Progetto vetro a rendere " Vetro Indietro"  

 

Sei qui: Energia pulita > Vetro a rendere

 

Progetto vetro a rendere " Vetro Indietro" 

 

 

Le 4R per salvare il pianeta dall’immondizia sono: riduzione della spazzatura, riutilizzo, riciclaggio, recupero di energia. Dopo aver parlato di come eliminare gli imballaggi parliamo adesso di vetro a rendere e del progetto " Vetro Indietro".

 

Il vetro non è assolutamente biodegradabile per cui, se non viene recuperato, non rientra mai più nel ciclo industriale e rimane sepolto in discarica.

 

L'utilizzo più ecologico e intelligente del vetro come imballaggio è quello nella distribuzione su cauzione (vuoto a rendere). A volte per andare avanti si deve tornare indietro. Ecco quindi che ci troviamo a scrivere del vetro a rendere. Mia nonna ne parla sempre, riempire e riempire lo stesso contenitore, come si fa con il vino sfuso del vinaio a cui si restituiscono le stesse bottiglie e lui le riempie di nuovo... Le bottiglie di vetro a rendere possono essere riempite fino a 40 volte, producendo oltre il 90% in meno di rifiuti in confronto alle bottiglie di vetro a perdere. Vetro a rendere significa meno rifiuti e maggiore risparmio di risorse, materie prime ed energia e non è certo un’idea nuova.

 

Vetro indietroDiamo la buona notizia di un protocollo d’intesa che sancisce la nascita del progetto " vetro indietro",  un'iniziativa che riunisce Federazioni di categoria, associazioni ambientaliste e grandi aziende del settore delle bevande per promuovere il ritorno del vetro a rendere nei bar e nei ristoranti italiani. Obiettivo? Stimolare il ritorno all'utilizzo di contenitori in vetro a rendere per le bevande consumate fuori casa, censire i risultati ed estendere il progetto.

 

Quanto volte abbiamo guardato con sgomento alle bottigliette dei succhi di frutta o alle bottiglie di birra ammassate nel secchio di qualche bar alla moda? Si raccolta differenziata, ma pur sempre vetro consumato… 

 

Il progetto pilota " vetro indietro" è già iniziato ed ha coinvolto alcune città campione del Nord, del Centro e del Sud Italia, dove bar e pubblici esercizi introdurranno la vendita di bevande in " vetro a rendere". Non dimentichiamo poi che il progetto conviene a tutti,  ai gestori di locali che potranno acquistare a prezzi fino al 15% inferiori rispetto agli attuali e saranno anche riconosciuti come amici dell'ambiente, ai consumatori che pagheranno un po’ di meno. Per le industrie produttrici il problema però resta poiché dovrebbero riconvertire i propri impianti in senso ecologico. Occorre per ciò incentivare le industrie magari defiscalizzando gli investimenti necessari. Per incentivare anche gli esercizi commerciali a diventare " virtuosi" è auspicabile un intervento dei comuni che prevedano magari una riduzione della Tarsu (la tassa sui rifiuti urbani), poiché è certo che se ne produrrebbe di meno.

 


Google