Cosa vedere ad Aquisgrana

Advertisement

Cosa vedere ad Aquisgrana

 

Aquisgrana (Aachen in tedesco), una volta conosciuta anche con il nome francese di Aix-la-Chapelle,  è la città più occidentale della Germania e, storicamente, una delle più importanti città tedesche per via della sua posizione in Europa, vicino al confine olandese e belga. In una conca boschiva ai piedi della zona collinare dell'Eifel e delle montagne delle Ardenne, Aquisgrana è stata a lungo famosa per le sue sorgenti termali curative, le più calde in Europa, frequentate, come spesso accadeva in questi casi, dai reali e aristocratici d'Europa.

Advertisement

 

Nel Medioevo, Aquisgrana era una residenza dei re franchi ed una delle roccaforti favorite da Carlo Magno. Dai tempi di Ottone I nel 936 fino a Ferdinando I nel 1531, fu il luogo di incoronazione per 32 re tedeschi. Oltre al suo ricco patrimonio culturale, la città è anche famosa per gli sport equestri. Tra le innumerevoli cose da vedere durante la vostra visita in questa bella città segnaliamo:

Cattedrale di Aquisgrana


Cattedrale di AquisgranaConosciuta anche come la cattedrale imperiale (Kaiserdom), la Cattedrale di Aquisgrana, fu uno dei primi siti che l'UNESCO dichiarò Patrimonio dell'Umanità. Fu costruita nel 796 come chiesa-palazzo di Carlo Magno (il Palatino) e il coro gotico completato nel 1414. La cattedrale situata nella centralissima Munsterplatz è uno scrigno di tesori storici unici, tra cui un candelabro presentato da Federico Barbarossa, il trono di marmo di Carlo Magno, e un reliquiario d'oro contenente le sue spoglie. Degni di nota sono le finestre del chiostro. Particolarmente affascinanti sono la cappella ottagonale, il deambulatorio e la splendida cupola. Nell’altare del coro gotico si trova la celebre Pala d’Oro in stile carolingio che raffigura la Passione. Il duomo di Aquisgrana attrae tutti gli appassionati di storia della cultura. Nel 796 fu proprio Carlo Magno in persona a posare la prima pietra di questo pregevole edificio. Nella camera del tesoro ecclesiastico è conservato il tesoro del duomo, con oggetti di grandissimo pregio come il busto-reliquiario di Carlo Magno...Continua a leggere sulla Cattedrale di Aquisgrana.

Torna su



Il Tesoro della Cattedrale

 

Il Tesoro della CattedraleIl Tesoro della Cattedrale di Aquisgrana è una delle più ricche e più importante collezioni religiose d'Europa, contenendo molte preziose reliquie. Importanti anche numerosi oggetti sacri e tesori religiosi del Medioevo, il più famoso dei quali sono la Croce di Lotario e il Busto di Carlo Magno (che vengono solo una volta ogni sette anni durante i periodi di pellegrinaggio) e il sarcofago di Persefone. Una varietà di opzioni di viaggio in lingua inglese sono disponibili.

Indirizzo: Johannes-Paul-II-Strasse, 52062 Aachen

Torna su



Piazza del Mercato (Marktplatz)


Marktplatz Aquisgrana - Piazza del MercatoLa Piazza del Mercato di Aquisgrana (Marktplatz) contiene una serie di edifici di notevole valore storico-artistico. Uno dei suoi punti forti è lo spettacolare vecchio municipio, costruito nel 1350 sulle fondamenta della ex roccaforte imperiale carolingia che vanta pregevoli affreschi nella Sala delle Incoronazioni raffiguranti la vita di Carlo Magno. Interessante è anche lo Katschhof, che segna il luogo dove si trovava il cortile del palazzo carolingio. La Marktplatz è anche sede del Museo Internazionale del giornale con una collezione di oltre 200.000 i giornali di tutto il mondo, tra cui molte prime edizioni.

Indirizzo: Hühnermarkt 17, 52062 Aachen

Torna su


Forum Internazionale d'Arte Ludwig


Forum Internazionale d'Arte Ludwig Molti magnifici pezzi d'arte moderna da tutto il mondo sono esposti nel Forum Internazionale d'Arte Ludwig (Ludwig Forum für Internationale Kunst). Costruito in stile Bauhaus nel 1928 per assomigliare ad una stazione ferroviaria, questa ex fabbrica di ombrelli ospita un'affascinante collezione di arte pop americana e foto-realismo, insieme con numerose opere delinea l'evoluzione dell'arte europea fin dagli anni sessanta. Sono inclusi anche collezioni di artisti cubani e contemporanei, oltre a molti artisti locali.


Indirizzo: Jülicherstraße 97-109, 52070 Aachen
 

Torna su



Antico Municipio di Aquisgrana (Grashaus)

 

Antico Municipio di Aquisgrana (Grashaus)Il Grashaus è l'edificio dell'antico mercato del pesce, che fu anche il primo municipio della città. Le parti più antiche risalgono al 1267 e facevano parte che del palazzo di Carlo Magno. Divenne ufficialmente il centro amministrativo della città nel XIV secolo e ulteriori aggiunte barocche furono aggiunte nei secoli XVII e XVIII. Importanti anche le statue dei re tedeschi incoronati ad Aquisgrana sulla facciata nord, così come la magnifica Sala dell'Incoronazione con i famosi affreschi Rethel del XIX secolo. Qui sono in mostra le repliche dei Gioielli della Corona Imperiale e una bella collezione di mobili gotici e barocchi. Qui si tenevano feste popolari e quasi certamente funerali fino al XIV secolo; queste funzioni vennero poi svolte nel nuovo municipio di Aquisgrana, costruito sulle fondamenta del palazzo reale di Carlo Magno. Il Grashaus venne invece adibito a prigione e luogo di esecuzione e successivamente usato come archivio.


Indirizzo: Markt 52062 Aachen

Torna su



Museo Couven


Museo CouvenIl Museo Couven, si trova in una vecchia casa di un benestante signore chiamato Haus Monheim. Venne aperto nel 1958 e vanta una collezione di raffinati mobili risalenti tra il 1740 e il 1840. La collezione si concentra su decorazioni e manufatti che sarebbe stato possibile trovare in alte case della classe media di quel periodo, tra cui mobilio rococò, del periodo classicista e pezzi in stili napoleonico.  Le sale del museo sono utilizzati anche per mostre temporanee. Il nome del museo si riferisce al nome degli architetti barocchi tedeschi di Aquisgrana Johann Joseph Couven e Jakob Couven. Importanti anche le argenteria del XVIII secolo.


Indirizzo: Hühnermarkt 17, 52062 Aachen

Torna su

 

Suermondt-Ludwig-Museum
 

Suermondt-Ludwig-MuseumIl Suermondt-Ludwig-Museum è un museo d'arte fondato nel 1877. Prende il nome dal fondatore Barthold Suermondt, che donò 105 dipinti della sua collezione alla città. Questa raccolta, insieme a molte altre opere che in seguito vennero venduti a Berlino, era stata esposta nella Galleria Suermondt ad Aquisgrana già prima il museo fosse istituito. Nel 1977, il nome del museo è stato cambiato in Suermondt-Ludwig-Museum per onorare Irene e Peter Ludwig, importanti collezionisti che hanno donato una parte significativa della loro collezione d'arte (dal medievale al moderno) al museo, collezione che era stata data in prestito permanente fin dal 1957. I pezzi più antichi della collezione sono sculture tedeschi che vanno dal XII al XVI  e comprendono opere di Tilman Riemenschneider, Hendrik Douvermann e Arndt van Tricht. Tra i primi dipinti della collezione c'è l'Adorazione dei Magi dal Maestro della glorificazione della Vergine di Joos van Cleve. Del XVI secolo, una Giuditta da Lucas Cranach il Vecchio, una Mater Dolorosa di Aelbrecht Bouts e una Maria Maddalena di Cornelis Engebrechtsz. Alcuni dei grandi artisti del XVII sono rappresentati sono gli spagnoli Francisco de Zurbarán, Luis de Morales e Jusepe de Ribera oltre all'italiano caravaggesco Bartolomeo Manfredi allievo del Pomarancio. La grande collezione di dipinti fiamminghi e olandesi mostra opere di Anton Van Dyck, Jacob Jordaens, Frans Snyders, Jacob van Ruisdael Isaacksz, Frans Hals, Willem Claeszoon Heda, Willem Kalf, Joseph de Bray e Jan Boeckhorst. La collezione d'arte moderna è in gran parte limitata ad artisti tedeschi, tra cui quelli di fama internazionale come Alexej von Jawlensky, Otto Dix, Max Beckmann, August Macke e Andreas Achenbach. Di notevole interesse la grande collezione di pittura su vetro, 10.000 opere d'arte grafica di artisti come Albrecht Dürer, Rembrandt e molti altri, arazzi fiamminghi, e le opere di orafi.

 

Indirizzo: Wilhelmstraße 18, 52070 Aachen

Torna su



Elisenbrunnen - Antiche Terme


Elisenbrunnen - Antiche TermePer commemorare la lunga tradizione di Aquisgrana in fatto di bagni termali, nel 1827 la città ha eretto il Elisenbrunnen, una struttura neoclassica elaborata con una fontana e un colonnato in una piazza dal nome Friedrich-Wilhelm-Platz. Una serie di targhe evidenziano i nomi di alcuni dei tanti personaggi famosi che hanno viaggiato fin qui per assaggiare le sue acque curative. L'edificio è attualmente utilizzato per gli eventi della comunità e per mostre, e merita una visita. Una varietà di località termali legate e stabilimenti balneari continuano la tradizione della città di accogliere gli ospiti a partecipare a trattamenti terapeutici, tra cui il lussuoso resort Carolus Thermen.

Torna su



Kornelimünster

KornelimünsterGli amanti dell'arte dovrebbero visitare il palazzo ex Abbazia Imperiale, il Kornelimünster, un grazioso edificio barocco che ospita una collezione permanente d'arte contemporanea della Regione, Arte del Nord Reno Westfalia. La galleria comprende il lavoro di molti artisti locali, così come le opere da altre aree di Germania. Sono disponibili visite guidate. Sulla strada per il Kornelimünster dal centro della città, il giardino zoologico di Aquisgrana incanta grandi e piccini, con circa 1700 animali di oltre 250 specie diverse.

Indirizzo: Abteigarten 6, 52076 Aachen

Torna su

 

Zoo di Aquisgrana - Aachener Tierpark

 

Zoo di Aquisgrana - Aachener TierparkAperto nel 1966 e situato nella splendida area protetta di  "Drimborner Wäldchen", lo Zoo di Aquisgrana, l'Aachener Tierpark si è sviluppato fino a diventare la  una casa per più di 1.700 animali di 250 specie diverse. Dai piccoli uccelli esotici a enormi Cammelli asiatici, il parco ha una varietà di coloratissimi di "abitanti" in quasi 9 ettari di spazio per gli animali e circa 3km  di percorsi per i visitatori. Più di 5 milioni hanno visitato lo zoo dalla sua apertura. Lo zoo si pone l'obbiettivo di favorire la comprensione e l'apprezzamento della fauna selvatica. Ci sono settori come la "Zoo dei bambini" dove i bambini ed i genitori hanno la possibilità di contatto diretto con gli animali.

Indirizzo: Obere Drimbornstraße 44, 52066 Aachen

Pubbenbrunnen

La famosa fontana delle bambole si trova a 30 metri dalla cattedrale e rappresenta i 3 personaggi influenti della città: il vescovo, il notaio e il bidello.

Torna su

Museo Internazionale del Giornale
In un'imponente casa residenziale del XV secolo il Museo Internazionale del quotidiano presenta una mostra interattiva divertente, il mondo dei media, dalle origini ai giorni nostri, gettando uno sguardo al futuro. Una collezione unica al mondo che si basa su uno stock di 200.000 quotidiani internazionali degli ultimi cinque secoli.

Torna su

Museo Burg Frankenberg

Conserva documenti relativi alla storia di Aquisgrana, dall’età della pietra (con le sue miniere di pietra focaia) alle terme romane, fino all’epoca industriale. I modelli del palazzo di Carlo Magno e gli studi della pittura a olio di Alfred Rethel – per gli affreschi commissionati dall’imperatore per il palazzo del Municipio – avvicinano il visitatore al mondo carolingio. I pezzi più pregiati: mobilio, ferro battuto, oggetti in vetro, ceramiche, posate, armi, stampi da tipografia e una mummia egizia con sarcofago, risalente al XVI secolo a.C.

Torna su

Museo della dogana – Zollmuseum Friedrichs

3.000 reperti aiutano a seguire il cammino della storia dei dazi e la loro trasformazione da fonte di guadagno a tutela dell'economia interna. Oltre ai retroscena storici, sono proposti anche molti reperti, tra cui documenti di quello che negli anni ’50 era definito “sündige Grenze? (confine del peccato), quando i doganieri e i contrabbandieri si facevano la guerra con gli strumenti più ingegnosi.

 

Torna su

Centro Carlo Magno

Il Centro Carlo Magno presenta in una mostra la storia di Aquisgrana e il ruolo svolto da Carlo Magno nella città e per l'Europa. Essi mostrano l'Aquisgrana carolingia, la città medievale con le incoronazioni, il periodo napoleonico e la "città europea" del presente. Mostre temporanee, una sezione di didattica museale e una caffetteria completano il complesso.

Torna su

Old Tivoli (Stadio della Squadra dell'Aachen)

Nel 1908, la città di Aquisgrana affittò l'area del vecchio maniero al club Tivoli, dal nome della locanda Tivoli Gut, che si trovava lì dal XIX secolo e che a sua volta prende il nome dalla città di Tivoli nel centro Italia. Il club più tardi proprio lì vi costruì un campo da calcio. Nel 1925 fu avviata la costruzione dello stadio, inaugurato il 3 giugno 1928, con una capienza di 11.000. Dopo la seconda guerra mondiale, lo stadio era ormai diventato troppo piccolo e così nel settembre 1953 è stata costruita una tribuna in piedi (il Muro Würselener.). Nel 1957 sono stati aggiunti i posti alla tribuna e l'illuminazione per gli eventi notturni. Il nuovo stadio è stato inaugurato il 28 agosto 1957 con una partita contro l'RCD Espanyol. Successivamente sono stati realizzati ulteriori posti a sedere. Il 17 maggio del 2008, il club Alemannia Aachen ha iniziato la costruzione di un nuovo stadio chiamato nelle vicinanze, che ha sostituito il vecchio stadio il 17 agosto 2009. La demolizione del vecchio Tivoli, che avrebbe dovuto iniziato nel giugno 2011, è stata rinviata, fino ad iniziare il 26 settembre 2011. I 10.300 mq di terreno sono stati in seguito venduti dal Comune per la realizzazione di case unifamiliari, un supermercato e uffici.

Itinerario Natura

Nel quartiere Monheimsallee rivivono i 2.000 anni di cultura termale di Aquisgrana: qui si concentra la vita sociale cittadina grazie alle Carolus Thermen e al casinò internazionale, posto nel parco della nuova struttura termale. Anche il quartiere meridionale Burtscheid è dedicato alla salute e al benessere. Dal crinale boscoso di Lousberg, a nord della città, si gode di una spettacolare vista a 360°. A sud di Aquisgrana, invece, vi attende il parco naturale dell’Eifel.

Parco termale di Monheimsallee

Il “Kurpark Monheimsallee? si presenta come un giardino all’inglese e offre ai visitatori magnifiche passeggiate all’insegna della quiete e del relax. Ospita l’unico vigneto di Aquisgrana, che consta di 99 viti. La magnifica struttura del parco accoglie anche un roseto dove viene coltivata una qualità di rose molto speciale: “Gruß aus Aachen? che letteralmente significa "Saluti da Aquisgrana". Se si prosegue, la vegetazione diventa più densa e poi si trovano anche alberi molto antichi, bellissimi. Un po' più avanti si ritorna ai grandi prati e poi diventa molto collinare. In quest' ultima parte troverete anche il vigneto inquietante, che esiste davvero, bello da vedere ed esattamente 99 piante. Dall'altra parte della strada si trova una stazione del Servizio Meteorologico Tedesco.

Parco termale di Burtscheid

Il parco termale è situato nel quartiere di Burtscheid e delimitato dalle storiche chiese di St. Johann e St. Michael. Dopo una passeggiata al suo interno o una visita ai bagni termali, si potrà conclude la visita con un buon caffè sulla terrazza del parco di Burtscheid.

Altura del Lousberg

Il Lousberg, un dorso di montagna alto 263 metri, originariamente era un rilievo praticamente privo di vegetazione, utilizzato per il pascolo degli animali o come cava di sabbia. Nel 1807 si diede inizio alle opere di rimboschimento dell’altura. Oggi è completamente ricoperto da una foresta che comprende anche specie botaniche particolari.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

Ostelli Acquisgrana   Ostelli Germania   Hotel Aquisgrana   Hotel Germania

Carte d'Allemagne    Karte von Deutschland   Mapa  Alemania  Map of Germany

Carte Aachen     Karte von Aachen   Mapa Aachen   Map of Aachen

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal