Cosa vedere a Chieti - Cosa visitare a Chieti

Adv.

Cosa vedere a Chieti - Cosa visitare a Chieti

 

Chieti è un concentrato di arte, cultura e storia. Anche se per i più non è la tipica destinazione di una gita fuori porta, ma, se vi piacciono le città d'arte, è un luogo da di inserire nelle prossime possibili destinazioni. Chieti offre il vantaggio di essere una città abbastanza piccola, che si può visitare senza problemi a piedi. Può essere anche una metà strategica come base per visitare tanti luoghi incantevoli a poco distanza, tra cui alcune delle spiagge più belle d'Abruzzo, il Parco Nazionale della Majella e a poco e il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Ci sono tantissime cose da vedere tra cui elenchiamo:

 

Anfiteatro Romano di Chieti


Anfiteatro romano di ChietiL'Anfiteatro di Teate Marrucinorum (l'antica Chieti) risale al I secolo d.C. e fu costruito ai piedi dell’Acropoli. La struttura originaria, oggi parte de Parco Archeologico della Civitella, è ben riconoscibile grazie alla presenza del muro che delimitava l'arena (podium) in terra battuta e di forma ellittica. L'anfiteatro venne costruito per volere di Marco Vettio Marcello, Procuratore imperiale della città, e di sua moglie Elvidia Priscilla, ricordati da numerosi storici, tra cui Plinio...Continua a leggere sull'Anfiteatro Romano di Chieti.

Torna su

 

Templi Romani di Chieti


Templi romanid di ChietiNella piazza omonima di Chieti (Piazza dei Templi Romani) si trova un'altra interessante area archeologica della città,  quella dei Templi Romani di epoca giulio-claudia. Tre tempietti dedicati probabilmente al culto di Giove, Giunone e Minerva. I Templi attualmente visibili risalgono al III secolo a.C. anche se l'area sulla quale furono edificati era al culto nel V-IV secolo a.C...Continua a leggere sui Templi Romani di Chieti.

Torna su

 

Piazza Gian Battista Vico


Piazza Gian Battista VicoLa centrale ed elegante Piazza Gian Battista Vico, presenta sul lato sinistro il particolare edificio della Camera di Commercio in stile eclettico, nato come Palazzo dell’Economia Corporativa nel 1930 su progetto dell’architetto Camillo Guerra, affiancato nella progettazione delle strutture e nella direzione dei lavori dall’ingegnere Giuseppe Florio. Caratterizzato da un’audace commistione di stili che vanno da quelli tardo gotici, per gli aspetti di decorazione architettonica a quelli rinascimentali per la struttura, conserva un ricco apparato decorativo tipico dell’epoca fascista. Da notare l’affinità formale del porticato con quello dell’Abbazia di San Clemente a Casauria. Si affacciano, inoltre, sull’altro lato lungo della Piazza, il Palazzo Croce la cui imponente mole dei piani nobili è alleggerita dall’alto portico del piano terra, e sui lati corti il raffinato Palazzo Fasoli del XXIX dalle finestre elegantemente decorate e la Chiesa di San Domenico.

Torna su


 

Museo archeologico nazionale

archeologia ChietiDal 1959 ha sede nella neoclassica Villa Frigeri, inserita nell’area verde della Villa comunale. Rappresenta la più importante raccolta archeologica d’Abruzzo, conosciuta a livello internazionale per il Guerriero di Capestrano del VI secolo a.C. (nella foto), stele funeraria di eccezionale importanza per lo studio delle popolazioni italiche o sannitiche, che si stanziarono sul territorio prima dell’invasione romana.  Documenta la cultura dell'Abruzzo antico dalla protostoria alla tarda età imperiale, ed una raccolta di monete dal IV al XIX secolo...Continua a leggere: Museo archeologico nazionale a Chieti

Villa comunale, 3. Tel. 0871 330955. Visitabile tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00. Visite guidate su prenotazione.

Torna su

 

 

Museo d'Arte Costantito Barbella

Barbella ChietiSituato nel seicentesco Palazzo Martinetti-Bianchi, raccoglie opere d’arte databili dal XIV al XX secolo. È intitolato allo scultore teatino Costantino Barbella (XIX secolo), del quale espone sculture di terracotta che rappresentano personaggi e scene del mondo agricolo abruzzese. Si segnalano un affresco staccato di scuola senese, che raffigura una Madonna col Bambino (XIV secolo), la tavola con Santo attribuita a Francesco da Montereale (XVI secolo) e il disegno preparatorio per la Strage degli Innocenti di Luca Giordano; inoltre, le opere di paesaggisti sei-settecenteschi, di Raffaele Ferrara e Nicola De Laurentis, artisti neoclassici teatini, e per quanto riguarda l’800 i lavori di Filippo Palizzi, Basilio Cascella e Paolo Michetti. Il museo possiede anche una raccolta di opere contemporanee, provenienti dalle diverse edizioni del Premio Michetti (istituito nel 1947). Di rilievo la collezione di maioliche del XVI-XVIII secolo, realizzate dalle manifatture di Castelli...Continua a leggere: Museo Costantino Barbella.

Palazzo Martinetti Bianchi. Via C. De Lollis, 10. Tel. 0871 330873. Orario di visita: martedì e giovedì h 9.00-13.00 e 16.00-19.00; mercoledì, venerdì e sabato h 9.00-13.00; ogni prima domenica del mese h 9.00-12.00; chiuso lunedì e domenica.

 

 

 

Torna su

 

 

 

Ostelli Italia  Hotel a Chieti  Ostelli a Chieti

Carte Chieti   Karte von Chieti   Mapa Chieti Map of Chieti

Carte Abruzzes     Karte von Abruzzen  Mapa Abruzos   Map of Abruzzi

Carte d'Italie     Karte von Italien    Mapa Italia     Map of Italy    イタリア の地図

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal