Antoine de Saint-Exupéry

Sei qui: Biografie >

Antoine de Saint-Exupéry, aviatore e scrittore - Biografia

 

Antoine de Saint-Exupéry nacque il 29 giugno 1900 a Lione. Faceva parte di famiglia aristocratica (suo padre era visconteo) e ricevette un'attenta educazione classica. Sua madre, sebbene fosse diventata vedova prematuramente (il padre di Antoine morì nel 1904), allevò i suoi cinque figli con notevole devozione ed entusiasmo. All'interno della famiglia Antoine, un bambino curioso e sensibile divenne presto noto per la sua attenzione intellettuale.

Un giorno del 1912, scoprì quella che sarebbe diventata la sua grande passione: l'aviazione. Dopo aver fatto amicizia con i meccanici dell'aeroporto Ambérieu nel Bugey (una regione storica del dipartimento dell'Ain, in Francia), effettuò il suo primo volo all'età di 12 anni. L'esperienza lo ispirò a scrivere la prima di una lunga serie di poesie sull'ebbrezza del volo.

A scuola Saint-Exupéry fu un allievo relativamente indisciplinato e spesso mediocre, ma dove brillava tuttavia per il suo talento letterario, che gli permise di ottenere il diploma di maturità nel 1917, ma non di guardare al futuro con serenità. Il suo servizio militare (dove fece il meccanico aeronautico, e seguè di propria iniziativa corsi di pilota) lo confermarono nella sua passione per l'aeronautica. Eppure era descritto e ricordato come un aviatore sognante e distratto, più famoso per le sue poesie e i suoi disegni eccentrici che per le sue imprese acrobatiche. Tuttavia, nel 1925 fu assunto dalla società Latécoère per effettuare voli di trasporto postale.

L'Aeropostale

Il suo debutto come pilota commerciale fu l'occasione per Saint-Exupéry di pubblicare il suo primo libro: L'Aviatore (L'Aviateur). Il suo nuovo lavoro gli permise anche di legare con un certo Jean Mermoz. Divenuto responsabile del tappa marocchina della società Latécoère  (la società gestiva una linea Tolosa-Dakar, con molti scali), visse le sue prime avventure esotiche quando, dopo un atterraggio forzato, dovette sopravvivere nel deserto solo con all'aiuto di alcuni monaci. Un'esperienza che racconterà nel suo famoso Corriere del Sud (Courrier Sud).

La fondazione della società generale Aéropostale nel 1927 aprì nuovi orizzonti per i pionieri dell'aviazione. Questa volta non si trattava più di collegare l'Europa all'Africa, ma di attraversare l'Atlantico per consegnare la posta in Sudamerica. Si trattava di una sfida strategica per lo sviluppo dell'aviazione commerciale, ma soprattutto di una formidabile sfida tecnica e umana. Saint-Exupéry era entusiasta di questo progetto e si unirà al già citato Mermoz in Sud America, in particolare per sviluppare le linee fino alla la Patagonia. Sulle rotte dell'Aeropostale si rincorrevano rischi, avventure, imprevisti.

Ci voleva coraggio. Comunque, il coraggio non ha esaltato Saint-Exupéry, che scrisse a Gide: "Ho compreso quello che mi aveva sempre meravigliato: perché Platone, (a Aristotele?) pone il coraggio al fondo di tutte le virtù. Il coraggio non è fatto di grandi sentimenti: un po' di rabbia, un po' di vanità, molta ostinazione e un mediocre piacere sportivo. Soprattutto l'esaltazione della propria forza fisica, che non interessa nemmeno molto. Si incrociano le braccia sulla camicia aperta e si respira bene. E' abbastanza piacevole. Quando questo succede la notte, si ha la sensazione di aver fatto un'immensa bestialità. Non ammirerò mai più un uomo che non sarà altro che coraggioso".

Questa esperienza argentina lo porterà a scrivere il suo romanzo Volo di Notte, che sarà un grande successo. Avventura commerciale e umana senza precedenti, l'industria della posta aerea fu comunque coinvolta dalla realtà finanziaria nel 1929 (e politica) e affondò tra il 1931 e il 1933 per essere rilanciata come parte di Air France. Saint-Exupéry, che non era molto entusiasta di questo sviluppo, si cimentò in una carriera di grande reporter. Quest'ultimo gli permise di conciliare le sue due passioni: il volo e la scrittura. Sarà mandato in Spagna per coprire la guerra civile. Questo soggiorno ispirò Terra degli Uomini (Terres des Hommes), che gli valse il Grand Prix du roman de l'Académie française nel 1939.

Il Piccolo Principe e il pilota di guerra

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, l'ormai famoso scrittore fu mobilitato come aviatore in un gruppo di ricognizione. Anche se considerato dal comando come inadatto per le missioni di combattimento, eseguì comunque i suoi compiti con coraggio, tanto che le sue missioni di ricognizione sopra la Germania e Arras (durante la conquista tedesca della città) gli valsero la Croce di Guerra. Fu durante questa prima fase della guerra che Saint-Exupéry scrisse le prime righe di quello che sarebbe diventato il suo capolavoro: Il Piccolo Principe (che apparirà nel 1943).

Smobilitato dall'aviazione nell'agosto 1940, Antoine de Saint-Exupéry andò negli Stati Uniti come molti artisti francesi. Il suo atteggiamento ambiguo nei confronti di Vichy (che non fu diverso da quello di molti francesi) non gli impedì di mettere a frutto la sua fama nella causa dell'entrata degli Stati Uniti nella guerra contro il Terzo Reich. Allo stesso tempo lo scrittore temeva una guerra fratricida tra i francesi, che lo portò alla sfiducia della Francia Libera (France Libre) guidata da De Gaulle. In aspra polemica con Jacques Maritain, aveva giustificato l'armistizio e il governo di Vichy, che riteneva vittima di un "infernale ricatto".

Nel 1943, dopo il passaggio del Nord Africa al campo alleato (in seguito all'Operazione Torch (Torcia)), tornò in Tunisia per riprendere il servizio. Le autorità militari sono completamente scettiche sulle capacità di questo scrittore capriccioso, che è in cattive condizioni di salute e si ritiene che sia depresso. Tuttavia, grazie ai suoi numerosi contatti e alla sua testardaggine, Saint-Exupéry alla fine venne reintegrato nel suo squadrone originario (il 2/33). Le sue prime missioni dal 1940 vennero segnate da incidenti (tecnici ma non solo) che facevano paventare il peggio.

Il mistero della sua morte e il mito di Saint-Exupéry

31 luglio 1944, Corsica. Ai comandi del suo bimotore P-38 Lightning, il comandante Antoine de Saint-Exupéry decollò alle 8:45 dall'aeroporto di Poretta vicino a Borgo. Il famoso aviatore, che non era stato al meglio per molto tempo, doveva svolgere una missione di ricognizione fotografica sulle regioni francesi del Delfinato e sulla Savoia. Il comando alleato era allora nel bel mezzo dei preparativi per lo sbarco in Provenza e tali missioni erano molto preziose. Quello che doveva essere un volo di routine, tuttavia, sarebbe costato la vita ad Antoine de Saint-Exupéry. Da qualche parte al largo della costa provenzale, il suo aereo si è inabisso nel mare. Lo scrittore aveva 44 anni. A quest'età non aveva più diritto di volare, pilotando un aereo proibito a chi aveva più di trent'anni, e quell'ultima missione l'aveva mendicata, strappata per favore.

Solo in volo, nel rischio quotidiano, lo assaliva la nostalgia per l'infanzia, che ha i tradotto nel Il Piccolo Principe.  Negli altri suoi libri ha scritto della solitudine dell'uomo in cielo, della sua lotta con le tempeste, dei pensieri struggenti che vengono vedendo dall'alto le luci di una casa nella notte, delle ansie e della morte dei piloti. I suoi personaggi sono uomini che hanno superato la retorica dell'eroismo, spinti "verso quella vita che porta con sé sofferenze e gioie, ma che. sola, conta qualcosa".

Cos'e' successo quel fatidico 31 luglio 1944? Il mistero rimane. E' stato sostenuto per molto tempo che l'areo fu abbattuto sopra Castellane da un Focke-Wulf Fw 190, noto anche come Würger, un aereo da caccia e cacciabombardiere monoposto tedesco. Questa teoria è stata confutata nel 2000, quando importanti detriti del suo aereo (che si trova al Museo di Bourget) sono stati trovati al largo di Marsiglia. Qualcuno ha avanzato l'ipotesi del suicidio per la vita dello scrittore. Nel 2009 Horst Rippert, che pilotava un Messerschmitt Bf 109 (diventato giornalista sportivo dopo la guerra) ha dichiarato in Provenza di aver abbattuto, con suo grande rammarico, uno dei suoi scrittori preferiti.

Probabilmente non sapremo mai cosa è successo quel giorno. Questo ha certamente contribuito alla popolarità di questo scrittore, pilota solitario spesso perso nei cieli stranieri della sua immaginazione.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Torna su

Ostelli Lione   Ostelli Francia  Hotel a Lione

Carte de Lyon  Karte von Lyon    Mapa Lyon   Map of Lyon

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal