Comprare casa: regole e consigli

Comprare casa, regole e consigli

 

Indice
Scegliere la zona
Scegliere il tipo di abitazione
• La villetta a schiera: se costa poco attenzione al capitolato
• Il loft
• Monolocali, bilocali ecc.
• Case in corte
Le cooperative edilizie
Le vendite giudiziarie

Comprare casa resta una tappa della vita, un obiettivo per molti giovani e l'indipendenza per i single. La crescita costante dei prezzi sugli immobili e dei conseguenti mutui però, scoraggia spesso a fare questo passo. Di certo acquistare una casa resta un investimento, a dispetto dei soldi che si spendono per gli affitti che sono diventati alti a dismisura. Questo anche perché sono sprovvisti di una regolamentazione o un imposizione statale che ne blocchi il massimo annuo in base anche ai metri quadrati, quindi, oltre a pagare mensilmente quanto una possibile rata del mutuo, c'è la beffa che non siamo nemmeno padroni di casa e mai lo saremo. Cercare quindi la " casa perfetta"diventa quasi un compito a casa: proviamo allora a determinare dei punti fondamentali da tenere a mente per l'acquisto dell'immobile e per evitare specchietti per le allodole.

 

1. SCEGLIERE LA ZONA


Assodato che le città sono diventate ormai invivibili sia sul piano monetario che sulla qualità della vita, conviene puntare alle periferie, alle zone limitrofe al luogo di lavoro o comunque restare alle porte della città, magari in mezzo al verde. Da considerare certamente come cardine della ricerca della casa sono:
- La vicinanza ai mezzi di trasporto pubblici;
- La distanza di supermercati, centri commerciali e negozi di prima necessità;
E per le giovani coppie, oltre alle cose menzionate, c'è da prendere in considerazione la distanza della casa rispetto a scuole o giardinetti pubblici per una futura prole da accudire.

 


2. SCEGLIERE IL TIPO DI CASA


Quella di " seconda mano":
Mettere su casaI primi consigli pratici validi per le case già costruite e vecchie magari di qualche anno è:
- verificate l'esposizione della casa rispetto al sole, alla luce che potrebbe avere durante la giornata;
- Considerate lo stato degli impianti idraulici, di riscaldamento, quelli elettrici ed eventuali attacchi per l'antenna tv, degli infissi, dei pavimenti e dei sanitari – che consigliamo di cambiare comunque sempre - e della situazione dello stabile in generale. Questo per evitare spese consistenti subito dopo l'acquisto di casa.
- A questo bisogna sommare le spese per eventuali lavori di ampliamento o disposizione delle stanze.
- Leggete il regolamento condominiale ed informatevi sulle spese annue e sulle straordinarie eventualmente ancora da pagare per l'anno stesso. - Fatevi dare la planimetria per controllare in Comune com'è stata registrata al catasto, se corrisponde la metratura, e verificate eventuali carichi pendenti sull'immobile.
Per acquistare un usato sono davvero tante le cose da prendere in considerazione per non " incappare in fregature".

Per quelle nuove bisogna invece tener conto di ponderare bene le parole che vi dicono le agenzie immobiliari, e di seguito vi spiegherò nel dettaglio i motivi. Fatevi sempre dare più informazioni possibili e poi verificatele.
- cosa di primaria importanza sono i metri quadri che le agenzie dicono ai compratori, spesso maggiori rispetto a quelli che sono in realtà. Per questo vi può aiutare la planimetria dell'immobile e il capitolato stesso della casa nel quale potete verificare anche i materiali usati per costruirla compresi piastrelle, sanitari e quant'altro.
E questo non smetteremo di ripeterlo in quanto importante sia per le case nuove che per quelle vecchie. Da una parte il vantaggio delle case in costruzione è che, rispetto al capitolato, si possono chiedere delle variazioni per le rifiniture comprese nel prezzo: parlo di piastrelle, box doccia e sanitari, piuttosto che porte e quant'altro. Il rovescio della medaglia però, è che ovviamente ogni variazione è extracapitolato e quindi ha un costo a parte.
- La maggior parte delle imprese edili poi, preferisce eseguire da sé i lavori extracapitolato, non permettendo che l'acquirente compri e istalli in privato. Questo comporta spese più onerose rispetto a quanto potremmo fare privatamente.
- Altro promemoria: andare spesso in cantiere –quando è permesso- per rendersi conto passo dopo passo dei progressi della casa in costruzione. Oltre a questo, cercare di avere " occhio clinico" su ogni cosa che può risultare differente rispetto al capitolato, o che viene rotta, scheggiata o danneggiata. Fatelo subito presente all'impresa che è tenuta al ripristino del danno.

La villetta a schiera: se costa poco attenzione al capitolato
Per prima cosa, bisogna fare attenzione alla tendenza delle agenzie immobiliari, in conseguenza alla politica dei costruttori di immobili, di proporre villette con giardino a prezzo ridotto a seguito di una costruzione con un piano in seminterrato. Ho esperienza in prima persona di una cosa del genere. In pratica l'agenzia mi aveva detto che era un affare acquistare una villetta con giardino a poco prezzo ma con soggiorno, cucina e un bagno in seminterrato. Spieghiamo che il seminterrato ha un'altezza tra i 2,40mt e i 2,50 mt e nasce come taverna, magazzino o mansarda, quindi il costruttore deve chiedere un autorizzazione al Comune per poter adibire ciò che nasce come magazzino ad uso abitativo: quindi deve chiedere l'abitabilità. Ma tralasciando il fatto che a talune persone può piacere avere un soffitto basso, c'è da considerare la posizione in cui rimane tale piano. Come dice la parola stessa " in seminterrato" e qui si può capire che metà appartamento è posto al di sotto della strada. Se intorno alla casa c'è un grande giardino allora si potrebbe anche ovviare alla cosa, ma se il giardino è ridotto o inesistente bisogna fare molta attenzione alla vicinanza delle stanze a parcheggi o strade in quanto si abbassa parecchio la qualità abitativa, oltre che alla privacy, e considerare anche la necessaria istallazione di sistemi antifurto. Quindi a conclusione di quanto detto finora ecco perché la cosa essenziale è farsi dare sempre il capitolato dell'abitazione.


Il loft: questo tipo di appartamento nasce in America. La sua particolarità è l'ambiente unico: niente porte o pareti che separano gli ambienti. Adatto sicuramente a single e non a coppie, in genere ha costi elevati visto la posizione generalmente centrale e considerando che si tratta spesso di locali posti in residence con un'ampia metratura.

Monolocali, bilocali, etc: ovviamente sono appartamenti che partono da uno a più ambienti. Generalmente il monolocale ha un soggiorno con cucina a vista e un bagno. Ma si possono trovare anche monolocali con camera da letto separata o con balcone. Per le altre tipologie di appartamento citate nel titolo vale la nomenclatura stessa della parola. Si suddividono a seconda degli ambienti che vi si ritrovano. Per una giovane coppia un bilocale potrebbe essere un giusto compromesso per non spendere un patrimonio e vivere comodi anche con un figlio in arrivo. Da tener conto che ormai è consuetudine ricavare più stanze da un appartamento con pochi metri quadrati che quindi con pochi metri quadri può arrivare ad essere trilocale. Quindi parlo di avere magari due bagni e un ripostiglio ma due camere da letto strette e poco pratiche. Valutare bene se questo conviene rispetto che avere due stanze grandi e spaziose con un bagno solo e niente ripostiglio.

Case in corte: un tempo erano quelle di cascina, con cortile e dove gli inquilini del condominio diventavano una " famiglia" data la disposizione degli appartamenti e gli ambienti comuni. Oggi la corte piace molto e questo ha spinto gli architetti a costruirne di nuove, oltre a ristrutturare quelle di un tempo. È composta da pochi appartamenti anche monolocali, spesso privi di spese condominiali, e possibilità di avere all'interno camini e autorimesse. Per questa tipologia di abitazioni bisogna tener conto della struttura della corte stessa: un balcone/corridoio che passa per tutta la corte, quindi percorrendo tutte le entrate degli appartamenti o parte di essi. Questo è di proprietà comune e di passaggio per tutti; disagio da considerare in quanto parte delle finestre di ciascun appartamento si affaccia sul corridoio, ad altezza uomo, non tutelando molto la privacy dei condomini.

Articolo di Ileana Cortellessa per Informagiovani Italia

 

1.  Come ottenere un mutuo 

2.  Importo massimo mutuo casa

3.  Tipi di mutuo

4.  Spese di mutuo, costo di un mutuo

5.  L’ipoteca sulla casa

6.  Comprare casa, regole e consigli

7.  Le cooperative edilizie

8.  Comprare casa all'asta

9.  Scia, dichiarazione di inizio attività

10 CILA Comunicazione di Inizio Lavori

 

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su