Beffroi di Bruges - Torre civica di Bruges

Sei qui: Cosa vedere a Bruges >

Beffroi di Bruges - Torre civica di Bruges 

Nel cuore della città medievale di Bruges si trova proprio sulla piazza del vecchio mercato di Beffroi, il campanile, la Torre Civica, il simbolo dell'indipendenza e della ricchezza della città. Non solo questo è in assoluto il simbolo più conosciuto di Bruges ma è anche il luogo più fotografato e visitato, nonché la cartolina più popolare comperata dai turisti. Dalla torre si può godere di una vista panoramica di tutta la città vecchia, che incidentalmente è parte della Lista del Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Da qui potete iniziare la vostra visita alla città con una "prospettiva" migliore e vedere le prossime mete cittadine da visitare.

 

La torre, che schiaccia letteralmente l'edificio del salone della lana e dei tessuti sottostanti, è alta 88 metri e fu costruita nel XIII secolo nella sua sezione quadrata e alla fine del XV secolo nella sua sezione ottagonale. I campanili hanno un significato simbolico e testimoniano l'assicurazione delle città del tardo medioevo. Sono tra i più antichi esempi di architettura civile e pubblica medievale e incarnano l'orgoglio e la prosperità della borghesia cittadina. Classificato come Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO per la sua importante storia e il suo ruolo nella società civile, il campanile è stato completamente restaurato nel 2012. Appena 366 passi per conquistarla: coraggio, la vista poi è bellissima.

 

Se il tempo collabora, il panorama si estende fino al mare di Zeebrugge. Da qui le vedette cittadine aspettavano le navi cariche di mercanzie provenienti da tutto il mondo conosciuto. Ogni nave che tornava dopo un lungo viaggio era accolta dal giubilo delle trombe e dalla certezza di nuova ricchezza. È anche possibile "ascoltare" il Campanile, attraverso il suo carillon che scocca ogni ora, suonato da campane impressionanti tra le più belle del mondo.
 

Storia
 

Nel XIII secolo, i padri della città di Bruges volevano erigere un simbolo di libertà e di ricchezza cittadine, come già avveniva in altre città delle Fiandre, e pianificarono la costruzione di questo maestoso Campanile civico. Il primo edificio risale al 1240. Si trattava di una sala per la corporazione della lana e lenzuola sormontata da una torre di legno destinata ai magistrati. Ma fu completamente distrutta dal fuoco, con i primi archivi della città. Fu in quel momento che l'amministrazione fu trasferita nel nuovo municipio. Fu ricostruita nel 1280, in due parti quadrangolari inferiori in mattoni che sorreggono una volta di legno e in quattro torrette con volte di pietra. L'ex tesoro ha poi ospitato i sigilli e gli statuti della città medievale fino al XVIII secolo. Poi, tra il 1482 e il 1486, la sala aveva bisogno di spazio, gli affari della città fiorirono, la guglia di legno fu tagliata per costruire una maestosa torre ottagonale in pietra bianca finemente intagliata in puro stile gotico-brabantesco. Fino al 1741, una struttura in legno a punta alta 19 metri con la statua di San Michele coronava ancora l'edificio, allora il più alto delle Fiandre davanti a quello di Gand. Ma nel 1493, un incendio la distrusse e alcune delle campane. Questo non scoraggiò gli abitanti di Bruges che l'ha ricostruirono questa volta con leoni che si arrampicavano all'interno. Ma il fulmine colpì di nuovo la torre nel 1741 che fu riparata senza ricostruire la guglia. Nel 1822 fu finalmente decorata con una corona di pietra in stile neogotico.

 

Se volete vedere le 47 campane di bronzo e volete ammirare la vista dal campanile si devono salire 366 gradini fino alla piattaforma panoramica..

 

Ruolo dei Beffroi

 

La sala sotto la torre aveva una funzione commerciale, utilizzata dagli artigiani che vendevano i loro tessuti. La sala del tesoro al primo piano ospitava l'archivio dal 1280, ma anche le leggi e i regolamenti specifici di Bruges: l'Hallegeboden (in olandese: i divieti delle Sale). Le leggi e i regolamenti venivano proclamati dall'alto del balcone sopra la porta d'ingresso di fronte alla folla richiamata dalle campane. Oltre ad essere l'orologio ufficiale cittadino e a fungere come torre di guardia in caso di incendio, la torre era anche un carillon che scandiva con i suoi rintocchi la vita degli abitanti. Prima del XVI secolo, le campane suonavano manualmente quando le porte della città venivano aperte e chiuse, ma anche all'inizio e alla fine dell'orario di lavoro. Questo coprifuoco notturno ufficiale costringeva i residenti ad uscire con una torcia al buio, perché per motivi di sicurezza era proibito camminare al buio. Le campane rintoccavano durante un pericolo imminente: fuoco, invasione; ma anche come campane a festa, per esempio durante la processione del Santo Sangue. Dal 1523 in poi, un tamburo azionato da un orologio automatizzava alcune campane. Fu in questo periodo che fu possibile iniziare a suonare partiture laiche e religiose, che vengono suonate ogni domenica, nei giorni festivi e nei giorni di mercato.

 

La stanza del tesoro

 

Al secondo piano si trova la sala del tesoro, dove sono stati conservati i sigilli e gli statuti della città medievale fino al XVIII secolo. Oggi è dedicato alla storia del campanile: sulla sua costruzione e funzione nel Medioevo, prendetevi il vostro tempo.

Il carillon

 

Se salirete sulla torre dove gli ormai famosi 366 scalini potrete assistere allo spettacolo dei meccanismi del carrillon che si agganciano al piano giusto poco prima che suonino le campane, l'esperienza è abbastanza emozionante e interessante. Li sentirete sicuramente perché squillano ogni 15 minuti. Nel 1675, il carillon era composto da 35 campane. Chiamato "Duméry" porta in realtà il nome del fondatore che li ha sostituiti dopo l'incendio del 1741 con 47 campane da 27,5 tonnellate in totale. Bisogna immaginare la passione dei fondatori che trasmettono l'eredità medievale e che pazientemente accordano i loro piccoli gioielli artigianali con le orecchie affilate. E' uno dei sistemi di campane più importanti in Europa perché è enorme, soprattutto grazie alla sua campana "Victory" che pesa non meno di 8.814 kg. Posta qui nel 1802, ha richiesto 8 uomini per metterla in moto.

I concerti dei Carillon si svolgono dal campanile, lunedì, mercoledì, sabato alle 21.00 e 22.00 e domenica alle 14.00 e 15.00 da metà giugno a metà settembre e mercoledì, sabato, domenica alle 14.00 e 15.00 da metà settembre a metà giugno.

Area circostante

Direttamente di fronte al Campanile si trova la storica piazza del mercato (Grote Marckt) con l'edificio del Consiglio provinciale, che è stato costruito nel 1900 in stile neo gotico. Tra la torre civica e il Consiglio Provinciale c'è un museo con una mostra di Salvador Dalì. Di fronte al campanile, ci sono piccoli caffè e ristoranti spalla a spalla, da cui si può vedere il Campanile di sera illuminata. Nel mezzo della piazza del mercato sfilano numerose carrozze che effettuano giri cittadini e nel cortile del campanile sono semre presenti numerosi artisti di strada.

 

Informazioni e orari
Il Campanile è aperto tutti i giorni dalle 9:30 alle 18:00 (ingresso fino alle 17:15). Adulto: 12 €. Il - 25 anni e + 65 anni: 10 €. Bambini - 5 anni: gratis. Chiuso il 24 dicembre e a Capodanno.
 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

Ostelli Bruges  Ostelli Belgio    Hotel Belgio   Hotel Bruges

Carte de Bruges    Karte von Brügge   Mapa Brujas    Map of Bruges

Carte de Belgique   Karte von Belgien   Mapa Bélgica   Map of Belgium

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal