svizzero Henri NestléDaniel Peter sviluppa una ricetta per il cioccolato al latte;

1879: lo svizzero Rodolphe Lindt sviluppa cioccolato di copertura e la ricetta per il cioccolato fondente.

Fine del XIX secolo: Menier vende milioni di piccoli bastoncini di cioccolato fondente da inserire in un pezzo di pane.

1984: il produttore di cioccolato francese Raymond Bonnat di Voiron (Isère) crea la prima collezione di cioccolatini noir "Les Grands Crus de Cacao".

Fine del XX secolo: una tendenza ritorno alle origini, ai sapori originali e autentici, anche una preoccupazione con tracciabilità, potrebbe spiegare la comparsa di annate di cacao, come cépages per il vino.
 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti √® piaciuta e ti √® stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caff√® (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), cos√¨ ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

Ostelli Bruges  Ostelli Belgio    Hotel Belgio   Hotel Bruges

Carte de Bruges    Karte von Br√ľgge   Mapa Brujas    Map of Bruges

Carte de Belgique   Karte von Belgien   Mapa B√©lgica   Map of Belgium

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal