Prevenzione dei rifiuti

Advertisement

sei qui:  Energia Pulita > Prevenzione dei rifiuti

 

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti 

 

 

Obiettivi della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti
Cosa devono fare i promotori dei progetti?

Suggerimenti per ridurre la produzione di rifiuti
Lista di iniziative

 

Obiettivi della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti

 

La Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti (SERR), European Week for Waste Reduction (nella settimana dal 21 al 29 novembre 2015), è promossa dall’Unione Europea per far conoscere il tema della prevenzione dei rifiuti attraverso azioni promosse sul territorio, riguardanti i seguenti aspetti:

Prevenzione e Riduzione rifiuti
Riuso e preparazione per il riutilizzo
Raccolta differenziata, selezione e riciclo
Clean-Up Day

 

In particolare:

-    dematerializzazione di documenti e processi, condivisione di beni (car sharing ad esempio)...

-     troppi rifiuti, necessario porre in essere azioni per educare i cittadini alla riduzione dei rifiuti;

-Imballaggiproduzione eco-compatibile, azioni per insegnare alle aziende come produrre meno rifiuti (eco-produzione, eco-design, etc.), durante tutte le fasi della produzione, dopo la produzione, al fine di diminuire l’impatto negativo sull’ambiente, e anche per ridurre gli sprechi;

-consumi attenti e responsabili, con azioni per migliorare il comportamento dei consumatori, scegliendo prodotti eco, senza sostanze pericolose, incentivando il prestito dei beni da usare per poco tempo;

-vita più lunga dei prodotti, con azioni che incentivano a riparare, riutilizzare, donare i prodotti;

-    meno rifiuti gettati via, che comprendono azioni per educare all’acquisto consapevole (controllo della la data di scadenza, acquisto di prodotti riusabili etc.) per limitare i rifiuti buttati via;

I project developer (gli sviluppatori del progetto), ossia le Pubbliche Amministrazioni e gli enti locali, associazioni e ONG, industrie, istituti scolastici, ospedali ecc. che si offrono come promotori delle azioni a livello locale, devono proporre delle iniziative che rientrano nelle categorie sopra esposte.

Cosa devono fare i project developer? Poche attività:

1.   approvare l’adesione alla settimana registrandosi sui siti europei dedicati;

2.   presentare una domanda di partecipazione descrivendo l’azione che intendono promuovere.

Il comitato organizzatore valuta l’azione proposta e, se accettata, questa viene pubblicizzata attraverso il sito ufficiale (per l’edizione italiana www.menorifiuti.org) della Settimana, ricevendo la denominazione ufficiale di azione per la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. Il project developer riceverà quindi il set pubblicitario per la promozione della campagna, oltre alla possibilità di usare il logo europeo della "Settimana".

Novità assoluta della SERR sono le giornate tematiche. L'azione comune è stata sostituita difatti dalla "giornata tematica", non più un'azione in contemporanea ma una serie di azioni concentrate su un unico argomento legato alla prevenzione dei rifiuti. I project developer potranno organizzare quindi un’azione legata all’argomento dell'anno (in passato ad esempio laboratori di "riparazione e riuso" come laboratori per la riparazione di elettrodomestici, mobili o vestiti, swap party dove scambiare i vestiti e oggetti, mercatino dell’usato o del baratto, area di scambio all’interno dell'azienda, ecc). Questo anno sono previsti laboratori e concorsi di ecodesign, creazione di reti di condivisione, campagna sui regali dematerializzati...

ImballaggiSuggerimenti per ridurre la produzione di rifiuti

Sul sito ufficiale sono presenti anche alcuni spunti per organizzare un’azione. Ad esempio, tra le idee suggerite alle autorità pubbliche e le associazioni, nella categoria Troppi rifiuti, troviamo "Organizzare una dimostrazione di disimballaggio all’uscita da un negozio o un supermercato", oppure "Elaborare e pubblicare relazioni su Youtube, Facebook, ecc.", organizzare dibattiti o pic-nic senza rifiuti. Leggi le nostre Idee per ridurre i rifiuti

La foto che vedete sopra riguarda una giornata per pulire il mare, lo scatto è del fotografo Ricardo Rojas.

 

Nella sezione Consumi attenti e responsabili:

- Organizzare un’azione di sensibilizzazione sull’uso dei pannolini lavabili

- Organizzare un "Water Bar", una degustazione alla cieca di acqua, tra cui l’acqua del rubinetto

- Promuovere un’azione di diffusione di adesivi "No Pubblicità indesiderata in buca"

Torna su

 

Tra i suggerimenti per le imprese, categoria Consumi attenti e responsabili, citiamo per i consumatori:

Sviluppare un’azione di promozione per le borse della spesa riutilizzabili

Distribuire una "eco-carta fedeltà" per premiare i cittadini che attuano comportamenti attenti e responsabili

Nei supermercati, allestire pannelli informativi sui prodotti concentrati, ricaricabili, alla spina, prodotti o imballati con materiale riciclabile, formato famiglia per i prodotti alimentari non deperibili...)

 

Per le aziende:

Adottare una politica di acquisti verdi (GPP) per le forniture dell’ufficio, la mensa aziendale, ...

Installare macchinette per il caffè senza cialde e che usano tazze, invece che bicchieri di plastica

Eliminare le bottigliette di plastica a favore di brocche e bicchieri

 

Vale la pena citare le idee nella categoria prolungare la vita dei prodotti, che sinceramente porterebbero a dei miglioramenti notevoli, a costo quasi zero, ma con beneficio per tutti:

Organizzare una campagna di donazione di vecchi computer, mobili, ecc. per le associazioni di volontariato, le scuole, per un’economia solidale;

Avviare un’attività di recupero degli imballaggi, dei vuoti a rendere;

Recuperare, in fase di svuotamento e riordino degli archivi, le cartelle e i raccoglitori ad anelli, che potrebbero essere riutilizzati o donati alle scuole comunali;

Promuovere attività di riparazione dei prodotti rotti, ma ancora utilizzabili;

Infine alcune idee per istituti scolastici: ad esempio riusare i fogli stampati sul lato vuoto, stampare fronte retro per diminuire il consumo di carta, avviare il compostaggio a scuola.

 

Come vediamo suggerimenti semplici, ma efficaci e soprattutto immediati. La Settimana ha infatti come fine la promozione di azioni reali per ridurre i rifiuti, che si possano attivare concretamente. Ma per fare questo serve un’educazione e maggiore cognizione dei cittadini sulle possibilità e anche sulle politiche nazionali ed europee, oltre a far emergere degli esempi virtuosie i legami tra la diminuzione dei rifiuti, lo sviluppo sostenibile e, per ultimo, ma non per importanza, i cambiamenti climatici. Come infatti abbiamo più volte sostenuto (vedi anche i comandamenti del buon cittadino europeo), il tutto deve partire anche dal basso, con poche ma efficaci azioni.

 

Le iniziative attivate

Alcuni di questi suggerimenti sono stati ripresi dai partecipanti al progetto, altri ne sono stati inventati, come risulta dalla lista di iniziative lanciate nelle varie regioni e consultabili sul sito ufficiale, nella sezione Programma della settimana. Citiamo ad esempio: campagna di raccolta e Riciclo Monofili in Nylon usati dai pescatori, per evitare che i fili da pesca vengano dispersi, dopo il loro utilizzo, nei corpi idrici e sulle loro sponde, personal shopper che accompagnano i clienti del supermercato ad effettuare una spesa sostenibile, scambio di abiti usati, con la formula del baratto, laboratorio di cucina degli avanzi, punti informativi per la consegna di borse per la spesa ecologica, durante tutta la settimana, laboratorio di autoproduzione shampoo, bazar del dono, giochi e sfilate per educare a differenziare correttamente i rifiuti... Interessante sul sito ufficiale italiano è anche il blog alimentato dai post degli utenti, con tante iniziative utili dedicate al riciclaggio, o la sezione News con articoli interessanti. Inoltre nella sezione I Vostri impegni, utili e interessanti impegni per la Settimana o no, scritti dagli utenti, con la possibilità di commentarli e perché no… di copiarli!

Leggi le nostre Idee per ridurre i rifiuti.

 

RiusoUn bel ricordo... l'evento conclusivo milanese 2013 dedicato alla Settimana per la riduzione dei rifiuti è stato il Festival del Riuso e del Baratto nel padiglione Grioli del parco Trotter. Si potevano portare e scambiare i propri oggetti, ricevendo in cambio dei gettoni (da 1 a 7) da utilizzare come merce di scambio per portare a casa altri oggetti utili.

Pe informazioni su questo festival guardate il sito www.festivaldelriuso.it. La filosofia è quella che sostiene che ciò che oggi non serve a me, non è detto che non possa essere utile a qualcun altro...

 

Leggi anche Esempi di pratiche virtuose di buona amministrazione, una lista tante buone idee.

 

Purtroppo i rifiuti crescono, crescono… tanti sono gli effetti negativi di questo. Noi nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa… questa iniziativa è una delle varie buone occasioni che abbiamo per sensibilizzare alla prevenzione dei rifiuti e per provare a impegnarci di più. Cerchiamo quindi anche noi di diffondere questi buoni principi e partecipiamo alle varie iniziative italiane e magari estere, facendo diventare gesti quotidiani, quasi inconsapevoli, quei gesti che ora forse ci sembrano un po’ difficili o impegnativi.

 

Articolo della redazione di Informagiovani-italia.com

 

Commenti, critiche, suggerimenti? Vuoi scrivere anche tu? redazione @ informagiovani-italia.com (togliere gli spazi)

 

 

Torna su

 


 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal