Peer-to-Peer Lending

Cosa è e come funziona

Sei qui: Energia pulita >

Peer-to-Peer Lending - Cosa è e come funziona

 

Cosa è il Peer-to-Peer lending

 

Il prestito peer-to-peer lending (o p2p lending) è una forma di prestito tra soggetti privati che avviene attraverso la mediazione delle cosiddette piattaforme di p2p lending (cioè di siti abilitati) che mettono in contatto chi richiede un prestino e i possibili finanziatori privati aggirando i processi tipici di richiesta di finanziamento, i requisiti e gli intermediari convenzionali.

 

Il mercato del P2P lending sta mostrando tassi di crescita impressionanti in tutto il mondo e fornisce finanziamenti di cui c'è molto bisogno sia alle startup che alle imprese più affermate. Per gli investitori, anche se come tutti gli investimenti comporta un rischio (è bene dirlo subito) il P2P lending offre (potenziali) rendimenti stabili sotto forma di frequenti pagamenti di interessi, per cui può essere un ottimo complemento alle classi di attività di investimento più tradizionali come le obbligazioni e le azioni. Finora, il P2P lending è ancora considerato un investimento alternativo, ma con bassi tassi di interesse sui conti di risparmio a perdita d'occhio che a volte non riescono nemmeno a battere il tasso di inflazione, è probabile che si sviluppi come una parte sempre maggiore di un portafoglio d'investimento diversificato.


Il Peer-to-Peer lending si inserisce all'interno del cosiddetto Crowdfunding, termine che deriva dall'incrocio delle parole inglesi "crowd", cioè folla, e "funding", ossia finanziamento, indicando la pratica di (letteralmente) "trovare fondi attraverso la folla", ossia una modalità di microfinanziamento dal basso che si avvale dell'aiuto di investitori che scelgono di investire liberamente, ispirati dal progetto e dall'idea proposta.

 

La definizione di Peer-to-Peer Lendig

 

Il P2P lending è anche noto come "crowdlending" o "marketplace lending", ma questi termini si riferiscono tutti allo stesso fenomeno.  Seguendo questa logica, una definizione semplice e precisa del P2P lending potrebbe essere la seguente:

Il prestito P2P (o P2P lending) è un metodo di finanziamento che consente a individui o investitori istituzionali di fornire finanziamenti di debito a un consumatore (persona fisica) o a un mutuatario commerciale (persona giuridica) sotto forma di un contratto di prestito che include l'obbligo di rimborsare l'importo del prestito compresi gli interessi (se presenti).

Il procedimento avviene attraverso una piattaforma online invece di ricorrere a una banca tradizionale come intermediario. Poiché i prestiti possono essere suddivisi in parti minori (dividendo quindi il rischio), molti agenti diversi possono finanziare un singolo prestito.


Fin dall'invenzione del denaro, i singoli e le istituzioni (prestatori) "prestano" denaro a persone e imprese che ne hanno bisogno (mutuatari). Il prestito peer-to-peer rappresenta una convergenza tra il finanziamento collettivo e il finanziamento informale, che è un finanziamento ottenuto mobilitando le relazioni sociali esistenti come amici, familiari o conoscenti professionali. Questi sono entrambi metodi di finanziamento con una lunga storia.

La crescita esplosiva di internet e dei social network ha incrementato in modo significativo la portata e le potenzialità del prestito P2P, consentendo alle piattaforme che in questi anni si sono moltiplicate di stabilire mercati online che fungono da "intermediari" tra prestatori e mutuatari. Ciò significa che i mutuatari e i finanziatori non hanno bisogno di avere relazioni sociali esistenti tra loro per realizzare una transazione. La transazione si basa invece sulle informazioni di credito dei mutuatari e sulle attività sottostanti a sostegno del prestito.
 

I finanziatori del P2P lending possono essere sia privati che investitori istituzionali, e le piattaforme di prestito P2P consentono sempre più spesso agli istituti di credito tradizionali, come le banche, di partecipare al finanziamento. Il premio ricevuta dagli investitori nel prestito peer-to-peer è il pagamento di interessi che dipendono dal rischio di inadempienza del mutuatario e dalla durata del prestito.

I mutuatari nel prestito P2P possono essere sia imprese che privati. Mentre tutti coloro che soddisfano criteri oggettivi come la nazionalità, l'età legale, ecc. possono normalmente investire in prestiti P2P, i mutuatari devono di solito passare attraverso un sistema di valutazione del credito (rating o credit check) che definisce se è possibile prendere in prestito e a quali condizioni. Poiché i mutuatari ottengono il finanziamento attraverso un bando aperto e la partecipazione al finanziamento è resa disponibile per tutti, spesso gli investitori/prestatori contribuiscono alla valutazione dei mutuatari scegliendo se vogliono partecipare o meno a un prestito.

Ad esempio, nella valutazione di una persona per valutarne il "merito creditizio" - capire cioè se il richiedente sarà in grado o meno di ripagare il prestito più gli interessi - subentrano fattori come essere o meno lavoratori, lo stipendio percepito, l'età, ma anche il possesso o meno di garanzie a sostegno del prestito (come beni mobili e immobili) e la storia creditizia del richiedente il prestito (se ha ripagato puntualmente precedenti prestiti).

 

Cosa sono le piattaforme di P2P Lendig


Le piattaforme di finanziamento P2P consentono l'interazione tra il lato della domanda (mutuatari) e quello dell'offerta (prestatori) del processo di finanziamento. Per creare un mercato ben funzionante, i due lavori più essenziali per le piattaforme sono fare incontrare la domanda e l'offerta tra i mutuatari e i finanziatori, definendo al contempo la definizione delle regole e dei termini dell'impegno. Oltre alla creazione di un mercato, le funzioni chiave di queste piattaforme includono anche l'elaborazione dei prestiti e le attività che contribuiscono alla costruzione di una comunità.

Le principali fonti di reddito per le piattaforme nel prestito peer-to-peer sono le commissioni a carico del mutuatario, le commissioni di rimborso a carico del mutuante e/o altre commissioni come la negoziazione di parti di prestito e le commissioni di ritardo (in caso di ritardo nei rimborsi). Il modo in cui una piattaforma di prestito P2P guadagna ricavi dipende in gran parte dal modello di business della piattaforma stessa e da come è strutturato l'investimento, che avrà anche un grande impatto sulla struttura del rischio che gli investitori devono affrontare. Più la piattaforma è solida finanziariamente, ed ha alle spalle strutture finanziarie e azionisti forti, minore è il rischio per il possibile investitore.

Le piattaforme di prestito P2P operano generalmente con costi operativi inferiori rispetto agli istituti di credito convenzionali, il che consente loro di offrire condizioni interessanti sia per i finanziatori che per i mutuatari, trasferendo questi costi inferiori sia sul lato della domanda che su quello dell'offerta (o così è il credito). Pertanto, nella migliore delle ipotesi, i finanziatori hanno un rendimento interessante rispetto ad altri prodotti di risparmio e di investimento e ai mutuatari viene offerto l'accesso al capitale, tassi di interesse competitivi e un processo più rapido rispetto a prodotti simili offerti dalle banche tradizionali. Inoltre, i finanziatori sono attratti dalla diversificazione del rischio, dai minori costi di transazione e dall'accesso al mercato, mentre i mutuatari sono attratti dalla trasparenza e dalla promessa di prestiti non garantiti.

Esistono diversi modi per categorizzare le piattaforme di prestito peer-to-peer, il più utilizzato dei quali è il tipo di mutuatario, il modello di business e/o l'utilizzo del prestito:

  • Modello di business: Prestito tradizionale P2P, prestito P2P con creatori di prestiti, prestito P2P finanziato dalla banca o prestito di bilancio

  • Tipo di mutuatario: P2P Consumer Lending (persona fisica) o P2P Business Lending (persona giuridica

  • Utilizzo del prestito: Beni immobili/proprietà, finanziamento di fatture, agricoltura, istruzione, impatto sociale, acquisto di auto, consumo giornaliero, viaggi, ecc.

  • Garanzia collaterale: Fattura, beni immobili, auto, affari, ecc.

Inoltre, gli sviluppi tecnologici si aprono anche ad altre categorizzazioni basate sulla tecnologia che dà potere al processo di prestito. Al momento, il miglior esempio di questo è il prestito P2P utilizzando la cosiddetta blockchain (letteralmente "catena di blocchi") cioè una tecnologia che sfrutta le caratteristiche di una rete informatica di nodi e consente di gestire e aggiornare, in modo univoco e sicuro, un registro contenente dati e informazioni (per esempio transazioni) in maniera aperta, condivisa e distribuita senza la necessità di un’entità centrale di controllo e verifica.

 

Modelli di Business nel settore del P2P lending
 

Quando si investe nel peer-to-peer lending, è particolarmente importante comprendere il modello di business della piattaforma su cui si investe, poiché questo ha un forte impatto sul "rischio" che si corre come investitore. Lo stesso vale se siete un mutuatario che cerca di raccogliere fondi per la propria attività o per qualche altro scopo.

 

Attualmente esistono quattro modelli di business generali nel settore dei prestiti P2P:

1. P2P lending tradizionale;

2. P2P lending con i creatori di prestiti (i cosiddetti "loan originator");

3. P2P lending finanziato dalla banca;

4. Prestito di bilancio (Balance Sheet Lending o Portfolio Lending).

Nel prestito peer-to-peer tradizionale (modello di business 1) esiste un solo intermediario (la piattaforma) tra voi e l'investitore, il che rende sia il modello di business che l'incentivo della piattaforma abbastanza facile da capire. Nel prestito P2P con i creatori di prestiti o loan originator (modello di business 2), ci sono due parti indipendenti tra voi e il mutuatario (la piattaforma e il creatore del prestito), il che rende il tutto un po' più complesso e può essere più difficile comprendere l'incentivo della piattaforma e chi prende in prestito alla piattaforma. Gli ultimi due modelli di business sono più vicini al sistema bancario ombra e si discute se questi debbano essere inclusi come prestiti P2P.

Di seguito, esploreremo questi modelli di business ed evidenzieremo i pro e i contro di ciascuno di essi.

 

P2P Lending Business Model 1: P2P lending tradizionale
 

Il concetto tradizionale di prestito peer-to-peer è che si presta o si prende in prestito denaro a/dai propri pari attraverso un intermediario - la piattaforma di prestito peer-to-peer - per mediare la transazione. Questo rende il tradizionale modello di business P2P piuttosto semplice:

 

I finanziatori (privati e/o investitori istituzionali) investono delle somme in prestiti sulla piattaforma e ricevono in cambio il capitale investito e gli interessi.
Il mutuatario (un consumatore o un'azienda) riceve il finanziamento e in cambio paga gli interessi sull'importo del prestito.

La piattaforma si occupa dell'amministrazione e attira sia i mutuatari che gli investitori.

Un'illustrazione del tradizionale modello di business dei prestiti P2P si trova qui di seguito.

 

Peer to Peer classico - Esempio

 

In cambio di un compenso, la piattaforma gestisce l'amministrazione, il contratto di prestito, si occupa dei mancati pagamenti, si assicura che i mutuatari paghino in tempo, si occupa dei cattivi pagatori e risolve le questioni legali di recupero della maggior parte possibile del prestito in caso di fallimento o di inadempienza del prestito.

Così, la piattaforma di prestito peer-to-peer gestisce le attività di finanziamento tra i finanziatori e il mutuatario e si occupa di attirare sia i mutuatari che gli investitori. Se gli investitori lasciano la piattaforma a causa di cattivi rendimenti, non c'è nessuno a fornire finanziamenti ai mutuatari - e la piattaforma finirà per fallire. Se i mutuatari lasciano la piattaforma a causa di un cattivo trattamento e di condizioni sfavorevoli, non c'è nessuno a fornire agli investitori un ritorno - e la piattaforma finirà per fallire.

Nei tradizionali prestiti alle imprese P2P, il rischio degli investitori è posto a carico del mutuatario. Ciò significa che se il mutuatario non restituisce l'importo preso in prestito, l'investitore potrebbe perdere capitale. Di conseguenza, una piattaforma che utilizza il tradizionale modello di business del P2P lending dipende dalla sua posizione di mercato e dall'avere una reputazione di mercato equo e redditizio per facilitare i prestiti. Speriamo fin qui di essere stati chiari.

 

P2P Lending Business Model 2: P2P Lending con Loan Originators

 

Rispetto al tradizionale prestito P2P, il secondo modello di business prevede un ulteriore livello, un generatore di prestiti, che lo rende un po' meno intuitivo da capire per gli investitori.

Un "loan originator" è un'istituzione finanziaria non bancaria che utilizza il marketing per acquisire mutuatari in cerca di un prestito. I due compiti principali dei creatori di prestiti o "loan originator" sono di convincere i mutuatari che le loro condizioni di prestito sono le migliori. Tuttavia, sia per gli investitori che per i mutuatari, è importante tenere presente che l'ordinante di un prestito è prima di tutto un'entità di vendita e poi un consulente per l'approvazione del prestito.

Gli ideatori di prestiti si sono tradizionalmente concentrati sui mutui ipotecari, ma molti hanno visto un potenziale nel mercato del prestito peer-to-peer. Qui, i creatori di prestiti possono trovare finanziatori per i loro prestiti (che poi rivenderanno a loro volta ai privati) stipulando accordi con le piattaforme di prestito P2P in modo che i loro prestiti possano essere facilitati sulla loro piattaforma. Allo stesso tempo, questo fornisce alle piattaforme di prestito P2P un flusso costante di prestiti in cui i loro finanziatori possono investire.

 

Facciamo un esempio. Comprato un televisore di ultima generazione, chiedete un finanziamento. La finanziaria che vi fa il prestito per comprare il televisore vi chiede il 10% di tasso di interesse a rate. Poi va nella piattaforma di Peer-to-Peer lending e offre a un possibile investitore di comprare il prestito e di guadagnarci l'8%. La società finanziaria guadagna il 2% di differenza, magari passando alla piattaforma di Peer-to-Peer lending una parte di questa percentuale come commissione. Si occuperà di fare pagare le rate del prestito e solleciterà il mutuatario in caso di ritardi e inadempienze. Allo stesso modo mette il rischio tutto in capo all'investitore della piattaforma Peer-to-Peer, che in cambio di un possibile guadagno molto maggiore rispetto a un classico investimento in un conto deposito, rischierà i suoi soldi in caso per il prestito per comprare il televisore non venga onorato.

 

Come fanno i loan originator e le piattaforme di Peer-to-Peer lending a rendere meno rischioso per l'investitore questo tipo di investimento?

 

A) L'investitore può vedere il merito creditizio della persona che si appresta a chiedere il finanziamento, l'età, la sua propensione al debito, ecc., e decidere di conseguenza.

 

B) Il "Loan originator" può prevedere di ricomprare il prestito, dando una garanzia in caso di mancato pagamento del mutuatario. In questo caso si usa il termine "Buy back Guarantee", cioè "Garanzia di riacquisto".

 

Un prestito finanziato con una Garanzia di riacquisto rende l'investimento per l'investitore nella piattaforma di Peer-to-Peer lending meno rischiosa. Allo stesso tempo il "Loan Originator" per assumersi parte del rischio sarà disposto a riconoscere un tasso di interesse minore all'investitore. Anche in questo modo è bene sapere che il rischio non verrà cancellato del tutto. Potrebbero infatti esserci problemi, o la totale perdita dell'investimento se dovesse fallire il Loan Originatore, o anche la stessa piattaforma di Peer-to-Peer Lending.

L'utilizzo degli "originator" per i prestiti P2P è iniziato nel 2009 quando Twino, come prima piattaforma P2P, ha iniziato ad utilizzare gli originator come elemento chiave del proprio modello di business. Da allora sono seguite molte piattaforme e alcune delle più grandi e famose piattaforme di prestito P2P oggi operano utilizzando questo modello di business, come ad esempio una delle più grande piattaforma di prestito P2P in Europa, Mintos.

Nel modello di business numero 2, i creatori di prestiti si occupano del lato della domanda fornendo prestiti alla piattaforma, il che consente alle piattaforme di concentrare il loro marketing solo sull'attrazione di finanziatori/investitori (il lato dell'offerta). Pertanto, la differenza principale tra il modello di business 1 e il modello di business 2 è che i prestiti disponibili per investire nel modello di business 2 sono originati al di fuori della piattaforma. Ciò consente alla piattaforma stessa di facilitare più rapidamente i maggiori volumi di prestiti e di fornire un flusso di cassa a breve termine più stabile rispetto alle piattaforme che utilizzano il tradizionale modello di business del P2P lending. Tuttavia, ciò rende anche il processo di prestito e la struttura del rischio meno trasparenti per gli investitori.

Poiché i prestiti dell'ordinante del prestito sono facilitati sul mercato della piattaforma, è possibile per la piattaforma rimuovere l'ordinante del prestito se fornisce cattivi rendimenti e cercare invece di trovare qualcuno più affidabile. Questo potrebbe accadere se, ad esempio, i mutuatari che l'ente erogatore del prestito fornisce alla piattaforma ripetutamente non rimborsano i loro prestiti. Questo porterà gli investitori a perdere denaro, il che costringerà la piattaforma a reagire perché deve assicurarsi che gli investitori vedano dei buoni rendimenti per mantenerli sulla piattaforma.

 

Peer to Peer Modello 2 - Esempio

 

 

Garanzie di riacquisto (o Buyback Guarantees) e altri prodotti assicurativi


Per convincere e rassicurare gli investitori a effettuare investimenti nelle piattaforme di P2P lending che utilizzano il "modello di business 2" spesso gli investimenti vengono strutturati in modo da includere una garanzia di riacquisto o un altro prodotto di tipo assicurativo. Questa sorta di "garanzia" è un accordo, che dà agli investitori la promessa da parte dell'ordinante del prestito di riacquistare i prestiti in sofferenza dopo un determinato periodo, di solito tra i 30 e i 90 giorni di ritardo - se hanno abbastanza soldi nella loro azienda per farlo.

A prima vista, questo potrebbe sembrare più sicuro del tradizionale prestito P2P, ma alla fine, quello che paga il ritorno all'investitore in termini di interessi è la persona fisica o giuridica che prende in prestito il denaro. Nei prestiti P2P, il rischio ultimo di perdere capitale per gli investitori è quando i mutuatari non restituiscono il denaro che hanno preso in prestito. Rispetto al tradizionale modello di business dei prestiti P2P, il prestito P2P con i "Loan Originator" trasferisce il rischio (in parte) a questi ultimi. Gli incentivi per la piattaforma di P2P lending per assicurarsi che i prestiti sulla loro piattaforma siano degni di investimento potrebbero, quindi, essere più deboli rispetto al tradizionale prestito peer-to-peer. Tuttavia, vi sono anche vantaggi nell'utilizzo di piattaforme che operano con prestiti coperti da garanzia di riacquisto, come una migliore prevedibilità del flusso di cassa e degli interessi maturati dal proprio portafoglio di prestiti.

Pro e contro: tradizionale P2P lender o P2P lender con i finanziatori
 

Modello di business 1 tradizionale


Pro

  • Maggiore qualità dei prestiti

  • Elevata trasparenza

  • Semplice e diretto

  • Struttura d'investimento diretto

Contro

  • Basso volume di bassi disponibili

  • Il recupero crediti richiede il tempo necessario (in casi estremi potrebbe richiedere anni)

  • Il flusso di cassa è più incoerente (un'insolvenza del mutuatario incide immediatamente sul rimborso totale)

 

Modello di Business 2 con i "Loan Originator"

 

Pro

  • Elevato volume di prestiti

  • Flusso di cassa a breve termine più stabile

  • Il recupero crediti del mutuatario è rapido (come prestatore con garanzia di riacquisto)

Contro

  • Minore qualità dei prestiti

  • Meno trasparente

  • Rischio più complesso

  • Struttura mista di investimenti diretti e indiretti

  • Possibilità di perdere tutto in caso di fallimento dell'ordinante del prestito

 

P2P Lending Business Model 3: Finanziato dalla banca P2P Lending
 

Oltre ai tradizionali prestiti P2P e ai prestiti P2P con i "Loan Originator" che abbiamo appena visto, altri due modelli di business sono talvolta considerati come parte dei prestiti P2P: i prestiti P2P finanziati dalle banche e i prestiti a bilancio. Questi modelli di business sono, tuttavia, più vicini al tradizionale prestito bancario rispetto ai modelli già visti e, pertanto, sono talvolta considerati come "shadow banking", ovvero "banche ombra".

Il P2P lending finanziato dalla banca assomiglia a quello del P2P tradizionale in quanto la piattaforma abbina mutuatari e finanziatori, ma invece di trasferire denaro dai finanziatori al mutuatario dopo l'ottenimento del prestito, il prestito è originato da una banca. Ciò significa anche che il mutuatario firmerà una cambiale con i termini del prestito alla banca. Subito dopo che la banca avrà originato il prestito, lo venderà alla piattaforma P2P che lo acquisterà con il denaro raccolto dai finanziatori. Poiché la piattaforma è ora proprietaria del prestito, il mutuatario effettuerà i rimborsi alla piattaforma, che li trasferirà ai finanziatori. In questa situazione, sia la piattaforma che la banca diventano intermediari senza rischio di credito, il che significa che la piattaforma non ha l'obbligo di risarcire gli investitori in caso di perdite.

 

P2P Lending Business Model 4: Finanziamento di bilancio
 

Il credito di bilancio è il modello di business nell'ambito del peer-to-peer lending che presenta le maggiori somiglianze con il credito bancario tradizionale. Nel prestito bancario tradizionale, i fondi sono elencati come passività e i prestiti sono elencati come attività nel bilancio della banca. Ciò significa che le banche si assumono il rischio del credito, mentre i depositi dei clienti sono di solito assicurati fino a un certo importo. Allo stesso modo, le piattaforme P2P che si occupano di credito a "bilancio" originano il prestito e lo mantengono a bilancio. In questo modo, la piattaforma si assume il rischio di credito, ma beneficerà anche delle commissioni e degli interessi maturati sul prestito. Proprio come altri tipi di prestito peer-to-peer, il prestito a bilancio può essere sia di tipo consumer che business, cioè a persone sia fisiche che giuridiche.

 

Il P2P Lending è una sorta di "Banca Ombra" (Shadow Banking)?
 

Una banca ombra è un intermediario finanziario che fornisce servizi di credito paragonabili a quelli delle banche tradizionali, ma senza essere soggetto alle stesse norme bancarie o solo vagamente legato a queste.

Sia le banche che le piattaforme di prestito P2P mettono in contatto le persone con un capitale da investire e i mutuatari. Tuttavia, ci sono due grandi differenze tra il credito bancario tradizionale e il credito P2P. Queste differenze rivelano anche che alcuni tipi di P2P lending sono molto vicini allo "shadow banking", mentre altri appartengono ad una categoria che potrebbe essere coniata come "puro" peer-to-peer lending.

In primo luogo, quando si deposita denaro in una banca tradizionale, non si ha quasi alcuna visibilità su come il denaro venga utilizzato, mentre i prestatori su piattaforme di puro peer-to-peer lending sono liberi di scegliere i progetti, le imprese o i consumatori a cui vogliono prestare denaro. In secondo luogo, le piattaforme di prestito P2P pure eliminano la necessità di intermediazione "di bilancio", il che significa che i prestatori - e non la piattaforma - sono esposti al rischio di credito e di liquidità.

Secondo l'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), ciò significa che nelle piattaforme di prestito P2P in cui i finanziamenti non hanno caratteristiche di deposito, i prestatori si assumono tutti i rischi e le piattaforme che non effettuano la trasformazione del rischio non possono essere considerate banche ombra. Inoltre, le piattaforme di  P2P lending "pure" non utilizzano la leva finanziaria diretta o indiretta, né sono inclini ad auto-realizzarsi garantendo la trasformazione delle scadenze e/o la trasformazione della liquidità.

Data la descrizione dei diversi modelli di business all'interno dell'universo del P2P lending, è quindi importante tenere d'occhio i modelli di business ibridi che potrebbero esprimere alcune di queste caratteristiche. Si potrebbe trattare sia del prestito peer-to-peer con gli "originator" di prestiti (modello di business 2), sia del prestito P2P finanziato dalla banca (modello di business 3) e del prestito di bilancio (modello di business 4). Tuttavia, soprattutto le piattaforme che utilizzano il prestito a bilancio hanno un modello di business simile a quello delle banche in quanto si basano sulla leva finanziaria e mantengono il rischio di credito mantenendo i prestiti in bilancio. In questo caso, ovviamente, minore è il rischio per l'investitore, minore sarà l'interesse che si andrà a guadagnare.

 

Spiegazioni e potenziale di crescita dei prestiti P2P
 

La crescita esponenziale del mercato del Peer-to-Peer lending è stata spiegata da un punto di vista teorico (o almeno ci hanno provato), dal gruppo di studio Serrano-Cinca, Gutierrez-Nieto & López-Palacios (2015), attraverso la "teoria dell'equilibrio del mercato" e l'ipotesi dell'intermediazione finanziaria.

La "teoria dell'equilibrio del mercato" afferma che i mercati efficienti sono caratterizzati da uno stato di equilibrio tra domanda e offerta. I sostenitori di questa teoria sostengono che le piattaforme di prestito peer-to-peer portano il mercato del credito verso l'equilibrio risolvendo un problema di razionamento del credito stesso che esiste perché ci sono mutuatari, soprattutto nelle fasi di recessione economica, che non ricevono prestiti anche se sono disposti a pagare tassi di interesse più alti. D'altra parte, l'ipotesi dell'intermediazione finanziaria si concentra sul fatto che le piattaforme di prestito peer-to-peer sono più efficienti in termini di costi e hanno costi di intermediazione inferiori rispetto alle banche, il che le rende più attraenti sia per i mutuatari che per i finanziatori, in quanto la concorrenza costringe le piattaforme a condividere questi costi inferiori con entrambe le parti in causa.

Da un punto di vista più pratico, un rapporto di ricerca sulle tecnologie finanziarie dell'International Organizations of Securities Commissions (IOSCO) individua quattro fattori di domanda e offerta che hanno sostenuto la crescita del P2P lending:

 

1) Riduzione dei costi delle tecnologie;

2) Segmenti di mercato non serviti;

3) Tassi di interesse bassi;

4) Diversificazione del rischio.

1 Riduzione dei costi tecnologici

I costi operativi delle piattaforme P2P sono ridotti al minimo a causa della natura online dei modelli di business, che riduce il costo di attrarre sia i mutuatari che i finanziatori. Allo stesso tempo, gli algoritmi possono essere utilizzati per automatizzare processi come il merito creditizio (credit scoring) e la diversificazione degli investimenti da parte dei finanziatori. Inoltre, poiché le piattaforme P2P normalmente non partecipano alle decisioni di prestito o non raccolgono depositi come nei tradizionali prestiti bancari, i loro costi di intermediazione e di transazione sono mantenuti bassi.

2 Segmenti di mercato non serviti

In molti paesi, la domanda di capitale è inferiore all'offerta di capitale disponibile perché le start-up e le PMI (piccole e medie imprese) non sono servite dalle banche tradizionali. Ciò è stato particolarmente vero in Cina, dove le grandi banche pubbliche hanno svolto per lo più il ruolo di servire le grandi imprese (ed è per questo che inizialmente il P2P lending è esploso proprio nel paese asiatico). Allo stesso tempo, il prestito P2P è stato un luogo in cui i piccoli investitori hanno potuto investire anche piccole somme.

3 Bassi tassi di interesse

I bassi tassi di interesse (in periodi anche negativi) sono stati la norma sin dalla crisi finanziaria globale del 2007-2008. Lo stesso vale per i rendimenti delle obbligazioni sovrane, che hanno costretto gli investitori a guardare altrove alla ricerca di rendimenti più elevati. In questo caso, il prestito P2P rappresenta un investimento alternativo che offre rendimenti potenzialmente più elevati. Tuttavia, come sempre accade per gli investimenti che offrono rendimenti elevati, anche gli investitori devono essere disposti ad accettare un rischio maggiore.

4 Diversificazione del rischio

In seguito a quanto sopra, il P2P lending offre ai singoli investitori la possibilità di investire in prestiti, cosa che prima era possibile solo per gli investitori prevalentemente istituzionali.

 

Come guadagnare con il prestito peer-to-peer?

 

Fase 1: Richiesta di prestito e prelievo del prestito
 

Prima che inizi il processo di prestito P2P vero e proprio, i potenziali mutuatari presentano una richiesta per il prestito desiderato sulla piattaforma peer-to-peer. A seconda della piattaforma, tale richiesta deve contenere determinate informazioni e dati che consentano alla piattaforma di valutare la capacità di prestito e il merito creditizio del mutuatario. In alcuni casi, la piattaforma può scegliere di esternalizzare questo processo a un'agenzia di rating o a un ente creditizio che rivede e rifiuta/accetta i beneficiari del prestito. Se il mutuatario è un privato, questo è comunemente indicato come prestito P2P di consumo o personale, mentre se è un'azienda che prende in prestito dalle persone (crowd) rientrerà nella categoria dei prestiti P2P commerciali.

 

Chi volesse investire nei P2P lending, deve iniziare con lo scegliere i prestiti in base a un profilo di rischio. Di solito, i prestiti che hanno profili meno rischiosi (ma zero rischi non esistono), possono avere un grado di rischio denominato "A". Via via i profili con gradi di merito creditizio con "B", "C" ecc, offriranno un tasso di interesse in genere superiore, ma un rischio maggiore. La dicitura HR, che sta per High Risk, Alto Rischio, offrirà gli interesse maggiori, ma anche le maggiori probabilità che prestito non venga restituito. Oltre a scegliere una piattaforma di prestito P2P stabile per i vostri investimenti, questa è naturalmente la parte più importante sulla vostra strada verso il successo nel mondo degli investimenti peer-to-peer.

Fase 2: Accordo di prestito

 

Nei processi di "due diligence" cioè di controllo e di revisione del richiedente il prestito, la piattaforma valuterà se il prestito specifico è appropriato per loro da collocare sul loro mercato per gli investitori che si fidano della loro azienda per fare un lavoro adeguato di ricerca di mutuatari in grado di rimborsare il prestito.

Non importa se il rischio è classificato come C- o A+, la parte essenziale è che il mutuatario ha un'alta probabilità di ripagare il prestito. Quando la piattaforma ha accettato un richiedente e lo ha inserito nella piattaforma per un potenziale finanziamento, spetta agli investitori decidere se il rischio è commisurato alla potenziale ricompensa. Se un numero sufficiente di investitori convalidano e offrono di finanziare un prestito specifico, il processo viene nuovamente convalidato dalla piattaforma e il contratto di prestito sarà completato per convalidarne la legalità e assicurare che il denaro arrivi alla persona giusta e che i rimborsi siano strutturati.

Alla fine, l'obiettivo dell'investitore/prestatore, così come quello della piattaforma, è quello di facilitare i contratti di prestito che restituiscono sia il capitale che gli interessi al prestatore.

 

Fase 3: Importo del prestito trasferito
 

Una volta che la piattaforma ha effettuato la i suoi controlli (due diligence), accettato il mutuatario e se i termini del prestito sono accettabili per la piattaforma stessa, quest'ultima determinerà un periodo di tempo per il finanziamento dell'importo. A quel punto il progetto sarà rilasciato e i finanziatori potranno investire un importo minimo che varia da una piattaforma all'altra. Questo prestito P2P è ora disponibile per il pubblico.

Ogni volta che un finanziatore investe un importo, il denaro viene depositato presso la piattaforma. Se una società vuole prendere in prestito, ad esempio, 100.000 euro dal pubblico, il prestito si concretizza se i finanziatori privati sulla piattaforma riescono entro il periodo di tempo specificato a finanziare il denaro richiesto. Quando ciò accade, la campagna di "crowdfunding", cioè di più finanziatori che finanziano insieme un prestito, è stata allora un successo per quanto riguarda il mutuatario, e gli investitori non potranno annullare l'impegno di prestare il denaro. La piattaforma raccoglierà quindi l'importo promesso dai diversi investitori e farà firmare il contratto al mutuatario. Il processo è quindi sarà pronto per essere definitivamente liquidato e l'importo trasferito al mutuatario.

Fase 4: Importo del prestito ricevuto (meno eventuali spese della piattaforma)
 

Quando l'importo del prestito viene trasferito dai finanziatori alla piattaforma, la piattaforma lo trasferirà al mutuatario. Questa transazione regola il contratto di prestito e l'importo trasferito è ora dovuto ai finanziatori e deve essere restituito secondo i termini concordati nel contratto di prestito - ad esempio, periodo di tempo (durata), tasso d'interesse, tipo di prestito, titoli e regole su come agire se il mutuatario non riesce a pagare o non restituisce il prestito alle condizioni concordate nel contratto.

 

Le piattaforme pagano gli interessi in modi e tempistiche diverse, possono pagare mensilmente o alla fine del contratto. Di solito gli interessi vengono corrisposti mensilmente. I prestiti possono avere una durata molto breve, fino a 30 giorni, oppure di 12, 24 o 36 mesi.

 

Fase 5: Pagamento del capitale e degli interessi (comprese eventuali spese della piattaforma)
 

Quando l'importo del prestito è stato ricevuto e il contratto è stato saldato, questo diventa il capitale, che è l'importo totale dovuto agli investitori. L'importo del rimborso agli investitori è composto da due componenti: Gli interessi e il pagamento delle rate/premi.

Le rate riducono l'importo dovuto in base al contratto di prestito e vengono di solito pagate in modo uniforme in rate mensili (prestito ammortizzato), trimestrali (prestito in serie) o l'importo totale alla fine del prestito (prestito solo interessi). Questo è specificato dal tipo e dalla durata del prestito.

Gli interessi sono di solito pagati contemporaneamente ai pagamenti del capitale e consistono nei costi per l'assunzione di prestiti. La piattaforma di prestito P2P tiene traccia dei pagamenti specificati nel contratto di prestito tra il mutuatario e il finanziatore. I guadagni/tariffe della piattaforma per facilitare i pagamenti sono di solito legati agli interessi. Questo crea un sano incentivo per la piattaforma a garantire il pagamento degli interessi ai finanziatori e fa in modo che la piattaforma non si concentri solo sulla facilitazione del maggior numero possibile di prestiti, ma anche sull'adempimento del prestito fino all'ultimo pagamento.

Un esempio di questo potrebbe essere una commissione della piattaforma dell'1% sull'importo residuo dovuto al finanziatore. Ciò significa che quando il tasso d'interesse è dell'8,95%, voi come finanziatori riceverete il 7,95% su ogni pagamento ricevuto insieme alla rata che paga il prestito. Per gli investitori/prestatori ciò significa che quando il capitale viene trasferito sul loro conto bancario presso la piattaforma, l'importo ricevuto è meno le eventuali commissioni della piattaforma.

Di seguito è riportato un esempio di pagamento degli interessi e delle rate di un prestito di un 100.000 euro di dollari, con interessi del 10,95% e una durata di 12 mesi con pagamenti mensili:

 

Peer to Peer Modello 2 - Esempio

 

 

Fase 6 - Transazione eseguita e pagamenti ricevuti
 

L'ultimo passo nel processo di prestito P2P è l'adempimento della transazione agli investitori che riceveranno le ultime rate/pagamenti. Ciò significa che la transazione tra mutuante e mutuatario è stata completata con successo e che il mutuante ha ricevuto i pagamenti secondo i termini.

Questo è lo scenario ideale nel peer-to-peer lending, ma durante le sei fasi vi è anche la possibilità di che per qualsiasi ragione in mutuatario non ripaghi il suo prestito. Questo è il rischio che l'investitore deve essere disposto ad assumersi per guadagnare interessi. Se non ci fosse alcun rischio, l'investitore non verrebbe pagato, e gli interessi, si spera, devono riflettere il rischio associato al prestito investito oggetto dell'investimento. Nei mercati obbligazionari e azionari tradizionali, non c'è "nulla è gratis" - e lo stesso dovrebbe valere per i prestiti P2P. I prestiti ad alto rischio con bassa o nessuna garanzia alle spalle portano interessi elevati (ad esempio, prestiti al consumo non garantiti con il 12-24% di interessi e garanzie del singolo), mentre i prestiti a basso rischio con una buona garanzia alle spalle, portano interessi bassi chi si avvicinano allo zero (o come i titoli di stato tedeschi che hanno addirittura tassi negativi).

 

 

 

Quali sono le principali società di Peer-to-Peer lending aperte a tutti gli investitori europei?

 

Piattaforma Settore Investimento minimo Rendimento medio annuo (lordo) Base
Mintos Prestiti personali 10 € 11.78 % Lettonia
Bondora Prestiti personali 1 € 10.7 % Estonia
Estateguru Prestiti garantiti da immobili 50 € 11,88 % Estonia
Viainvest Prestiti personali, prestiti aziendali 10 € 11 % Lettonia
Bondster Prestiti personali e con garanzie reali 5 € 12.5 % Repubblica Ceca
Twino Prestiti personali 10 € 11 % Lettonia
Swaper Prestiti personali 10 € 12 % Estonia
Peerberry Prestiti personali 10 € 12 % Estonia
Viventor Prestiti personali 10 € 13 % Lettonia

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su

 

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal