Personaggi famosi di Chieti

Ann.

Personaggi famosi di Chieti

 

Alessandro Valignano, Romualdo de Sterlich, Pierluigi Zappacosta, ma anche Ferdinando Galiani e perché no, Sergio Marchionne... Cosa fecero per la città? Chi sono?

 

Tra i personaggi famosi di Chieti c’è Alessandro Valignano (1538-1606) che è stato l’uomo che ha consolidato l’impegno missionario dei Gesuiti in India, Giappone e Cina, che Franisco Xavier (Francesco Saverio) aveva iniziato. Ha lavorato lì per 33 anni. Ha convinto il Papa Gregorio XIII di rendere la missione in Giappone una missione gesuita esclusivamente per il fatto che l’abito religioso francescano, nonché i loro metodi inusuali avrebbero dato l’impressione che il cattolicesimo era altrettanto frammentato al pari del buddismo.

 

Quando i francescani sono arrivati 23 anni dopo hanno dimostrato che Alessandro non aveva sbagliato, in quanto hanno creato una spaccatura nell’apostolato per il loro approccio così diverso dai gesuiti. Hanno guardato con disprezzo alla cultura giapponese che invece i gesuiti hanno molto ammirato. I gesuiti sono stati molto più cauti nella distribuzione di articoli pii come i rosari che avrebbero potuto portare alla superstizione, mentre i francescani hanno condannato l’approccio intellettuale dei gesuiti. La più grande paura di Alessandro si è realizzata quando i francescani spagnoli sono stati la quinta colonna per un assalto spagnolo. Ciò ha portato alla grande persecuzione del 1597 insieme a 26 martiri, tra cui Francescani e Gesuiti. Durante tutto questo tempo la comunicazione con Roma è stato estremamente lenta. Una lettera del 1589 di Alessandro è arrivata a Roma 17 anni dopo, nel 1607.

Alessandro, senza le istruzioni romane, ha saputo usare la sua grande autorità e ha istituito seminari, riorganizzato la missione. Ha ordinato intensi studi di lingua giapponese. Per finanziare questi cambiamenti ha ricevuto il permesso dal Papa di investire nel commercio della seta con Macao. È stato Alessandro che il modello storico in qualità di visitatore gesuita nella storia Shogun.

L’obiettivo di Alessandro è stato non solo di convertire i giapponesi al cristianesimo, ma di rendere il Giappone cristiano, mentre ha costantemente consigliato cautela e prudenza. Allo stesso tempo la sua strategia è stata sempre quella di coltivare e, se possibile convertire il potente e quindi di utilizzare il loro potere, la fama e l’influenza per promuovere il cristianesimo. Considerava l’impiego di tali mezzi legittimo per fini secolari sacri necessari. È stata una strategia pericolosa ed è diventata più pericoloso in quanto i signori successivi, tutti insofferenti a influenze diverse dalla loro, sono passati progressivamente all’onnipotenza. Le persecuzioni sono continuate per oltre due secoli e mezzo. L’unica comunità cristiana a sopravvivere alle persecuzioni, è stata quella dei cristiani nascosti e la loro sopravvivenza è stata sorprendente, perché non c’erano samurai cristiani a guidarli.

 

Alessandro era esasperato dall’inazione da parte dei superiori locali. Inoltre, è stato Alessandro più di chiunque altro, che ha insegnato ai missionari che diventare un seguace di Cristo, non significa diventare un europeo o cessare di essere giapponese.

 

Nel 1614 Diego de Mesquita ha scritto dei cristiani del Giappone: " Non sembra esserci una Chiesa in tutta la cristianità che li supera, infatti, io li considero i migliori al mondo. Sono un popolo nobile e razionale e sono fortemente esposti alla ragione, e quando diventano cristiani, cominciano ad andare a confessarsi e vivono molto bene, facendo molta attenzione alla loro anima. Desiderosi di conservare la nostra santa legge, e con un grande desiderio per la salvezza, la correzione del vizi che avevano quando erano pagani".

 

Romualdo de Sterlich, nato a Chieti, dove ritornò a vent'anni, grande amante della cultura. Costituì una sua biblioteca personale ricchissima con oltre 12 mila volumi che intendeva mettere a disposizione della città di Chieti per la sua crescita culturale. Alla sua morte sfortunatamente la biblioteca non fu curata e i volumi finirono in diverse biblioteche lontane. Fu tra i primi italiani a leggere e commentare le opere di Montesquieu, Rousseau, Voltaire, e di altri illuministi europei. Partecipò attivamente a promuovere la cultura illuministica europea. Fece parte dell’Accademia della Crusca e dell’Accademia dei Georgofili. Romualdo de Sterlich morì a Chieti nel 1788 e fu sepolto nella Chiesa di S. Francesco di Paola.
 

Ferdinando Galiani è stato un diplomatico e intellettuale di talento; è nato a Chieti mentre ha vissuto e lavorato principalmente a Napoli. E' principalmente ricordato per i suoi scritti di economia politica, che riguardano la teoria del valore in della moneta (1751). Durante il suo periodo a Parigi (1759-1769) come segretario dell’ambasciatore napoletano, è diventato amico di intellettuali di spicco, tra cui Madame d’Epinay, Diderot e d’Alembert. La corrispondenza, in francese, che ha iniziato con loro al suo ritorno a Napoli, ha un merito letterario ed è di interesse, oltre ad essere un documento significativo delle relazioni intellettuali italo-francesi. Ha anche lasciato degli scritti su Horace (1765), sul dialetto napoletano (1779), e sulle funzioni dei principi (1782).
 

Pierluigi Zappacosta (manager) nato a Chieti il 2 luglio 1950, è CEO di Sierra Sciences Inc., un’ azienda di biotecnologia ed è presidente di Digital Persona, una società di biometria. Inoltre è Presidente della Quindi, una società di sviluppo software per strumenti di produttività. Nel 1981, è stato co-fondatore della Logitech. Dal 1981 al 1998 ha ricoperto diversi ruoli di gestione, tra cui il ruolo di presidente e CEO. Logitech è entrata nel Nasdaq nel 1997. Pierluigi ha frequentato l’Università di Roma e ha ottenuto una Laurea in Ingegneria Elettrica, con lode. Ha frequentato la Stanford University (MS in Informatica).

 

Sergio Marchionne (manager) è stato CEO di Fiat S.p.A. e della Chrysler Group LLC. Quando è diventato amministratore delegato della casa automobilistica nel 2004, la Fiat aveva la necessità di aumentare le sue capacità produttive e questo era l’obiettivo che intendeva realizzare. Cinque anni dopo, con Marchionne come manager, l’azienda automobilistica ha recuperato il suo smalto e anche conquistato il potere sufficiente per acquisire la società americana produttrice di auto Chrysler. Sergio Marchionne ha assunto il ruolo di Amministratore Delegato di entrambe le società, quando il contratto di acquisto fu autorizzato nel 2009. Sergio Marchionne è nato a Chieti il 17 giugno 1952, da una famiglia il cui patriarca è stato un membro delle forze di polizia locale. Quando era ancora adolescente, la famiglia si trasferì in Canada, dove ha conseguito notevoli credenziali, diventando avvocato e commercialista. Ha frequentato anche alcune delle migliori istituzioni accademiche del Paese, ottenendo una laurea in filosofia presso l’Università di Toronto, un MBA presso l’Università di Windsor, e una laurea in legge Osgoode Hall Law School of York University. Ha iniziato la sua carriera come specialista contabile e fiscale per l’organizzazione Deloitte Touche. Inoltre, Sergio Marchionne, si è imposto e ha collaborato con diverse altre compagnie prestigiose fino a che il suo curriculum vitae è stato costellato di esperienze di lavoro impressionanti presso aziende internazionali. Oltre alla posizione in Fiat e in Chrysler, Sergio Marchionne è anche presidente del SGS, che fornisce servizi di ispezione e certificazione, nonché membro del consiglio di amministrazione di UBS, una società globale di servizi finanziari.

 

 

Torna su

 

 

 

Ostelli Italia  Hotel a Chieti  Ostelli a Chieti

Carte Chieti   Karte von Chieti   Mapa Chieti Map of Chieti

Carte Abruzzes     Karte von Abruzzen  Mapa Abruzos   Map of Abruzzi

Carte d'Italie  Karte von Italien     Mapa Italia     Map of Italy   イタリア の地図

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal