Sos dal pianeta terra, danni irreversibili

 

Sei qui: Energia pulita  > Cambiamento climatico, ecologia e attivismo >

Sos dal pianeta terra, danni irreversibili

 

Il nostro pianeta è davvero in pericolo? Beh, in verità il nostro pianeta non è in pCambiamento climatico, azioni personaliericolo, al massimo in pericolo sono le condizioni atmosferiche e ambientali del nostro pianeta che garantiscono la nostra esistenza sulla Terra. La popolazione mondiale è assemblabile in vari gruppi: c’è la gente troppo presa dalla frenesia e dalle mille cose da fare per accorgersi e riflettere sui problemi ambientali; c’è la gente sensibile e interessata a tali problemi che cerca di far qualcosa nel proprio piccolo, sperando che possa servire quantomeno a ridurre, seppur in minima parte, un imminente "disastro atmosferico"; ci sono gli scettici che, pur conoscendo i cambiamenti che il nostro pianeta subisce per opera dell’uomo, sono convinti che la situazione non sia poi così grave, come alcuni vogliono far credere, e che tutto resterà invariato anche fra qualche decennio. Infine c’è la gente che non solo è sensibile e interessata, ma sente di dover diffondere ai più questa sensibilità alle problematiche relative alla salute della Terra, perché si rende conto che non basta il contributo di pochi a risolvere un problema su scala mondiale.

 

Da Al Gore e Dario Fo, a Leonardo di Caprio e Greta

 

Al Gore, presidente dell’Alliance for Climate Protection e Premio Nobel per la Pace, 2007, autore del libro “Earth in the Balance: Ecology and the Human Spirit” pubblicato nel 1992 (dal libro è stato tratto un documentario, Oscar 2007 come miglior documentario) è da sempre molto preoccupato per le condizioni ambientali e climatiche, così come lo era sempre stato il nostro Premio Nobel per la Letteratura, 1997, Dario Fo; essi fanno parte dell’ultima categoria.

Autori entrambi di diversi articoli di denuncia in tempi ancora "lontani", dove si parla di "emergenza planetaria", di "catastrofe", si riferivano entrambi alle condizioni del pianeta, all’inarrestabile surriscaldamento terrestre dovuto all’elevata quantità di biossido di carbonio rilasciata nell’atmosfera che sta progressivamente accrescendo l’effetto serra.

 

Dalla parte dei "negazionisti" invece stanno ancora in pochi. Nel 2012 è uscito "An Inconsistent Truth" in italiano "Una scomoda verità". del regista, Phil Valentine, che ha intervistato nel suo docu-film, i pochi scienziati che affermano l’assenza di consenso scientifico riguardo alle responsabilità umane sul riscaldamento globale. Il consenso scientifico è al 97%... Del 2014 è "Cowspiracy", un documentario di Kip Andersen e Keegan Kuhn che mostra comel'allevamento di bestiame, la conseguente deforestazione per creare pascoli e il consumo di carne stiano aggravando il riscaldamento globale e di conseguenza i cambiamenti climatici.  "Before the Flood" in italiano  "Punto di non ritorno" è il documentario di Fisher Stevens in cui Leonardo Di Caprio discute di cambiamento climatico con importanti personalità mondiali e si domanda se siamo ancora in tempo a salvare il pianeta.

 

Nel 2017, Al Gore è tornato ad affrontare sul grande schermo il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici. Dal documentario emerge chiaramente la relazione tra lo stress climatico a cui è sottoposto il nostro Pianeta e le grandi problematiche che coinvolgono l’intero scenario socio-politico globale, quali guerre, terrorismo e flussi migratori.  Nel 2019 Leonardo di Caprio racconta nel documentario "Ice on fire" di Leila Conners (HBO) la crisi climatica in giro per il mondo. Sempre del 2019 è "Planet Of The Humans" di Jeff Gibbs, prodotto da Michael Moore. Questo documentario è stato criticato da scienziati e ricercatori per le sue affermazioni sulla tecnologia obsoleta dell'industria energetica green. Rimosso da Youtube per violazioni di copyright. Del 2020 è il documentario "I am Greta" di Nathan Grossman, in cui la giovane attivista viene seguita dalle telecamere per tutto l’anno nel quale non è andata a scuola e ha girato il mondo (senza usare aerei) per parlare dei cambiamenti climatici e denunciare l'inconsistenza delle azioni delle grandi istituzioni. 

 

Produzione di CO2

 

Di per sé la CO2 svolge un ruolo molto utile: se non fosse presente nell’atmosfera, infatti, la temperatura media terrestre sarebbe di -19°C! Purtroppo con le attività umane stiamo alterando l’equilibrio climatico dal quale dipende la nostra civiltà. Negli ultimi 150 anni sono state bruciate quantità crescenti di carbone, petrolio e gas naturale, decine di milioni de tonnellate di CO2 immesse ogni giorno " nell’esile guscio d’aria che circonda il nostro pianeta" (Al Gore).
Secondo i ricercatori la temperatura media annua in Europa è aumentata di circa 0,5°C dal 1900 e se continuiamo ad avere i ritmi attuali le temperature medie cresceranno fino a raggiungere livelli troppo elevati per garantire la nostra esistenza. Leggi Cambiamento climatico, cosa si può fare?

Il permafrost

 

La natura ci manda continuamente segnali evidenti di SOS un po’ in tutto il mondo. Negli ultimi anni milioni di metri cubi di roccia si sono staccati dall’arco Alpino, a causa dell’aumento della temperatura, accelerando la naturale evoluzione delle montagne. Una delle cause di questi crolli è la fusione del permafrost: le temperature in aumento sciolgono finanche il suolo gelato in profondità, appoggio naturale che fa da collante a placche rocciose instabili. Diventa, dunque, sempre più pericoloso percorrere anche gli itinerari più frequentati e facili, oltre al fatto che ogni anno scompaiono diversi percorsi in quota sulle nostre Alpi.

 

La superficie dei ghiacci nel mondo diminuisce dell’8% all’anno. " Nel 2005 l’estensione dei ghiacci ha raggiunto il minimo dal 1978: entro il 2020÷2050 si potrà andare in barca a vela nel Polo Nord", afferma lo scienziato James Lovelock. Conseguentemente il livello medio del mare, negli ultimi 150 anni sta aumentando di 2 millimetri l’anno: un ritmo doppio rispetto al passato. I processi di desertificazione si diffondono più rapidamente riducendo le superfici coltivabili e migliaia di specie animali sono a rischio di estinzione.


Il nostro pianeta sembra ribellarsi al trattamento che gli abbiamo riservato negli ultimi decenni. "Siamo alle soglie dell’irreversibile per quanto riguarda il clima, dunque non servono più mezze misure: è ora di rivoluzionare le coscienze, l’economia e l’azione politica", così ha aperto la Conferenza Internazionale sull’Ambiente il presidente Chirac a Parigi il 2 febbraio 2007.

 

Da allora di tempo ne è passato molto ma le azioni concrete, misurabili, gli obblighi stringenti (e le sanzioni per chi non rispetta gli impegni assunti) sono mancati! Leggi la cronologia delle Conferenze sul clima.

 

Come afferma Al Gore stiamo vivendo in un periodo in cui dobbiamo svolgere una " missione generazionale (…) mettere in disparte le meschinerie e i conflitti della politica per abbracciare una autentica sfida etica e spirituale." I delegati di molte nazioni stanno partecipando a meeting straordinari sul cambiamento climatico. Una soluzione potrebbe essere rappresentata dall’aumento della produzione di energia mediante fonti rinnovabili e alternative. Si tratta di energie eco-sostenibili: energia solare (mediante centrali sia termiche che fotovoltaiche), eolica, geotermica, idroelettrica, energia ricavata dalla biomassa e dal biogas ed energia del moto ondoso e delle maree. In questo modo non solo si riducono le emissioni di CO2, ma si inizia anche a far fronte al problema dell’esaurimento del petrolio. Leggi Enegia alternativa

Lo sviluppo economico non dovrebbe essere la causa dell’inquinamento, bensì dovrebbe fornire i mezzi necessari a combatterlo. Purtroppo, però, le cose non vanno così; esemplare a tal proposito è il caso cinese di Wu Lihong, un contadino attento alla salute del lago Tai, definito " guerriero ambientalista" dal parlamento cinese e condannato a 3 anni di detenzione, perché sosteneva che le industrie chimiche della regione stavano inquinando irreversibilmente uno dei più grandi laghi della Cina. Ormai la sua acqua, che costituiva la fonte di approvvigionamento di acqua potabile per oltre 2 milioni di abitanti, ha un colore verde fluorescente e un cattivo odore. Ma questo sembra passare in secondo piano per il governo cinese interessato principalmente alla corsa verso lo sviluppo, per eguagliare le grandi potenze mondiali.

Per fortuna ogni tanto si legge qualcosa di davvero incoraggiante che ci fa sognare e, perché no, ci dà la forza di rimboccarci le maniche e di sperare in un pianeta più pulito! Cinzia Sasso nel 2009, giornalista di " La Repubblica", nel suo articolo " Viaggio nell’utopia di Güssing, il paese a emissioni zero" ci fece conoscere un villaggio austriaco di 4000 abitanti, Güssing, trasformato dall’ingegnere Rheinard Koch in " un’isola pulita che produce da sé, con quello che la natura gli mette a disposizione, tutta l’energia di cui ha bisogno". Le fonti di energia per Güssing sono il mais, il sole, i rifiuti, il legno e i grassi vegetali che riescono a garantire riscaldamento, elettricità, gas e carburante per le auto. È sorprendente come quest’economia eco-sostenibile riesca non solo a soddisfare le necessità del piccolo paesino, ma anche a vendere alla rete nazionale parte dell’energia alternativa prodotta. Questo ha fruttato a Güssing una riduzione del 93% delle emissioni di CO2 negli ultimi dieci anni, la nascita di nuove aziende e conseguentemente di molti posti di lavoro e un notevole incremento del turismo. Insomma, sembra un sogno diventato realtà! Güssing è la prova che qualcosa si può fare per cambiare rotta verso la sopravvivenza del pianeta. I governi attuali devono impegnarsi sempre di più per ridurre i danni che stiamo arrecando alla Terra e per lasciare alle generazioni future un ambiente vivibile.

 

Più di recente negli Emirati Arabi si è progettata Masdar City che sarebbe dovuta diventare un centro urbano alimentato quasi esclusivamente grazie alle fonti rinnovabili: solare ed eolica principalmente (con 1200 pali in fibra di carbonio, ultra silenziosi). A ciò si doveva aggiungere un  impianto di desalinizzazione dell’acqua (l'area è desertica).  I trasporti pubblici dovevano collegare Masdar City con Abu Dhabi e l’aeroporto tramite un sistema di ferrovia metropolitana ad alta velocità, mentre i trasporti locali dovevano essere assiucrati da navette pubbliche e taxi elettrici a guida autonoma a levitazione magnetica. Troppo futuristico? Probabilmente.  

 

Più concretamente oggi nel mondo esistono un centinaio di città rinnovabili, ossia realtà che soddisfano oltre il 70% dei loro bisogni elettrici tramite fonti rinnovabili (sole, vento, biomasse e calore della terra). Tra le città virtuose, oltre 40 utilizzano il 100% di elettricità verde, come Basilea in Svizzera - idroelettrico + eolico -  e Reykjavík in Islanda - geotermia + idroelettrico.


Articolo di Sara Colasuonno per Informagiovani Italia aggiornato da C. Serra

 

Leggi anche Sacrifici per salvare il pianeta

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

Torna su

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon

//