website
statistics
 

Storia di Begur

Storia di Begur 

La storia di Begur la si capisce dalle rovine del suo castello, situato in un'altura, da dove è  possibile contemplare il suggestivo panorama dello splendido angolo di Costa Brava. Così dall'alto del colle e fino alle spiagge, puntellate qua e là da piccole casupole di pescatori, Begur si presenta come una delle località turistiche più apprezzate della Catalogna, distante circa 50 km dalla città di Girona e 90 km da Barcellona.

Ma da queste parti la storia è ben più antica del castello eretto nel XI secolo tuttavia: va indietro agli antichi Greci e ai Romani e ancor più alle originarie popolazioni iberiche.

Begur è parte della provincia di Baix Empordà e si distingue non solo per le belle spiagge, alcune di queste votate tra le più belle di tutta la Spagna, ma anche per la ricca storia che ne ha segnato il destino. Il suggestivo castello di Begur, esempio di un maggiore sviluppo storico, si affaccia sulla città vecchia, dove si possono ammirare diverse ville coloniali (le 'indiane', come vengono chiamate) e le bellezze naturali della costa. Le dimore sono così chiamate in quanto legate a Cuba, tra tutti i luoghi comunque legati al piccolo borgo, e questo è il motivo per cui si percepisce immediatamente un'intensa influenza coloniale a Begur. Tutto questo è iniziato nel XIX secolo, quando molti cittadini emigrarono a Cuba; ciò ha significato che quelli di rientro al luogo di origine, una volta accumulata una certa fortuna, hanno potuto costruire delle nuove case (il legame tra le due culture, catalana e cubana, è celebrato ancora oggi, ogni anno a settembre in una festa chiamata Fira d'Indians).

Nel territorio sono stati rinvenuti resti della civiltà iberica, a confermare l'antichità degli insediamenti umani. Gli Iberi risultano stanziati nella penisola in età imprecisata, è però noto che svilupparono la propria civiltà attorno al VI secolo a.C. Poco si conosce di questa etnia autoctona, poi entrata a contatto con civiltà come quella fenicia e quella greca. L'area fu quindi colonizzata dagli antichi Greci, prima che fosse conquistata, e apprezzata, dai Romani. I siti archeologici di Empúries e Torroella de Montgrí aiutano a mantenere viva la memoria del periodo contro le scorrerie dei mari e lo fanno anche - e in particolare - le numerose antiche “masias? fortificate di Begur (leggi Cosa vedere a Begur), delle torri difensive (datate XVI secolo) costruite dalla popolazione per proteggersi dagli attacchi dei pirati.

Il castello di Begur è menzionato in alcuni documenti già all'inizio del XI secolo e Arnust de Begur risulta il primo signore feudale di cui si è a conoscenza. Fin dalla sua esistenza, il Castello è stato più volte distrutto: durante la Guerra Civile Catalana (1468), durante le incursioni del duca francese di Noailles (1694) e nel 1810 durante le guerre napoleoniche.

Oggi, le vie del borgo continuano a raccontare di storie passate. Quella che porta al castello, la via chiamata Carre del Castell, racconta per esempio di quando i cittadini che vivevano per strada dovevano dar da bere ai signori feudali che passavano per là; mentre la Carrer de Vera è nota come la strada dei collezionisti di corallo, là dove 'Vera' si riferisce ad una località dell'Almeria, che fu luogo d'emigrazione per i cittadini di Begur tra il XIV ed il XIX secolo. Plaça Forgas è invece legata al più recente prodotto di sviluppo economico di Begur, il sughero: la piazza ospitava la fabbrica più grande, creata dall'unione di diversi laboratori già presenti (al suo apice, all'inizio del Novecento, poté dare lavoro a ben più di 600 persone) e fu qui che la nota ballerina di flamenco Carmen Amaya si esibì in uno dei suoi ultimi spettacoli. Poco fuori Begur, troviamo anche Esclanyà, un piccolo nucleo medievale, con una storia antica quanto quella di Begur: la s'incontra lungo la strada per Palafrugell, al di là della foresta, e si caratterizza in particolare per i due edifici storici: il castello torre di Esclanyà e la chiesa di Sant Esteve d'Esclanyà.

Begur oggi ospita circa 4000 abitanti ed è diventata uno dei più importanti centri turistici della Costa Brava e della Catalogna. Nella stagione estiva accoglie ben oltre i 40.000 abitanti.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

 

Torna su

 

Ostelli Begur   Ostelli Spagna    Hotel Begur  Hotel Spagna

Carte de Begur Karte von Begur     Mapa Begur    Map of Begur

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal